Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Calcolo oneri per ritiro concessione in sanatoria


Erremastro
login
15 Febbraio 2016 ore 14:07 1
Buongiorno a tutti
vi scrivo per chiedervi se conoscete i criteri con cui il comune di Roma calcola gli oneri di concessione per il ritiro della concessione edilizia in sanatoria relativa a un condono del 2003.
In pratica, al momento della presentazione della domanda di condono nel 2003 sono state pagate tutte le oblazione e gli anticipi oneri di concessione, nel rispetto dei tempi.
L'immobile sta passando di proprietà ed è stata fatta una richiesta d'urgenza per il rilascio della concessione.
La domanda è: quanto si dovrà versare per ritirare la concessione?
Oppure, quali sono i criteri per il calcolo del conguaglio rispetto a quanto già versato nel 2003?
Grazie a tutti
  • arch-ily
    Arch-ily Ricerca discussioni per utente
    Mercoledì 17 Febbraio 2016, all or 09:14
    Buongiorno, non conosco le specifiche procedure di Roma (opero al nord Italia), tuttavia posso darle qualche informazione di carattere generale.

    Premesso che per i condoni gli oneri si pagano in misura doppia appunto a titolo di oblazione, la loro entità dipende ovviamente dalla superficie delle opere abusive da condonare.
    In genere, per notevoli importi, corrispondenti di solito al condono di interi edifici o ampliamenti rilevanti, il Comune chiede una fidejussione bancaria a garanzia del pagamento degli oneri, e concede un pagamento rateale o dilazionato. Tuttavia, le specifiche modalità di fruizione cambiano da comune a comune.

    In generale, si devono pagare:
    - oneri di urbanizzazione primaria e secondaria, calcolati sulla base della Superficie Utile e del 60% della Superficie Accessoria;
    - costo di costruzione, calcolati come sopra. Tuttavia il costo unitario al metro quadrato si applica per intero solo nel caso di nuova costruzione o ampliamento, per le ristrutturazioni si applicano dei coefficienti correttivi sulla base dell'entità gli interventi (ristrutturazione parziale o totale, opere strutturali o non strutturali, eccetera).
    - monetizzazione per dotazione di verde e parcheggi: il costo unitario è sempre al metro quadrato, ma moltiplicati per le superfici richieste, in genere una percentuale della superficie utile in caso di nuova costruzione, di ampliamento negli altri casi.

    Spero di esserle stata utile.

    Saluti.
    rispondi citando
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img rai123
Buongiorno chiedo cortese risposta  al seguente quesito:Condominio di 5 piani in Milano, nel 2002 ho verandato il mio balcone su lato giardino con intelaiatura metallica...
rai123 19 Marzo 2014 ore 08:13 2
Img pog1986
Salve,vi scrivo per capire cosa vado incontro se acquisto un'attico senza sanatoria.Vi spiego meglio, ho visto un'attico nato abusivamente con domanda di condono presentata nell'...
pog1986 13 Marzo 2015 ore 13:14 1
Img alex72dipi
Buongiorno a tutti, avrei bisogno di un consiglio.Ho appena acquistato un'abitazione singola.Durante la ristrutturazione, mi sono accorto che l'altezza dei piani abitativi sono...
alex72dipi 06 Agosto 2015 ore 14:20 5
Img 64brunica
Buon giorno,ho acquistato un alloggio, il balcone è verandato con ante scorrevoli e laterali fissi realizzata tutta in ferro e costruita negli anni 60.Non sono a conoscenza...
64brunica 12 Marzo 2015 ore 08:33 1
Img apanigada
Buongiorno,Ho venduto l'anno scorso un appartamento di ca. 80mq. al primo piano di una casa tutta di mia proprietà, dove il terrazzo di pertinenza è il risultato...
apanigada 17 Giugno 2010 ore 13:30 6
Notizie che trattano Calcolo oneri per ritiro concessione in sanatoria che potrebbero interessarti


Proroga sanatoria catastale

Catasto - Con l'approvazione di un emendamento al Decreto Milleproroghe viene posticipato al 30 aprile 2011 il termine ultimo per presentare la sanatoria catastale.

Sanatoria di opere abusive senza pratica edilizia

Leggi e Normative Tecniche - Il Regolamento Edilizio di alcuni comuni consente di sanare le opere di manutenzione straordinaria eseguite abusivamente senza presentare una pratica edilizia.

Sanatoria catastale

Normative - La manovra finanziaria approvata ieri contiene, tra le altre misure, una nuova forma di condono edilizio.

Ritenute incostituzionali le sanatorie edilizie previste dal Piano Casa in Campania

Leggi e Normative Tecniche - Il Piano Casa della Regione Campania contiene troppe sanatorie ponendosi in contrasto con il Testo Unico dell'edilizia. Lo ha affermato la Corte Costituzionale

Piano Casa Sicilia tutte le novità

Piano casa - La Legge di Stabilità Regionale fissa al 31 dicembre 2018 il termine ultimo per presentare domande di interventi che intendono avvalersi del Piano Casa Sicilia.

Scaduta sanatoria catastale

Catasto - Il 30 aprile scorso è scaduto il termine ultimo per presentare la sanatoria catastale e mettere in regola i cosiddetti immobili fantasma.

Cessione aree al Comune per opere di urbanizzazione

Fisco casa - Anzichè pagare gli oneri di urbanizzazione, il proprietario può stipulare una convenzione col Comune, realizzando lui stesso opere e cedendone poi l'area.

Immobili abusivi: sanatoria solo se ultimati

Leggi e Normative Tecniche - Con la sentenza 05/02/2015 n. 554, il Consiglio di Stato ha sancito che la sanatoria per opere edilizie abusive possa essere concessa solo per immobili ultimati.

Qual è la differenza tra sanatoria edilizia e condono?

Leggi e Normative Tecniche - Quali sono le differenze tra condono e sanatoria edilizia: che cos'è il condono, che cos'è la sanatoria edilizia, a cosa servono, chi può farne richiesta e quando?
REGISTRATI COME UTENTE
318.695 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
//