Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
2006-12-12 12:48:22

Convertire impianto centralizzato in impianto autonomo.


Francescomcenroe
login
11 Dicembre 2006 ore 22:18 2
Domanda: quanto può venire a costare la conversione di un impianto centralizzato in uno autonomo con caldaia centralizzata?
Situazione:
palazzina di fine anni 50 di 6 piani, appartamenti di 120 mq, caldaia centralizzata al piano terra in corrispondenza del vano scale; chi è all'ultimo piano ha sempre freddo mentre chi è nei piani intermedi scoppia di caldo e non si paga proporzionalmente alle necessità;
mi immagino la seguente situazione: si sostituisce la vecchia caldaia centralizzata con una nuova sempre centralizzata; si intercettano i tubi del circuito nel vano scale in corrispondenza dell'ingresso in ogni singolo appartamento; si cerca di rompere il meno possibile e si installa un cronotermostato all'ingresso dell'appartamento che misuri i consumi e dosi le necessità per i radiatori di ogni appartamento; in questo modo ogni circuito interno all'appartamento non viene toccato se non dove entra nell'appartamento stesso.
Che ve ne pare? Ho semplificato troppo la cosa? Cosa ho tralasciato/sottovalutato?
Grazie.
  • radiante
    Radiante Ricerca discussioni per utente
    Lunedì 11 Dicembre 2006, alle ore 22:58
    Potrebbe anche andare bene,devi controllare com'è fatto l'impianto se divisibile o no,se divisibile basta fare un collettore da montare nel locale caldaia ogni appartamento avra il suo circolatore comandato da cronotermostato ogni tubazione di mandata e ritorno di ogni appartamento dovranno essere corredati di contacalorie con la sua centralina di controllo e memorizzazione,al momento dei dividendi ogni appartamento paghera per le calorie consumate,ne caso in cui gli impianti non siano divisibili perche è un vecchio impianto a caduta c'è da rifare tutto nuovo

  • dendro
    Dendro Ricerca discussioni per utente
    Martedì 12 Dicembre 2006, alle ore 12:48
    Nei casi in cui gli impianti degli appartamenti non siano intercettabili, si utilizzano contacalorie da installare direttamente sui radiatori.

Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img fasolonicola
Buonasera a tutti,da circa 7 mesi in seguito ad una ristrutturazione della casa ho fatto eseguire su consiglio dell'impresa edile un cappotto termico in eps 100 lastre da cm...
fasolonicola 09 Aprile 2021 ore 17:41 8
Img cigliano
Salve a tutti,mi chiamo Maria e da poco ho comprato casa pertanto avrei bisogno di un vostro aiuto data la mia totale inesperienza.Di seguito la foto della planimetria con...
cigliano 09 Aprile 2021 ore 11:46 42
Img 64brunica
Buon giorno, il registro della contabilità deve essere presente nel luogo dove viene svolta l'assemblea? Il mandato è obbligato a portarlo? C'è una norma o...
64brunica 06 Aprile 2021 ore 15:48 3
Img lorenzola monica
Salve, desideravo sapere se è incentivabile al 110% (ecobonus) la costruzione di un sottotetto non abitabile. Nella concessione edilizia si legge:si autorizza la...
lorenzola monica 06 Aprile 2021 ore 15:20 5
Img numbor
Ciao a tutti, vi sottopongo una questione che, purtroppo, mi sta rovinando il fegato. Nel 2008 ho acquistato una casetta. Questo immobile: 1) è stato costruito inizio anni...
numbor 04 Aprile 2021 ore 07:46 15
REGISTRATI COME UTENTE
327.821 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
//