Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA

Urgente per recinzione di corte esclusiva


Mpg
login
01 Febbraio 2008 ore 13:35 21
Http://www.lavorincasa.it/helpcasa/immagini/2008/88209_29064.jpg

Buongiorno a tutti. Posseggo uno studio in un complesso condominiale sito al piano terra (indicato con 1). Al mio fianco (numero 2) c'è un appartamento con corte esclusiva (delimitata in rosso) . Attualmente l'inquilino vorrebbe recintare la delimitazione di tale corte esclusiva con un cancello alto 150 cm. Le finestre del mio studio danno sulla corte esclusiva e iniziano da 120 cm da terra con un'apertura in larghezza di circa 160 cm ogni finestra.
Il cancello avrà una parte scorrevole (in rosso tratteggiato) che quando aperta si avvicinerà alla mia finestra, mentra la delimitazione del cancello che inizia a 3-4 cm dal muro è posta tra due mie finestre senza quindi qui interferire con la veduta.
Vorrei sapere:
tale cancello può essere eretto , in che materiale e con che altezza massima oppure non si puo' fare visto che impedisce poi l'accesso esterno alla mie finestre (se volessi farle lavorare dovrei sempre chiedere il permesso di accedervi all'inquilino vicino) o altera la veduta in quanto più alto di 120 cm (base di inizio di altezza delle mie finestre). Tengo a precisare che all'interno dela corte esclusiva c'è anche un tombino condominiale.
  • condominiale
    Condominiale Ricerca discussioni per utente
    Venerdì 1 Febbraio 2008, all or 14:22
    [....... visto che impedisce poi l'accesso esterno alla mie finestre......
    Le "finestre" non sono fatte per "accedere" (come le porte), ma solo per dare aria e luce all'unità immobiliare.

    Il cancello in oggetto non toglie ne aria ne luce alle tue finestre.

    Bisogna accertarsi invece del rispetto delle distanze di qualsiasi nuovo manufatto rispetto all'altrui proprietà.

    Qui trovi precisi riferimenti normativi e sentenze che ti possono aiutare:

    http://www.condomini.altervista.org/distanze.htm
    rispondi citando
  • mpg
    Mpg Ricerca discussioni per utente
    Venerdì 1 Febbraio 2008, all or 14:35
    Io qui leggo:
    "Vietato costruire a distanza inferiore a tre metri dalla veduta del vicino
    Tribunale di Lodi, 06/04/2005, n. 203
    L?art. 907 c.c. - vietando di costruire a distanza inferiore a tre metri dalla veduta del vicino - è diretto ad assicurare non solo aria e luce in quantità sufficiente ma, anche e soprattutto, l?integrità delle veduta stessa, riferendosi ad ogni opera stabile, qualunque ne sia la foggia e la materia.
    La nozione di costruzione è comprensiva non solo dei manufatti in calce e mattoni, ma di qualsiasi opera che, indipendentemente dalla forma e dal materiale con cui è stata realizzata, determini un ostacolo del genere.
    Trattasi di disposizione applicabile anche agli edifici condominiali."

    Il cancello parte a 3-4 cm dal muro del mio studio e seguendo la linea di delimitazione della sua corte si avvicinerà a 3cm circa dalla siepe che delimita il condine del nostro condominio da quello vicino. La distanza tra il mio muro e la siepe di confine è di circa 5 metri.
    A questo punto va tutto bene oppure ci sarebbero problemi nel costruire il cancello?
    rispondi citando
  • condominiale
    Condominiale Ricerca discussioni per utente
    Venerdì 1 Febbraio 2008, all or 17:15
    Ritengo di no, vista l'altezza e vista la struttura di un cancello che non è sicuramente "opaca".

    Quanto sopra sperando che non vi sia attiva opposizione del confinante, meglio parlarne, prima di iniziare i lavori.
    rispondi citando
  • mpg
    Mpg Ricerca discussioni per utente
    Domenica 3 Febbraio 2008, all or 09:36
    Ma vorrei sapere se l'inquilino puo' anche lasciare il cane nello spazio di corte esclusiva che recinterà (sotto le mie finestre) e se comunque prima di iniziare i lavori deve comunicare cosa vuole fare a tutti i condomini e questi devono accettare tale nuova situazione (anche se non c'è l'amministratore) o puo' iniziare i lavori comunque. Infine deve richiedere l'autorizzazione in comune?
    rispondi citando
  • condominiale
    Condominiale Ricerca discussioni per utente
    Domenica 3 Febbraio 2008, all or 11:10
    Un proprietario può usare la "sua" proprietà per il proprio maggior godimento, anche laciarvi il cane purchè non provochi danni o rumori molesti ai proprietari vicini in base all'art. 844 del c.c.

    Può recintarla, può inserirvi un cancello purché rispetti le distanze stabilite dal Codice.

    Saranno necessari i permessi, le autorizzzazioni o le comunicazioni comunali in base alla legge.
    Leggi questa tabella:

    http://www.condomini.altervista.org/Per ... oniDia.htm
    rispondi citando
  • mpg
    Mpg Ricerca discussioni per utente
    Domenica 3 Febbraio 2008, all or 11:15
    Un'ultima domanda, la recinzione che farà non va a variare l'estetica del condominio per cui al di la' di tutto è necessario che i condomini siano d'accordo (non so se basta uno contrario o la maggioranza) oppure l'inquilino puo' iniziare comunque il lavoro senza richiedere nulla ai condomini?
    Per quanto riguarda la distanza del cancello al muro dove ci sono le mie finestre e dalla siepe confinante con il vicino deve essere di 5cm o mi sbaglio, se erge il cancello metallico di 150 cm? Non riesco bene a capire nel link che mi ha postato.
    Grazie infinite.
    rispondi citando
  • condominiale
    Condominiale Ricerca discussioni per utente
    Domenica 3 Febbraio 2008, all or 11:43
    La recinzione è un "diritto", lo ha ribadito più volte la Cassazione.
    Alla stregua delle inferriate, prevale la "sicurezza" alle "opinioni" personali dei condómini sul decoro:

    http://www.condomini.altervista.org/DecoroArchit.htm

    Le distanze sono quelle stabilite dal Codice, nel tuo caso devi solo controllare il rispetto delle distanze dalle tue finestre o luci.
    rispondi citando
  • mpg
    Mpg Ricerca discussioni per utente
    Domenica 3 Febbraio 2008, all or 12:41
    D'accordo ma in questo caso per appunto una recinzione del genere a quanto esattamante deve partire dalla parte delle mie finestre esattamente, non riesco a trovare bene la distanza minima come ho detto. L'inquilina mi ha detto che sarebbe partita a circa 3-4 cm, vorrei sapere la misura esatta in questo caso.
    Se anche la parte del cancello scorrevole (tratteggiato in rosso) si avvicina quando si apre alla mia finestra superandola di circa 30m (partendo al mia finestra da 120 di altezza) sempre nessun problema?
    Grazie ancora.
    rispondi citando
  • condominiale
    Condominiale Ricerca discussioni per utente
    Domenica 3 Febbraio 2008, all or 12:51
    Salvo riferimenti diversi inseriti nelle norme urbanistiche locali, basta leggere l'art. 907 del c.c.
    rispondi citando
  • mpg
    Mpg Ricerca discussioni per utente
    Domenica 3 Febbraio 2008, all or 13:27
    Si ma l'art.907 parla di 3 metri di distanza in questo caso, guardando il disegno che ho fatto l'inquilino applica il cancello a distanza come ripeto di 3-4 cm dal mio muro anche se la partenza è vicino al muro tra due mie finestre e non di fronte ad una finestra. Solamente la parte del cancello che scorre poi arriverebbe molto vicino ad una mia finestra quando lo aprono.Lui mi ha detto che l'avvocato gli ha riferito che puo' costruire così, innanlzandola a 150 cm massimo.
    D'altra parte se la corte esclusiva comprende tutta la parte indicata come puo' costruire il cancello rimanendo distente 3 metri? Sono io che non ci capisco proprio o com'è la storia?
    rispondi citando
  • condominiale
    Condominiale Ricerca discussioni per utente
    Domenica 3 Febbraio 2008, all or 21:31
    Da come descrivi la situazione, il cancello in oggetto risulterebbe più alto del limite delle tue finestre quindi limiterebbe il tuo diritto ad "aria e luce" anche obbliquamente.

    Il ripetto delle distanze vale anche lateralmente.

    Ti consiglio di far visionale i luoghi ad un geometra e inviare una raccomandata al vicino contestandolo con la relazione del professionista.
    rispondi citando
  • mpg
    Mpg Ricerca discussioni per utente
    Martedì 5 Febbraio 2008, all or 14:01
    Riepilogo situazione. Ho parlato con l'avvocato della controparte e mi è stato detto che l'inquilino a diritto a recintare e arrivare sino a 150 cmc di altezza.
    Ribadendo che l'altezza delle mie finestre inizia da 120 cm come si puo' affermare che puo' arrivare a 150 cm? Per quanto riguarda la distanza dal muro, leggendo il link che mi ha dato per le distanze, credo che essendo la rete fissata con dei piloni al terreno debba essere considerata struttura stabile e quindi debba essere distante dal muro almeno 150 cm, mi sbaglio? In questo caso allora sarebbe però impossibile fare la recinzione in quel modo. Potete aiutarmi prima di imbarcarmi in un'eventuale causa?
    rispondi citando
  • condominiale
    Condominiale Ricerca discussioni per utente
    Martedì 5 Febbraio 2008, all or 15:19
    Ti ho gia dato tutte le risposte possibili e immaginabili, ti ho detto che l'unico modo per contestare l'avvocato è far scrivere ad un tuo avvocato.

    Ricorda che il muro sul quale si affacciano le tue finestre non è "tua proprietà", bensì bene comune condominiale.

    Il vicino ha quindi il diritto di "appoggiarsi" (art. 1102).

    Resta solo il rispetto delle "distanze" dalle tue finestre (diritto di aria e luce) come ti ho gia indicato e per il quale ti ho indicato i riferimenti del Codice; sei tu che devi agire, se lo ritieni opportuno.
    rispondi citando
  • mpg
    Mpg Ricerca discussioni per utente
    Martedì 5 Febbraio 2008, all or 15:31
    Ti ringrazio molto , volevo solo capire io (prima di andare da un'avvocato) con il tuo aiuto qual'è la distanza minima della recinzione dalle finestre. Tu dici che puo' quasi appoggiarsi e d'altra parte parli di distanze allora non ci capisco più.. Intendi che la recinzione sia distante tot metri dalle finestre? Però poi dici che potrebbe appoggiarsi al muro dove ci sono le mie finestre.. Fammi capire meglio..
    In ogni caso è possibile che si possa costruire un cancello ad un'alteza superiore delle finestre, al di là di tutto? Comè possibile che il suo avocato gli abbia detto che puo' arrivare a 150 cm, è questo che non capisco assolutamente.Ti ringrazio ancora.
    rispondi citando
  • condominiale
    Condominiale Ricerca discussioni per utente
    Martedì 5 Febbraio 2008, all or 16:20
    Può arrivare a 150 cm di altezza e anche oltre in quanto il cancello viene installato sulla sua proprietà.

    Il problema è invece relativo invece alla distanza sia orizzontale, sia laterale dalle tue luci o finestre che deve essere non inferiore a quanto previsto dal Codice. (ti ho indicato il link sopra)
    rispondi citando
  • mpg
    Mpg Ricerca discussioni per utente
    Martedì 5 Febbraio 2008, all or 16:36
    Da quello che mi dici (art.907 ) comunque sembrerebbe che non puo' costruire a distanza di 3 metri, sei d'accordo ? Se fosse così non potrebbe assolutamente appoggiarsi al muro in quanto a pochi cm dalle mie finestre. Caspita che complicato!
    rispondi citando
  • condominiale
    Condominiale Ricerca discussioni per utente
    Martedì 5 Febbraio 2008, all or 16:45
    Hai finalmente compreso i limiti imposti dal Codice.

    Ora devi consultarti con un geometra del posto affinchè ti assista per il controllo di eventuali norme locali in deroga.
    Se hai intenzione di far valere il tuo diritto, fallo subito, prima dell'eventuale conclusione dei lavori.
    rispondi citando
  • mpg
    Mpg Ricerca discussioni per utente
    Martedì 5 Febbraio 2008, all or 16:57
    Ho trovato anche questo:
    "A norma dell'ultimo comma dell' art. 907, quando si vuole appoggiare una nuova costruzione al muro in cui sussistono vedute dirette ed oblique, tale opera deve arrestarsi almeno a tre metri sotto la loro soglia.
    La Cassazione ha precisato che la nozione di costruzione è comprensiva non solo dei manufatti in calce o mattoni e cemento, ma di qualsiasi opera che, indipendentemente dalla forma e dal materiale con cui è stata realizzata, purché durevole ivi compresi i prefabbricati, sia destinata per la sua funzione a rimanere sul luogo, indipendentemente dall'area e dalla consistenza dell' opera stessa e determini un ostacolo, con carattere di stabilità, all'esercizio della veduta.
    Il divieto di fabbricare a distanza inferiore a tre metri dalla veduta diretta del vicino è relativo alle costruzioni che raggIUngono o superano in altezza il livello della veduta."
    In pratica sembra che se l'inquilino costruisse sotto a 120 cm di altezza (base d'altezza delle mie finestre e quindi delle mie vedute) non ci sarebbe il limite di 3 metri, se supera tale altezza deve stare a distanza.
    rispondi citando
  • condominiale
    Condominiale Ricerca discussioni per utente
    Martedì 5 Febbraio 2008, all or 19:22
    Ti ho sempre dato le mie risposte consultando l'archivio sentenze di cui dispongo (vi è anche questa e tante altre che ribadiscono lo stesso concetto).

    Ripeto, se vorrai far valere le tue ragioni, dovrai consegnare almeno la relazione di un geometra e probabilmente basterà la lettere di un avvocato.
    rispondi citando
  • mpg
    Mpg Ricerca discussioni per utente
    Mercoledì 6 Febbraio 2008, all or 14:13
    Aggiornamento. Un geometra mi ha detto che in questo caso le distanze delle vedute c'entrano poco perché la recinzione non è assimilabile ad una costruzione ed è invece soprattutto invece importante che l'altezza della recinzione è più alta di 30 cm rispetto base di altezza delle finestre, un'altro invece mi dice che invece è assimilabile ad una costruizione se è ben stabile e di una certa fattezza. E' incredibile la varietà di interpretazioni, ma c'è qualche sentenza che afferma se la recinzione è una costruzione e in base a cosa in modo da capire se si applica il c.c. 907? In ogni caso il regolamento residenziale della mia città impone l'altezza massima di 150 cm (ora ho capito il discorso max dell'altezza).
    rispondi citando
  • condominiale
    Condominiale Ricerca discussioni per utente
    Mercoledì 6 Febbraio 2008, all or 18:12
    Come ti ho gia detto, di sentenze ne ho molte e ti ho sempre risposto in base a quelle.

    Però esse riguardano fatti ben precisi, meglio affidarsi alle norme locali ed al Codice.

    Perché continui ad avere dubbi e non fai scrivere una lettera ad un avvocato!!!!!!!!!!!
    Con pochi Euro te la cavi e potrai toccare con mano la reazione della controparte.
    rispondi citando
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img shogun868
Buongiorno a tutti, mi sono appena iscritto perché volevo porvi una domanda.La nostra situazione è questa:abbiamo costruito una nuova abitazione,terminata a ottobre...
shogun868 19 Settembre 2020 ore 14:32 4
Img marcor91
Ciao a tutti, ho una recinzione con rete ombreggiate di circa 25 metri tutta intorno casa, vorrei mettere del gelsomino, ma non volendo aspettare mesi e mesi perché avvolga...
marcor91 01 Luglio 2020 ore 13:10 2
Img sighipa
Buongiorno, ho bisogno di un consiglio. Desidero mettere un telo oscurante, quello verde da giardinaggio tra il confine del mio vicino e il mio...Abito in una casa a schiera,...
sighipa 07 Dicembre 2018 ore 09:59 1
Img viviflami
Buongiorno, sarei interessata all'acquisto di un immobile sito al piano terra in un condominio. I muretti di cinta delimitanti il giardino di questo appartamento (di cui uno, alto...
viviflami 10 Settembre 2018 ore 15:54 4
Img mmassimilianotagliabue
Buonasera, vorrei comprare una casa, ma l area esterna è disseminata da muretti di recinzione alti 80 cm che delimitano la zona orto dalla zona di passaggio ed un paio di...
mmassimilianotagliabue 11 Ottobre 2017 ore 11:26 1
Notizie che trattano Urgente per recinzione di corte esclusiva che potrebbero interessarti


Muro di recinzione e permesso di costruire: i chiarimenti della Cassazione

Leggi e Normative Tecniche - In caso di realizzazione di un muro di cinta la Cassazione precisa quando sia necessario richiedere il permesso di costruire e le autorizzazioni paesaggistiche.

Realizzare un accesso carraio da una strada comunale in pendenza

Progettazione - La realizzazione di un accesso carraio da strada pubblica in pendenza presuppone alcune questioni progettuali specifiche a cui è necessario prestare attenzione

Recupero di vecchie recinzioni

Ristrutturazione - Come ristrutturare vecchie recinzioni in calcestruzzo senza alcuna rimozione.

Recinzioni residenziali per giardini

Giardino - La protezione dall'intrusione nei propri giardini e spazi privati può essere realizzata con sistemi a pannelli modulari sicuri e di facile installazione.

Condominio orizzontale

Amministratore di condominio - Il condominio orizzontale è una particolare tipologia di condominio a sviluppo prevalentemente orizzontale formato ad esempio da una stecca di villette a schiera.

Recinzioni e parapetti di sicurezza

Progettazione - Dotare la propria casa di recinzioni e parapetti riduce il pericolo dovuto ad intrusioni da parte di estranei e di cadute o scivolamenti di cose e persone.

Muretti di recinzione e loro realizzazione

Spazio esterno - Come recingere un fondo per delimitare e proteggere la proprietà attraverso la ricerca di soluzioni pratiche ed economiche, senza disattendere l'aspetto estetico.

Chiusura del fondo e servitù

Proprietà - L'esercizio del diritto di proprietà trova esplicazione nella facoltà di recintare il bene immobile di riferimento. Limiti e connessioni con la servitù di passaggio.

Recinzioni di rete metallica: caratteristiche ed esecuzione

Sistemazione esterna - Le recinzioni di rete metallica sono molto economiche, sono versatili, pratiche e realizzabili facilmente anche da chi non ha molta esperienza nei lavori manuali
REGISTRATI COME UTENTE
316.747 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
//