Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
2018-10-05 13:39:27

Isolamento e impermeabilizzazione muro controterra


Ciao a tutti, ho una taverna con muro controterra che non mostra infiltrazione ma rimane abbastanza umido con dei lievi fenomeni di umidità da risalita.

Per risolvere definitivamente il problema vorrei chiedervi se può essere una buona soluzione questa qui:

1) applicare uno strato di cemento osmotico al muro controterra
2) creare un nuovo muro lasciando un'intercapedine d'aria non ventilata di 5cm
3) il nuovo muro sarà impermeabilizzato con guaina o bitume sul lato verso il muro controterra
4) dato che ci sono intermpongo anche uno strato termoisolante nel nuovo muro.

Per farmi capire meglio ho disegnato la sezione di tutto il complesso nell'allegato.

Secondo voi eviterò totalmente di avere umidità all'interno della taverna? Mi hanno detto che in questo modo ci saranno due problemi: il muro controterra non "respira" più e questo può causare problemi... ma non capisco di che tipo... inoltre la parete interna avrà problemi di condensa in quanto eccessivamente isolata e impermabilizzata...

Se potete darmi qualche consiglio vi ringrazio.
  • toplevel
    Toplevel Ricerca discussioni per utente
    Sabato 26 Febbraio 2011, alle ore 07:25
    La soluzione da te prospettata nasconde il problema, non lo risolve.
    le obiezioni che ti hanno sollevato sono veritiere.
    finiresti per spostare il problema da qualche altra parte della struttura,
    rimanendo la taverna ugualmente umida.
    ti mando un mp.

  • docteur
    Docteur Ricerca discussioni per utente
    Sabato 26 Febbraio 2011, alle ore 14:20
    Non sono un tecnico ma sono molto curioso di sapere il perche.se costruisci un nuovo muro distanziato dal vecchio di 5 o piu cm(intercapedine) impermealizzi entrambi i muri ,da dove potrebbe venire l'umidita' .secondo me potrebbe essere solo di risalita. comunque un lavoro del genere avrebbe i suoi bei costi.

  • terry69
    Terry69 Ricerca discussioni per utente
    Sabato 26 Febbraio 2011, alle ore 14:55
    Non sono un tecnico ma sono molto curioso di sapere il perche.se costruisci un nuovo muro distanziato dal vecchio di 5 o piu cm(intercapedine) impermealizzi entrambi i muri ,da dove potrebbe venire l'umidita' .secondo me potrebbe essere solo di risalita. comunque un lavoro del genere avrebbe i suoi bei costi.

    Vi ringrazio a tutti voi per i commenti. A dire il vero non lo capisco neanche io.
    Il pavimento a differenza del muro sembra invece ben isolato e comunque ho dimenticato
    di disegnare alla base del nuovo muro uno strato impermeabilizzato tra muro e pavimento.

    Quello che alcuni mi hanno detto è che il muro controterra con gli anni si rovinerà molto
    perché comunque è sempre a contatto con il terreno. Ma poichè non è nemmeno portante...
    che problema può darmi? Altra obiezioni che mi è stata fatta è riguardo l'intercapedine tra muro
    controterra e nuovo muro: poichè non è ventilata si faranno delle muffe malgrado il cemento osmotico...
    Ma anche di questo... non capisco che problema può darmi.

  • toplevel
    Toplevel Ricerca discussioni per utente
    Sabato 26 Febbraio 2011, alle ore 15:25
    Il perché è molto semplice.
    in una controparete con intercapedine il volume d'aria racchiusa da questa si satura nel breve periodo.
    giunto a saturazione l'umidità inizia a gocciolare e da dove fuoriesce secondo voi?
    da due parti:
    1) iniziano a formarsi pozze alla base del muro;
    2) l'aria umida potrebbe invadere il soffitto, quindi vi sposta il problema, in certi casi al piano superiore.
    ulteriore controindicazione: il volume virtuale non è gestibile dal punto di vista igieneico, spesso diventa covo di insetti ed animaletti striscianti,
    che si fanno vedere soprattutto d'estate...
    inoltre odori nell'ambiente non certo piacevoli: come fareste a disinfettare/pulire un'intercapedine inaccessibile?

    tale tecnica oltre che ridurre le volumetrie utili è sempre più costosa di un isolamento deumidificante posato in piena aderenza al supporto:
    a) non riduce le volumetrie;
    b) è più economico;
    c) permette ri ridurre l'UR ambiente, a differenza del contromuro;
    d) permette il prosciugamento dell'intero spessore di muratura, quindi supporto asciutto equivale a risparmio di energia.

    chiarito i dubbi?

  • terry69
    Terry69 Ricerca discussioni per utente
    Sabato 26 Febbraio 2011, alle ore 15:34
    Il perché è molto semplice...
    ....
    chiarito i dubbi?

    Si ora mi è più chiaro.

    L'idea di mettere il cemento osmotico sul muro controterra era proprio quella di evitare l'apporto di umidità da parte dello stesso.

    E se invece si fanno dei fori di areazione verso l'esterno in modo da ventilare l'intercapedine? In questo modo non si dovrebbe formare la condensa.

  • toplevel
    Toplevel Ricerca discussioni per utente
    Sabato 26 Febbraio 2011, alle ore 15:51
    Secondo quale principio l'intercapedine dovrebbe autoventilarsi?
    io non ne conosco, pur essendo specializzato nel settore umidità...e, anche se ci fosse, rimarrebbe pur sempre il problema di come gestirne la sanificazione.
    credo che l'obiettivo principale in questo genere di lavori sia quello di spendere poco, non ridurre i volumi abitabili, tenere sotto controllo ogni possibile inghippo, cose che difficilmente possono avvenire creando volumi virtuali.

  • terry69
    Terry69 Ricerca discussioni per utente
    Sabato 26 Febbraio 2011, alle ore 16:03
    Secondo quale principio l'intercapedine dovrebbe autoventilarsi?
    io non ne conosco, pur essendo specializzato nel settore umidità...e, anche se ci fosse, rimarrebbe pur sempre il problema di come gestirne la sanificazione.
    credo che l'obiettivo principale in questo genere di lavori sia quello di spendere poco, non ridurre i volumi abitabili, tenere sotto controllo ogni possibile inghippo, cose che difficilmente possono avvenire creando volumi virtuali.

    Sinceramente non so quanta ventilazione sia necessaria...

    Il dubbio più forte che ho nell'usare i prodotti deumidificanti a diretto contatto con la parete è questo che vado a scrivere. I prodotti deumidificanti ho letto che non impermabilizzano ma dovrebbero permettere al muro di "respirare" senza accumulare eccessiva umidità. Questa umidità dove andrà? Ovviamente dentro la taverna aumentando il livello di umidità relativa. In pratica l'umidità che oggi ritrovo sul muro controterra la vado a spalmare in tutta la taverna. E' così? O mi sbaglio?

  • toplevel
    Toplevel Ricerca discussioni per utente
    Sabato 26 Febbraio 2011, alle ore 16:12
    I tuoi dubbi sono legittimi.
    quel che dici vale per la maggior parte dei prodotti comunemente in commercio che sono spacciati per deumidificanti o macroporosi quando in realtà sono intonaci antiumido, cosa ben diversa.
    se apri i pdf consigliati trovi la prova provata. vedi deumidificazione di scantinato.
    lo scopo principale di un intervento serio è regolarizzare proprio l'ur dell'aria ambiente, rendendo sano e vivibile un ambiente altrimenti non abitabile nè agibile, tantomeno commerciabile.

  • terry69
    Terry69 Ricerca discussioni per utente
    Sabato 26 Febbraio 2011, alle ore 16:32
    I tuoi dubbi sono legittimi.
    quel che dici vale per la maggior parte dei prodotti comunemente in commercio che sono spacciati per deumidificanti o macroporosi quando in realtà sono intonaci antiumido, cosa ben diversa.
    se apri i pdf consigliati trovi la prova provata. vedi deumidificazione di scantinato.
    lo scopo principale di un intervento serio è regolarizzare proprio l'ur dell'aria ambiente, rendendo sano e vivibile un ambiente altrimenti non abitabile nè agibile, tantomeno commerciabile.

    Grazie Top-Level. C'è anche un altro fatto però... dovrei anche isolare termicamente il muro controterra. Se metto un prodotto deumidificante sul muro controterra poi per isolare termicamente dovrò comunque mettere almeno un pannello di materiale termoisolante sopra lo strato deumidificante. E poi dovrei fare dell'intonaco. Finirei nuovamente per segregare la parete controterra... la quale non potrebbe liberare la proprioa umidità... e siamo di nuovo da capo

  • toplevel
    Toplevel Ricerca discussioni per utente
    Sabato 26 Febbraio 2011, alle ore 16:39
    Hehehe, mi viene da ridere, sei acuta terry, e ciò significa che vuoi capire.
    ti scrivo in pvt sennò qua mi bannano per pubblicità palese...auguro buon we

  • terry69
    Terry69 Ricerca discussioni per utente
    Lunedì 28 Febbraio 2011, alle ore 17:57
    Mi è venuta in mente un'alternativa a questo problema.

    Purtroppo scavare un fossato nella terra per isolare dall'esterno il muro controterra è cosa abbastanza dispendiosa sia per gli spazi che non sono tanti che per i costi. Parliamo infatti di dover scavare una trincea di 16 metri x 3 metri di altezza x almeno 1 metro di larghezza = 48 metri cubi di terra. Dai tabellari lo scavo a mano sta intorno ai 55euri/mc, totale 55*48= circa 2700euro!

    L'alternativa di cui chiedo conferma agli esperti è questa: esiste una macchina che riesce a togliere solo 30cm di terra intorno al muro per una profondità di 3 metri? Qualcosa tipo trivella per carotaggi. Se esistesse una macchina capace di ciò potrei togliere solo 30 cm di terra intorno al muro a basso costo e poi interporre una pannellatura che evita il contatto diretto con la terra e garantisce una certa areazione. Che ne dite? Grazie.

  • potere80
    Potere80 Ricerca discussioni per utente
    Martedì 1 Marzo 2011, alle ore 14:46
    Interessa molto anche a me la cosa dato che nella casa che molto probabilmente andremo a costruire verrà fatto un piano interrato...

  • terry69
    Terry69 Ricerca discussioni per utente
    Martedì 1 Marzo 2011, alle ore 17:54
    Interessa molto anche a me la cosa dato che nella casa che molto probabilmente andremo a costruire verrà fatto un piano interrato...

    prendi tutti gli accorgimenti del caso... altrimenti dopo rimpiangerai solamente!!!

  • toplevel
    Toplevel Ricerca discussioni per utente
    Mercoledì 2 Marzo 2011, alle ore 08:52
    Mi è venuta in mente un'alternativa a questo problema.

    Purtroppo scavare un fossato nella terra per isolare dall'esterno il muro controterra è cosa abbastanza dispendiosa sia per gli spazi che non sono tanti che per i costi. Parliamo infatti di dover scavare una trincea di 16 metri x 3 metri di altezza x almeno 1 metro di larghezza = 48 metri cubi di terra. Dai tabellari lo scavo a mano sta intorno ai 55euri/mc, totale 55*48= circa 2700euro!

    L'alternativa di cui chiedo conferma agli esperti è questa: esiste una macchina che riesce a togliere solo 30cm di terra intorno al muro per una profondità di 3 metri? Qualcosa tipo trivella per carotaggi. Se esistesse una macchina capace di ciò potrei togliere solo 30 cm di terra intorno al muro a basso costo e poi interporre una pannellatura che evita il contatto diretto con la terra e garantisce una certa areazione. Che ne dite? Grazie.

    i valori riportati di 55?/mc sono validi solo sulla carta.
    nella realtà il costo di uno scavo a mano attualmente è quotato intorno ai 120?/mc, ai quali vanno aggiunti i costi di scarriolamento e trasporto fino al mezzo che conferirà in discarica i matriali (quindi dipende dalla distanza tra cantiere e mezzo); ai quali vanno aggiunti circa 12/14?/mc per le certificazioni per il conferimento in discarica, la quale a sua volta abbisogna di idonee certificazioni per la "caratterizzazione" dei materiali di risulta, certificazioni che si aggirano dai 200 ai 400?.
    senza contare inoltre che una cosa è sbancare terreno, un'altra se è roccia, nel qual caso i costi salgono alle stelle.
    ammesso di poter scavare la trincea, vanno aggiunti di certo i costi per creare uno sbarramento di contenimento del terrapieno, a meno che non si voglia correre il rischio di vedersi smottare il terreno contro la casa; quindi prevedere un muro di contenimento di cls con relativa carpenteria, ferri di armatura e ricostruzione del piano di calpestio tra abitazione e trincea.
    c'è da considerare inoltre il problema strutturale: se si scava una trincea profonda 3 m, si andrebbe ben al di sotto del piano di fondazione, e ciò porterebbe ad indebolire strutturalmente il caseggiato lungo il suo perimetro.
    per quel che riguarda il problema dell'invasione umida esso rimarrebbe quasi inalterato rispetto allo stato attuale, in quanto il muro in questione comunque rimarrebbe in appoggio su una fondazione umida, quindi per capillarità resterebbe comunque bagnato e con efflorescenze saline.
    l'unica differenza sarebbero circa 15.000? in meno nelle tasche dell'utente.

  • potere80
    Potere80 Ricerca discussioni per utente
    Mercoledì 2 Marzo 2011, alle ore 10:32
    Ciao Terry,
    grazie per il consiglio. E' quello che sicuramente andrò a fare.
    Da quello che ho capito (scusate a priori l'ignoranza...), il problema si può risolvere con una intercapedine "calpestabile"?
    Oltre a ridurre il volume del piano interrato, quali altri "contro" si potranno prospettare in futuro?

  • terry69
    Terry69 Ricerca discussioni per utente
    Martedì 14 Giugno 2011, alle ore 18:59
    Ciao a tutti! Ritiro in ballo l'argomento dell'umidità proveniente dai muri controterra.

    Volevo chiedere se qualcuno ha esperienza con i sistemi di deumidificazione per elettrosmosi e se li ritenete efficaci.

  • lapokira
    Lapokira Ricerca discussioni per utente
    Venerdì 17 Giugno 2011, alle ore 06:55
    Ciao io vorrei sapere qual'è il prodotto consigliato per il muro controterra non penso che aiutare con un prodotto specifico sia fare pubblicità ma dare un indicazione reale stà a noi poi verificare se è l'unico sul mercato o se ci sono alternative più valide ma se non sappiamo da dove partire questi dibattiti rimangono solo un fiume di parole senza valore quindi non penso che ci gestisce il forum sia contrario a una corretta informazione.
    Grazie
    Diego

  • lando
    Lando Ricerca discussioni per utente
    Sabato 18 Giugno 2011, alle ore 09:08
    Buongiorno. Concordo con lapokira.

    Non capisco perché quando si parla di umidità per risalita capillare specialmente in questo forum si parla sempre di intonaci deumidificanti/osmotici/macroporosi e non leggo mai dei prodotti impermeabilizzanti per cristallizzazione del capillare.

    ciao io vorrei sapere qual'è il prodotto consigliato per il muro controterra non penso che aiutare con un prodotto specifico sia fare pubblicità .... quindi non penso che ci gestisce il forum sia contrario a una corretta informazione.
    Grazie
    Diego

  • toplevel
    Toplevel Ricerca discussioni per utente
    Martedì 21 Giugno 2011, alle ore 18:34
    Un pò di perspicacia ragazzi...
    nomi commerciali non se ne possono fare in questo forum (tranne i nomi altisonanti, ovviamente) d'altronde ci si può arrivare comunque alla tecnologia consigliata, ad esempio partendo da ricerche su google digitando il nome in firma...più semplice di così o volete direttamente il link?

  • lando
    Lando Ricerca discussioni per utente
    Giovedì 23 Giugno 2011, alle ore 12:23
    Nel caso di muri in cemento si possono trovare prodotti che penetrano all'interno e chiudono i capillari facendo diventare il cemento impermeabile. Provate a digitare su google "impermeabilizzazione cemento".

  • terry69
    Terry69 Ricerca discussioni per utente
    Sabato 25 Giugno 2011, alle ore 19:37
    Nel caso di muri in cemento si possono trovare prodotti che penetrano all'interno e chiudono i capillari facendo diventare il cemento impermeabile. Provate a digitare su google "impermeabilizzazione cemento".

    Lando grazie per la segnalazione. Non sapevo di questi prodotti. Nel mio caso il muro controterra è proprio in cemento. Penso che a breve proverò questa soluzione.

  • lando
    Lando Ricerca discussioni per utente
    Lunedì 4 Luglio 2011, alle ore 16:22
    Le ho inviato un mp con il nome del prodotto che le consiglio.

  • surf4home
    Surf4home Ricerca discussioni per utente Toplevel
    Giovedì 4 Ottobre 2018, alle ore 16:49
    Hehehe, mi viene da ridere, sei acuta terry, e ciò significa che vuoi capire.
    ti scrivo in pvt sennò qua mi bannano per pubblicità palese...auguro buon we
    Ciao, posso conoscere i prodotti specifici che consigli per questa problematica ?? Ho un muro che confina con un terrapieno, ed è un muro antico di 150 cm di spessore, fatto di roccia.
    Grazie mille

  • jovis
    Jovis Ricerca discussioni per utente
    Venerdì 5 Ottobre 2018, alle ore 13:05
    Ciao,

    a dire il vero io parlerei anche con la proprietà aliena del terrapieno.

    Non sono un esperto, ma poter ad esempio, creare una trincea perimetrale armata, con la obbligata sistemazione di micropali in profondità, secondo me darebbe già una giusta aerazione e scambio termico.

    Di contro è vero che rubiamo spazio perimetrale, non essendo un lavoro da poco, stiamo parlando di un muro fatto di roccia.

    Quindi ti consiglierei di far fare un sopralluogo ad esperti, valutando anche la tipologia del terreno sottostante e circostante la casa, evitando rischi di smottamento::-((

  • surf4home
    Surf4home Ricerca discussioni per utente Jovis
    Venerdì 5 Ottobre 2018, alle ore 13:39
    Ciao,

    a dire il vero io parlerei anche con la proprietà aliena del terrapieno.

    Non sono un esperto, ma poter ad esempio, creare una trincea perimetrale armata, con la obbligata sistemazione di micropali in profondità, secondo me darebbe già una giusta aerazione e scambio termico.

    Di contro è vero che rubiamo spazio perimetrale, non essendo un lavoro da poco, stiamo parlando di un muro fatto di roccia.

    Quindi ti consiglierei di far fare un sopralluogo ad esperti, valutando anche la tipologia del terreno sottostante e circostante la casa, evitando rischi di smottamento::-((
    ??? sono un campione di umorismo, solitamente con gli amici.
    Ho chiest semplicemente, e non a te, bensì a Toplevel, quale tipologia di prodotto fosse.....lo so una domanda complessa, ma quando uno non sa cosa rispondere, meglio il silenzio no ?? :))

Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img samanta1979
Salve,ho una parete di casa con evidente macchia di umido confinante con un rudere senza tetto. Trovandoci su un terreno in pendenza,  la parete di casa risulta interrata per...
samanta1979 17 Febbraio 2015 ore 16:14 7
Notizie che trattano Isolamento e impermeabilizzazione muro controterra che potrebbero interessarti


Realizzare un accesso carraio da una strada comunale in pendenza

Progettazione - La realizzazione di un accesso carraio da strada pubblica in pendenza presuppone alcune questioni progettuali specifiche a cui è necessario prestare attenzione

Muro di recinzione e permesso di costruire: i chiarimenti della Cassazione

Leggi e Normative Tecniche - In caso di realizzazione di un muro di cinta la Cassazione precisa quando sia necessario richiedere il permesso di costruire e le autorizzazioni paesaggistiche.

Comunione forzosa del muro

Normative - La comunione forzosa di un muro è la facoltà concessa al proprietario del fondo confinante di ottenerne la comunione, previo pagamento di una cifra adeguata.

Massetti e coperture solai: ecco a cosa stare attenti

Tetti e coperture - Le coperture piane degli edifici, di ogni forma e tipologia costruttiva, necessitano di un'attenta progettazione e realizzazione in termini di tecnologie costruttive.

Sistema tetto unico

Tetti e coperture - Realizzare un tetto ventilato, impermeabilizzato e isolato con un pannello portante isolante in polistirene espanso sinterizzato di cui è composto il sistema.

Muro di cinta

Normative - Il muro di cinta, se presenta determinate caratteristiche strutturali, non dev'essere considerato nel calcolo delle distanze delle costruzioni di cui all'art.873 c.c.

Casseri isolanti

Progettazione - Prodotti ecocompatibili ed energeticamente funzionali prodotti come i casseri isolanti a perdere: composti da due pannelli in materiale isolante distanziati.

In che modo avviene il corretto isolamento dei muri di fondazione

Risanamento umidità - L'isolamento dei muri di fondazione degli edifici evita che l'umidità provochi danni derivanti dalla risalita capillare e dal percolamento di acqua dal terreno.

Varchi finestre termoisolati

Facciate e pareti - Il comfort abitativo migliore si ottiene con accorgimenti progettuali e realizzativi tra cui quello relativo all'isolamento termico dei varchi delle aperture.
REGISTRATI COME UTENTE
328.288 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
//