Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Richiesta di sfratto per necessità


Francoli
login
05 Gennaio 2007 ore 08:07 3
Salve avrei bisogno di sapere se dopo la prima scadenza di un contratto di locazione (4+4) con rinnovo automatico per i 4 anni a seguire, ad un anno circa dalla scadenza dello stesso; il proprietario può chiedere lo sfratto per motivi di necessità legati alla sua salute?
La nostra situazione è critica tenendo in considerazione che è stata avviata una pratica di separazione per via giudiziaria tra i miei genitori ed io e mio fratello siamo disoccupati per lo più mia madre è casalinga over 65 e mio padre pensionato over 65.
GRAZIE
  • condominiale
    Condominiale Ricerca discussioni per utente
    Venerdì 5 Gennaio 2007, alle ore 08:39
    La procedura per sfratto dovuto a necessità del locatore è regolata dall'articolo 30 della legge 392/78.

    Questa procedura è applicabile alle future azioni di locatori che avendo motivi di necessità vogliono negare il rinnovo di contratti stipulati sulla base della nuova legge 431/98 e cioè contratti liberi alla prima scadenza quadriennale quando il proprietario per motivo di necessità intende impedire l'ulteriore rinnovo quadriennale.

    Come si instaura materialmente il procedimento? Intanto il locatore deve dichiarare a pena di decadenza, sei mesi prima della scadenza del contratto, la volontà di impedirne il rinnovo automatico in presenza dei motivi previsti dalle leggi (articolo 11 legge 359/92 e articolo 3 legge 431/98). Alla comunicazione può seguire (gia prima della scadenza in modo da accelerare la procedura) l'avvio di un giudizio davanti al Magistrato, giudizio regolato dall'articolo 447 bis del Codice di Procedura Civile.

    Ecco un elenco dei motivi di necessita' per rescindere i contratti della legge 431/98

    Il proprietario che abbia una delle necessità previste dalla legge o in presenza di determinate situazioni dell'inquilino può impedire il rinnovo per il secondo quadriennio. Per farlo deve inviare all'inquilino, almeno sei mesi prima, una comunicazione in cui sia espressamente indicato, a pena di nullità, uno dei seguenti motivi tassativamente indicati dalla legge:

    Necessità abitativa, commerciale, artigianale o professionale propria, del coniuge, dei genitori, dei figli o dei parenti entro il secondo grado;

    Necessità del locatore persona giuridica di destinare l'immobile all'esercizio di attività per proprie finalità ed, in tal caso, offra all'inquilino altra abitazione idonea;

    Quando l'inquilino abbia piena disponibilità di un alloggio libero ed idoneo nello stesso Comune;

    Quando l'immobile sia all'interno di un edificio gravemente danneggiato che deve essere ricostruito;

    Quando il proprietario deve eseguire sull'immobile lavori di integrale ristrutturazione o di demolizione e radicale trasformazione o di sopraelevazione;

    Quando l'inquilino non occupa continuativamente l'abitazione senza giustificato motivo;

    Quando il proprietario intenda vendere l'immobile e non abbia altri immobili ad uso abitativo in proprietà tranne eventualmente quello adibito a propria abitazione. In questo caso l'inquilino può esercitare il diritto di prelazione con le regole stabilite dalla legge 392, articoli 38 e 39.

    Nei casi di disdetta motivata dagli interventi per lavori e opere sopra descritti, perché possa procedere all'azione di rilascio il locatore deve disporre della concessione o dell'autorizzazione edilizia. Se una volta terminati i lavori il proprietario concede nuovamente in locazione l'immobile, l'inquilino ha diritto di prelazione per il nuovo contratto e può esercitarlo in base all'articolo 40 della legge 392.

    L'azione giudiziale con la quale il proprietario può far valere questi motivi di necessità è regolata dall'articolo 30 della legge 392 ovviamente con la successiva introduzione dell'articolo 447 bis del Codice di procedura civile.

    La legge prevede poi sanzioni per il proprietario che non utilizzi l'immobile dopo averlo riacquistato, anche a seguito di procedura giudiziaria, per uno dei motivi per i quali l'aveva richiesto trascorso un anno dal momento della ripresa di possesso.

    In questo caso, l'inquilino ha diritto al ripristino del rapporto alle medesime condizioni del contratto disdettato o ad un risarcimento non inferiore a trentasei mensilità dell'ultimo canone corrisposto.

    Tale risarcimento è dovuto anche nel caso in cui il proprietario ha riottenuto l'immobile, anche indipendentemente dalla promozione di una specifica azione giudiziaria, ed esercitando quindi illegittimamente la facoltà di disdettare il contratto.

    Se il proprietario non ha, o non esercita i motivi di disdetta alla prima scadenza, il contratto, come si diceva, si rinnova di ulteriori quattro anni. Prima di questa seconda scadenza la legge prevede il diritto delle parti di avviare la procedura di rinnovare il contratto con lettera raccomandata da avviarsi all'altra almeno sei mesi prima. E' evidente che in mancanza di buon fine del rinnovo, il contratto eventualmente disdettato, è risolto.

    Controlla se rientri nei casi specificati sopra
    rispondi citando
  • pasqualinalelli
    Pasqualinalelli Ricerca discussioni per utente
    Martedì 28 Maggio 2019, alle ore 02:59
    Ma c'è l'articolo 59 della legge 392 del 1978 che dice che il proprietario quando ha motivi di necessità previsti dalla legge, può recedere dal contratto in qualsiasi momento, non dice che deve aspettare I sei mesi prima della scadenza. Perchè adesso lei dice che bisogna arrivare ai sei mesi prima della scadenza? E il conduttore non è tenuto a liberare l'appartamento sei mesi dopo che gli è stata comunicata la disdetta da parte del proprietario?
    rispondi citando
  • svevavolo
    Svevavolo Ricerca discussioni per utente Pasqualinalelli
    Martedì 28 Maggio 2019, alle ore 17:44
    Ma c'è l'articolo 59 della legge 392 del 1978 che dice che il proprietario quando ha motivi di necessità previsti dalla legge, può recedere dal contratto in qualsiasi momento, non dice che deve aspettare I sei mesi prima della scadenza. Perchè adesso lei dice che bisogna arrivare ai sei mesi prima della scadenza? E il conduttore non è tenuto a liberare l'appartamento sei mesi dopo che gli è stata comunicata la disdetta da parte del proprietario?
    Ciao Pasqualinalelli, a parte che l’art. 59 che tu citi si riferisce solo alla disciplina transitoria, nella quale non dovrebbe rientrare quello di Francoli, in ogni caso anche l’art. 59 parla di un preavviso di sei mesi.
    rispondi citando
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img nici57
Un contratto di locazione firmato l'8 giugno 98 della durata di 5 anni si è rinnovato per 5 anni o per 4?Non avendo ricevuto disdetta in tempo?Quando un contratto non...
nici57 07 Agosto 2006 ore 14:56 1
Img alexciri
Possiedo un appartamento che ho affittato con un contratto di locazione di 4+4, rinnovabile automaticamente a meno che io avvisi gli inquilini 6 mesi prima con raccomandata A/R...
alexciri 26 Marzo 2014 ore 16:05 1
Img rafferty51
Mio suocero ha concesso al figlio di poter vivere in una casa di sua proprietà fin dal nostro matrimonio circa 40 anni fa pagando lui tutte le utenze compreso il condomio...
rafferty51 30 Dicembre 2014 ore 11:32 2
Img maryquant
Buonasera.Vorrei chiedere come si fa a stipulare un contratto di affitto per l'appartamento di proprietá del condominio.Grazie...
maryquant 27 Agosto 2015 ore 23:09 7
Img maryquant
Buongiorno.E' possibile avere dall'Agenzia delle Entrate la copia del contratto di locazione dell'alloggio comune stipulato per conto del condominio dall'amministratore e copia...
maryquant 22 Maggio 2015 ore 09:23 1
Notizie che trattano Richiesta di sfratto per necessità che potrebbero interessarti


Sfratto per finita locazione

Affittare casa - Al termine del contratto di locazione il proprietario ha due possibilit: intimare al conduttore di lasciare l'appartamento o sfrattarlo se non l'ha fatto in tempo.

Locazione: cosa fare se il canone non viene riscosso

Affittare casa - Quando il proprietario di un immobile concesso in locazione non riscuote il canone dovuto dall'inquilino può non pagare l'IRPEF. Ecco l'ultima decisione del Fisco

Niente detrazione interessi del mutuo se l'affitto è in corso

Detrazioni e agevolazioni fiscali - È possibile detrarre gli interessi passivi del mutuo contratto per l'acquisto di un immobile non adibito ad abitazione principale? Vediamo cosa dice la legge.

Locazione: contratto nullo in caso di mancata registrazione

Affittare casa - In caso di mancata registrazione di un contratto di locazione di immobile a uso abitativo, si prevede la nullità dello stesso contratto come ha precisato la Cassazione.

Locazione abitativa, morosità e sfratto

Normative - La convalida sfratto per morosità può essere bloccata dal pagamento dei canoni dopo la domanda giudiziale ma bisogna restare in regola per evitare la risoluzione.

Seconda scadenza del contratto di locazione, come comportarsi?

Affittare casa - Quali sono le cose da sapere quando sta per scadere, la seconda volta, il contratto di locazione? Il caso del contratto 4+4, del contratto 3+2 e di quello commerciale.

Affitti: sfratto per finita locazione e sfratto per morosità

Affittare casa - Sfratto per finita locazione e sfratto per morosità: due procedimenti a tutela del locatore che consentono il rilascio dell'immobile nei casi fissati dalla legge

Risoluzione del contratto di locazione: obbligatoria la registrazione

Leggi e Normative Tecniche - La risoluzione del contratto di locazione deve essere registrata. Lo afferma la CTP di Milano che condanna un contribuente per aver tardivamente versato l'imposta

Inquilino moroso: ecco come difendersi

Mutui e assicurazioni casa - Per tutelare i proprietari di immobili in locazione da inquilini morosi, si trovano sul mercato molte polizze assicurative. Vediamo da vicino di cosa si tratta.
REGISTRATI COME UTENTE
309.181 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE