Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Help su utilizzo caldaia a condensazione-stufa a pellet


Mencar
login
02 Gennaio 2006 ore 17:36 7
Ho acquistato una caldaia a condensazione duchess della tata, poichè il mio appartamento è grande e l'idraulico mi ha garantito un buon risparmio rispetto ad una caldaia normale. Dopo essermi documentato ho accettato nonostante abbia letto che la maggior resa della caldaia a condensazione si ha con il pavimento radiante ed io ho i normali termosifoni a parete. Dopo un 1 anno di utilizzo ho confrontato i consumi di gas con un vicino che ha una caldaia normale e non ho riscontrato nessun guadagno.
Mi stanno sorgendo dei dubbi sull'utilizzo della stessa, poichè a causa di forte dispersioni, il calore subito si disperde e la caldaia si accende e spegne diverse volte durante il giorno. Vorrei chiedere a qualcuno un vademecum di utilizzo di questo tipo di caldaia se esiste ed inoltre poichè ho questa dispersione di calore vorrei acquistare una stufa a pellet per avere un pò di risparmio ed un pò di calore in più. Qualcuno può aiutarmi? grazie!
  • radiante
    Radiante Ricerca discussioni per utente
    Lunedì 2 Gennaio 2006, alle ore 17:55
    Dunque la caldaia a condensazione non serve a riparmiare nulla tanto meno quando la si fa lavorare ad alta temperatura come una normale caldaia,l'unica cosa che puoi fare e vedere se viene dato come accessorio un cronotermostato da abbinare a sonda esterna per mandare la caldaia in modulazione,a questo dovresti aumentare il numero degli elementi dei radiatori il piu possibile,a questo punto la caldaia puo lavorare solo sul fabbisogno reale e non alla max potenza come adesso,importantissimo e l'isolamento della casa se fatta male non ci sono storie che tengono,disperde e la caldaia si accende non rimane che pagare la bolletta.
    rispondi citando
  • mencar
    Mencar Ricerca discussioni per utente
    Lunedì 2 Gennaio 2006, alle ore 18:14
    Grazie x la risposta, ma vorrei chiederti allora come andrebbero utilizzate le caldaie a condensazione se nn come caldaie normali anche ad alte temp? ma la sonda esterna dove la trovo? e dovrei eliminare il termostato ke ho in casa?
    rispondi citando
  • radiante
    Radiante Ricerca discussioni per utente
    Lunedì 2 Gennaio 2006, alle ore 18:30
    Si,eliminare il termostato e mettere quello originale con sonda per la temperatura esterna ma va visto se è disponibile e se tale caldaia è predisposta per queste funzioni.il sito della tata è in costruzione al momento non posso dirti altro
    rispondi citando
  • speleosax
    Speleosax Ricerca discussioni per utente
    Lunedì 2 Gennaio 2006, alle ore 20:59
    Le caldaie a condensazione danno il meglio usandole a bassa temperatura, quindi pannelli radianti a pavimento o parete oppure i battiscopa radianti. Se vuoi mantenere i termosifoni abbassa la temperatura di mandata dell'impianto ad una temperatura che abbini comfort a risparmio: come soluzione di ripiego può andare.
    rispondi citando
  • dendro
    Dendro Ricerca discussioni per utente
    Giovedì 5 Gennaio 2006, alle ore 15:59
    Mi aggancio a quanto dicono radiante e speleosax: l'unica soluzione è quella di abbassare la temperatura dell'acqua (anche solo sul ritorno).
    Lo puoi fare aumentando la superficie dei radiatori e regolando la temperatura di mandata in funzione del carico termico (come suggerisce radiante) valutato almeno in funzione della temperaura esterna: più fa caldo fuori più bassa può essere la temperatura dell'acqua (o, ancora meglio, considerando anche il delta tra temperatura esterna e temperatura interna: minore è questo valore, minore può essere la temp. dell'acqua).
    Se la caldaia non è predisposta puoi comunque intervenire a livello di regolazione esterna: in termini generali inserisci una miscelatrice sulla mandata all'impianto comandata da una centralina climatica che rileva la temperatura esterna; questa ti regola la temperatura di mandata secondo necessità e ti garantisce un ritorno freddo alla caldaia; se il ritorno è sufficientemente freddo la caldaia può lavorare in condensazione.

    saluti
    rispondi citando
  • alessandra_cc
    Alessandra_cc Ricerca discussioni per utente
    Lunedì 21 Dicembre 2009, alle ore 09:27
    Buongiorno,
    mi allaccio alla questione riscaldamento ottimale e caldaia a condesazione ed espongo i miei dubbi:
    pochi mesi fa ho ristrutturato casa: isolato il pavimento, messo i doppi vetri, installata caldaia a condensazione della viessman con sensore esterno, termostato interno e regolazione temperatura termosifoni nella zona notte per meglio ottimizzare i consumi, oltre ad aver messo tutti i termosifoni nuovi (i vecchi erano in ghisa).
    E' venuto il tecnico a "tarare" la caldaia prima dell'inverno e mi ha detto che l'unica cosa che posso toccare nella caldaia è la regolazione della temperatura ambiente della caldaia.
    in questi giorni fa vermente freddo e mi piacerebbe avere almeno 20/20.5°C in casa ma non riesco a raggiungerli e non capisco perché..
    Il termostato è impostato con temperatura notturna sui 18°C e diurna (dalle 6.30 alle 22) con temperatura 21°C (la caldaia ha la temperatura ambiente impostata su 22°C). con queste impostazioni fino alle 12 ho 18°C e alle 21.30 circa riesce finalmente a raggiungere i 19.5°C..perché? io nono vorrei far lavorare nella maniera sbagliata la caldaia e trovarmi una bollettta astronomica e risparmio zero perché la faccio lavorare male.
    è vero che la caldaia ha un'impostazione interna (fatta dal tecnico) che si spegne ad una certa ora di sera? ma se così fosse cosa serve impostare il termostato di notte se la caldaia è spenta e circola acquq fredda nei termosifoni? ho una gran confusione in testa!
    grazie in anticipo per l'aiuto
    rispondi citando
  • radiante
    Radiante Ricerca discussioni per utente
    Lunedì 21 Dicembre 2009, alle ore 11:10
    La caldaia dovrebbe avere anche la possibilita di impostazione curva climatica,questa curva viene impostata per far sapere alla caldaia che a 0° esterno ne voglio 20 interni ,la caldaia calcolera da sola quanto fari consumare per raggiungere i 20° interni quando fuori ce ne sono 0° ,mi sebra strano che non ci sia questa possibilita in quanto tale marca ha panelli eletronici con svariati programmi ,prova a contattare la casa madre e senti cosa ti dicono
    rispondi citando
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img francoli
Salve avrei bisogno di sapere se dopo la prima scadenza di un contratto di locazione (4+4) con rinnovo automatico per i 4 anni a seguire, ad un anno circa dalla scadenza dello...
francoli 05 Gennaio 2007 ore 08:07 3
Img anonymous
Salve a tutti, sono nuovo del forum e volevo esporvi un quesito...sto valutando di comprare un appartamento al 1° piano in un condominio composto dal "mio" appartamento...
anonymous 02 Marzo 2007 ore 12:30 14
Img kito
Salve a tutti,qualcuno sa come si ripartisce correttamente la bolletta dei consumiidrici?C'è qualche software o foglio di calcolo in Excel?Grazie.So che è compito...
kito 12 Giugno 2006 ore 07:41 9
Img lmontuschi
Ciao!ho comprato un appartamento in un condominio composto da :6 appartamenti ... i proprietari sono 5.sotto ci sono 2 negozi di un altro proprietario ...è obbligatorio...
lmontuschi 04 Luglio 2006 ore 13:12 1
Img anonymous
Vivo in un condominio da 3 appartamenti.Nell'interrato sono situati i tre garage.L'area di manovra NON è proprietà comune ma PRIVATA (divisa in tre, con ovvie...
anonymous 03 Maggio 2007 ore 10:05 4
REGISTRATI COME UTENTE
312.506 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE