Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Ripartizione spese tra venditore-acquirente in caso di vendita appartamento


Ho acquistato un appartamento e le spese condominiali deliberate erano già state pagate dal venditore e mi aveva fornito relativa liberatoria dell’amministratore del condominio che tutte le rate fino al rogito erano pagate.
Al consuntivo l’amministratore mi chiede di pagare le quote del subentro che lui deve restituire al vecchio proprietario.
Nulla è stato pattuito dal sottoscritto con il venditore su questo tema.
È corretto.
Grazie
  • lucag1979
    Lucag1979 Ricerca discussioni per utente
    Lunedì 17 Settembre 2018, alle ore 16:15
    Se c'è un conguaglio positivo a favore del vecchio proprietario, allora l'amministratore può contattarlo e restituirlo direttamente. Se, invece, c'è da pagare qualcosa, allora può domandarlo a te e tu puoi rivalerti sul vecchio proprietario se si tratta di spese di sua spettanza. Quello che descrivi, però non mi è chiaro.
    rispondi citando
  • fabri2018
    Fabri2018 Ricerca discussioni per utente Lucag1979
    Martedì 18 Settembre 2018, alle ore 09:40 - ultima modifica: Martedì 18 Settembre 2018, alle ore 10:11
    Se c'è un conguaglio positivo a favore del vecchio proprietario, allora l'amministratore può contattarlo e restituirlo direttamente. Se, invece, c'è da pagare qualcosa, allora può domandarlo a te e tu puoi rivalerti sul vecchio proprietario se si tratta di spese di sua spettanza. Quello che descrivi, però non mi è chiaro.
    Il contendere è con l’amministratore .
    Al rogito 11/01/2018 ho avuto dal venditore liberatoria dell’amministratore del 09/01/2018 che cita “Che non ci sono pendenze verso l’amministratore di condominio per contributi di spese ordinarie o straordinarie e che pertanto tutte le spese alla data odierna sono state pagate”.
    Il contendere è con l’amministratore sulla diciture “spese alla data odierna sono state pagate”
    L’anno di gestione va da Agosto 2017 ad Agosto 2018 Il venditore ha versato le due quote di rate annuali della gestione 2017/2018 che scadevano quando era lui proprietario (settembre e dicembre 2017) deliberate dall’assemblea a preventivo (praticamente 2 quote in anticipo per tutto l'anno).
    L’amministratore mi dice che a consuntivo lui riparte le spese per 365 gg e che il venditore ha diritto ad avere indietro a consuntivo la quota parte di quanto versato per i restanti mesi in cui non era proprietario eche la devo versare io al condominio perchè lui la bonifica all'ex proprietario. Ma la liberatoria non serve per liberare chi acquista di pagare le quote a scadenza deliberate nell’anno precedente e in quello corrente ed io pago solo quello che rimane a consuntivo ed eventualmente che scade nel periodo in cui io divento proprietario? Ed eventualmente non sono io titolato a restituire eventuali somme all'ex proprietario?
    grazie

    rispondi citando
  • lucag1979
    Lucag1979 Ricerca discussioni per utente
    Mercoledì 19 Settembre 2018, alle ore 12:04
    L'ex proprietario ha pagato tutto l'anno. Una parte dell'anno l'aha pagata anche se il proprietario eri ormai tu e l'ha fatto in anticipo. Se c'è un conguaglio positivo, cioè se bisogna restituire qualcosa riferibile al vecchio proprietario, allora la restituzione va fatta a lui. Altrimenti l'amministratore non ha titolo per dire cosa devi fare e puoi dirgli che gestirai tu i rapporti con chi ha venduto, rendendoti eventulamente disponibile per iscritto a fare ciò. Se vuoi una consulenza dettagliata sull'argomento, puoi usufruire del servizio (a pagamento) presente sul sito, qui: Consulenza Legale, Fiscale e Condominiale
    rispondi citando
  • manuelamargilio
    Manuelamargilio Ricerca discussioni per utente
    Domenica 23 Settembre 2018, alle ore 18:03
    Buongiorno, oltre a precisare che per la ripartizione tra vecchio e nuovo proprietario si deve tener conto della tipologia di spesa, se di ordinaria o straordinaria amministrazione, riferisco che il criterio dirimente concerne il momento in cui è sorta l'obbligazione della spesa deliberata.
    Ciò detto, nella fattispecie non mi è chiaro in cosa consistano le quote del subentro e quali somme debbano essere restituite e a chi. Anche la ragione di questa restituzione sembra abbastanza oscura.
    Saluti.
    rispondi citando
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img stefanocipriani
Salve,il mio condominio (8 condomini) ha deliberato la pittura della facciata esterna solo per il piano terra in quanto nel resto della palazzina c'è la cortina.Una parte...
stefanocipriani 28 Febbraio 2016 ore 11:15 3
Img leonecerv
Chi deve pagare e con quali quote millesimali le riparazioni acque di scolo dei box auto?...
leonecerv 22 Gennaio 2016 ore 12:54 3
Img stellina201
Salve,sono un inquilino di un immobile all'ultimo piano.Da qualche anno il piano terra e stato acquistato da un nuovo proprietario.Qualche mese fa ci ha presentato il conto della...
stellina201 05 Gennaio 2015 ore 22:31 1
Img tortellino
Buongiorno a tutti.Ho bisogno urgentemente di qualche informazione relativamente al riparto delle spese straordinarie nel mio caso.Sono proprietario di un garage in un condominio,...
tortellino 06 Ottobre 2015 ore 13:18 3
Img francee
Buona sera,abito in un condominio di tre piani per un totale di 12 inquilini, attualmente stiamo affrontando l'enorme spesa del rifacimento esterno, comunemente chiamato...
francee 06 Febbraio 2015 ore 22:37 1
Notizie che trattano Ripartizione spese tra venditore-acquirente in caso di vendita appartamento che potrebbero interessarti


Modifica dei criteri di ripartizione delle spese

Condominio - Nel condominio Alfa per lunghi anni, in ragion delle disposizioni contenute nel regolamento contrattuale, le spese per il riscaldamento sono state ripartite

Ripartizione delle spese legali nel caso di transazione

Condominio - Un condominio decide di promuovere una causa o di resistere ad un?avversa richiesta.Si pensi, per restare agli esempi più banali, alla necessità di

Ripartizione delle spese legali derivanti da cause condominiali, ipotesi e soluzioni

Ripartizione spese - In tema di cause condominiali è utile distinguere le posizioni dei vari condòmini al fine di poter valutare se imporgli parte del pagamento per l'onorario dell'avvocato.

Edificio e box autonomi, non sempre si può parlare di condominio

Assemblea di condominio - Edificio e boxes in condominio: quando si può parlare di unico complesso condominiale e quando invece sono entità autonome?

Spese condominiali: le tabelle millesimali

Tabelle millesimali - Le tabelle millesimali sono uno strumento indispensabile per la corretta gestione del condominio ed alla loro approvazione si può giungere in tre diversi modi.

Comunione, condominio e ripartizione delle spese

Condominio - Il codice civile disciplina due forme di comproprietà su beni immobili: la comunione (che può applicarsi anche a cose mobili) ed il condominio che, invece,

Le spese per la manutenzione del tetto

Ripartizione spese - Quali sono le norme cui fare riferimento ai fini della ripartizione delle spese in condominio nel caso d'interventi al tetto? La risposta nell'articolo 1123 C.C.

Ripartizione spese condominiali e scelta del criterio sbagliato

Ripartizione spese - Che cosa accade se l'assemblea decidesse, erroneamente, di applicare un criterio di ripartizione delle spese errato e le tabelle fossero, anch'esse, errate?

Piano di ripartizione spese condominiali: cos'è e a cosa serve

Ripartizione spese - Il piano di ripartizione delle spese condominiali, specie se approvato dall'assemblea, è fondamentale per una corretta gestione delle spese in un condominio.
REGISTRATI COME UTENTE
308.095 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Velux
  • Weber