Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Impianto di climatizzazione/riscaldamento


Garluk
login
26 Giugno 2006 ore 15:51 3
Questo post per chiedere un piccolo contributo da quelli più esperti di me in campo termotecnico.

Nel condominio dove abito è stato appena decisa la dismissione dell'impianto termico centralizzato: un vecchio impianto a gasolio antieconomico e parecchio maleandato.

A questo punto si pone il problema di predisporre un impianto di riscaldamento/climatizzazione per la casa.

Abito in un appartamento di circa 120mq con stanze grandi e soffitti medio alti (3.3m).

Ho sentito qualche installatore e mi sono state proposte soluzioni più disparate.
Chi mi propone la caldaie a condensazione (inutili visto che mi propone i termosifoni), chi la caldaia normale.
Chi mi propone i tubi in rame, chi i tubi in multistrato.

Malgrado sia un impiantista (elettrico però) non riesco a capire le differenze fra le varie soluzioni.

Qualcuno di voi potrebbe aiutarmi e chiarirmi un pò le idee?

Girovagando su internet mi sono imbattuto nel sito olimpiasplendid e ho visto il loro sistema idonico. Cosa non disprezzabile dalle mie parti dove l'inverno è limitato a un paio di settimane di freddo più intenso e un mese di temperatura fredda ma non eccessiva.
Il caldo, invece, ci affligge per almeno 3 mesi di fila.

Leggendo altri post ho letto degli elettrocaloriferi (www.bello-tech.com ) soluzione che fra l'altro mi risolverebbe non pochi problemi per via dell'installazione che non può correre a pavimento visto la presenza del parquet che non alcuna voglia di togliere.
Cosa ne pensate di questi sistemi alternativi?

Come detto sopra ho il parquet e non ho alcuna intenzione di rimuoverlo per consentire il passaggio dei tubi del riscaldamento.
Come soluzione mi sono inventato una soluzione alternativa.
Installo la caldaia in un balcone chiuso da una vetrata dove fra l'altro c'è l'arrivo del metano e stafferei i due tubi a una trave (coprendo poi con cartongesso) o in traccia nel muro fino ad arrivare fuori nell'altro balcone pove potrei procedere a pavimento entrando nelle varie stanze dall'esterno.
Con questa soluzione, però, avrei una tubazione che seppur isolata corre per circa 8-10 metri su una parete interna e per altri 10 metri circa all'esterno.
Non conoscendo le conduttanza terminca di una tubazione isolata non riesco a valutare quanto questo schema distributivo porti a sprechi.
Qualcuno di voi riesce a darmi qualche elemento di valutazione. O una sua valutazione?

Ricapitolando vorrei i vostri consigli con riferimento a:
- differenze fra tubo in multistrato e tubo in rame;
- convenienza di un sistema idronico;
- perdite termiche di un tupo installato all'esterno;
- convenienza degli elettrocaloriferi.
In più ogni suggerimento o idea sono i benvenuti

Grazie a tutti coloro che vorranno aiutarmi.
  • pia20042
    Pia20042 Ricerca discussioni per utente
    Martedì 27 Giugno 2006, alle ore 11:21
    Ciao Gar, non sono un tecnico, posso solo dirti quello che abbiamo deciso per il nostro appartamento in Liguria, dove le condizioni climatiche sono abbastanza simili.

    110mq. di superficie, molta insolazione, ultimo piano sottotetto.

    Nelle 4 stanze, impianto di climatizzazione a inverter della Riello: due motori, ognuno con due split (resa di 9.000 BTU per ogni stanza), per una spesa intorno ai 6.500 euro a opera finita.

    Scaldasalviette elettrici nei due bagni e in cucina.

    Scaldabagno da 17 litri per l'acqua di uso sanitario.

    I motori del climatizzatore e lo scaldabagno sono sul balcone di servizio.

    Abbiamo fatto diverse valutazioni anche noi, ma alla fine questa è risultata la più idonea: minor disagio per i lavori, minore spesa totale, minor costi fissi e di manutenzione, nessun ingombro di radiatori ai muri, copertura climatica per tutto l'anno.

    Spero di esserti stata utile. ciao
    rispondi citando
  • radiante
    Radiante Ricerca discussioni per utente
    Martedì 27 Giugno 2006, alle ore 11:36
    Potresti passare tutto l'impianto a soffitto facendo le calate,poi fai un bel controssoffitto che cosi diminuisci anche il volme da scakdare
    rispondi citando
  • garluk
    Garluk Ricerca discussioni per utente
    Martedì 27 Giugno 2006, alle ore 12:58
    Radiante, tu che vedo sei più esperto non potresti darmi qualche consiglio in più anche in riferimento ai quesiti che ho proposto?

    L'idea di una distribuzione a soffitto l'avevo già valutata ed è solo parzialmente praticabile per via delle inclinazioni che devono mantenere i tubi e per via dei cassonetti e delle tende.

    Ciao
    G.
    rispondi citando
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img lmontuschi
Ciao!ho comprato un appartamento in un condominio composto da :6 appartamenti ... i proprietari sono 5.sotto ci sono 2 negozi di un altro proprietario ...è obbligatorio...
lmontuschi 04 Luglio 2006 ore 13:12 1
Img francoli
Salve avrei bisogno di sapere se dopo la prima scadenza di un contratto di locazione (4+4) con rinnovo automatico per i 4 anni a seguire, ad un anno circa dalla scadenza dello...
francoli 05 Gennaio 2007 ore 08:07 3
Img anonymous
Salve a tutti, sono nuovo del forum e volevo esporvi un quesito...sto valutando di comprare un appartamento al 1° piano in un condominio composto dal "mio" appartamento...
anonymous 02 Marzo 2007 ore 12:30 14
Img anonymous
Vivo in un condominio da 3 appartamenti.Nell'interrato sono situati i tre garage.L'area di manovra NON è proprietà comune ma PRIVATA (divisa in tre, con ovvie...
anonymous 03 Maggio 2007 ore 10:05 4
Img kito
Salve a tutti,qualcuno sa come si ripartisce correttamente la bolletta dei consumiidrici?C'è qualche software o foglio di calcolo in Excel?Grazie.So che è compito...
kito 12 Giugno 2006 ore 07:41 9
REGISTRATI COME UTENTE
306.769 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Cersaie