Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
2014-11-11 09:09:40

Divisione corte comune e altre parti comuni.


Buongiorno,
l'immobile oggetto della domanda è una palazzina composta in origine da due appartamenti, circondata da corte comune, box, locale termico e lavatoio, tutto indiviso.
Uno dei due appartamenti è stato diviso in due ed ho acquistato la metà.
Ora vorrei procedere insieme ad uno degli altri due proprietari al frazionamento ed assegnazione (con atto di divisione) di queste parti comuni, anche perché il terzo proprietario non ha intenzione di spendere soldi per la manutenzione necessaria, mentre assegnando qualcosa in modo esclusivo alle singole unità abitative, ognuno provvederà alla manutenzione ordinaria e straordinaria che ritiene opportuno fare.
Non è stato costituito il condominio visto il numero esiguo di appartamenti.
Come si può procedere, occorre comunque convocare un'assemblea dei tre proprietari, fare un verbale, mettere a votazione la decisione?
Se il terzo proprietario (in minoranza) non ha intenzione di procedere in tal senso che mezzi legali abbiamo per procedere contro di lui, sempre se ciò fosse possibile?
Grazie.
Marco
  • gil86
    Gil86 Ricerca discussioni per utente
    Mercoledì 29 Ottobre 2014, alle ore 23:10
    Sicuramente il terzo proprietario deve essere presente semmai nella riunione si può proporre il fatto che la sua parte di proprietà di queste parti comuni o viene persa o deve essere manutenuta. 

    Per quanto riguarda l'aspetto legale ti consiglio di chiedere ad un avvocato

    ciao a presto

  • lucag1979
    Lucag1979 Ricerca discussioni per utente
    Lunedì 10 Novembre 2014, alle ore 14:55
    Il fatto che non esista formalmente il condominio non sta a significare che non operi il diritto di condominio.
    Ciò vuol dire che ai sensi dell'art. 1119 c.c. il frazionamento è possibile solamente con il consenso di tutti i proprietari e che le ristrutturazioni necessarie possono essere deliberate a maggioranza con obbligo di pagamento anche per il condomino contrario.

  • mark_busik
    Mark_busik Ricerca discussioni per utente
    Martedì 11 Novembre 2014, alle ore 09:09 - ultima modifica: Martedì 11 Novembre 2014, all or 09:10
    Buongiorno, grazie a tutti del contributo offerto.
    Ora ho le idee più chiare.
    saluti

Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img gabrielefranzò
Salve, sono nuovo del forum e spero in un vostro aiuto. Il discorso riguarda l'ecobonus, abitiamo in una casa su due piani dove sotto, diciamo così, abitiamo noi e sopra i...
gabrielefranzò 21 Ottobre 2020 ore 07:44 4
Img mellino
Sono il proprietario di un'edificio costituito da due unità immobiliari (una a piano terra e una al primo piano) distintamente accatastate e funzionalmente indipendenti e...
mellino 30 Settembre 2020 ore 14:55 5
Img carlocorneo
Buongiorno, mi chiedevo se per mantenere un'area condominiale privata e non gravata da uso pubblico aperta e a disposizione della collettività, è necessario che...
carlocorneo 23 Luglio 2020 ore 19:30 5
Img paolisso
Ciao, tra poco comprerò un appartamento al primo piano in una palazzina di sole due unità. Al piano terra vi è l'autorimessa + cantina (frazionate) e due...
paolisso 05 Aprile 2018 ore 19:12 2
Img francescoscarpati
A seguito della nuova legge e della riforma dell'artiolo 1117 cc, quali sono le procedure da eseguire per la compravendita delle parti comuni di un condominio? Qual è la...
francescoscarpati 17 Agosto 2017 ore 12:22 9
Notizie che trattano Divisione corte comune e altre parti comuni. che potrebbero interessarti


Supercondominio

Amministratore di condominio - Il Supercondominio è un'entità che sussiste quando ci sono edifici collegati con parti in comune. Vediamo insieme quali sono le sue caratteristiche, doveri e potenzialità.

Individuazione delle parti comuni del condominio

Parti comuni - Le parti comuni del condominio sono quelle che servono al godimento delle unità immobiliari di proprietà esclusiva secondo legge o per contratto.

Bonus ristrutturazioni al proprietario unico di edificio per lavori su parti comuni

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Detrazioni fiscali a favore dell'unico proprietario di un edificio per i lavori di ristrutturazione eseguiti sulle parti comuni delle varie unità immobiliari.

Bonus per lavori condominiali

Condominio - Una risoluzione dell'Agenzia delle Entrate chiarisce che è possibile usufruire del bonus 36% per i lavori eseguiti su tutte le parti comuni del condominio.

Differenza tra innovazioni e modifiche delle cose comuni

Parti comuni - Le innovazioni e le modifiche delle cose comuni, sia pur molto simili, sono comunque interventi differenti soggetti a diversi regimi di autorizzazione

Amministratore di condominio e servitù

Condominio - L'amministratore di condominio non può agire in giudizio per ottenere il riconoscimento di una servitù perché questa azione non rientra tra i suoi poteri.

Riforma del condominio e i supercondominii

Assemblea di condominio - Oggi, contrariamente a tale impostazione, l'applicazione delle norme dettate in materia di condominio negli edifici è esteso anche ai supercondomini ed ai condomini orizzontali.

Balconi aggettanti e danni alle parti comuni

Parti comuni - I balconi aggettanti sono parti di proprietà esclusiva e come tali bisogna considerarli ai fini del risarcimento del danno che causano

Reati sulle parti comuni e querela

Condominio - Le parti e le cose comuni di un edificio in condominio (art. 1117 c.c.) possono essere oggetto di reato.Si pensi ai furti, al danneggiamento e più in
REGISTRATI COME UTENTE
325.687 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
//