Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Caminetto ventilazione forzata o naturale?


Fog
login
17 Febbraio 2006 ore 12:02 16
Sono in procinto di installare nel mio vecchio focolare aperto un nuovo inserto e non ho ancora deciso se optare per la ventilazione forzata (che usano praticamente tutti i più noti fabbricanti) oppure per quella naturale (che solo le case meno note alle "masse" adottano = i norvegesi non ne vogliono sentir parlare di ventole e là fa ben freddo!).
Il mio cruccio è: temo, acquistando un caminetto senza ventole, che per avere un po' di calore debba rimanere acceso 24 ore al giorno, cosa che mi è impossibile fare
D'altra parte anche l'aria sparata dalle ventole butta calore che per dilatazione fuori dal camino si raffredda rapidamente....
Qualcuno ha consigli da darmi (se qualcuno li ha provati entrambi tanto meglio)?

Grazie a tutti.
  • radiante
    Radiante Ricerca discussioni per utente
    Venerdì 17 Febbraio 2006, alle ore 12:19
    Ma l'attuale camino in che stato è? funziona bene?
    rispondi citando
  • fog
    Fog Ricerca discussioni per utente
    Venerdì 17 Febbraio 2006, alle ore 12:32
    Sono in fase di ristrutturazione e ora come ora è più in buco nel muro con canna fumaria in mattoni (da intubare)
    rispondi citando
  • jj
    Jj Ricerca discussioni per utente
    Venerdì 17 Febbraio 2006, alle ore 13:38
    Questo argomento mi interessa parecchio, anche io sto girando un po per farmi un'idea, per non rifare tutto il camino comprerò soltanto la cassetta da inserire nella bocca e i relativi tubbi per le bocchette d'aria.
    Li ho visto montato in due case e sono rimasta sorpresa dal confort che danno, entrambi erano a ventilazione forzata e riuscivano a scaldare tutto l'ambiente, sinceramente non ti so dire nulla su quello a ventilazione naturale, ad intuito credo che il calore sia più omogeneo e costante, ma che per ottenere questo risultato i tempi siano molto lunghi, cosa che non mi potrei permettere.
    rispondi citando
  • jj
    Jj Ricerca discussioni per utente
    Venerdì 17 Febbraio 2006, alle ore 16:33
    Ciao Min,
    posso sapere la potenza del tuo caminetto e i mq che riesci a scaldare?
    Giusto per sapere se quelle indicate corrispondono a verità oppure devo tenermi un pò larga con le Kcal.
    Visto che anche io vorrei portare le bocchette sino in bagno e in camera, mi chiedevo se effettivamente l'aria arriva calda oppure il calore si disperde lungo il tragitto.
    Grazie per le tue preziosissime informazioni...
    Ciao
    rispondi citando
  • jj
    Jj Ricerca discussioni per utente
    Venerdì 17 Febbraio 2006, alle ore 16:52
    Accidenti Min,
    mi sto sentondo male solo a pensarlo di dormire con la finestra aperta, ma come faiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii
    io sono il tuo esatto contrario, comunque hai ragione sulla camera da letto grazie per averlo precisato, per questa posso anche usare il riscaldamento a gas, il problema più grande è proprio la zona giorno se riesco a scaldarla solo con il camino ho già risparmiato circa il 70% di gas.
    Grazie ancora
    rispondi citando
  • magikal
    Magikal Ricerca discussioni per utente
    Lunedì 20 Febbraio 2006, alle ore 11:14
    Mi permetto di aggiungere qualche valutazione personale: scaldo casa mia di 65 mq con il solo caminetto, non ho altro impianto... un po' di competenza in materia ce l'ho.

    Ho avuto due camini, il primo aperto senza canalizzazioni (quando la casa era utilizzata come seconda casa) e uno chiuso, con ventole in cucina e in camera.

    Lo scambio di calore è ottimo con le canalizzazioni; non c'è rischio di disperdere calore in base alla lunghezza in quanto "da qualche parte il caldo va", anche se ti scalda la muratura in cui passa sono sempre calorie che restano in casa.

    Polvere: nel mio non ho assolutamente uscita di polvere dalle canalizzazioni dell'aria. C'è parecchia polvere sui mobili della stanza dove è collocato il camino ma nelle altre stanze no.

    Regola fondamentale, sperimentata di persona: fai montare il camino e le tubazioni da tecnici del negozio dove compri il camino (io ho un Edilkamin e sono venuti due tecnici da 200 km di distanza ad installarmelo... lavoro perfetto). Se provvedi con soluzioni fai da te o con il muratore di fiducia finisce che il camino fa fumo o non è installato correttamente, inizia il rimpallo di responsabilità tra negozio (il camino è stato montato male, non si è rispettato questo e quello) e l'installatore (il camino è difettoso, "quello di mio cugino funziona bene, questo no") e via di seguito.

    Dimensioni camino: più grande è meglio è. Al massimo lo fai girare basso ma non è mai troppo.

    Per il resto è un caldo eccezionale, poi il fuoco ha un fascino particolare... a volte ti sostituisce il televisore....

    Buona fortuna.
    rispondi citando
  • tartarugae
    Tartarugae Ricerca discussioni per utente
    Lunedì 20 Febbraio 2006, alle ore 13:46
    Ciao posso sapere se il rivestimento l'hai preso alla edilkamin o l'hai fatto fare? Quanto ti è costato della edilkamin?
    rispondi citando
  • magikal
    Magikal Ricerca discussioni per utente
    Martedì 21 Febbraio 2006, alle ore 07:35
    Ciao posso sapere se il rivestimento l'hai preso alla edilkamin o l'hai fatto fare? Quanto ti è costato della edilkamin?

    Ho un rivestimento in muratura con spalline di mattoni pieni, trave in castagno e pareti a salire in mattoni sp. 8. In caso di interventi sul camino (come quando l'ho sostituito) si spacca la parete frontale in mattoni da 8 e si opera da lì. I rivestimenti sono certo più comodi in caso di manutenzioni ma in genere sono più costosi delle opere murarie.

    Riguardo la ventilazione, ho un conoscente che ha trovato dei camini a ventilazione forzata ma senza motori che spingono l'aria, ottengono il soffio mediante un sistema che sfrutta il principio Venturi. Mi ha assicurato che la rumorosità è veramente bassa (con i camini a motore le ventole danno un po' fastidio, soprattutto se vivi molto nella stanza del camino - se leggi lì davanti fa da ninna-nanna istantanea...). Purtroppo non ti so dare riferimenti su marche o prodotti ma si dovrebbero trovare in rete.

    Ciao.
    rispondi citando
  • tartarugae
    Tartarugae Ricerca discussioni per utente
    Martedì 21 Febbraio 2006, alle ore 08:11
    Grazie dei suggerimenti, il mio problema infatti è che al di là del monoblocco stesso non sono riuscita a trovare un rivestimento che mi convincesse appieno (e comunque non è che i costi siano bassissimi... ai miei genitori un camino palazzetti con installazione è costato 8mila eurosss...), quindi preso il monoblocco in sè non ho idea di dove andare per farmi fare un rivestimento come piace a me...
    rispondi citando
  • fog
    Fog Ricerca discussioni per utente
    Martedì 21 Febbraio 2006, alle ore 12:41
    Grazie a tutti per le vs impressioni.
    Purtroppo nessuno ha menzionato la ventilazione naturale, anche se da amici mi è stata consigliata (ma loro il camino lo tengono acceso per 24 ore al giorno!! Io non potrei farlo).
    Voglio riscaldare un salone e in parte la cucina per cui non faccio canalizzazioni per altre camere.
    Anch'io credo che la ventilazione porti vantaggi in termini di tempo ma è poi così diversa "l'attesa"? E poi non avrei rumore ventole, manutenzione ventole, polvere in giro, consumo corrente (anche se minimo)....
    Mi hanno consigliato Jotul, norvegese, Fondis e Deville francesi... ma sono ancora al passo precedente: vent o no vent????

    Grazie ancora a chi potrà aiutarmi
    rispondi citando
  • robbys
    Robbys Ricerca discussioni per utente
    Giovedì 23 Febbraio 2006, alle ore 14:39
    Salve sono nuovo nel forum e chiedo cortesemente aiuto

    Ho acquistato una casa nella quale vi è un camino di circa 20 anni, di dimensioni monto gradi, la bocca è larga cm 120 alta 75 e profonda 70 tutto aperto e non scalda molto
    Ho consultato un rivenditore che mi ha propsto di inserire l'inserto di cui in oggetto smantellando solo la cappa sopra e inserndolo all'interno lasciando intatta la struttura estena .
    Ora visto che si tratta di una macchina di 350 Kg tutta in ghisa con una porenza massima di 30.000 W riuscirà a riscaldare un ambiente tutto aperto di circa 120 metri
    Oppure mi consigliate di smatellare tutto (in realtà l'attuale camino non mi convince molto perché è troppo mastodontico) ed installare qun prodotto diverso
    rispondi citando
  • magikal
    Magikal Ricerca discussioni per utente
    Venerdì 24 Febbraio 2006, alle ore 09:28
    Non conosco i dettagli del camino che hai scelto (è a ventilazione forzata? canalizzabile?).

    La potenza è notevole ed i W sono più che sufficienti per scaldare i tuoi 120 mq. Occorre considerare che livello di confort vuoi dall'ambiente - dipende dalla destinazione d'uso dello stesso; è chiaro che avrai una certa "zonizzazione" del calore, con l'area circostante il camino generalmente più calda che il resto della superficie.
    Discorso diverso è se inserisci delle canalizzazioni per il camino che diffondono maggiormente l'aria, purchè dotato di ventole.

    Io ho fatto lo stesso tuo lavoro 3 anni fa - sostituzione del vecchio camino aperto con altro chiuso e ventilato, sono molto soddisfatto. Cosa importantissima, visto che devi mettere mano alle murature, controlla la canna fumaria esistente e se hai le dimensioni, inserisci all'interno un nuovo tubo in INOX che ti garantisce parecchi altri anni di funzionamento regolare.

    Spero di esserti stato utile.

    Ciao
    rispondi citando
  • maxtullio77
    Maxtullio77 Ricerca discussioni per utente
    Venerdì 5 Maggio 2006, alle ore 22:15
    Ciao,
    io intendo x stufacamino un caminetto ma senza ventole.
    Io ho installato 7 camini della marca Jotul e sono soddisfattissimo.
    Sei anni fa era veramente una spanna rispetto alle altre aziende, cmq investe molto in nuovi modelli innovativi, con garanzia d qualità dei materiali, facilità di utilizzo e bassi consumi.
    -le ventole x me son solo fastidi, ho anke dei condotti di 2m in orizzontali ke funzionano benissimo senza ventole
    -si ha una maggiore percentuale di calore radiante
    -diffusione del calore + omogenea
    -funzionamento continuo autonomia di 8-9 ore
    -x spendere d meno si possono scegliere i modelli a battente
    ciao
    rispondi citando
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img anonymous
Salve a tutti, sono nuovo del forum e volevo esporvi un quesito...sto valutando di comprare un appartamento al 1° piano in un condominio composto dal "mio" appartamento...
anonymous 02 Marzo 2007 ore 12:30 14
Img francoli
Salve avrei bisogno di sapere se dopo la prima scadenza di un contratto di locazione (4+4) con rinnovo automatico per i 4 anni a seguire, ad un anno circa dalla scadenza dello...
francoli 05 Gennaio 2007 ore 08:07 3
Img lmontuschi
Ciao!ho comprato un appartamento in un condominio composto da :6 appartamenti ... i proprietari sono 5.sotto ci sono 2 negozi di un altro proprietario ...è obbligatorio...
lmontuschi 04 Luglio 2006 ore 13:12 1
Img kito
Salve a tutti,qualcuno sa come si ripartisce correttamente la bolletta dei consumiidrici?C'è qualche software o foglio di calcolo in Excel?Grazie.So che è compito...
kito 12 Giugno 2006 ore 07:41 9
Img anonymous
Vivo in un condominio da 3 appartamenti.Nell'interrato sono situati i tre garage.L'area di manovra NON è proprietà comune ma PRIVATA (divisa in tre, con ovvie...
anonymous 03 Maggio 2007 ore 10:05 4
REGISTRATI COME UTENTE
311.067 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE