Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
2015-09-29 09:21:00

Difformità tra stato di fatto e planimetria presente in comune


Salve.
Avrei bisogno di un parere.
Sono proprietario di un immobile che ho finito di ristrutturare a febbraio 2015, con deposito di fine lavori e ottenuto l'abitabilità. Volendo venderlo, mi sono affidato ad un'agenzia immobiliare che a giugno mi ha trovato un cliente il cui tecnico dopo varie visite di persona sul luogo, ha voluto vedere scrupolosamente ogni documento urbanistico, catastale e edilizio riguardante la casa.
Trovando tutto a posto, il cliente mi ha fatto una proposta di acquisto che io ho accettato e a luglio abbiamo fatto il compromesso di vendita con l'indicazione che entro il 30 settembre si sarebbe fatto il rogito definitivo.
Il giorno dopo la firma del compromesso il tecnico dell'acquirente ha fatto una verifica in comune e ha scoperto che lo stato di fatto dell'appartamento in vendita non era conforme alla planimetria presente in comune.
In pratica, per errore o dimenticanza il mio tecnico non aveva depositato la planimetria definitiva con lo stato di fatto attuale a fine lavori.
Il cliente faceva rilevare che le differenze dovevo sanarle sennò lui non voleva procedere al rogito.
Le differenze rilevate sono: un muretto spostato di 2 cm dal muratore e purtroppo una porta esterna spostata di 40 cm che al momento del progetto non si vedeva che era sotto ad una trave di cemento armato nascosta dall'intonaco: essendo anche a vincolo paesaggistico mi toccherà pagare uno sproposito di sanatoria, per la quale mi rivarrò sul mio tecnico.
Quindi ai primi di settembre ci siamo riuniti e abbiamo trovato l'accordo che il mio tecnico presentava il prima possibile la sanatoria per mettere tutto a posto e entro il 30 settembre si faceva una proroga al compromesso al 31/12 per il rogito.
Il mio tecnico ha presentato la sanatoria completa il giorno 15 settembre c.m. e doveva essere esaminata dalla commissione della soprintendenza il gg 21 ma per mancanza di un membro la commissione è stata rimandata al gg 28 settembre.
A tutt'oggi la parte acquirente non si è fatta viva, e io volevo sapere questo: sapendo che nel compromesso io ho dichiarato la regolarità dell'immobile alle norme urbanistiche ed edilizie, e la parte acquirente ha dichiarato di voler acquistare l'immobile così come visto e piaciuto, se non si dovesse andare al rogito o alla proroga del compromesso al 31/12, chi verrebbe ritenuto inadempiente?
Io ho presentato la sanatoria, più di così non posso fare.
L'agenzia ha detto all'acquirente che la casa era già vendibile così com'era anche prima di aver sanato la porta.
Io non so come comportarmi.
Devo inviare una raccomandata all'acquirente con diffida ad adempiere?
Io sono propenso ad andare avanti.
Grazie infinite marco
Modificato il 25 Settembre 2015 ore 23:13
  • arch-ily
    Arch-ily Ricerca discussioni per utente
    Martedì 29 Settembre 2015, alle ore 09:21
    All'agenzia immobiliare cosa le hanno detto?
    Purtroppo la situazione è molto intricata e c'è il rischio che salti il rogito: nel qual caso ritengo che lei dovrebbe restituire la caparra, perché in effetti una delle clausole della compravendita prevedeva che l'appartamento fosse conforme.
    La cosa migliore a mio parere è chiedere suggerimenti all'agente immobiliare e parlare amichevolmente con il compratore, che dovrebbe essere ingrado di capire la situazione: dopotutto infatti la sua buona fede è perfettamente dimostrabile, perché la sanatoria è già stata depositata.

Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img olimpia maffeo
L'inquilino del mio appartamento (per fortuna andato via) ha fatto degli abusi edilizi non sanabili. Sto facendo una sanatoria con sia. Posso avere la detrazione del 50% sul costo...
olimpia maffeo 18 Gennaio 2022 ore 13:35 1
Img raggimatteo
Una agenzia immobiliare mi ha trovato un cleinte per una cifra piccolissima, fin dal contratto, l'agenzia da me non pretende nulla, mentre pretende circa 1000 euro dal compratore...
raggimatteo 26 Novembre 2021 ore 14:17 1
Img gabrielefranzò
Buongiorno,dall'accesso agli atti risulta non presente la cantina con annesse scale per scendere, in piu le scale esterne per salire al secondo piano sono spostate dal progetto...
gabrielefranzò 13 Luglio 2021 ore 19:02 1
Img pippoveneto2
Salve,ho ricevuto recentemente un preventivo da un geometra riguardante la sanatoria di una mansarda di 80 mq (che da progetto risulta soffitta) e un cucinino non a progetto...
pippoveneto2 30 Marzo 2021 ore 19:28 1
Img paolomassarelli
Buonasera, 2 anni fa ho acquistato un'abitazione nel centro storico, che viene dalla fusione di 2 particelle (2 appartamenti contigui). Tale fusione (ho scoperto oggi) è...
paolomassarelli 17 Dicembre 2020 ore 17:58 4
Notizie che trattano Difformità tra stato di fatto e planimetria presente in comune che potrebbero interessarti


In caso di abusi edilizi e falsi permessi paga il committente

Leggi e Normative Tecniche - A parere del Consiglio di Stato il cliente che viene frodato e che richiede il permesso di costruire in sanatoria non è esonerato dal pagamento delle sanzioni.

Immobili abusivi: sanatoria solo se ultimati

Leggi e Normative Tecniche - Con la sentenza 05/02/2015 n. 554, il Consiglio di Stato ha sancito che la sanatoria per opere edilizie abusive possa essere concessa solo per immobili ultimati.

Abusi edilizi: ecco quando è valida la comprevendita

Leggi e Normative Tecniche - La Corte di Cassazione con sentenza n. 24852/2015 prevede la validità del preliminare anche in caso di abusi edilizi che non modificano la volumetria dell'immobile

Condono per mini abusi

Normative - Allo studio un condono per le piccole irregolarita' edilizie, prima della presentazione della Manovra Finanziaria in Commissione Bilancio.

Abusi edilizi: è possibile decadere dall'agevolazione prima casa?

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Abusi edilizi: nel caso non si trasferisca la residenza nel termine di 18 giorni per mancata concessione della sanatoria si decade dalle agevolazioni prima casa

Veranda abusiva: l'inerzia del Comune non costituisce sanatoria automatica

Affittare casa - In caso di appartamento con veranda abusiva, il nuovo acquirente non può dirsi al sicuro. L'inerzia da parte del Comune non è costituisce sanatoria automatica.

Superbonus 110%: è possibile la detrazione in caso di interventi abusivi?

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Superbonus 110%: sì alla detrazione in caso di interventi abusivi purché siano sanabili. Abusi di piccole o medie entità e le differenze ai fini della detrazione

Come sapere se un immobile ha un abuso edilizio

Leggi e Normative Tecniche - Come poter verificare se un immobile presenta degli abusi edilizi: confronto con la planimetria della casa, controllo dei progetti e certificato di stato legittimità

Proroga sanatoria catastale

Catasto - Con l'approvazione di un emendamento al Decreto Milleproroghe viene posticipato al 30 aprile 2011 il termine ultimo per presentare la sanatoria catastale.
REGISTRATI COME UTENTE
335.126 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
//