Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
2006-08-31 21:33:02

Caertificazioni di legge


Solver99
login
28 Agosto 2006 ore 12:49 24
Ciao

oggi ho chiamato l'idraulico dopo i lavori di ristrutturazione dell'appartamento che ho acquistato perche mi sono accorto che sulla certificazione che mi ha rilasciato ha indicato solo la caldaia e l'impianto gas quando io mi sarei aspettato anche la certificazione dell'impianto idraulico.

Lui mi ha detto che non serve perche non ci sono leggi in merito agli impianti idraulici.

corrisponde al vero o devo insistere?
grazie
giorgio
  • hydro-check
    Hydro-check Ricerca discussioni per utente
    Lunedì 28 Agosto 2006, alle ore 15:24
    Insisti....poi cmq se hai chiesto i permessi al comune prima o poi loro le richiederanno.

  • solver99
    Solver99 Ricerca discussioni per utente
    Lunedì 28 Agosto 2006, alle ore 17:20
    Non ho richiesto permessi al comune per questa ristrutturazione


    vorrei sapere se per legge esiste anche la certificazione idraulica o è facoltativa

    grazie ancora

  • hydro-check
    Hydro-check Ricerca discussioni per utente
    Lunedì 28 Agosto 2006, alle ore 17:29
    Si è per legge anche la certificazione dell'impianto idraulico cmq il primo ad essere in torto sei tu che non hai dato comunicazione al comune dei lavori...SALUTI legge 46/90

  • anonimo
    Anonimo Ricerca discussioni per utente
    Lunedì 28 Agosto 2006, alle ore 21:59
    Salve solver99

    si devi insistere e farti rilasciare la dichiarazione di conformità anche per l'impianto idraulico che è obbligatoria esattamente come per l'impianto del gas, se l'installatore continua a far finta di non sapere che anche l'impianto idraulico fa parte della legge 46/90 digli che lo farai presente alla camera di commercio e artigianato, è questo l'ufficio che si occupa dei mancati rilasci delle dichiarazioni di conformità, saranno loro dietro tua richiesta ad intimargli il rilascio dell certificato, pena la sospensione dell'abilitazione.
    Tutto questo indipendentemente dal fatto che i lavori che hai eseguito per la ristrutturazione richiedevano o meno la presentazione delli DIA dichiarazione di inizio lavori al comune.
    saluti

  • hydro-check
    Hydro-check Ricerca discussioni per utente
    Martedì 29 Agosto 2006, alle ore 06:38
    Tutto questo indipendentemente dal fatto che i lavori che hai eseguito per la ristrutturazione richiedevano o meno la presentazione delli DIA dichiarazione di inizio lavori al comune.
    saluti



    Io ti ho scritto della DIA, perché sè al comune arriva le certificazioni dei lavori tu verrai sanzionato inquanto essi attestano che l'hai eseguiti senza permessi....fai tu.... SALUTI

  • solver99
    Solver99 Ricerca discussioni per utente
    Martedì 29 Agosto 2006, alle ore 08:32
    Tutto questo indipendentemente dal fatto che i lavori che hai eseguito per la ristrutturazione richiedevano o meno la presentazione delli DIA dichiarazione di inizio lavori al comune.
    saluti



    Io ti ho scritto della DIA, perché sè al comune arriva le certificazioni dei lavori tu verrai sanzionato inquanto essi attestano che l'hai eseguiti senza permessi....fai tu.... SALUTI

    immagino che la certificazione al comune non arriva se non la mando io o sbaglio?

  • anonimo
    Anonimo Ricerca discussioni per utente
    Martedì 29 Agosto 2006, alle ore 10:14
    La legge che si occupa delle dichiarazioni di conformità dice che la copia per il comune la deve inviare l'installatore se e solo se l'abitazione ha già l'abitabilità o l'agibilità che però dovrebbe essere riportata su un certificato e non solo nominale cioè presumere che ci sia l'abitabilità solo perché lo si è sentito dire da qualcuno, se invece il certificato di abitabilità non c'è l'invio della copia del comune della dichiarazione deve essere fatta a cura del committente. Questo è quello che dice la 46/90 altra cosa è ciò che fanno gli installatori che di solito si regolano così o le spediscono tutte loro o le lasciano tutte al committente in barba alla legge.
    Per la DIA invece almeno quì a roma viene richiesta sclusivamente per i lavori di manutenzione straordinaria che comportino anche una minima variazione della planimetria catastale o una qualsiasi variazione sull'impianto termico,
    mentre non è richiesta per lavori di ordinaria manutenzione e per esempio "sempre quì a roma" la mera sostituzione dell'impianto idraulico, quindi carico e scarico, del bagno rientra come manutenzione ordinaria

    saluti

  • anto_pappa
    Anto_pappa Ricerca discussioni per utente
    Martedì 29 Agosto 2006, alle ore 10:24
    Io ho sentito dire che per ristrutturazioni che non comportano variazioni nella planimetria basta presentare dei moduli in comune (dovrebbe essere la certificazione di inizio lavoro) che non è a pagamento. per la certificazione vedi te

  • solver99
    Solver99 Ricerca discussioni per utente
    Martedì 29 Agosto 2006, alle ore 14:40
    Infatti secondo me la DIA serve solo per opere di ristrutturazione straordinaria (es. abbattimento di muri ) che comportano variazione dei dati catastali o di planimentria

    cambiare una tapparella o rifare il pavimento secondo me non necessita di DIA

    -*

    per la certificazione lo ridico all'idraulico , non capisco come mai non me la ha rilasciata insieme all'altra


    ma a lui costa qualcosa la certificazione?

    -*
    ps. di quella della caldaia e impianto a gas bne ho io 2 copie , una per me e una per societa che lo richiedessero (es. societa del gas)

    è giusto?

  • anonimo
    Anonimo Ricerca discussioni per utente
    Martedì 29 Agosto 2006, alle ore 15:18
    Infatti secondo me la DIA serve solo per opere di ristrutturazione straordinaria (es. abbattimento di muri ) che comportano variazione dei dati catastali o di planimentria

    cambiare una tapparella o rifare il pavimento secondo me non necessita di DIA

    -*

    per la certificazione lo ridico all'idraulico , non capisco come mai non me la ha rilasciata insieme all'altra


    ma a lui costa qualcosa la certificazione?

    -*
    ps. di quella della caldaia e impianto a gas bne ho io 2 copie , una per me e una per societa che lo richiedessero (es. societa del gas)

    è giusto?

    tienile strette insieme agli allegati obbloigatori a quella certificazione se li hai se non li hai chiedi all'idraulico anche quelli altrimenti la dichiarazione che hai in mano vale quanto un assegno senza firma.
    Il costo della certificazione è pari al costo della carta su cui è scritta diciamo 20 cent compresa la carta per gli allegati, cosa diversa invece è il valore che ha per te, ti da la garanzia di un lavoro fatto a norma di legge, la garanzia che chi ti ha fatto il lavoro lo sapeva fare, la garanzia vera e propria sui materiali installati e sulla posa in opera, la certezza che nei prossimi 20 anni non ci devi più rimettere le mani sull'impianto certificato, e quando lo dovrai fare saprai come dal disegno (uno degli allegati obbligatori) senza sventrare tutto il bagno per una piccola giunzione che perde. Uno dei motivi ricorrenti per cui non rilasciano le dichiarazioni per gli impianti idraulici è per la responsabilità postuma dei danni causati, senza dichiarazione non potete dimostrare chi vi ha fatto il lavoro e siete in difetto di legge perché avete affidato i lavori a chi non era abilitato quando invece il lavoro lo avete pagato come uno fatto bene con le garanzie di cui sopra.
    saluti

  • solver99
    Solver99 Ricerca discussioni per utente
    Martedì 29 Agosto 2006, alle ore 15:24
    Quali sono gli allegati obbligatori per l'impianto termico ?

    la sola sostituzione della caldaia e impianto gas significa che questa dichiarazione è quella dell'impianto termico anche se i termofisoni non sono stati toccati?

    di questa va data copia in comune a quale ufficio?

    quali sono gli allegati obbligatori per l'impianto idrico.sanitario?

  • solver99
    Solver99 Ricerca discussioni per utente
    Martedì 29 Agosto 2006, alle ore 15:42
    La dichiarazione che ho dice:


    installazione caldaia PINCO PALLO e manutenzione impanto gas

    l'unico allegato obbligatoriio vistato e che ho è la copia del certiticato di riconoscimento dei reuisiti dell'idraulico

    che dite?

  • anonimo
    Anonimo Ricerca discussioni per utente
    Martedì 29 Agosto 2006, alle ore 15:53
    Quali sono gli allegati obbligatori per l'impianto termico ?

    la sola sostituzione della caldaia e impianto gas significa che questa dichiarazione è quella dell'impianto termico anche se i termofisoni non sono stati toccati?

    di questa va data copia in comune a quale ufficio?

    quali sono gli allegati obbligatori per l'impianto idrico.sanitario?

    no la caldaia e l'impianto del gas fanno parte dell'impianto di utenza del gas
    dell'impianto termico invece fanno parte la caldaia, l'impianto di distribuzione dell'acqua ai radiatori e i radiatori stessi
    come per l'impianto idrico così come per gli altri impianti, gli allegati obbligatori sono:
    1) copia dei requisiti tecnico professionali dell'installatore che ha eseguito i lavori (certificato camerale)
    2) tipologia dei materiali installati (tubi,rubinetti,valvole, ecc.) qualità, quantità e tipo
    3) disegno dell'impianto così come è stato realizzato (dove passano i tubi e gli accessori all'interno dei muri)
    4) prova di tenuta e/o collaudo dell'impianto realizzato

    gli allegati obbligatori servono a te non al comune e completano la tua copia della dichiarazione,
    la dichiarazione prevede espressamente una copia per il comune che tu non hai perché se l'è tenuta l'idraulico tu dovresti avere la copia committente e la copia per altri usi , ma ricorda la copia al comune ci va solo se tu hai già il certificato di agibilità/abitabilità altrimenti, soprattutto la copia della dichiarazione dell'impianto di utenza del gas insieme alla copia della dichiarazione dell'impianto elettrico, al comune "barattale" per il certificato di abitabilità ma subito prima che le tue dichiarazioni una volta consegnate al comune si possano perdere negli uffici competenti, dei quali ogni comune hai i suoi che di solito non sanno neanche loro quali sono (questo nel centro-sud)
    saluti

  • solver99
    Solver99 Ricerca discussioni per utente
    Martedì 29 Agosto 2006, alle ore 17:19
    Quindi il certificato che ho riguarda il gas ma manca di alcuni allegati

    l'idraulico mi dovrebbe rilasciare quella idrico sanitaria dato che ha fatto tutto lui con gli allegati vari

    mi manca poi la certifcazione dell'impianto termico (anche i termofisoni non li ho toccati) e quella elettrica con i relativi allegati


    aggiornamento mentre scrivo il post: mi ha detto l'idraulico che mi aggiunge la certificazioen mancante e gli allegati ...domani viene qui poi vi aggiorno

  • solver99
    Solver99 Ricerca discussioni per utente
    Martedì 29 Agosto 2006, alle ore 17:20
    Quindi il certificato che ho riguarda il gas ma manca di alcuni allegati

    l'idraulico mi dovrebbe rilasciare quella idrico sanitaria dato che ha fatto tutto lui con gli allegati vari

    mi manca poi la certifcazione dell'impianto termico (anche i termosifoni non li ho toccati) e quella elettrica con i relativi allegati


    aggiornamento mentre scrivo il post: mi ha detto l'idraulico che mi aggiunge la certificazioen mancante e gli allegati ...domani viene qui poi vi aggiorno

  • solver99
    Solver99 Ricerca discussioni per utente
    Martedì 29 Agosto 2006, alle ore 17:22
    A cosa serve il certificato di abitabilità?

  • hydro-check
    Hydro-check Ricerca discussioni per utente
    Mercoledì 30 Agosto 2006, alle ore 10:52
    Quì da noi e penso proprio in tutta italia, (è solo il comune che le fà o non le fà rispettare) per installare un climatizzatore o un pannello solare serve la DIA pena denuncia per abuso edilizio..... serve la DIA per rifacimento di qualsiasi impianto e dopo il comune richiede le certificazioni....se le certificazioni della ditta arrivano in comune e il cliente non ha fatto nulla....sono sanzioni...saluti

  • solver99
    Solver99 Ricerca discussioni per utente
    Mercoledì 30 Agosto 2006, alle ore 10:59
    Mi scuso con Hydro anche qui serviva la DIA , me lo ha confermato l'idraulico che oggi è tornato.solo che non sapendolo e non essendo stato informato non la ho richiesta..

    per le certificazioni mi ha aggiunto a quella esistente anche la parte impianto idrico sanitario

    l'unica cosa che come allegato oltre a certificato all'abilitaione mi aggiunge solo il disegno dell'impianto del gas su modulo apposito, per impianto iderico mi dice che non serve

  • anonimo
    Anonimo Ricerca discussioni per utente
    Mercoledì 30 Agosto 2006, alle ore 14:33
    X solver99
    l'idraulico dice di no la legge dice di si vedi tu, io ti ho già spiegato che sono obbligatori e quindi è obbligatorio e non facoltativo rilasciarli e oltre a questo ti serviranno in futuro

    x Hydro-check
    solo per curiosità mia personale
    è chiaro che l'installazione di un pannello solare o di un climatizzatore
    necessita della DIA perché se ne occupa la legge 10 (risparmio energetico), così come per le variazioni strutturali o in quei comuni dove VIENE fatto rispettare l'impatto ambientale.
    Ma per i lavori di intervento in manutenzione ordinaria su un impianto che non sia termico o correlato dove non si interviene nella modifica ma solo nel ripristino dell'impianto così come era già esistente, a livorno chiedono la dia anche per quello? perché se così fosse avete la fortuna ( a differenza nostra) di non dover attendere l'attuazione del decreto Bersani sul contenimento del lavoro nero, lì ogni martellata in un appartamento è un campanello d'allarme per i vigili. Noi sono anni che ci stiamo battendo per questo ma il comune ancora ci risponde a "picche"
    Quì poi c'è un altro problema che fa gioco al comune ed è quello della copia per il comune della dichiarazione, nel senso che chi non è abilitato non la fa ed il comune quindi non sa niente, ma anche chi è abilitato che quindi la dichiarazione la fa, se poi però come dice la legge 46/90, il committente non "gli dimostra che" ha l'abitabilità o l'agibilità, la copia per il comune la lascia al committente e li rimane, ed il comune continua a non sapere nulla e così i dopolavoristi impazzano e si ingrassano a scapito dei professionisti e a danno dei committenti.
    saluti

  • hydro-check
    Hydro-check Ricerca discussioni per utente
    Mercoledì 30 Agosto 2006, alle ore 14:42
    Non servono le scuse....ho piacere solo che hai verificato e riportato sul forum ciò che altri quasi smentiscono....poi non è per far ammattire il tuo idraulico e te ma.....

    Una domanda ??? Ma l'impianto di riscaldamento (Tubazioni) è stato modificato ???

    Sè l'hai modificato allora ti chiedo??? l'hai fatto fare il progetto (secondo legge 10/91) ???

    Sè l'hai fatto deve essere vidimato in comune in due copie, una poi ti viene restituita ed una rimane in archivio....ma se non hai fatto la DIA.....non puoi neppure denciare l'impianto....

    Se hai installato una semplice caldaia vedi la potenzialità della targhetta (portata termica nominale massima) e sommala alla potenzialità del piano cottura non devi superare 30.000kcal o 34890Kw...se hai 5fuochi come ora và di moda non serve fare il conto... sei sopra le potenzialità e quindi ti chiedo hai fatto il progetto della tubazione del gas ????

    Riguardo al disegno o meglio allo schema di impianto è previsto in assenza di progetto quando il progetto non è richiesto....sulla dichiarazione di conformità e specificato nella legenda alla voce(6)....

    E' anche vero che oggi costa più di tempo fare l'offerte, vedere i lavori, parlare e riparlare con i clienti, fare tutte le certificazioni (che dopo due mesi vengono perse) che fare il lavoro....

    E' ANCHE VERO CHE SE' LE REGOLE SONO QUESTE TUTTI LE DEBBONO RISPETTARE....

    P.S I PROGETTI SONO A CARICO E COMPITO DEL COMMITTENTE E' ANCHE VERO CHE QUEL POVERO DIAVOLO D'IDRAULICO NON TI DOVEVA FARE L'IMPIANTO....

    SALUTI

  • hydro-check
    Hydro-check Ricerca discussioni per utente
    Mercoledì 30 Agosto 2006, alle ore 15:15
    X CRISTOF

    quì i vigili li chiamano direttamente i vicini..... e rifare un impianto idraulico non rientra nel ripristino mà nella modifica...

    io riporto la nostra situazione.....

    SALUTI

  • solver99
    Solver99 Ricerca discussioni per utente
    Mercoledì 30 Agosto 2006, alle ore 17:21
    [quote="Hydro-Check"

    Una domanda ??? Ma l'impianto di riscaldamento (Tubazioni) è stato modificato ???

    Sè l'hai modificato allora ti chiedo??? l'hai fatto fare il progetto (secondo legge 10/91) ???

    Sè l'hai fatto deve essere vidimato in comune in due copie, una poi ti viene restituita ed una rimane in archivio....ma se non hai fatto la DIA.....non puoi neppure denciare l'impianto....

    Se hai installato una semplice caldaia vedi la potenzialità della targhetta (portata termica nominale massima) e sommala alla potenzialità del piano cottura non devi superare 30.000kcal o 34890Kw...se hai 5fuochi come ora và di moda non serve fare il conto... sei sopra le potenzialità e quindi ti chiedo hai fatto il progetto della tubazione del gas ????

    Riguardo al disegno o meglio allo schema di impianto è previsto in assenza di progetto quando il progetto non è richiesto....sulla dichiarazione di conformità e specificato nella legenda alla voce(6)....


    cerco di risponderti cosi posso capire meglio

    l'impianto di riscaldamento non lo ho toccato, solo la caldaia è stata sostituita

    posso secondo te comunque avere la certifificazione dell'impianto termico?

    la caldaia ha potenza massima di 23,60kw in modalita riscaldamento ed ho 5 fuochi sul gas
    serviva il progetto o basta il disegno come ho chiesto io?

    --*
    l'altro allegato dei tipi materiali deve darmelo per forza?

    -*
    quindi anche per impianto idro sanitario mi deve dare questi altri due allegati (disegno e tipi materiali) ?

    ciao

  • solver99
    Solver99 Ricerca discussioni per utente
    Mercoledì 30 Agosto 2006, alle ore 17:25
    X solver99
    l'idraulico dice di no la legge dice di si vedi tu, io ti ho già spiegato che sono obbligatori e quindi è obbligatorio e non facoltativo rilasciarli e oltre a questo ti serviranno in futuro

    xsaluti

    giusto per la cronaca vero che queste certificazioni durano 10 anni poi vanno rifatte comunque?

  • anonimo
    Anonimo Ricerca discussioni per utente
    Giovedì 31 Agosto 2006, alle ore 21:33
    Per hidro-check
    grazie!

    per solver99

    quello che va rifatto al più tardi dopo dieci anni, se non esistono prescrizioni di chi ha realizzato l'impianto, almeno per quello del gas, è la verifica della tenuta dell'impianto, che ovviamente chi la eseguirà ( la prova di tenuta) la dovrà certificare, ma è un'altro tipo di certificazione, che poi verrà allegata ai documenti che già hai.
    La dichiarazione di conformità, invece è (per farti capire) l'equivalente del libretto di circolazione dell'automobile che non scade dopo 10 anni ma rimane valida fino a quando l'impianto non cesserà di esistere OPPURE non subentri qualche modifica, ma anche in quest'ultimo caso quando verrà redatta la nuova dichiarazione (sempre con gli allegati obbligatori) la "vecchia dichiarazione" che dovrà essere citata nella nuova dovrà PEMPRE rimanere insieme a quella nuova. Altra cosa sono le validità temporali della garanzia, dei fini fiscali e amministrativi per la ditta che l'ha rilasciata che hanno una scadenza, ma il committente, anche dopo trent'anni, la dichiarazione di conformità la deve avere perché (oltre a dimostrare che quando è stato fatto l'impianto è stata fatta anche la certificazione) è l'unico atto che ha validità ai fini legali per stabilire in caso di sinistro di chi è la responsabilità, dell'installatore perché la dichiarazione non è conforme all'impianto realizzato o del committente perché non ha fatto eseguire le regolari manutenzioni previste. MA DATO CHE il committente di solito è uno di quegli "attori" che usano l'impianto del gas "a qualsiasi titolo" e che ne rispondono in solido ed illimitatamente, ti consiglio di tenerti stretta quella dichiarazione e non solo per 10 o 20 anni ( cosa che se è intelligente dovrebbe fare anche l'installatore).
    saluti

Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img saltafoss
Buongiorno, non ho trovato riferimenti sull'argomento che sto per esporvi cosi eccomi con quetsa domanda: nel 2019 ho acquistato un appartamento, interessante per molti motivi tra...
saltafoss 05 Giugno 2022 ore 17:14 9
Img micheleperna
Buonasera.A seguito di lavori di rifacimento impianto elettrico con CILA, la ditta installatrice ha rilasciato la dichiarazione di conformità da consegnare allo Sportello...
micheleperna 25 Gennaio 2022 ore 18:35 4
Img dgila
Buongiorno,il mio quiesito è se la certificazione energetica spetta a chi ha l'usufrutto di un immobile o a chi ha la nuda prorietà?Nel 1984 viene a mancare mio...
dgila 03 Maggio 2021 ore 16:43 3
Img cera
Buongiorno,Il precedente proprietario della mia casa aveva fatto pratica di recupero sottotetto e progetto nuziale (legge 10/91) prevedeva installazione pompa calore per acqua...
cera 27 Aprile 2021 ore 16:12 5
Img dbdenis
Buonasera, è la prima volta che scrivo su questo forum. Vi sottopongo la mia domanda:A marzo 2011 ho iniziato a ristrutturare casa, all'ingegnere direttore dei lavori avevo...
dbdenis 01 Dicembre 2020 ore 19:35 5
Notizie che trattano Caertificazioni di legge che potrebbero interessarti


Nuove regole certificazione energetica

Normative - Con il Decreto Rinnovabili sono stati introdotti due nuovi commi al D. Lgs 192/05 che mutano le disposizioni sulla certificazione energetica.

FSC-Forest Steward Council

Bioedilizia - La sempre maggior attenzione per l'ambiente ci conduce a un consumo responsabile. FSC è un marchio da tenere d'occhio per riconoscere materiali amici dell'ambiente

Certificazione energetica per immobili in locazione

Leggi e Normative Tecniche - Dal primo luglio 2010 è diventata obbligatoria la certificazione energetica anche per le case in affitto.

Abrogato obbligo certificazione energetica

Condominio - Continuano i colpi di spugna dell?attuale esecutivo nei confronti delle normative emanate dallo scorso governo per il settore casa.Dopo l?abrogazione

Certificazione energetica Beauclimat

Leggi e Normative Tecniche - In Valle d'Aosta, da qualche mese c'è un nuovo tipo di certificazione energetica degli edifici, con una facile gestione tutta on line, grazie al sito della Regione.

Sistema Casa Qualita'

Normative - Approvato l'8 giugno dalla Camera dei Deputati il Disegno di Legge che introduce un sistema di classificazione di qualita'  per l'edilizia residenziale.

Decreto sostegni: prorogate al 31 marzo alcune scadenze tributarie

Amministratore di condominio - In arrivo, con il Decreto Sostegni, nuove proroghe per alcuni adempimenti tributari in scadenza a marzo. Vediamo quali sono i rinvii che interessano il condominio

Forum nazionale sulla Certificazione

Normative - Il primo Forum nazionale sulla Certificazione energetica approfondira' i diversi aspetti legati alle normative italiane vigenti sul tema.

PEFC-programma schemi certificazione forestale

Bioedilizia - Per scegliere materiali ecocompatibili oggi ci vengono in aiuto vari marchi che certificano questa caratteristica di un prodotto. Tra questi c'è il marchio PEFC.
REGISTRATI COME UTENTE
339.529 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
//