Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Spostamento calorifero


Roshdi80
login
18 Aprile 2006 ore 11:27 5
Buongiorno a tutti, dovrei spostare un calorifero (ho il riscaldamento autonomo) come dovrei procedere per evitare danni ?
E' sufficiente svuotare il calorifero,smontarlo ,mettere i tappi e successivamente collegare i nuovi tubi al nuovo calorifero ?
Grazie a tutti,.
Angelo
  • radiante
    Radiante Ricerca discussioni per utente
    Martedì 18 Aprile 2006, alle ore 12:18
    Devi svuotare l'impianto di riscaldamento poi puoi fare la nuova tubazione patendo da quella esistente rimonti il radiatore e riempi l'impianto,spurga bene le bolle d'aria e riaccendi la caldaia.
    rispondi citando
  • roshdi80
    Roshdi80 Ricerca discussioni per utente
    Martedì 18 Aprile 2006, alle ore 12:35
    Grazie per la risposta xò ho un altro dubbio
    ma se dovessi rimanere un po' di giorni senza poter rimontare il nuovo calorifero sarebbe possibile chiudere con dei "tappi" il vecchio e riaccendere la caldaia ?
    rispondi citando
  • radiante
    Radiante Ricerca discussioni per utente
    Mercoledì 19 Aprile 2006, alle ore 00:21
    Si è possibile,è anche possibile chiudere l'impianto dalle apposite chusure poste sotto la caldaia ,sempre che le abbiano montate
    rispondi citando
  • roshdi80
    Roshdi80 Ricerca discussioni per utente
    Mercoledì 19 Aprile 2006, alle ore 10:20
    Nuovamente grazie, sotto la caldaia non credo di avere delle chiusure, quindi se ho ben capito svuoto il calorifero (o l'impianto), metto la caldaia sulla posizione solo acqua calda e tutto dovrebbe funzionare ?
    La caldaia non va in blocco se il libello dell'acqua è a zero ?
    Ciao.
    rispondi citando
  • radiante
    Radiante Ricerca discussioni per utente
    Mercoledì 19 Aprile 2006, alle ore 11:23
    Se non ha le chiusure da chiudere devi spengere la caldaia smontare il radiatore chidendo prima la valvola e il detentore poi svouti l'impianto smonti la valvola e detentore tappi i tubi riempi nuovamente l'impianto spurgando bene l'aria e riaccendi la caldaia in posizione estate ,se c'èrano le chiusure alla caldaia bastava chiudere quelle e la calaia andava benissimo per l'acqua calda e il lavoro del termo lo potevi fare con calma,la differenza è tutta li
    rispondi citando
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img anonymous
Salve a tutti, sono nuovo del forum e volevo esporvi un quesito...sto valutando di comprare un appartamento al 1° piano in un condominio composto dal "mio" appartamento...
anonymous 02 Marzo 2007 ore 12:30 14
Img francoli
Salve avrei bisogno di sapere se dopo la prima scadenza di un contratto di locazione (4+4) con rinnovo automatico per i 4 anni a seguire, ad un anno circa dalla scadenza dello...
francoli 05 Gennaio 2007 ore 08:07 3
Img anonymous
Vivo in un condominio da 3 appartamenti.Nell'interrato sono situati i tre garage.L'area di manovra NON è proprietà comune ma PRIVATA (divisa in tre, con ovvie...
anonymous 03 Maggio 2007 ore 10:05 4
Img kito
Salve a tutti,qualcuno sa come si ripartisce correttamente la bolletta dei consumiidrici?C'è qualche software o foglio di calcolo in Excel?Grazie.So che è compito...
kito 12 Giugno 2006 ore 07:41 9
Img lmontuschi
Ciao!ho comprato un appartamento in un condominio composto da :6 appartamenti ... i proprietari sono 5.sotto ci sono 2 negozi di un altro proprietario ...è obbligatorio...
lmontuschi 04 Luglio 2006 ore 13:12 1
REGISTRATI COME UTENTE
308.263 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Weber
  • Kone