• progetto
  • cadcasa
  • ristrutturazione
  • caldaia
  • clima
  • forum
  • consulenza
  • preventivi
  • computo
  • mercatino
  • mypage
2012-10-04 10:00:45

Dia scia inquinamento acustico..help


Fxj83
login
01 Ottobre 2012 ore 12:40 6
Ciao a tutti,
devo ristrutturare casa. La ditta su contratto (N.B che non ho ancora firamto)
ha inserito che devo occuparmi io di tutti i provvedimenti-richieste obbligatorie da legge. Per me dovrebbe essere la ditta ad occuparsene per una questione di esperienza in merito, delegare ad una persona che non e` del settore mi sembra gia` una cosa che dovrebbe essere fuori legge.

Devo: rifare bagno, impianti idrici, cucina, impianti gas, imp. elettrico,
pavimenti piastrellare, insomma non sposto muri (allargo solo di un paio di cm una luce porta ampliando un passaggio da sala a corridoio).

QUALI DOCUMENTI MI SERVONO PER ESSERE IN REGOLA E BENEFICIARE DEL BONUS 50% ?

Parto io,
- INQUINAMENTO ACUSTICO (130-150 euro+marche da bollo, furbo il Comune)
- Serve DIA, SCIA o altro? Che cosa devo presentare.
Mi hanno detto che devo farmi lasciare dalla ditta una dichiarazione
che siano apposto con sic. lavoro e contributi, leggo sulla guida Ag. Delle Entrate ai sensi DPR 28 dic. 200 n.45 (condizione necessaria per non perdere le detrazioni). Siccome la guida e` fatta da cani (non spiega i punti importanti), ecco questa dichiarazione va fatta tramite modulo dalla ditta o a fantasia ad esempio? Io alla ditta cosa dovrei dire, compila questo modulo o autecertifica (cosa con precisione?).

Serve altro?

Grazie
  • nabor
    0
    Ricerca discussioni per utente
    Martedì 2 Ottobre 2012, alle ore 21:09
    Buongiorno, ma il direttore dei lavori e/o progettista non è previsto, nel Vs. caso?

  • consulente
    0
    Ricerca discussioni per utente
    Mercoledì 3 Ottobre 2012, alle ore 08:12
    Infatti, se c'è in previsione un intervento di ristrutturazione edilizia, dovrebbe essere il progettista e direttore dei lavori a occuparti sia della parte burocratica (pratica comune) e sia del controllo dell'impresa.

    Per il resto, considerato che oramai alcune figure professionali come i commercialisti sono parte integrante della nostra quotidianità, per certe pratiche e per evitare errori, è consigliabile rivolgersi a loro.

    Il fai-da-te, è opportuno, sopratutto per contenere i costi, ma bisogna avere tutto chiaro, almeno questo è quello che penso io.

  • lollolalla
    0
    Ricerca discussioni per utente
    Mercoledì 3 Ottobre 2012, alle ore 09:26
    Da quanto dici, i tuoi sono lavori di manutenzione ordinaria, quindi niente pratica edilizia, ma comunicazione a tuo nome. Costo dell'operaizone: zero. Quello che mi preoccupa sono il "paio di cm" di allargamento della porta: tutto stò sbattimento per un paio di cm mi pare strano... non è che il paio di cm col passare delle ore aumentano? Se succede cos', allora cambia tutto: pratica edilizia asseverata da tecnico abilitato di certo.
    Poi, indipendentemente dal tipo di lavori, in cantiere avrai sicuramente la presenza di più di due imprese, anche se non contemporanee: in questo caso DEVI nominare un coordinatore della sicurezza e predisporre la notifica all'ASL. Sono sicura che avrai più di due imprese, perché devi fare i lavori specialistici, per cui le imprese devono essere abilitate a rilasciare le certificazioni di conformità, quindi la tua impresa generale subappalterà questi lavori.
    Tu come committente dovrai comunque fare dei controlli e avrai comunque delle responsabilità, alcune non delegabili.

  • nabor
    0
    Ricerca discussioni per utente
    Mercoledì 3 Ottobre 2012, alle ore 13:26
    Mi sembra che gli interventi dei Ns. professionisti tecnici, più che qualificati, abbiano evidenziato la necessità d'avvalersi d'un ausilio, anche come garanzia nei confronti dell'appaltatore.

  • consulente
    0
    Ricerca discussioni per utente
    Giovedì 4 Ottobre 2012, alle ore 08:30
    Colgo l'occasione, infatti, per confermare che la presenza di un professionista sta divenendo oramai necessario anche per lavori che, fino a poco tempo fa, erano curati direttamente dalla proprietà.

    Non è evidentemente solo una questione amministrativa/burocratica, ossia redigere la pratica urbanistica per il comune, bensì di un controllo sulla regolare attività dell'impresa e della applicazione delle norme sulla sicurezza.

    Questa figura, infatti, deve essere vista come una garanzia da parte del committente.

  • nabor
    0
    Ricerca discussioni per utente
    Giovedì 4 Ottobre 2012, alle ore 10:00
    Parole sagge e condivisibili.

Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img bartoli
Cosa deve fare un condomino per installare nel suo garage privato una Wallbox di ricarica della sua auto elettrica? Ho letto che basta mandare un acomunicazione all'amministratore...
bartoli 14 Giugno 2024 ore 00:19 3
Img trasz
Buongiorno a tutti,A breve dovrei andare a vivere in un nuovo appartamento che ho acquistato: trattasi di monolocale che ho intenzione di trasformare in bilocale con la creazione...
trasz 13 Giugno 2024 ore 14:00 5
Img massimiliano damato
Buongiorno.Vorrei creare gli ambienti salone cucina e ingresso funzionali e carini.Visto che la cuina viene spesso utiizzata da mia moglie.Considerando che ho questi ambienti...
massimiliano damato 13 Giugno 2024 ore 13:26 5
Img andrea2024
Ciao a tutti, mi hanno appena montato tre inferriate, secondo voi è normale che tutte le viti che entrano nei tasselli del muro siano in bella vista e senza protezioni?...
andrea2024 13 Giugno 2024 ore 10:24 1
Img p.frigerio
Buonasera, stavo valutando la possibilità di montare sul tetto di casa dei pannelli fotovoltaici, per via del risparmio che possono generare in bolletta. Ho visto che ci...
p.frigerio 12 Giugno 2024 ore 20:37 19
346.938 UTENTI
SERVIZI GRATUITI PER GLI UTENTI
SEI INVECE UN'AZIENDA? REGISTRATI QUI