Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
2015-02-17 12:20:00

Ristrutturazione immobile e dichiarazione conformità impianti


Buongiorno,
a seguito della ristrutturazione mio appartamento, vorrei chiedere come procedere con la contestazione degli stessi, eseguiti in modo a dir poco approssimativo.
Inoltre, essendo passati più di 2 mesi dal termine, nemmeno a valle del pagamento della prima fattura (abbiamo concordato un piano di pagamento a step) non mi hanno ancora rilasciato le dichiarazioni di conformità degli impianti idrosanitario e gas, che sono stati rifatti completamete, nonostante vari solleciti.
Come posso tutelarmi in merito?
C'è chi mi consiglia di rivolgermi ad un'associazione consumatori, chi al CTU.
Però prima vorrei capire se ci sono i termini per essere sicuro di poter ottenere qualcosa.
Mi spiego, la fuga del pavimento era concordata in 2mm non oltre, mentre mi ritrovo anche piu del doppio.
Per i rivestimenti dei bagni anche peggio.
Non vorrei che poi mi si dica che è tutto in tolleranza secondo le norme uni e che non si possa far nulla.
Anzi, se iniziassi una causa, magari potrei anche perderla.
Tutt'ora ho pagato poco piu della metà di quanto concordato.
Grazie dell'attenzione.
  • beatrice.pi
    Beatrice.pi Ricerca discussioni per utente
    Lunedì 16 Febbraio 2015, alle ore 14:42
    E' stato firmato un contratto con l'impresa?
    Sarebbe indispensabile per stabilire le lavorazioni previste e le responsabilità.
    La cosa migliore è comunque quella di rivolgersi ad un tecnico che faccia una perizia o almeno da intermediario con l'impresa; avendo a che fare con qualcuno "del mestiere" probabilmente l'impresa si sentirà messa alla strette e provvederà a rifare ciò che è necessario.
    Lei intanto stoppi i pagamenti fino a quando non saranno palesi le intenzioni dell'impresa.

  • ste_77
    Ste_77 Ricerca discussioni per utente Beatrice.pi
    Lunedì 16 Febbraio 2015, alle ore 15:04
    E' stato firmato un contratto con l'impresa?
    Sarebbe indispensabile per stabilire le lavorazioni previste e le responsabilità.
    La cosa migliore è comunque quella di rivolgersi ad un tecnico che faccia una perizia o almeno da intermediario con l'impresa; avendo a che fare con qualcuno "del mestiere" probabilmente l'impresa si sentirà messa alla strette e provvederà a rifare ciò che è necessario.
    Lei intanto stoppi i pagamenti fino a quando non saranno palesi le intenzioni dell'impresa.
    No nessun contratto scritto, ho un preventivo ed un consuntivo entrambi non firmati da nessuna delle due parti.
    a questo punto se non vado avanti a pagare mi possono fare causa?

    solo sulla fattura c'è un riepilogo di quanto concordato.




  • beatrice.pi
    Beatrice.pi Ricerca discussioni per utente
    Martedì 17 Febbraio 2015, alle ore 09:17
    Non avere un contratto con l'impresa, obbligatorio per legge, rende tutto più difficile; in assenza di esso dovrebbe avere sul preventivo elencate tutte le lavorazioni e le prestazioni.
    Analizziamo uno ad uno i problemi: per quanto riguarda le fughe, purtroppo se non avete scritto da nessuna parte la larghezza richiesta non può farci nulla, può tentare di accordarsi con l'impresa ma dubito che toglieranno tutti i rivestimenti.
    Per quanto riguarda le dichiarazioni di conformità esse sono obbligatorie e deve pretendere di averle; non paghi nulla se prima non ha questa documentazione.

  • ste_77
    Ste_77 Ricerca discussioni per utente
    Martedì 17 Febbraio 2015, alle ore 09:43
    Di scritto ci sono il preventivo con tutti gli interventi elencati in modo specifico coi relativi prezzi.
    non firmato
    va bene che la fuga non è scritta, ma è evidente che non è uniforme e le piastrelle sono anche storte.
    loro si appellavano alla norma uni. va bene la norma uni dice che per il tipo che ho messo io (180cm x 20) è necessaria una fuga di almeno 2mm. ma non 2 da una parte, 5 da un'altra e addirittura 7/8 da altre.

    grazie

  • beatrice.pi
    Beatrice.pi Ricerca discussioni per utente
    Martedì 17 Febbraio 2015, alle ore 12:20
    Capisco e le dò ragione; in caso di chiare lavorazioni effettuate in malo modo le consiglio di rivolgersi ad un tecnico che provvederà a redigere una perizia e a dialogare con l'impresa per sanare la situazione.

Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img lucav22
Salve a tutti, PREMESSA: Se non volete leggere in toto la storia, in fondo trovate la domanda diretta.Volevo avere alcuni pareri su una questione personale in quanto ho pattuito...
lucav22 22 Luglio 2021 ore 09:47 50
Img pm1986
Buongiorno, Mi rivolgo per richiedere un aiuto perché sono ormai un paio d'anni che combatto con questa situazione ma non so se sia il caso di rivolgermi ormai ad un...
pm1986 07 Ottobre 2020 ore 14:19 5
Img ale19191
Buongiorno a tutti, scrivo per avere un consiglio su come devo muovermi con un'azienda che si sta comportando molto male.Questa azienda, di cui per ora non faccio il nome, ha...
ale19191 05 Febbraio 2020 ore 15:47 18
Img katia123
Buongiorno, siamo nella fase finale di una ristrutturazione completa di un appartamento. Abbiamo fatto rifare totalmente anche due bagni e, dopo i lavori, nel rivestimento abbiamo...
katia123 10 Settembre 2019 ore 09:48 4
Img devidi.79
Buongiorno a tutti, riassumo la mia vicenda sperando di avere utili consigli.Ho seguito dei lavori di ristrutturazione con regolare CILA, ho incollato i pavimenti a quelli...
devidi.79 03 Settembre 2019 ore 17:24 5
Notizie che trattano Ristrutturazione immobile e dichiarazione conformità impianti che potrebbero interessarti


Contestazione della ripartizione delle spese condominiali

Ripartizione spese - La ripartizione delle spese condominiali dev'essere contestata attravero l'impugnazione della delibera. L'importante è saper scegliere quale contestare.

Spese condominiali, come contestarle

Condominio - Ogni condomino, per il sol fatto d?essere definibile tale (vale a dire proprietario

Lavori condominiali e contestazione delle deliberazioni

Condominio - Per l'impugnazione di deliberazioni che concernono interventi su cose comuni è necessario contestare la deliberazione con la quale si decide e non quella di spesa.

Dichiarazione di Conformità

Leggi e Normative Tecniche - La dichiarazione di conformità prevista dalle norme vigenti per gli impianti tecnologici civili, che cos'è, a cosa serve e chi la rilascia.

Bonus casa: niente visto di conformità e asseverazione per i piccoli lavori

Detrazioni e agevolazioni fiscali - In caso di lavori rientranti nell'edilizia libera e di lavori di importo non superiore a 10.000 euro il visto di conformità e l'asseverazione non sono necessari

Conformità urbanistica e catastale prima di acquistare casa

Leggi e Normative Tecniche - Al momento di comprare casa, è fondamentale che l'acquirente si accerti della conformità dell'immobile rispetto alle normative urbanistiche e catastali vigenti.

Impianti: Comportamento Proprietari

Leggi e Normative Tecniche - Tutti gli impianti negli edifici e nelle loro aree di pertinenza devono essere corredati da una dichiarazione di conformità che ne attesti sicurezza e funzionalità.

Assemblea e delibera condominiale con contenuto negativo

Assemblea di condominio - In caso di contestazione di una deliberazione a contenuto negativo, ossia di delibera che boccia una proposta, l'autorità giudiziaria non può entrare nel merito.

Amministratore e lavori straordinari

Condominio - L?assemblea, ai sensi del combinato disposto di cui agli artt. 1135 e 1136 c.c. è competente a deliberare sui lavori straordinari relativi alle parti
REGISTRATI COME UTENTE
339.463 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
//