Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
2010-03-17 18:00:57

400.000euro per 4 muri, come farmi risarcire?


Anonymous
login
27 Febbraio 2010 ore 08:28 21
Ciao a tutti, è una storia lunga fatta di bugie, soldi, litigate e tanta forse troppa fiducia nel prossimo.

Gennaio 2008: un amico di famiglia ha un?impresa di costruzioni e abbiamo appaltato a lui i lavori per la costruzioni di una nuova casa, oltre a questo si propone come direttore dei lavori. Viene assunto come entrambe le cose e ci propone un contratto con finiture di lusso. Leggendo il contratto non abbiamo visto ne una data di inizio ne una di fine dei lavori, parlando a voce da vecchi amici che eravamo ci ha assicurato che i lavori sarebbero iniziati entro un mese e che sarebbero stati ultimati in sei. Inoltre mancavano nel capitolato alcune cose che già avevamo richiesto (riscaldamento a pavimento, canna fumaria per il camino...). Lui ci ha rispsoto che lo sapeva ma che per la cifra irrisoria della differenza avremmo sistemato tutto a tempo debito.
Pagato l'anticipo si è reso irreperibile. Dopo numerose telefonate si è fatto vivo lamentandosi che i lavori non partivano perché non avevamo fatto fare i disegni per i cementi armati. Ovviamente non sapevo nemmeno cosa fossero, contattiamo un ingegnere, li faccimao fare e paghiamo di tasca nostra. Finalmente i lavori partono a luglio 2008, ci incontriamo e fissiamo una scaletta di pagamenti con 6 rate l'ultima da consegnare a 30 gioni dalla fine dei lavori.
I lavori procedono a rilento, 1 settimana al mese quando era tanto, nonostante questo le richieste di denaro arrivavano puntuali alla fine del mese. Dopo due rate ci siamo rifiutati di continuare i pagamenti se non vedevamo dei progressi perché dopo 3 mesi di lavori c'erano solo fondamenta e 4 colonne di cemento armato.
Arriva dicembre e con lui neve e acqua, il tetto manca, tutto si allaga e si formano 5cm di ghiaccio sulle fondamenta. I lavori si bloccano e tutto rimane allagato fino a febbraio 2009. Le richieste di pagamento continuano, noi non paghiamo e ci viene detto che non stiamo adenpiendo al contratto poichè sono già 3 mesi che non paghiamo (mesi in cui nessuno si è presentato in cantiere).
Marzo 2009, i lavori ripartono, di corsa vado a scegliere piastrelle e sanitari perché la loro posa sembrava imminente (a loro dire). I lavori riprendono per una settimana, le pistrelle arrivano e vengono stoccate in giardino in balia delle intemperie e ci rimarranno fino a ottobre 2009.
In tutti questi mesi abbiamo chiesto garanzie scritte sul termine dei lavori e sulle variazioni di prezzo per le modifiche non presenti in capitolato ma già comunicate prima della firma del contratto. Non siamo mai riusciti a ottenere nessuna delle due cose.
Settembre 2009, i progressi sono scarsi, ancora non ci sono le piastrelle, assumiano un ingegnere per supervisionare i lavori. Lui chiama i responsabili e le cose si smuovono e garantiscono la fine di tutto entre novembre, anche in questo caso nessuna garanzia scritta. A novembre i lavori sono ancora fermi. Ci viene addossata la colpa, i pagamenti non sono stati fatti quindi la casa è ovvio che non procede. Noi avevamo già pagato tutto il contratto stabilito più altri 20.000 euro. Fatto presente questo il direttore dei lavori/appaltatore/capo di tutto se ne esce fuori con un conto per gli extra di quasi 90.000 euro quindi richiede altri 20.000 come penultima rata. Prende 10.000 euro e di lavori nemmeno uno.
Gennaio 2010. Cominciano a chiamarmi i fornitori dei serramenti che chiedono soldi. Noi chiamiamo il DL e ci dice che i contratti di tutte le forniture sono intestate al capo dell'impresa di costruzioni che lui ha regolarmente pagato quindi il problema è lui. Alla domanda "ma non eri tu il capo dell'impresa?" lui risponde "no, io sono solo il direttore dei lavori, ho subappaltato i lavori ad un'altra impresa". Contattiamo l'impresa che ci dice di non aver più soldi da anticiparci perché fino ad ora ha già anticipato più di 80.000 euro. La cosa è impossibile perché noi avevamo già pagato quasi 400.000 euro per 4 muri intonacati e qualche pistrella posata (le piastrelle erano a carico nostro).
Contattiamo un avvocato, scriviamo una lettera per comunicare vizi dei lavori, problemi di pagamento eccetera eccetera, inoltre comunichiamo che se i lavori non saranno ultimati entro 30 giorni dal ricevimento della lettera tutti i contratti verranno revocati.
La sua risposta sembra una barzelletta: sono offeso perché avete deriso la mia professionalità, se non mi chiedete scusa io non vengo a lavorare. Ci manda in allegato un documento in cui chiede 20.000 euro per rifare i lavori che loro hanno sbagliato o rovinato più 14 comode mensilità per ultimare i pagamenti del contratto.
I 30 giorni sono scaduti, lunedi contatteremo il tribunale per chiedere una perizia. Intanto abbiamo scoperto che lui ha fatto a noi un preventivo di 340.000 euro quando l'impresa a cui ha subappaltato gli ha fatto un preventivo di 120.000 escluse riscaldamento e materiali, comunque ben inferiore al nostro mentre a noi era stato detto che il preventivo presentatoci a gennaio 2008 era un preventivo che lui ci aveva rigirato direttamente dall'impresa di costruzioni. Inoltre abbiamo scoperto come all'impresa non abbia pagato quasi nulla e che abbia intestato tutti i contratti per le forniture all'impresa che si ritrova così a dover pagare senza essere pagata. Siamo anche stati informati che il direttore de lavori non può essere la stessa figura dell'appaltatore mentre lui aveva detto che era la normalità. Abbiamo anche perso tutte le detrazioni fiscali perché ci aveva assicurato che il bonifico serviva solo per chi faceva i lavori in proprio mentre nella nostra situazioni noi dovevamo pagare normalmente lui e che poi lui avrebbe provveduto a farci avere le documentazioni. Inoltre i lavori sono in gran parte viziati (muri storti, materiali di qualità inferiore all'atteso tipo porte che dovevano essere di lusso dovrebbero costare meno di 350 euro... ovviamente non le abbiamo nemmeno mai ordinate).
Oltre a tutto questo i vicini si lamentano per l'impalcatura piantata in strada da più di un anno e mezzo, vicini che sono venuti a sapere anche la colpa è nostra e dei nostri "mancati" pagamenti. Senza contare che quel poco che è stato fatto è danneggiato da freddo e acqua.

Letta tutta questa triste storia a qualcuno viene in mente qualche modo per rivalersi?
Più consigli ho più possibilità di successo avrò.
Ciao
  • nabor
    Nabor Ricerca discussioni per utente
    Martedì 2 Marzo 2010, alle ore 11:40
    Ciao, se avete già contattato un Avvocato, e mi sembra di capire che stiate per depositare un ricorso ex art. 696 cpc, la strada è quella giusta. Siete stati un pò imprudenti, mi duole dirlo...comunque, il ruolo del D.L. è piuttosto ambiguo.

  • anonymous
    Anonymous Ricerca discussioni per utente
    Venerdì 5 Marzo 2010, alle ore 12:21
    Si, abbiamo contattato un avvocato. So che siamo stati "imprudenti", virgoletto il termine perché forse è più appropriato dire fessi. Quello che non capisco e per cui chiedo consiglio è che nessuno ci da per vincenti, o meglio vincenti sulla carta ma tra una legge e l'altra la nostra "vittoria" diventerebbe parziale se non addirittura inconcludente e cioè senza risarcimenti.
    Noi tiriamo avanti, spero vivamente che questo non accada.
    Anche perché la storia continua, ci hanno chiesto i danni per la risoluzione immotivata dei contratti. Non capisco perché immotivata, abbiamo dato 30 giorni invece che 15 e non c'è stato un giono in cui qualcuno sia andato a lavorare.
    Ma una domanda, c'è modo di chiedere un risarcimento per la differenza del preventivo presentatoci come rigirato direttamente dall'impresa e quello reale? Non dico chissà cosa, solo la differenza tra i due!

  • nabor
    Nabor Ricerca discussioni per utente
    Venerdì 5 Marzo 2010, alle ore 13:11
    La differenza tra preventivo ed esborso finale va motivata, non c'è dubbio. Avete pensato di rivalervi sul direttore dei lavori?

  • anonymous
    Anonymous Ricerca discussioni per utente
    Venerdì 5 Marzo 2010, alle ore 14:01
    Si proprio così. Il direttore dei lavori ci aveva presentato il preventivo della sua impresa di costruzioni e poi solo ora siamo venuti a sapere che il preventivo che ci ha fatto lui in verità non era dell?impresa di costruzioni che ha effettivamente lavorato con la quale aveva invece un preventivo di un terzo. Noi non sapevamo nemmeno di questo subappalto. In questo modo ha avuto la sua parcella come direttore dei lavori più la differenza tra quanto chiesto a noi e quanto lui ha pagato l?impresa.

  • nabor
    Nabor Ricerca discussioni per utente
    Lunedì 8 Marzo 2010, alle ore 16:41
    Due osservazioni basilari:
    1) il D.L. lo deve nominare il committente, per evitare conflitti d'interesse
    2) il subappalto dev'essere autorizzato dal committente.
    Il VS. Avvocato saprà come agire, comunque, di questi tempi, cercherei di far leva, tra l'altro, sulla regolarità contributiva.

  • anonymous
    Anonymous Ricerca discussioni per utente
    Mercoledì 10 Marzo 2010, alle ore 10:25
    Grazie mille, gentilissimo.
    Speriamo bene, noi del subappalto non sapevamo nulla e per le fatture... adesso ha convertito parte del versato in iva e ci ha mandato un mega fatturone, ovviamente non utilizzabile per le detrazioni fiscali.
    Mi auguro che gli capiti di incontrare un tipo come lui!
    Grazie ancora.

  • anonymous
    Anonymous Ricerca discussioni per utente
    Giovedì 11 Marzo 2010, alle ore 14:16
    Mi viene semplicemente da dire "che bello amico". Si merita come minimo una bella mazzata in testa. Sono sempre più convinto che amici e parenti meglio lasciarli fuori.

    Mi spiace della vostra sventura. Spero che riusciate a risolvere la questione nel miglior modo possibile.

  • nabor
    Nabor Ricerca discussioni per utente
    Sabato 13 Marzo 2010, alle ore 16:56
    Il DURC ve lo ha consegnato, per inciso?

  • anonymous
    Anonymous Ricerca discussioni per utente
    Sabato 13 Marzo 2010, alle ore 19:17
    No, quando i fornitori ci hanno chiamati lo abbiamo richiesto più volte ma lui ce lo ha sempre negato. Adesso credo farà tutto l'avvocato.
    Ma certa gente come può continuare ad essere iscritta all'albo degli architetti?

  • nabor
    Nabor Ricerca discussioni per utente
    Lunedì 15 Marzo 2010, alle ore 15:31
    Mi permetto di dare un consiglio al Collega Avvocato che vi assiste, nel caso ricordateglielo voi, la richiesta del DURC è un'arma molto efficace...

  • anonymous
    Anonymous Ricerca discussioni per utente
    Martedì 16 Marzo 2010, alle ore 15:26
    Grazie mille, riferirò!

  • il caravaggio
    Il caravaggio Ricerca discussioni per utente
    Martedì 16 Marzo 2010, alle ore 16:25
    Salve
    Tutto questo accade, perché nel nostro Paese non si tiene nella giusta considerazione la figura del progettista, il quale dovrebbe essere l'unico interlucutore affidabile, l'unico arbitro tra le parti.
    Io scelsi di operare all' estero per questioni legate al mio territorio e vi posso garantire che mai un caso del genere evrebbe potuto degenerare cosi' tanto...

    Saluti

  • nabor
    Nabor Ricerca discussioni per utente
    Martedì 16 Marzo 2010, alle ore 17:00
    Caro Caravaggio, parliamo di un paese in cui, spesso e volentieri, il direttore dei lavori opera nell'interesse dell'appaltatore...

  • grilu
    Grilu Ricerca discussioni per utente
    Martedì 16 Marzo 2010, alle ore 17:19
    Caro Caravaggio, parliamo di un paese in cui, spesso e volentieri, il direttore dei lavori opera nell'interesse dell'appaltatore...

    significa che ...
    io committente appalto il lavoro alla ditta consigliatami dal mio DL, e quest'ultimo probabilmente sarà propenso a curare gli interessi della ditta piuttosto che i miei???

  • nabor
    Nabor Ricerca discussioni per utente
    Mercoledì 17 Marzo 2010, alle ore 09:20
    Esatto, vedo che hai compreso. Il DL deve curare gli interessi del committente.

  • il caravaggio
    Il caravaggio Ricerca discussioni per utente
    Mercoledì 17 Marzo 2010, alle ore 10:57
    Caro Caravaggio, parliamo di un paese in cui, spesso e volentieri, il direttore dei lavori opera nell'interesse dell'appaltatore...

    Caro Nabur
    Nel 1980, mi sono trasferito all'estero. Ho acquisito una formazione in cui il cliente è il soggetto da salvaguardare da ogni rischio, fino al punto di pagare di persona qualora non svolgessi correttamente il mio incarico.
    Certe leggerezze mi lasciano basito...

  • grilu
    Grilu Ricerca discussioni per utente
    Mercoledì 17 Marzo 2010, alle ore 11:24
    Salve
    Tutto questo accade, perché nel nostro Paese non si tiene nella giusta considerazione la figura del progettista, il quale dovrebbe essere l'unico interlucutore affidabile, l'unico arbitro tra le parti.
    Io scelsi di operare all' estero per questioni legate al mio territorio e vi posso garantire che mai un caso del genere evrebbe potuto degenerare cosi' tanto...

    Saluti

    Caro Caravaggio,
    purtroppo io sto pagando sulle mie spalle l'operato "maldestro" dei professionisti, non una, ma due volte per la stessa costruzione...
    e sai una cosa mi sono rassegnata
    mi sono resa conto che è difficilissimo trovare l'affidabilità negli operatori del settore, anche se inizialmente ponevo la massima fiducia.
    ora cerco di stare con gli occhi e le orecchie bene aperti e di informarmi il più possibile ... naturalmente nel frattempo pagando le parcelle ai "cari" tecnici!

    anche per questo GRAZIE FORUM, molte cose si imparano dalle esperienze degli altri.

  • nabor
    Nabor Ricerca discussioni per utente
    Mercoledì 17 Marzo 2010, alle ore 11:38
    Cara Grilu, non so se è il tuo caso, ma la garanzia decennale, ex art. 1669 c.c., in favore dell'acquirente/committente, opera anche a carico dei professionisti (DL, progettista ecc.)

  • grilu
    Grilu Ricerca discussioni per utente
    Mercoledì 17 Marzo 2010, alle ore 16:29
    Grazie Nabor,

    un'altra cosa da leggere!

    per caso, non avresti un link al testo della norma

  • anonymous
    Anonymous Ricerca discussioni per utente
    Mercoledì 17 Marzo 2010, alle ore 17:08
    Grazie ancora.
    Secondo me il vero problema è che purtroppo ci sono in giro tante "persone" disoneste. Io che mi fido degli altri va a finire che ci rimetto.
    E' brutto da dire ma non ci si deve mai fidare di nessuno.

  • nabor
    Nabor Ricerca discussioni per utente
    Mercoledì 17 Marzo 2010, alle ore 18:00
    Non vorrei concludere in termini troppo pessimisti...direi che la fiducia va guadagnata ogni giorno, soprattutto in certi ambiti professionali. Anche a me piacerebbe vedere realizzata una società in cui il fondamento dell'etica, e, quindi, del vivere civile, si basi sull'assunzione di responsabilità individuale.

Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img lucav22
Salve a tutti, PREMESSA: Se non volete leggere in toto la storia, in fondo trovate la domanda diretta.Volevo avere alcuni pareri su una questione personale in quanto ho pattuito...
lucav22 22 Luglio 2021 ore 09:47 50
Img pm1986
Buongiorno, Mi rivolgo per richiedere un aiuto perché sono ormai un paio d'anni che combatto con questa situazione ma non so se sia il caso di rivolgermi ormai ad un...
pm1986 07 Ottobre 2020 ore 14:19 5
Img ale19191
Buongiorno a tutti, scrivo per avere un consiglio su come devo muovermi con un'azienda che si sta comportando molto male.Questa azienda, di cui per ora non faccio il nome, ha...
ale19191 05 Febbraio 2020 ore 15:47 18
Img katia123
Buongiorno, siamo nella fase finale di una ristrutturazione completa di un appartamento. Abbiamo fatto rifare totalmente anche due bagni e, dopo i lavori, nel rivestimento abbiamo...
katia123 10 Settembre 2019 ore 09:48 4
Img devidi.79
Buongiorno a tutti, riassumo la mia vicenda sperando di avere utili consigli.Ho seguito dei lavori di ristrutturazione con regolare CILA, ho incollato i pavimenti a quelli...
devidi.79 03 Settembre 2019 ore 17:24 5
Notizie che trattano 400.000euro per 4 muri, come farmi risarcire? che potrebbero interessarti


Contestazione della ripartizione delle spese condominiali

Ripartizione spese - La ripartizione delle spese condominiali dev'essere contestata attravero l'impugnazione della delibera. L'importante è saper scegliere quale contestare.

Spese condominiali, come contestarle

Condominio - Ogni condomino, per il sol fatto d?essere definibile tale (vale a dire proprietario

Lavori condominiali e contestazione delle deliberazioni

Condominio - Per l'impugnazione di deliberazioni che concernono interventi su cose comuni è necessario contestare la deliberazione con la quale si decide e non quella di spesa.

Assemblea e delibera condominiale con contenuto negativo

Assemblea di condominio - In caso di contestazione di una deliberazione a contenuto negativo, ossia di delibera che boccia una proposta, l'autorità giudiziaria non può entrare nel merito.

Amministratore e lavori straordinari

Condominio - L?assemblea, ai sensi del combinato disposto di cui agli artt. 1135 e 1136 c.c. è competente a deliberare sui lavori straordinari relativi alle parti

Ritardo nella comunicazione Enea: l'Ecobonus resta valido

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Che succede se si presentano i documenti all'Enea oltre il termine di 90 dalla fine dei lavori? L'Ecobonus non può essere messo in discussione. Vediamo perché.

Come contestare i provvedimenti dell'amministratore di condominio?

Amministratore di condominio - L'amministratore, in qualità di garante del regolamento condominiale, può assumere provvedimenti obbligatori per i condomini. Vediamo quali sono e come contestarli

Impugnazione delibere e ripartizione delle spese: vizi contestabili e casi ricorrenti

Ripartizione spese - L'impugnazione delle delibere è materia che s'intreccia spesso con quella della ripartizione delle spese: gli aspetti comuni e quelli principali dei due argomenti

Affidamento dei lavori a corpo o a misura

Normative - Per ridurre le controversie tra Committente e Impresa, basta adottare delle indicazioni contrattuali ben definite.
REGISTRATI COME UTENTE
339.462 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
//