Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
2006-11-20 20:46:31

Contro l'umidità ascendente


Signomax
login
20 Aprile 2006 ore 09:41 13
Salve a tutti
secondo voi, oltre al normale impianto di riscaldamento, far passare un ulteriore tubo vicino a tutto il muro perimetrale e vicino alle mura portanti interne, potrebbe asciugare l'umidità quando l'impianto di riscaldamento è acceso (quindi solo di inverno)?
Avevo pensato questa soluzione oltre al classico vespaio.
Grazi ciao
  • ing.minozzi
    Ing.minozzi Ricerca discussioni per utente
    Giovedì 20 Aprile 2006, alle ore 10:47
    L'umidità ascendente, o meglio di risalita capillare, non credo si fermi scaldando un pochino il muro internamente. Al massimi credo si possa aumentare l'evaporazione dell'acqua presente, con conseguente maggior accumulo di sali in superficie e quindi maggior danno.

    L'esperienza mi dice che l'umidità che viene dal terreno va fermata all'origine mediante una barriera, sia essa meccanica (ormai superata), chimica o elettroosmotica. A questa barriera va poi aggiunto un adeguato trattamento per l'asciugatura delle pareti.

    Attualmente dove posso utilizzo l'elettroosmosi per una questione di grande adattabilità, minima invasività e convenienza economica sebbene sia una tecnica "raffinata" ed occorre quindi affadarsi a ditte serie...ma forse è così per qualsiasi cosa.

  • ecocomp
    Ecocomp Ricerca discussioni per utente
    Venerdì 21 Aprile 2006, alle ore 19:36
    Egr. Ing. Mingozzi, L'umidità di risalita per capillarità dal terreno ai muri si contrasta e si elimina anche mantenendo la temperatura del muro a ridosso del terreno ad una temperatura superiore a quella del terreno specie nel periodo invernali, questo riduce la capacità di adesione della moleca di acqua nei capillari dei muri. A Monaco di Baviera esistono edifici antichi che hanno adottato questo sistema da anni con ottimi risultati, migliorando sostanzialmente anche le dispersioni termiche attraverso i muri. Personalmente sconsiglierei di impiegare sistemi chimici o elettrici anche per evitare di portare ulteriori fonti inquinanti nelle abitazioni....non le pare....

  • ing.minozzi
    Ing.minozzi Ricerca discussioni per utente
    Sabato 22 Aprile 2006, alle ore 09:19
    Come già accennavo in un altro topic, i suoi interventi sembrano non poco di parte.

    Comunque nelle tecniche da me citate non c'è nessun tipo di inquinamento, al contrario del "sistema ecotermo" dove c'è un aumento considerevole del consumo energetico (penso per esempio a mantenere riscaldata anche di +5° C la parte esterna di un muro in sasso spesso 60 cm) e quindi dell'inquinamento ambientale.

    Senza parlare poi dell'invasività: di fatto questo sistema diventa inapplicabile in case abitate.

    Ovviamente poi ognuno in casa sua fa quello che crede, ma assolutamente non mi sento di consigliare questo sistema.

  • radiante
    Radiante Ricerca discussioni per utente
    Sabato 22 Aprile 2006, alle ore 17:31
    La casa è in fase di costruzione o in ristrutturazione?
    Cmq se sale umidita dai muri vuol dire che qualcosa è stato fatto male,molto male anzi di piu ,primo trovare da dove e da come sale questo umido poi pensare al tipo di intervento da fare,in una nuova costruzione basta mettere le apposite guaine fra le fondamenta e i muri e il problema non esiste piu,se poi il marciapiede porta dentro acqua basta isolare anche quello poi magari mettere anche uno zoccolo di 50cm a protezione del muro ,quasi scordavo,il vespaio deve essere ben ventilato

  • signomax
    Signomax Ricerca discussioni per utente
    Mercoledì 26 Aprile 2006, alle ore 07:55
    Grazie a tutti per le risposte
    la casa attualmente è in fase di ristrutturazione (in questo momento sto scrostando tutta la casa e sono quasi alla fine), in questi giorni sto scrostando il piano terra che ovviamente è molto umido (dal momento che abito in mezzo alle risaie).

    In questi giorni stavo valutando anche l'elletrosmosi, infatti quando finirò di scrostare e fare gli impianti chiamarò una ditta per preventivo, secondo voi quanto posso spendere per 50 mq (ovviamente una cifra indicativa)?
    oltre alla tecnica di elettrosmosi conviene fare anche il vespaio?
    Ma soprattutto il vespaio deve essere ventilato tramite piccole ventole che funzionano ad intermittenza (ho letto un articolo di una persona che ha applicato delle ventole dei computer e si trova benissimo, dice che senza ventola si formavano ragnatele e sporcizia che ostruivano il passiggio dell'aria) ?

    Ho letto il principio di funzionamento dell'elettrosmosi e sembra molto semplice, e credo che tutte le idee semplice sono sempre le migliori sia dal punto di vista ecnomico che qualitativo.

    Grazie a tutti

  • ing.minozzi
    Ing.minozzi Ricerca discussioni per utente
    Mercoledì 26 Aprile 2006, alle ore 12:15
    Il costo degli impianti elettroosmotici è di circa 100-120 Euro al metro lineare. Dato che questa tecnica (come tutte quelle "antiumidità") contrasta la risalita enl muro, è sempre bene fare anche un vespaio areato.

    Riguardo ai vespai creati con "igloo" o "granchi", che ho sempre ritenuto validissimi, ultimamente sto notando che spesso danno problemi di condensa al pavimento del piano terra se questo non è correttamente isolato termicamente.
    Quasi sempre il problema non è il vespaio in se, ma l'utilizzo e l'isolamento termico della casa, ma questo tipo di vespaio raffredda notevolmente il pavimento se non adeguatamente isolato. Nel caso in cui si faccia un impianto di riscaldamento a pavimento ovviamente il problema non si presenta.

  • bicaro
    Bicaro Ricerca discussioni per utente
    Venerdì 10 Novembre 2006, alle ore 09:02
    Con la mia impresa abbiamo provato un po tutti i sistemi contro l'umidità ascendente.
    Il metodo che ci ha soddisfatto di piu è quello della barriera chimica.
    La ditta che abbiamo interpellato si chiama Dpc italia di milano.
    Hanno anche un sito che spiega molto bene il lavoro che eseguono in caso di umidità da risalita.
    Provi a quardare su www.dpcitalia.it

  • anonymous
    Anonymous Ricerca discussioni per utente
    Venerdì 10 Novembre 2006, alle ore 12:35
    Leggendo i post di questa discussione noto che c'è una certa avversità per il taglio dei muri come risoluzione alla risalita capillare (in particolare da parte dell'ing. minozzi) posso chiedere da cosa deriva tale scetticismo?? che svantaggi ha tale metodo??
    A livello di prezzi il taglio è senza dubbio il più economico... mi hanno preventivato dai 45 ai 60 a metro lineare contro i 100-120 dell'elettrosmosi (citazione dell'ing .minozzi)..

    ciao

  • bicaro
    Bicaro Ricerca discussioni per utente
    Sabato 11 Novembre 2006, alle ore 19:21
    Il taglio dei muri è molto rischioso in zone sismiche.
    procura molto spesso micro-movimenti che influiscono per esempio sugli infissi.
    per i costi............ la barriera chimica costa intorno ai 2 euro al metro lineare e l'azienda che ho citato nel post precedente la garantisce per 20 anni e rilascia una polizza assicurativa per 10.
    Non so cosa sia piu conveniente, come gia detto, quando incontro questo tipo di problematica mi rivolgo a loro e per ora non ho mai avuto problemi.

  • anonymous
    Anonymous Ricerca discussioni per utente
    Domenica 12 Novembre 2006, alle ore 13:23
    2 euro a metro lineare???? sei arcisicuro della cosa o hai sbagliato a scriverlo??
    vuol dire che nella casa che sto restrutturando spenderei 2 euro x 48 m pareti esterni = 96 euro???

    Beh fosse così non avrei dubbi.... ma penso proprio tu abbia sbagliato a scriverlo..

    ciao

  • bicaro
    Bicaro Ricerca discussioni per utente
    Lunedì 13 Novembre 2006, alle ore 17:14
    Si si sono sicuro......ma il metro lineare è un metro per un centimetro.
    quindi devi moltiplicare per lo spessore del muro.
    spero per te che il risultato ti sia favorevole

  • perlasegreta
    Perlasegreta Ricerca discussioni per utente
    Lunedì 20 Novembre 2006, alle ore 08:29
    Scusate a tutti io mi trovo in questa situazione:
    nella tavernetta comincia a vedersi una certa muffa bianca e l'intonaco sta già cadendo per un altezza di 10-15 cm dal battiscopa. la casa l'ho appena comprata e vorrei porre subito rimedio a quel danno come posso fare senza dissanguarmi?

  • anonymous
    Anonymous Ricerca discussioni per utente
    Lunedì 20 Novembre 2006, alle ore 20:46
    I si sono sicuro......ma il metro lineare è un metro per un centimetro.
    quindi devi moltiplicare per lo spessore del muro.
    spero per te che il risultato ti sia favorevole

    direi che è favorevole a metà avendo i muri da 25 cm vado a 50 euri a metro lineare... quindi giusto a metà dei preventivi taglio muri (da 40 a 60).... valutabile quindi a maggior ragione se il taglio crea i problemi su esposti da bicaro

    scusate a tutti io mi trovo in questa situazione:
    nella tavernetta comincia a vedersi una certa muffa bianca e l'intonaco sta già cadendo per un altezza di 10-15 cm dal battiscopa. la casa l'ho appena comprata e vorrei porre subito rimedio a quel danno come posso fare senza dissanguarmi?

    se la casa è nuova rivolgiti immediatamente all'impresa che DEVE risolvere il problema..... se hai comprato una casa non nuova e non eri stato messo a conoscenza della cosa.... telefona rispettosamente all'ex proprietario e sfogati un pochino (probabilmente potresti andare per vie legali)... comunque ci sono interventi economici ma che non risolvono comunque il problema alla base..... lascio ai più esperti l'enunciazione delle tipologie

    ciao

Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img misssmara
Buongiorno,mi chiamo Mara, sto valutando l'acquisto di una casa in un contesto di corte.La mappa catastale indica la parte di cortile antistante la casa in questione come AREA DI...
misssmara 13 Maggio 2021 ore 11:20 2
Img robi77
Nel mio terreno di proprietà (guaio) si è verificata una frana, a 5-40 mt dalla casa di residenza. - Sapete se posso fruire di detrazioni o sconto in fattura per...
robi77 13 Maggio 2021 ore 02:22 2
Img raffaella pacini
Buonasera,avrei bisogno di info riguardo all'installazione di un nuovo impianto di riscaldamento in una casa nel centro storico, per ora ho soltanto una stufa a legna e un...
raffaella pacini 12 Maggio 2021 ore 23:57 2
Img grazianomercante
Buongiorno, vorrei sostituire la mia caldaia con una pompa di calore, probabilmente ibrida, utilizzando le agevolazioni proposte dal decreto "Superbonus 110%". Vorrei sapere se il...
grazianomercante 12 Maggio 2021 ore 19:02 8
Img aldo56a
Buongiorno,cortesemente, vorrei chiedere se, per usufruire del bonus ristrutturazioni 50% per il rifacimento di una facciata sia necessario rispettare determinati requisiti...
aldo56a 12 Maggio 2021 ore 18:40 2
REGISTRATI COME UTENTE
329.136 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
//