Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA

Accatastamento, destinazione d'uso ed ecobonus


Plbgmc@gmail.com
login
27 Agosto 2020 ore 18:16 2
Caso reale.
Fabbricato unifamiliare originariamente costituito da PT (tre vani contigui)) con apertura su strada comunale e ad essa adiacente un portone di ferro che immette su androne interno adibito a parcheggio auto.
Sovrastante l'androne e ai due vani del PT insiste Piano Primo a cui si accede a mezzo scala esterna accostata ad uno dei vani del PT.
Il PT originariamente secondo vecchia licenza edilizia costituiva piano accatastato a deposito C/2.
Successivamente ereditato dalla sig.ra A che lo accatastava in assenza di approvazione del cambio destinazione d'uso da parte del comune di appartenza da C/2 ad A/3.
Mentre il P.1° ereditato dalla sig.ra B restava accatastato A/3 originariamente.
In seguito la sig.ra B rileva il PT della sig.ra A. La sig.ra B può riaccatastare il PT unificandolo come in origine con il P.1° in quanto nato come un fabbricato unifamiliare.
Come comportarsi ai fini del Eco supebonus?
Sono da considerare due unità abitative indipendenti o unico fabbricato costituito da due u.i.?
Grazie
  • pasquale
    Pasquale Ricerca discussioni per utente
    Giovedì 3 Settembre 2020, all or 11:36
    Gent.mo Plbgmc@gmail.com, innanzitutto va sanata la posizione urbanistica con il cambio di destinazione d'uso e contestualmente la fusione al Piano Primo. Per quanto attiene ai vari bonus esistenti può usufruirne durante gli stessi lavori o successivamente con una nuova pratica. Rispondendo all'ultima domanda: se esegue la fusione avrà un unica unità immobilare su cui fare i conti; se lascia tutto così ne sono due unità assestanti (ovviamente sanando l'abuso edilizio). Cordiali saluti.
    rispondi citando
  • nabor
    Nabor Ricerca discussioni per utente
    Giovedì 3 Settembre 2020, all or 18:55
    Buongiorno, condiviso la risposta di Pasquale, che ringrazio. Sembra anche a me fattibile come intervento edilizio, certamente al progettista dovrà essere conferito un incarico particolareggiato (trattandosi di obbligazione di risultato, e non di mezzi), comprendente anche l'ottenimento dei bonus fiscali.
    rispondi citando
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img fabio.f
Buonasera. Ho acquistato una villetta a schiera con due piani fuori terra ed uno seminterrato.Nel piano seminterrato é presente un garage per metà delle dimensioni...
fabio.f 29 Febbraio 2020 ore 18:44 1
Img peppesiculo
Ciao ragazzi, ho un sottotetto non accatastato ad uso abitativo e lo vorrei renderlo abitativo ovviamente ampliando il tetto di 20 mq. Ora ho un altezza di colmo 2.10 e minina 1...
peppesiculo 28 Gennaio 2020 ore 09:02 3
Img nibbio10
Se l'impresa deposita al catasto e al comune le planimetrie e le relazioni di un immobile con una distribuzione degli spazi tale da avere la prevista agibilità (ottenuta...
nibbio10 25 Gennaio 2020 ore 21:19 3
Img carlocorneo
Buongiorno, mi chiedevo se il mancato accatastamento dei posti auto condominiali, comporterebbe una violazione fiscale / amministrativa.Grazie...
carlocorneo 04 Settembre 2019 ore 08:21 5
Img maurizio35
Espongo la seguente situazione. In una unità immobiliare tipo villetta a schiera ( con due distinte rendite: appartamento (A2) / pertinenza (C6) ) si è riscontrato...
maurizio35 12 Luglio 2018 ore 11:31 4
Notizie che trattano Accatastamento, destinazione d'uso ed ecobonus che potrebbero interessarti


Accatastamento

Catasto - L'accatastamento è obbligatorio non solo per nuove costruzioni, ma anche per qualunque intervento che possa comportare una modifica della rendita catastale.

Come accatastare le unità collabenti o ruderi

Catasto - L'Agenzia delle Entrate ha diffuso una nota con cui fornisce indicazioni su come accatastare le unità collabenti, cioè i fabbricati ridotti allo stato di ruderi.

Quando eseguire una procedura DOCFA

Catasto - Eseguire lavori che cambiano la destinazione d'uso di un immobile o un frazionamento, sono operazioni che comportano variazioni catastali, ma non sono le sole.

Classamento Catastale

Catasto - Che cosa è il classamento catastale per un immobile e a cosa serve? In base a quali parametri di solito viene assegnato ad un immobile il classamento catastale.

Pertinenze di un'abitazione: cosa sono e modalità di accatastamento

Proprietà - Cosa sono le pertinenze e quali sono le modalità di accatastamento. Vediamo in cosa consistono e quali sono le regole per la loro circolazione in caso di vendita

Beni comuni non censibili

Proprietà - I beni comuni non censibili rappresentano una proprietà indivisa che non produce reddito, comune sì a tutti i condomini, ma senza che questi ne siano proprietari.

In quali casi un impianto fotovoltaico deve essere accatastato?

Catasto - L'Agenzia del Territorio ha pubblicato una nota esplicativa per chiarire in quali casi un impianto fotovoltaico deve essere accatastato in maniera indipendente.

Unità collabenti

Catasto - Si definisce unità collabente un fabbricato, o parte di esso, ridotto allo stato di rudere e che per le sue caratteristiche, non è in grado di produrre reddito.

Catasto: cosa si intende per Catasto - Agenzia del Territorio?

Catasto - Per Catasto si intende l'insieme degli atti che identificano le proprietà immobiliari con le loro caratteristiche e l'individuazione della proprietà a cui appartengono.
REGISTRATI COME UTENTE
318.591 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
//