Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Muro divisorio tra i giardini di due villette a schiera


Roxi
login
26 Aprile 2010 ore 11:42 6
Ciao, ho bisogno di un consiglio.
Ho una villetta a schiera (seconda abitazione) ad Anzio (RM) in aderenza laterale alle altre, con giardino solo davanti alla porta d ingresso di circa 100mq.Lateralmente confino col giardino del vicino con un muretto alto 80cm e con rete fino a 160cm sulla quale abbiamo fatto arrampicare, di comune accordo, delle piante di benjamin che sono state acquistate da lui e piantumate dalla sua parte. Il mio vicino vorrebbe ora estirpare le piante, togliere la rete ed alzare il muro a 2mt adducendo la mancanza di tempo per la manutenzione delle piante, il recupero dello spazio occupato, e il diritto alla privacy, chiedendomi inoltre di partecipare al 50% alla spesa. Faccio presente che le piante, sempreverdi, coprono interamente e fittamente la rete, essendo profonde 60cm dalla sua parte e 30 dalla mia. Tuttora è impossibile anche solo infilarci un dito.
Io non sono daccordo per una questione ecologica (distruggere 30mt di piante in ottima salute che si riempiono di fiori e farfalle mi sembra quasi un omicidio..). e di poco spazio, in quanto i lembi di ongi giardino non son più larghi, da confine a confine, di 5 metri.
Le mie domande sono:
1) posso oppormi all'utilizzo del muretto comune, essendo di proproetà di entrambi?
2) può costruirsi lui il muro nella sua proprietà?
3) se lo può fare, ci sono delle distanze da rispettare dal muretto in comproprietà e delle altezze massime?
4) può costruirlo in totale aderenza al mio, anche se sono contraria?
Grazie molte pr il tempo che vorrete concedermi.
  • il caravaggio
    Il caravaggio Ricerca discussioni per utente
    Lunedì 26 Aprile 2010, alle ore 13:12
    Salve,
    Concordo per il rispetto del verde, ma a questo punto pianta la siepe dalla tua parte.
    Mi risulta che i muri di confine, siano di pertinenza dei due proprietari al 50%.
    saluti
    rispondi citando
  • roxi
    Roxi Ricerca discussioni per utente
    Martedì 27 Aprile 2010, alle ore 10:52
    Ringrazio il caravaggio per la sua gentile risposta, anche se erano cose che sapevo.
    So infatti che il muro è in comune e che le piante, avendo purtroppo deciso insieme di piantarle dalla sua parte, non posso assolutamente oppormi se lui decide di estirparle.
    Avrei tanto bisogno di risposte più precise e circostanziate alle mie domande.
    Se qualcun altro può aiutarmi, gliene sarei grata.
    rispondi citando
  • il caravaggio
    Il caravaggio Ricerca discussioni per utente
    Martedì 27 Aprile 2010, alle ore 13:17
    Direttamente dal Codice civile:

    885. Innalzamento del muro comune. Ogni comproprietario può alzare il muro comune, ma sono a suo carico tutte le spese di costruzione e conservazione della parte sopraedificata. Anche questa può dal vicino essere resa comune a norma dell'articolo 874.(874. Comunione forzosa del muro sul confine. Il proprietario di un fondo contiguo al muro altrui può chiederne la comunione, per tutta l'altezza o per parte di essa, purché lo faccia per tutta l'estensione della sua proprietà. Per ottenere la comunione deve pagare la metà del valore del muro, o della parte di muro resa comune, e la metà del valore del suolo su cui il muro è costruito. Deve inoltre eseguire le opere che occorrono per non danneggiare in vicino.)

    Se il muro non è atto a sostenere la sopredificazione, colui che l'esegue è tenuto a ricostruirlo o a rinforzarlo a sue spese. Per il maggiore spessore che sia necessario, il muro deve essere costruito sul suolo proprio, salvo che esigenze tecniche impongano di costruirlo su quello del vicino. In entrambi i casi il muro ricostruito o ingrossato resta di proprietà comune, e il vicino deve essere indennizzato di ogni danno prodotto dall'esecuzione delle opere. Nel secondo caso il vicino ha diritto di conseguire anche il valore della metà del suolo occupato per il maggiore spessore.
    Qualora il vicino voglia acquistare la comunione della parte sopraelevata del muro, si tiene conto, nel calcolare il valore di questa, anche delle spese occorse per la ricostruzione o per il rafforzamento.

    886. Costruzione del muro di cinta. Ciascuno può costringere il vicino a contribuire per metà nella spesa di costruzione dei muri di cinta che separano le rispettive case, i cortili e i giardini posti negli abitati. L'altezza di essi, se non è diversamente determinata dai regolamenti locali o dalla convenzione, deve essere di tre metri.

    buona lettura
    rispondi citando
  • roxi
    Roxi Ricerca discussioni per utente
    Martedì 27 Aprile 2010, alle ore 18:07
    Ti ringrazio..ho letto tutto e quindi, con rammarico, penso di non avere scampo..addirittura tre metri!! Allora lui m'ha fatto una concessione volendolo "solo" alzarlo di due metri!!..dovrò sopportare un murone lungo 30mt su una proprietà larga appena 5..sono discretamente disperata ed amareggiata.. se qualcun altro vuole aggiungere qualcosa..
    rispondi citando
  • il caravaggio
    Il caravaggio Ricerca discussioni per utente
    Mercoledì 28 Aprile 2010, alle ore 13:06
    Ciao
    3m, come massimo dal codice civile, pero' ogni comune sul proprio regolamento edilizio puo' dare indicazioni diverse.
    Inoltre potreste trovare una soluzione più elegante, che un muraglione di cemento, in commercio vi sono vari prodotti che ceano una separazione discreta senza farne un muro di Berlino!!!!
    Anche una separazione in legno potrebbe essere presa in considerazione. O alternare muratura e legno per smorzare la monotonia, inserendo anche dei vegetali, insomma alla fine potrebbe anche venirne fuori una via di mezzo
    saluti
    rispondi citando
  • roxi
    Roxi Ricerca discussioni per utente
    Giovedì 29 Aprile 2010, alle ore 10:52

    Purtroppo il vicino ha deciso di alzare il muro dalla sua parte in aderenza al muretto comune e quindi..addio piante.
    La rete rimane dalla mia parte.
    Siccome non sono proprio il tipo da "faida" condominiale, vorrà dire che toglierò i coppi che fanno da finitura, metterò la soglia di marmo e comprerò BEN 30 metri di fioriere (ahiahi), così potrò far riarrampicare qualche altra pianta senza il rischio che qualche altro "insensibile" possa rifare scempio.
    Se a qualcuno venisse qualche idea..
    Grazie per la pazienza.
    RS
    rispondi citando
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img francoli
Salve avrei bisogno di sapere se dopo la prima scadenza di un contratto di locazione (4+4) con rinnovo automatico per i 4 anni a seguire, ad un anno circa dalla scadenza dello...
francoli 05 Gennaio 2007 ore 08:07 3
Img kito
Salve a tutti,qualcuno sa come si ripartisce correttamente la bolletta dei consumiidrici?C'è qualche software o foglio di calcolo in Excel?Grazie.So che è compito...
kito 12 Giugno 2006 ore 07:41 9
Img anonymous
Salve a tutti, sono nuovo del forum e volevo esporvi un quesito...sto valutando di comprare un appartamento al 1° piano in un condominio composto dal "mio" appartamento...
anonymous 02 Marzo 2007 ore 12:30 14
Img anonymous
Vivo in un condominio da 3 appartamenti.Nell'interrato sono situati i tre garage.L'area di manovra NON è proprietà comune ma PRIVATA (divisa in tre, con ovvie...
anonymous 03 Maggio 2007 ore 10:05 4
Img lmontuschi
Ciao!ho comprato un appartamento in un condominio composto da :6 appartamenti ... i proprietari sono 5.sotto ci sono 2 negozi di un altro proprietario ...è obbligatorio...
lmontuschi 04 Luglio 2006 ore 13:12 1
REGISTRATI COME UTENTE
306.727 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Cersaie