Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
2019-10-05 11:50:50

Coibentare solaio del sottotetto


Vorrei coibentare il solaio del sottotetto e sto valutando le varie alternative possibili.
Il sottotetto non è abitabile e, per dare una idea, può essere utilizzato per riporre i classici oggetti "da soffitta".
Posto che il solaio è irregolare e sono presenti diversi muretti che complicano significativamente la posa di lana di roccia, eps e quant'altro, avevo pensato ad uno strato di LecaPiù, sfusa, di circa 20 cm.
Immagino che il potere coibente della Leca, rispetto ad altri materiali, sia inferiore, ma volevo capire se lo sforzo vale la candela o meno.
Inoltre, volevo sapere se vi vengono in mente valide alternative con costi contenuti e semplicità di posa.
La casa, primi anni 80, è stata ristrutturata con cappotto in eps di 10 cm, mentre, per il momento, non è stato fatto nulla al tetto/sottotetto.
Grazie mille.
  • minerva.
    Minerva. Ricerca discussioni per utente
    Giovedì 30 Ottobre 2014, alle ore 14:25
    Essendoci, come dici, diversi muretti, suppongo che si tratti di un solaio con struttura in muricci e tavelloni.
    La presenza di tutti questi muricci complica un po' le cose per l'isolamento perché potrai isolare solamente gli spazi vuoti tra un muretto e l'altro, mentre in corrispondenza dei muretti il solaio sarà privo di isolamento.
    Di conseguenza, più isoli le parti libere più sarà evidente l'effetto del ponte termico in corrispondenza dei muricci, cosa che potrebbe causarti la formazione di qualche muffa sul solaio verso l'interno dell'abitazione.
    Per prevenire questo fenomeno, potresti realizzare, oltre all'isolamento nel sottotetto, anche un piccolo cappotto interno all'abitazione.

  • darfo
    Darfo Ricerca discussioni per utente
    Giovedì 30 Ottobre 2014, alle ore 14:55
    Minerva, grazie. si, corretto, è una struttura in muricci e tavelloni.
    l'idea, a tendere, è quella di rifare anche il tetto -tetto ventilato. nel caso immagino che questo permetta l'intterruzione dei ponti termici. sbaglio?
    per quanto riguarda il cappotto interno, che tipo di cappotto suggerisci? è di semplice realizzazione?
    grazie, ciao


  • alepalu
    Alepalu Ricerca discussioni per utente
    Sabato 1 Novembre 2014, alle ore 23:33
    Esiste anche la possibilità di isolare parzialmente la soletta del sottotetto e parzialmente le falde. La prima parte l'ho fatta, adesso mi resta di posare dei pannelli in xps sulle travi, magari ci faccio una bocchetta di estrazione con ventilazione forzata a tempo. Poi magari ti faccio sapere.
    Il lavoro della soletta l'ho fatto da solo ma non è stato niente di veloce e neanche comodo comunque.

  • minerva.
    Minerva. Ricerca discussioni per utente Darfo
    Lunedì 3 Novembre 2014, alle ore 18:39
    Minerva, grazie. si, corretto, è una struttura in muricci e tavelloni.
    l'idea, a tendere, è quella di rifare anche il tetto -tetto ventilato. nel caso immagino che questo permetta l'intterruzione dei ponti termici. sbaglio?
    per quanto riguarda il cappotto interno, che tipo di cappotto suggerisci? è di semplice realizzazione?
    grazie, ciao

    Sì, puoi fare un tetto ventilato mettendoci anche dell'isolamento. Sarebbe una soluzione migliore rispetto a quella del cappotto interno, ma ovviamente più dispendiosa.

  • stefano.lo
    Stefano.lo Ricerca discussioni per utente
    Martedì 4 Novembre 2014, alle ore 21:15
    I sistemi che hai descritto si usavano molto in passato, erano molto economici (si trattava di fornire e collocare dei rotoli di isolante), purtroppo molto poco efficaci....
    Ti scrivo questo per esperienza diretta!!
    Il sistema più rapido potrebbe essere quello di posare dei pannelli rigidi all'interno delle falde (dal sottotetto, applicare i pannelli sulle parti inclinate della copertura), non è il "top" dell'isolamento ma sicuramente è di maggiore efficacia rispetto a quanto hai scritto.
    Per la messa in oepra hai bisogno di un taglierino (cutter), colla per piastrelle o tasselli (meglio la colla per piastrelle, così eviti di fare buchi)

  • christineschneider
    Christineschneider Ricerca discussioni per utente Minerva.
    Venerdì 4 Ottobre 2019, alle ore 15:10 - ultima modifica: Venerdì 4 Ottobre 2019, all or 15:12
    Essendoci, come dici, diversi muretti, suppongo che si tratti di un solaio con struttura in muricci e tavelloni.
    La presenza di tutti questi muricci complica un po' le cose per l'isolamento perché potrai isolare solamente gli spazi vuoti tra un muretto e l'altro, mentre in corrispondenza dei muretti il solaio sarà privo di isolamento.
    Di conseguenza, più isoli le parti libere più sarà evidente l'effetto del ponte termico in corrispondenza dei muricci, cosa che potrebbe causarti la formazione di qualche muffa sul solaio verso l'interno dell'abitazione.
    Per prevenire questo fenomeno, potresti realizzare, oltre all'isolamento nel sottotetto, anche un piccolo cappotto interno all'abitazione.
    Il rischio del ponte termico e' una osservazione interessante e' potrebbe sussistere se lo spessore fosse molto basso. Se si parte invece da un presupposto in cui ogni muretto e' avvolto ai "piedi" di una altezza di min. 25 cm, gli effetti indesiderati di un ponte termico (condensa/muffa) vengono eliminati perch? il ponte termico stesso e' attenuato. Ovvero: Non si tratta pi? di un muretto freddo ma riscaldato sufficientemente dai lati da rappresentare un elemento strutturale neutrale in termini termo-igrometrici.
    Per questo motivo, non e' assolutamente necessario effettuare un cappotto interno, lo strato isolante nel sottotetto e' sufficiente per portare l'intero solaio in un regime equilibrato per quanto riguarda le dinamiche igrometriche e termiche interstiziali.
    Questa mia valutazione si basa su centinaia di cantieri simili seguiti negli ultimi 10 anni.Il rischio del ponte termico è una osservazione interessante è potrebbe sussistere se lo spessore di cellulosa fosse molto basso. Se si parte invece da un presupposto in cui ogni muretto è avvolto ai "piedi" di una altezza di min. 25 cm, gli effetti indesiderati di un ponte termico (condensa/muffa) vengono eliminati perché il ponte termico stesso è attenuato. Ovvero: Non si tratta più di un muretto freddo ma riscaldato sufficientemente dai lati da rappresentare un elemento strutturale neutrale in termini termo-igrometrici.
    Per questo motivo, non è assolutamente necessario effettuare un cappotto interno, lo strato isolante nel sottotetto è sufficiente per portare l'intero solaio in un regime equilibrato per quanto riguarda le dinamiche igrometriche e termiche interstiziali.
    Questa mia valutazione è confermata da centinaia di cantieri del tipo sopra seguiti negli ultimi 10 anni.


  • nabor
    Nabor Ricerca discussioni per utente Christineschneider
    Venerdì 4 Ottobre 2019, alle ore 18:22
    Il rischio del ponte termico e' una osservazione interessante e' potrebbe sussistere se lo spessore fosse molto basso. Se si parte invece da un presupposto in cui ogni muretto e' avvolto ai "piedi" di una altezza di min. 25 cm, gli effetti indesiderati di un ponte termico (condensa/muffa) vengono eliminati perch? il ponte termico stesso e' attenuato. Ovvero: Non si tratta pi? di un muretto freddo ma riscaldato sufficientemente dai lati da rappresentare un elemento strutturale neutrale in termini termo-igrometrici.
    Per questo motivo, non e' assolutamente necessario effettuare un cappotto interno, lo strato isolante nel sottotetto e' sufficiente per portare l'intero solaio in un regime equilibrato per quanto riguarda le dinamiche igrometriche e termiche interstiziali.
    Questa mia valutazione si basa su centinaia di cantieri simili seguiti negli ultimi 10 anni.Il rischio del ponte termico è una osservazione interessante è potrebbe sussistere se lo spessore di cellulosa fosse molto basso. Se si parte invece da un presupposto in cui ogni muretto è avvolto ai "piedi" di una altezza di min. 25 cm, gli effetti indesiderati di un ponte termico (condensa/muffa) vengono eliminati perché il ponte termico stesso è attenuato. Ovvero: Non si tratta più di un muretto freddo ma riscaldato sufficientemente dai lati da rappresentare un elemento strutturale neutrale in termini termo-igrometrici.
    Per questo motivo, non è assolutamente necessario effettuare un cappotto interno, lo strato isolante nel sottotetto è sufficiente per portare l'intero solaio in un regime equilibrato per quanto riguarda le dinamiche igrometriche e termiche interstiziali.
    Questa mia valutazione è confermata da centinaia di cantieri del tipo sopra seguiti negli ultimi 10 anni.
    Grazie Christine, osservazioni interessanti.

  • jovis
    Jovis Ricerca discussioni per utente
    Sabato 5 Ottobre 2019, alle ore 11:50 - ultima modifica: Sabato 5 Ottobre 2019, all or 11:53
    Ciao,

    da curioso mi inserisco con una ipotesi. se intonachiamo tutto l'interno della soffitta incluso pareti con della malta a base di sughero che ne pendate? ho letto qualcosa che potrebbe dare una alternativa in più: malte-e-intonaci-a-base-di-sughero  .:-))

Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img bigfoot!
Salve, devo installare uno stabilizzatore di tensione per uso domestico per un problema di sbalzi di tensione alla rete elettrica della mia utenza al di fuori dei limiti...
bigfoot! 02 Febbraio 2021 ore 11:00 1
Img fireball
Buonasera a tutti, un consiglio. Ho un locale in muratura in campagna che funge da box ricovero bancali di pellet per stufa. Il tetto è in lamiera. Nonostante alcune...
fireball 29 Gennaio 2021 ore 19:31 1
Img diabolik2009
Salve a tutti, vorrei chiedere una info riguardo l'acquisto di una nuova caldaia a condensazione per poter usufruire della detrazione del 50% come previsto dalla norma, ma chiedo...
diabolik2009 19 Giugno 2020 ore 10:17 5
Img the.kysersose
Buonasera,volevo porre questo quesito a chi si intende più di me di idraulica.Ho una casa molto grande su due livelli e la mia caldaia è stata cambiata da poco tempo...
the.kysersose 21 Aprile 2020 ore 01:12 5
Img crow85rosso
Salve a tutti, mi presento qui mi chiamo Luca sono un tutto fare in casa, abito a Cosenza. Vi espongo il mio problema, abito in una villetta bifamiliare di 2 piani, abito al...
crow85rosso 26 Marzo 2020 ore 14:31 5
Notizie che trattano Coibentare solaio del sottotetto che potrebbero interessarti


Detrazione 65% per isolamento pareti e tetto

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Che caratteristiche deve avere l'intervento edilizio sull'involucro e quali sono i documenti da conservare e trasmettere per accedere alla detrazione del 65%?

Metodi per coibentare la casa e migliorare il comfort abitativo

Isolamento termico - L'isolamento termoacustico di un'abitazione esistente, isolata o in condominio, comporta notevoli risparmi economici e un deciso aumento del comfort ambientale.

Detrazioni 65% e 50% per recupero di sottotetto

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Quali lavori eseguiti per il recupero di un sottotetto possono beneficiare della detrazione sul risparmio energetico (65%) o per le ristrutturazioni edilizie (50%)?

Caldana

Architettura - La caldana è uno strato presente sia nei solai in calcestruzzo, sia nei solai lignei; la sua principale funzione è quella di irrigidire tutta la struttura.

Isolamento termico del tetto per ridurre dispersioni e consumi

Isolamento termico - Sarebbe sufficiente coibentare adeguatamente i tetti delle nostre abitazioni per evitare dispersioni termiche e ridurre drasticamente i consumi energetici.

Isolare un sottotetto non abitabile

Isolamento termico - Per risparmiare sulla spesa del riscaldamento è fondamentale coibentare l'involucro, ma le tecniche per isolare il sottotetto sono differenti a seconda dei casi.

Requisiti immobile per detrazione 65%

Normative - Per accedere alla detrazione sul risparmio energetico è necessario che l'immobile sia esistente, sia iscritto al catasto e sia dotato di impianto riscaldamento.

Dispersioni energetiche in casa

Bioedilizia - Il contenimento delle dispersioni energetiche degli edifici, in costruzione o in ristrutturazione, può essere raggiunto con l'uso corretto di moderne tecnologie.

Pannelli isolanti in legno cemento, betonwood e airwood

Isolamento termico - Il legno cemento è un materiale molto particolare, ecocompatibile e dalle caratteristiche uniche di isolamento, resistenza ed ecocompatibilità, come betonwwod ed airwood.
REGISTRATI COME UTENTE
328.394 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
//