Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Obblighi derivanti da certificazione energetica


Tasso82
login
14 Maggio 2013 ore 17:12 7
Ciao,

sono nuovo del forum, spero di non aprire un argomento già trattato.
Ho acquistato un appartamento in classe B (2 anni fa).

Vorrei sapere se il venditore/costruttore ha un "impegno" a livello legale in merito a tale classificazione. Mi spiego meglio:
- per il riscaldamento una classe B dovrebbe consumare fino ad un max di 50 kWh/(mq*anno). Io ho consumato circa 3-4 volte tanto.
Dimostrando che l'effettiva classe eergetica dell'appartamento non è B ma più bassa, posso in qualche modo rivalermi sul costruttore/venditore?

Grazie
  • nabor
    Nabor Ricerca discussioni per utente
    Giovedì 16 Maggio 2013, all or 17:38
    Buongiorno, grazie per l'interessante quesito, fattispecie come la Sua sono fonte di notevole contenzioso. A mio parere, se le circostanze sono quelle da Lei lamentate, è senz'altro fondata un'azione per la riduzione del corrispettivo, ai sensi dell'art. 1492 c.c., ma non escluderei anche di poter qualificare l'inadempiuta efficienza energetica come vizio redibitorio, ex art. 1453 c.c.
    rispondi citando
  • lollolalla
    Lollolalla Ricerca discussioni per utente
    Venerdì 17 Maggio 2013, all or 10:51
    La classe è stata certificata da un tecnico abilitato esterno alla costruzione.
    Comunque, la classe è stata stimata in base ad un uso standard dell'immobile. Se il tuo uso non è così (e ti assicuro che non è così), l'ACE non vuol dire niente. Per valutare l'effettivo consumo in base al tuo uso della casa è necessario eseguire una diagnosi energetica, cosa ben diversa da una certificazione energetica standard.
    In ogni caso, è sempre possibile che l'ACE in tue mani sia errato, ma lo potrà verificare solo un tecnico che riverificherà il tutto.
    rispondi citando
  • nabor
    Nabor Ricerca discussioni per utente
    Sabato 18 Maggio 2013, all or 18:06
    Grazie Lalla, per il prezioso contributo.
    rispondi citando
  • tasso82
    Tasso82 Ricerca discussioni per utente
    Venerdì 24 Maggio 2013, all or 14:31
    Ciao,

    vi ringrazio per la disponibilità e le risposte esaustive.
    è evidente che si apre un mondo e in ogni caso ci sono molte variabili in gioco.

    Ad esempio il probabile dato che fa sballare completamente i consumi è la dispersione termica verso l'alto: l'appartamento sopra il mio è disabitato, completamente vuoto e, molto probabilmente, il pavimento è ancora privo del cappotto termoisolante.

    Per quanto riguarda l'ACE quello che non capisco è se il consumo limite previsto per ogni classe (i 50 kWh/mq*anno della mia classe B) sono un requisito/vincolo per ottenere la classe energetica o se sono solamente dei valori di riferimento, che servono a dare un idea dei consumi, ma che non hanno alcun valore ai fini legali.
    rispondi citando
  • lollolalla
    Lollolalla Ricerca discussioni per utente
    Martedì 28 Maggio 2013, all or 11:11
    Ecco svelato l'arcano: la dispersione tra due appartamenti entrambi a 20° è nulla. Se uno non è riscaldato non è più nulla. Nell'ACE il calcolo è fatto considerando l'appartamento di sopra riscaldato. Il proprietario non lo fa? Questo non inficia l'ACE che, ovviamente, è calcolato in modo parametrico e secondo una norma ben precisa.

    I valori limite delle varie classi sono i valori limite per il caso di quel dato immobile. Nel tuo ACE se il valore trovato per il tuo immobile è tra i limiti della classe B, allora sei in classe B.
    Sono comunque valori calcolati in base a una normativa e a dati standard, non calcolati in base al tuo utilizzo effettivo dell'appartamento.

    Un'ultima cosa: se l'appartamento sopra il tuo è un appartamento e come tale con impianto di riscaldamento, il solaio di separazione tra i due non viene isolato termicamente come una parete esterna. Questo proprio perché tra due unità immobiliari tenute alla stessa temperatura non c'è scambio termico. Quindi non c'è il cappotto termico sul tuo soffitto, nè ci sarà mai. La vita cambierà quando anche l'appartamento di sopra sarà scaldato.
    rispondi citando
  • nabor
    Nabor Ricerca discussioni per utente
    Lunedì 3 Giugno 2013, all or 18:53
    Lalla preziosissima, come sempre.
    rispondi citando
  • mariaangelad
    Mariaangelad Ricerca discussioni per utente
    Lunedì 24 Giugno 2013, all or 20:08
    Buonasera,in quanto a certificazione o attestato di prestazione ti consiglio di parlare con quelli di... , io li ho trovati molto preparati, nel mio caso mi hanno consigliato correttamente. Buona fortuna . (la pubblicità in questo forum va autorizzata)
    rispondi citando
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img lmontuschi
Ciao!ho comprato un appartamento in un condominio composto da :6 appartamenti ... i proprietari sono 5.sotto ci sono 2 negozi di un altro proprietario ...è obbligatorio...
lmontuschi 04 Luglio 2006 ore 13:12 9
Img kito
Salve a tutti,qualcuno sa come si ripartisce correttamente la bolletta dei consumiidrici?C'è qualche software o foglio di calcolo in Excel?Grazie.So che è compito...
kito 12 Giugno 2006 ore 07:41 9
Img marchetto93
Buongiorno, ho comprato casa da poco più di 3 mesi (una casa con poco più di 10 anni già precedentemente abitata) e la scorsa settimana alle prime pioggia...
marchetto93 11 Marzo 2020 ore 21:53 14
Img luma18
Buon giorno, chiedo consulenza a questo proposito. Abitavo (perché ora la mia casa è in vendita) in un appartamento composto da 4 unità abitative...
luma18 17 Marzo 2020 ore 13:33 8
Img nastia2020
Buonasera! Ho due vicini, una al primo piano uno al piano terra.la vicina del primo piano non vuole ripiastrellare e isolare la terrazza in comune fuori dalla casa, circa 60mq...
nastia2020 02 Marzo 2020 ore 18:18 5
REGISTRATI COME UTENTE
318.460 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
//