Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Se creo una stanzetta in cartongesso devo presentare la dia?


Kynetia
login
20 Giugno 2008 ore 23:07 13
Ciao
dopo mesi e mesi (8 mesi!) di vana ricerca della casa giusta per noi, alla fine visti i prezzi abbiamo preso la decisione di restarcene a casa nostra.



Il nostro appartamento era un piccolo trilocale e quando l'abbiamo comprato l'abbiamo ristrutturato totalmente. Presentando regolare DIA abbiamo fatto delle modifiche: praticamente abbiamo eliminato una delle due camere, ampliando il soggiorno e il bagno. Così è venuto fuori un bel bilocalone, molto comodo e spazioso.

Adesso però abbiamo di nuovo bisogno della camera eliminata ...Che ovviamente dovrà avere una forma diversa e dimensione inferiore rispetto a quella che c'era prima perché il bagno è stato ingrandito.
Tra l'altro fortunatamente guardando dove si trovano le scatolette elettriche e gli interruttori, non ci sarà bisogno di cambiare nulla dell'impianto elettrico attuale e nemmeno di demolire muri: sarà sufficiente aggiungerne.
Non vorremmo però ripercorrere tutta la trafila di architetto, DIA, catasto... Quindi pensavamo al cartongesso.
Ma io mi domando: è VERO che se chiudo parte del mio salotto tra due pareti in cartongesso, quindi smontabili, non ho l'obbligo di dichiarare niente?

Grazie
kynetia
  • condominiale
    Condominiale Ricerca discussioni per utente
    Sabato 21 Giugno 2008, alle ore 08:12
    In realtà per questo genere di lavori, in pochi chiedono permessi o autorizzazioni.

    Comunque, quasi sempre la superficie dei "vani" viene calcolata nel rispetto di leggi specifiche e può essere modificata, e quindi ridotta, solo in caso che la stessa sia esuberante rispetto ai fabbisogni minimi di legge.
    In caso positivo, e nel caso l'intervento non contrasti con la normativa urbanistica ed edilizia vigente ed adottata e con il regolamento edilizio, puoi procedere facoltativamente ad una richiesta di permesso di costruire o con una Dia.

    Presso l'ufficio edilizia del tuo comune, informalmente, puoi chiedere consiglio prima di avventurarti in un'attività che potrebbe essere "malvista" dai tuoi vicini a causa di rumori vari (potrebbero fare un esposto ai vigili).
    rispondi citando
  • kynetia
    Kynetia Ricerca discussioni per utente
    Lunedì 23 Giugno 2008, alle ore 09:09
    Ciao condominiale,
    grazie per la risposta.
    Non ci sono controindicazioni di alcun tipo alle modifiche che vorremmo apportare, in teoria potremmo senza problemi procedere con una dia.
    MA NON VOGLIAMO FARLO.

    La mia domanda era questa: Se metto in sala due pareti di cartongesso posso anche NON informare il comune e il catasto, visto che sono amovibili?
    Se la risposta è "NO, ANCHE SE USI IL CARTONGESSO SEI OBBLIGATA COMUNQUE A PRESENTARE LA DIA E POI LA CHIUSURA LAVORI E INFINE LA VARIAZIONE CATASTALE", allora non faremo il lavoro e resteremo con una stanza sola.


    grazie,
    kynetia
    ...
    rispondi citando
  • condominiale
    Condominiale Ricerca discussioni per utente
    Lunedì 23 Giugno 2008, alle ore 16:28
    Una parete in cartongesso viene considerata a tutti gli effetti come una struttura permanente e pertanto equivale ad una parete in mattoni.

    La realizzazione di una nuova stanza comporta variazione del numero dei vani e conseguente variazione della rendita catastale, necessita della presentazione della DIA; solo una parete "veramente rimovibile" in legno può essere considerata alla stregua di "mobilio" e non richiede autorizzazioni.

    Quindi a te le decisioni .....
    rispondi citando
  • kynetia
    Kynetia Ricerca discussioni per utente
    Martedì 24 Giugno 2008, alle ore 17:35
    Aah, ora ho capito!
    Grazie per il chiarimento.
    Parete amovibile in legno, eh? Dove vado per vederne una, al Castorama/LeroyMerlin più vicini a casa?

    Mi gioco la carta pannello in legno, oppure non ne faccio niente.

    kynetia
    rispondi citando
  • condominiale
    Condominiale Ricerca discussioni per utente
    Martedì 24 Giugno 2008, alle ore 17:45
    Prova a fare una ricerca col tasto "motore ricerca" o "cerca in casa" in alto alla pagina inserendo la voce "parete legno", troverai decine di ditte che offrono manufatti per le tue necessità.
    rispondi citando
  • kynetia
    Kynetia Ricerca discussioni per utente
    Martedì 24 Giugno 2008, alle ore 17:57
    Ottimo consiglio, guarda in un minuto cosa ho trovato
    http://www.soringroup.com/gallery/par_110.jpg
    ...Secondo me è bella, si adatta bene anche a un appartamento! (Quello nella foto immagino sia un ufficio).

    Ora devo informarmi un po' sui costi.

    Grazie mille,
    kynetia
    rispondi citando
  • condominiale
    Condominiale Ricerca discussioni per utente
    Martedì 24 Giugno 2008, alle ore 19:51
    Sarebbe stupenda.

    Lavorincasa è una fonte inesauribile di soluzioni per ogni necessità.
    rispondi citando
  • davidebalde
    Davidebalde Ricerca discussioni per utente
    Mercoledì 1 Novembre 2017, alle ore 09:27
    Buongiorno,
    scusate se riesumo questo vecchio post ma ho una domanda simile ma non identica.

    Rispetto all'utente Kynetia la mia situazione è un pò diversa. Io ho una camera con un armadio a muro e dall'altra parte ho un bagno. Quello che vorrei fare è ricavare un altro bagnetto proprio dov'è l'armadio a muro, fatto di pareti in cartongesso. Devo comunque presentare DIA, apertura e chiusura lavori etc?

    Grazie per la risposta
    rispondi citando
  • beatrice.pi
    Beatrice.pi Ricerca discussioni per utente Davidebalde
    Giovedì 9 Novembre 2017, alle ore 16:20
    Buongiorno,
    scusate se riesumo questo vecchio post ma ho una domanda simile ma non identica.

    Rispetto all'utente Kynetia la mia situazione è un pò diversa. Io ho una camera con un armadio a muro e dall'altra parte ho un bagno. Quello che vorrei fare è ricavare un altro bagnetto proprio dov'è l'armadio a muro, fatto di pareti in cartongesso. Devo comunque presentare DIA, apertura e chiusura lavori etc?

    Grazie per la risposta
    Se si tratta dell'abbattimento di una tramezzatura con realizzazione di un servizio igienico è sufficiente una CILA a cui deve seguire aggiornamento catastale.
    Saluti.
    rispondi citando
  • davidebalde
    Davidebalde Ricerca discussioni per utente
    Venerdì 10 Novembre 2017, alle ore 23:06
    Grazie per la risposta Beatrice.pi

    Forse mi sono spiegato male. Dove vorrei fare il bagno adesso c'è un armadio a muro tutto in legno. Non voglio buttar giù la parete che dà sull'altro bagno (chiaramente devo far passare i carichi e scarichi dell'acqua ma niente di più).
    rispondi citando
  • svevavolo
    Svevavolo Ricerca discussioni per utente Davidebalde
    Giovedì 30 Novembre 2017, alle ore 15:12
    grazie per la risposta Beatrice.pi

    Forse mi sono spiegato male. Dove vorrei fare il bagno adesso c'è un armadio a muro tutto in legno. Non voglio buttar giù la parete che dà sull'altro bagno (chiaramente devo far passare i carichi e scarichi dell'acqua ma niente di più).
    Si tratta di realizzare un bagno laddove lì non c'era. Secondo me rientri nella casistica indicata dall'art. 3 lett b) d.p.r. n. 380/2001, ossia interventi di manutenzione straordinaria finalizzati a "realizzare ed integrare i servizi igienico-sanitari ". Il titolo abilitativo è comunque la CILA con i successivi adempimenti indicati da Beatrice.
    rispondi citando
  • barracuda84
    Barracuda84 Ricerca discussioni per utente Svevavolo
    Giovedì 25 Gennaio 2018, alle ore 10:01 - ultima modifica: Giovedì 25 Gennaio 2018, alle ore 10:42
    Si tratta di realizzare un bagno laddove lì non c'era. Secondo me rientri nella casistica indicata dall'art. 3 lett b) d.p.r. n. 380/2001, ossia interventi di manutenzione straordinaria finalizzati a "realizzare ed integrare i servizi igienico-sanitari ". Il titolo abilitativo è comunque la CILA con i successivi adempimenti indicati da Beatrice.
    Salve a tutti scusate se rispondo a questo articolo, ma essendo nuovo non so ancora bene come formulare un nuovo oggetto di discussione.
    Il mio problema è: ho acquistato nel 2011 un appartamento su due livelli in un condominio in provincia di Tv formato da 24 conquilini, così disposto: secondo piano cucina/soggiorno ora solo cucina, disimpegno bagno e soggiorno ( ex camera matrimoniale ) scala riportata in planimetrie catastali e sottotetto praticabile ma non abitabile di cui ho realizzato delle varie suddivisioni in cartongesso, adesso devo vendere e mi sono informato con un Tecnico la quale mi ha riferito che con il regolamento comunale non posso sanare il tutto, ma potremmo ottenere la sola planimetrmia al catasto, in modo tale da non avere problemi con il perito per L accettazione del mutuo di possibili clienti. Datemi dei consigli su come agire 
    rispondi citando
  • barracuda84
    Barracuda84 Ricerca discussioni per utente Condominiale
    Lunedì 29 Gennaio 2018, alle ore 06:26
    In realtà per questo genere di lavori, in pochi chiedono permessi o autorizzazioni.

    Comunque, quasi sempre la superficie dei "vani" viene calcolata nel rispetto di leggi specifiche e può essere modificata, e quindi ridotta, solo in caso che la stessa sia esuberante rispetto ai fabbisogni minimi di legge.
    In caso positivo, e nel caso l'intervento non contrasti con la normativa urbanistica ed edilizia vigente ed adottata e con il regolamento edilizio, puoi procedere facoltativamente ad una richiesta di permesso di costruire o con una Dia.

    Presso l'ufficio edilizia del tuo comune, informalmente, puoi chiedere consiglio prima di avventurarti in un'attività che potrebbe essere "malvista" dai tuoi vicini a causa di rumori vari (potrebbero fare un esposto ai vigili).
    Salve a tutti scusate se rispondo a questo articolo, ma essendo nuovo non so ancora bene come formulare un nuovo oggetto di discussione. Il mio problema è: ho acquistato nel 2011 un appartamento su due livelli in un condominio in provincia di Tv formato da 24 conquilini, così disposto: secondo piano cucina/soggiorno ora solo cucina, disimpegno bagno e soggiorno ( ex camera matrimoniale ) scala riportata in planimetrie catastali e sottotetto praticabile ma non abitabile di cui ho realizzato delle varie suddivisioni in cartongesso, adesso devo vendere e mi sono informato con un Tecnico la quale mi ha riferito che con il regolamento comunale non posso sanare il tutto, ma potremmo ottenere la sola planimetrmia al catasto, in modo tale da non avere problemi con il perito per L accettazione del mutuo di possibili clienti. Datemi dei consigli su come agire
    rispondi citando
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img kito
Salve a tutti,qualcuno sa come si ripartisce correttamente la bolletta dei consumiidrici?C'è qualche software o foglio di calcolo in Excel?Grazie.So che è compito...
kito 12 Giugno 2006 ore 07:41 9
Img francoli
Salve avrei bisogno di sapere se dopo la prima scadenza di un contratto di locazione (4+4) con rinnovo automatico per i 4 anni a seguire, ad un anno circa dalla scadenza dello...
francoli 05 Gennaio 2007 ore 08:07 3
Img anonymous
Vivo in un condominio da 3 appartamenti.Nell'interrato sono situati i tre garage.L'area di manovra NON è proprietà comune ma PRIVATA (divisa in tre, con ovvie...
anonymous 03 Maggio 2007 ore 10:05 4
Img anonymous
Salve a tutti, sono nuovo del forum e volevo esporvi un quesito...sto valutando di comprare un appartamento al 1° piano in un condominio composto dal "mio" appartamento...
anonymous 02 Marzo 2007 ore 12:30 14
Img lmontuschi
Ciao!ho comprato un appartamento in un condominio composto da :6 appartamenti ... i proprietari sono 5.sotto ci sono 2 negozi di un altro proprietario ...è obbligatorio...
lmontuschi 04 Luglio 2006 ore 13:12 1
REGISTRATI COME UTENTE
306.714 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Cersaie