Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Lavori di ristrutturazione mal eseguiti


Gentilissimi,
vi scrivo per un consiglio sulla situazione relativa alla mia abitazione a seguito di una importante ristrutturazione che si è conclusa a ottobre 2014.
Sintetizzo per punti.
Nel 2011, a seguito di presentazione DIA, inizio lavori con contratto di appalto a piccola ditta edile presentata dal direttore dei lavori.
I lavori inseriti in questo contratto si concludono nel 2012, tuttavia la casa non è ancora abitabile e, per motivi economici, dobbiamo sospendere temporaneamente.
Nel 2014 abbiamo la possibilità di riprendere i lavori e stipuliamo un secondo contratto con la stessa ditta e lo stesso direttore lavori.
Nell'autunno del 2014, fra alterne vicende nonché alcune tensioni con la ditta per lavori difettosi (massetto piano terra che presenta difetti che lo rendono non idoneo alla posa, ecc.) che risolviamo stralciando dal contratto alcuni lavori di rifinitura e affidandoli ad altra ditta, riusciamo a concludere e a traslocare nella nuova casa.
A pochi mesi di distanza emergono alcuni difetti, sempre minimizzati dal direttore lavori.
Per alcuni di questi (intonaci piano terra che si sfaldano) decidiamo di sistemare noi con altra ditta, senza controversie.
Adesso, però, è emerso un nuovo difetto, molto più grave: una grande finestra dell'abbaino della soffitta presenta segni di distacco agli angoli superiori (ce ne accorgiamo pulendola).
Chiamiamo l'installatore delle finestre, cioè la ditta che ha fornito le finestre nell'ambito del contratto che avevamo con l'impresa edile, e gli operai che fanno il sopralluogo ci dicono che la finestra è stata montata senza telaio, che a volte si montano così, solo che questa è una finestra molto grande e pesante…
Provano a inserire dei tasselli di rinforzo nel muro e si stacca un pezzo di intonaco interno: il muro non regge.
A questo punto, in attesa di decidere il da farsi, ci dicono di non aprirla “per sicurezza” (la finestra è in alto, al di sopra dell'altezza di una persona).
Noi siamo rimasti scioccati e, dato che abbiamo pagato tanto e per lavori a regola, non vogliamo un rattoppo, ma un lavoro a regola d'arte e che non presenti problemi di sicurezza.
D'altra parte, è venuto meno il rapporto di fiducia con l'impresa edile che aveva fatto quei lavori, per cui non vogliamo nemmeno che tornino loro a sistemare.
Dovremmo invocare l'art. 1667 e segg. del C.C. e notificare subito alla ditta questo danno?
In questo caso, la ditta avrebbe il diritto di provvedere a riparare il danno?
Oppure?
Grazie infinite in anticipo a chi vorrà darci un parere!
  • arch-ily
    Arch-ily Ricerca discussioni per utente
    Giovedì 30 Giugno 2016, alle ore 08:41
    Per prima cosa, recatevi all'ordine di appartenenza del vostro direttore dei lavori e chiedete consiglio: questo tecnico ha infatti chiaramente mancato al primo dovere di ogni direttore dei lavori, e cioè controllare l'effettiva esecuzione degli stessi a regola d'arte. Il Direttore dei Lavori agisce infatti per nome e conto del committente, ed è persona di fiducia di questi. Fatto questo, nominate un altro tecnico di vostra fiducia e incaricatelo di scrivere una perizia con indicate tutte le opere difettose e i costi per le riparazioni. Cercate un avvocato (eventualmente consigliato da un'associazione di piccoli proprietari immobiliari) e avviate una trattativa per cercare di giungere a una transazione, evitando la causa civile. Questo va fatto anche nei confronti del direttore dei lavori, che comunque dove essere obbligatoriamente coperto da assicurazione professionale.
    rispondi citando
  • arch-ily
    Arch-ily Ricerca discussioni per utente
    Giovedì 30 Giugno 2016, alle ore 08:44 - ultima modifica: Giovedì 30 Giugno 2016, alle ore 08:46
    rispondi citando
  • fulvia9
    Fulvia9 Ricerca discussioni per utente
    Lunedì 4 Luglio 2016, alle ore 23:44
    Grazie davvero per il parere. Ci stiamo organizzando per procedere.
    Cordiali saluti 
    rispondi citando
  • manucasa
    Manucasa Ricerca discussioni per utente Arch-ily
    Venerdì 30 Dicembre 2016, alle ore 13:04
    Per prima cosa, recatevi all'ordine di appartenenza del vostro direttore dei lavori e chiedete consiglio: questo tecnico ha infatti chiaramente mancato al primo dovere di ogni direttore dei lavori, e cioè controllare l'effettiva esecuzione degli stessi a regola d'arte. Il Direttore dei Lavori agisce infatti per nome e conto del committente, ed è persona di fiducia di questi. Fatto questo, nominate un altro tecnico di vostra fiducia e incaricatelo di scrivere una perizia con indicate tutte le opere difettose e i costi per le riparazioni. Cercate un avvocato (eventualmente consigliato da un'associazione di piccoli proprietari immobiliari) e avviate una trattativa per cercare di giungere a una transazione, evitando la causa civile. Questo va fatto anche nei confronti del direttore dei lavori, che comunque dove essere obbligatoriamente coperto da assicurazione professionale.
    Quando dici recatevi all'ordinedi appartenenza del vostro DL e chiedete consiglio, intendi assumete un avvocato?
    rispondi citando
  • marcomarchi1
    Marcomarchi1 Ricerca discussioni per utente
    Mercoledì 25 Gennaio 2017, alle ore 11:29
    Salve volevo riportare la mia esperienza NEGATIVAdi ristrutturazione e mettere in guardia tutti quelli intenzioneti a farlo.
    io ho incaricato un'azienda di mestre con sede inVia A da Mestre 47, 30174 Venezia,mestre.Fate molta attenzione perche questa ditta non lavora per niente bene,si vanta di avere degli operai specializzati ed invece io mi sono ritrovato degli elettricisti e dei piastrellisti a stuccare pareti con risultati che vi lascio immaginare Avevano promesso di fare dei lavori fatti bene ovviamente e rispettanto i tempi e invece ha ritardato di mesi e come scusa usa la carta della malattia ovvero l'impresario dice di avere unTUMORE ai polmoni e cosi'addolcisce i clienti e parlando con altri clienti (anchessi NON SODDISFATTI)sembrerebbe che il tumore lo abbia da svariati anni,una volta al cervello ,una volta ai polmoni eccetera,quindi Mi raccomando non fatevi ingannare da questa azienda che usa la bontà delle persone per INGANNARE e accaparrare i vostri soldi.Chiaramente creando dei disagi inqualificabili.Posso documentaretutto.ATTENZIONE
    rispondi citando
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img tecnicografico
Salve, vorrei proporvi un quesito.Dove abito in un condominio di otto unità, tempo fà dal balcone di un proprietario del secondo piano si è staccato un pezzo...
tecnicografico 08 Gennaio 2015 ore 19:50 1
Img devidi.79
Buongiorno a tutti, riassumo la mia vicenda sperando di avere utili consigli.Ho seguito dei lavori di ristrutturazione con regolare CILA, ho incollato i pavimenti a quelli...
devidi.79 15 Giugno 2019 ore 11:12 3
Img ste1971
Ciao a tutti,A maggio del 2012 il mio vicino del piano inferiore mi ha mostrato una macchia di umidità formatasi sul soffitto del suo bagno, la macchia, a mio avviso,...
ste1971 17 Agosto 2015 ore 12:53 6
Img falegna
Domani l'amministratore manderà il perito per il risarcimento danni di un allagamento che ha provocato danni al tetto della cucina e veranda. Com'è la prassi? In...
falegna 08 Febbraio 2017 ore 21:49 1
Img francalcagni
Salve, a causa di lavori male eseguiti sul tetto del mio condominio, si sono verificate copiose infiltrazioni d'acqua in tutto il mio appartamento.L'impresa che ha eseguito i...
francalcagni 27 Febbraio 2014 ore 10:12 1
Notizie che trattano Lavori di ristrutturazione mal eseguiti che potrebbero interessarti
Condominio, responsabilità, prova e risarcimento danni

Condominio, responsabilità, prova e risarcimento danni

Parti comuni - S'ipotizzi che Tizio, proprietario in condominio Alfa, subisca danni da infiltrazioni proveniente da parti comuni. Cosa deve fare per ottenere il risarcimento danni.
Danni da allagamenti in condominio, quali responsabilità?

Danni da allagamenti in condominio, quali responsabilità?

Parti comuni - Quando avviene un allegamento in un condominio è molto probabile che debba essere pagato un risarcimento danni: chi è responsabile e quando non si paga nulla?
Danni da infiltrazioni

Danni da infiltrazioni

Condominio - Tra i danni agli appartamenti, o alle parti comuni nei condomini, quelli lamentati più frequentemente sono i così detti danni da infiltrazioni d'acqua.

Danni all'abitazione privata a causa di lavori pubblici e assicurazione

Mutui e assicurazioni casa - In caso di danni all'abitazione del privato per lavori pubblici paga anche l'assicurazione se dalla interpretazione del contratto risulta che i lavori sono assicurati.

Infiltrazioni e responsabilità condominiale, cosa fare?

Condominio - Infiltrazioni e responsabilità condominiale, ovvero che cosa poter fare quando si scopre che il danno all'appartamento proviene da parti condominiali?

Danni causati da nuove costruzioni in aderenza

Ristrutturazione - Come cautelarsi dai danni causati da un edificio in costruzione.

Fognature e risarcimento del danno

Condominio - La funzione dell?impianto di fognatura è quella di consentire lo scarico delle acque luride prodotte dai condomini nelle loro unità immobiliari e nelle

Case occupate abusivamente: lo Stato deve provvedere o risarcire

Proprietà - Contro gli stabili occupati abusivamente, recita una nuova sentenza, lo Stato deve provvedere in tempi utili oppure risarcire i proprietari per i danni subiti.

Restituzione del deposito cauzionale al termine della locazione

Affittare casa - Il deposito cauzionale dev'essere restituito al momento della riconsegna dell'immobile e se lo si vuole trattenere per i danni, è necessario intentare una causa.
REGISTRATI COME UTENTE
305.862 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Cersaie