Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Manutenzione straordinaria dello stabile


Manucesco
login
29 Settembre 2005 ore 18:22 2
Buon pomeriggio, è la mia prima visita su questo forum,spero di fare tutto correttamente.
Vi espongo brevemente i fatti:
Nell'aprile del 2004 insieme a mio marito abbiamo acquistato un appartamento al primo piano (ed ultimo) in una palazzina di circa 30 anni. Oltre ai lavori di ristrutturazione interna, bisognava effettuare la ristrutturazione all'esterno (intesa come manutenzione straordinaria), ristrutturazione non era ancora avvenuta proprio in attesa della vendita dell'appartamento da noi acquistato. Vi riassumo i lavori di ristrutturazione che dovranno essere effettuati così da comprendere la natura del problema:la costruzione dell'abbaino ( il relativo solaio, la muratura perimetrale, l'intonaco ed il tonachino dello stesso), il rifacimento del lastrico solare (dal quale attualmente si infiltra l'acqua che sta rovinando il tetto di casa appena ristrutturato) con guaina, massetto pendenze e strato isolante termico; il parapetto della terrazza; la facciata (mai intonacata); i balconi (ormai pericolanti); le cantine (all'interno delle quali entra acqua dai balconi sovrastanti); e la scala, ancora grezza e senza corrimano. Prima di accordarci sul dafarsi, (sono 6 gli appartamenti nella palazzina) abbiamo riscontrato parecchia riluttanza ed ostruzionismo da parte di molti. Recentemente abbiamo provveduto a far realizzare il computo metrico ed il preventivo e per mezzo di una votazione abbiamo ottenuto il benestare all'inizio dei lavori, per i primi del mese di ottobre.
Il problema è questo: alcuni condomini hanno sottolineato che con l'arrivo delle pioggie sarebbe opportuno aspettare la prossima primavera prima di cominciare tali lavori (a mio avviso sono ulteriori manifestazioni di ostruzionismo). Purtroppo a parte noi gli altri condomini sono tutti imparentati e per non dispiacersi gli uni con gli altri sarebbero disposti a tutto, anche a veder crollare la palazzina). Ovviamente noi non siamo daccordo perchè la struttura è troppo consumata e poco sicura ed un altro inverno sul tetto porterebbe sicuramente l'acqua all'interno dell'appartamento (dove già si riscontra qualche effetto dovuto alle piogge dell'inverno scorso). Per ora ci siamo limitati a manifestare il nostro disappunto verbalmente in attesa della riunione condominiale (il cui esito qualsi sicuramente sarà contro la manutenzuione della struttura a breve termine) ma, vorremmo sapere come tutelarci da eventuali scorrettezze nei nostri confronti, ed avere indicazioni legislative circa gli obblighi di ogniuno.
Spero di aver espresso il problema in modo completo e mi scuso per essere stata eccessivamente prolissa. Resto in attesa di un Vs cortese riscontro ed approfitto per porgervi cordiali saluti. Manuela
  • gigi0
    Gigi0 Ricerca discussioni per utente
    Venerdì 30 Settembre 2005, alle ore 13:17
    Chi amministra il condominio?

    L'amministratore dovrebbe dar corso alle delibere assembleari!

    Se non vi fosse amministratore, dovreste nominarlo ai sensi dell'art. 1129 CC.

    Da come descrivi la situazione, non so se il Giudice di Pace possa essere utile in un tentativo di conciliazione, però potresti sempre provarci (non serve l'avvocato)

    Ciao.

    gigi
    rispondi citando
  • manucesco
    Manucesco Ricerca discussioni per utente
    Venerdì 30 Settembre 2005, alle ore 15:32
    L'amministratore è uno dei proprietari, quando ci siamo trasferiti abbiamo dato il nostro consenso che continuasse ad essere lui. Purtroppo essendo tutti parenti non hanno mai fatto nulla di formale e in un certo senso è anche un po colpa nostra perchè non avendo mai avuto problemi nemmeno in altri condomini non abbiamo insistito per formalizzare il tutto. Di scritto ci sono solo le domanda di inizio lavori e il computo metrico con ns relativa accettazione. Sono disperata..un'altra stagione di pioggia e sarò costretta a rifare le pareti ed i tetti di tutta la casa Non ricordo se Vi ho scritto che sullo pseudo abbaino esistente per ora c'è dell'amianto e più volte abbiamo chiesto la rimozione senza mai ottenere l'accordo necessario... ecco perchè chiedevo se potevo muovermi per vie legali, credo che sia l'unica opzione e non so neanche se riuscirò a risolvere il problema nemmeno agendo così. Qualche consiglio in più dopo queste ultime notizie o devo rassegnarmi??
    Grazie ancora
    Manuela
    rispondi citando
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img anonymous
Salve a tutti, sono nuovo del forum e volevo esporvi un quesito...sto valutando di comprare un appartamento al 1° piano in un condominio composto dal "mio" appartamento...
anonymous 02 Marzo 2007 ore 12:30 14
Img francoli
Salve avrei bisogno di sapere se dopo la prima scadenza di un contratto di locazione (4+4) con rinnovo automatico per i 4 anni a seguire, ad un anno circa dalla scadenza dello...
francoli 05 Gennaio 2007 ore 08:07 3
Img anonymous
Vivo in un condominio da 3 appartamenti.Nell'interrato sono situati i tre garage.L'area di manovra NON è proprietà comune ma PRIVATA (divisa in tre, con ovvie...
anonymous 03 Maggio 2007 ore 10:05 4
Img lmontuschi
Ciao!ho comprato un appartamento in un condominio composto da :6 appartamenti ... i proprietari sono 5.sotto ci sono 2 negozi di un altro proprietario ...è obbligatorio...
lmontuschi 04 Luglio 2006 ore 13:12 1
Img kito
Salve a tutti,qualcuno sa come si ripartisce correttamente la bolletta dei consumiidrici?C'è qualche software o foglio di calcolo in Excel?Grazie.So che è compito...
kito 12 Giugno 2006 ore 07:41 9
REGISTRATI COME UTENTE
306.768 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Cersaie