Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
2020-11-16 12:46:08

POS per sostituzione infissi?


Buongiorno.
Sto sostituendo nella mia abitazione i vecchi infissi in metallo con altri in PVC.
È mia intenzione avvalermi delle agevolazioni ecobonus 50% (spero di farmi riconoscere dall'Agenzia delle Entrate il credito di imposta 50% dopo la comunicazione ENEA, e successivamente di convertirlo in liquidità tramite un intermediario).
Il problema è che ho dei dubbi sulle normative da rispettare per non perdere le detrazioni.
Dal punto di vista dei titoli autorizzativi non sembrano esserci problemi.
Dopo avere letto un pò in giro (interpello 383/2019 dell'AdE, glossario edilizia libera) ed avere parlato con i tecnici del Comune, si tratta di intervento di edilizia libera e pertanto non serve asseverazione, dato che gli infissi nuovi hanno le medesime dimensioni di quelli vecchi.
Pertanto, presenterò una semplice CIL (Comunicazione Inizio Lavori) non asseverata mandando una PEC al Comune. Il problema di indicare le vecchie e nuove trasmittanze verrà risolto attraverso un autocertificazione del produttore (come del resto, suggerito dalla stessa ENEA).
Il vero problema, invece, riguarda le procedure di sicurezza.
Premesso che:
- Sul posto interverrà una sola impresa (installatore infissi);
- L'impresa invierà uno o due operai che opereranno per uno o due giorni al massimo;
- Tutte le operazioni si svolgeranno sul balcone di casa (sostituzione vecchi infissi in metallo, installazione controtelaio in PVC e nuovi infissi in PVC).
- Non sarà necessario l'uso di ponteggi mobili o fissi, o di piattaforme.
Non riesco a capire è se il luogo dell'intervento si configura ugualmente come "cantiere" e pertanto trova applicazione il titolo IV del D.L. 81/2008 (normativa cantieri), sebbene sia di tutta evidenza che non vi sono i rischi particolari di cui all'allegato XI del D.L. 81/2008.
Nell'ipotesi in cui il luogo di intervento sia da considerarsi comunque un cantiere, quali sono gli adempimenti da svolgere?
Credo che, essendoci una sola impresa e per un tempo ridotto, si tratterebbe di compilare solo il POS (Piano Operativa di Sicurezza) giusto?
In questo caso avrei alcune domande:
- per la stesura del POS è necessario l'intervento di un tecnico, oppure può provvedere il committente (che poi sarebbe il proprietario dell'immobile)?
- il POS va inviato a qualche ente di controllo prima dell'intervento?
Grazie in anticipo a chi mi risponderà.
  • nabor
    Nabor Ricerca discussioni per utente
    Lunedì 2 Novembre 2020, alle ore 11:10
    Buongiorno a Lei, per la normativa è obbligatoria la redazione del POS, che sarebbe onere del datore di lavoro (ossia, dell'impresa appaltatrice). Lei, quale committente, ha anche altre responsabilità, vedasi quella contributiva/assicurativa verso gli ausiliari dell'appaltatore, per cui l'impresa dovrebbe farLe avere il DURC, oltre alle garanzie assicurative del caso sulla fornitura in opera.

  • orazio12
    Orazio12 Ricerca discussioni per utente Nabor
    Domenica 8 Novembre 2020, alle ore 08:53
    Buongiorno a Lei, per la normativa è obbligatoria la redazione del POS, che sarebbe onere del datore di lavoro (ossia, dell'impresa appaltatrice). Lei, quale committente, ha anche altre responsabilità, vedasi quella contributiva/assicurativa verso gli ausiliari dell'appaltatore, per cui l'impresa dovrebbe farLe avere il DURC, oltre alle garanzie assicurative del caso sulla fornitura in opera.
    La ringrazio per la risposta. Riguardo alle garanzie assicurative del caso, l'installatore deve fornirmi un'autocertificazione ? Ha modo di citare l'articolo di legge di riferimento ?

  • nabor
    Nabor Ricerca discussioni per utente
    Domenica 8 Novembre 2020, alle ore 17:35
    Buongiorno, la fonte normativa principale è l'art. 29, comma, del D. Lgs. 276/2013, per i contributi, e l'art. 1676 del Codice Civile sotto il profilo retributivo (laddove si parla di azione diretta degli ausiliari dell'appaltatore, verso il committente).

  • orazio12
    Orazio12 Ricerca discussioni per utente Nabor
    Domenica 8 Novembre 2020, alle ore 17:55
    Buongiorno, la fonte normativa principale è l'art. 29, comma, del D. Lgs. 276/2013, per i contributi, e l'art. 1676 del Codice Civile sotto il profilo retributivo (laddove si parla di azione diretta degli ausiliari dell'appaltatore, verso il committente).
    Chiedo scusa ma non ho bene compreso. Per il DURC non ci sono problemi. Quello che non capisco è che cosa significa che l'installatore deve fornire le garanzie assicurative sulla fornitura in opera. Significa cioè che devono stipulare un'assicurazione a tutela dei propri dipendenti per installare i miei infissi ? Devono fornirmi una copia della polizza ? Una semplice autocertificazione ? E' obbligatorio visto che si tratta di manutenzione ordinaria e di un appalto di grandi dimensioni ?

  • nabor
    Nabor Ricerca discussioni per utente
    Martedì 10 Novembre 2020, alle ore 17:44
    Per i dipendenti dell'appaltatore, l'assicurazione è quella dell'INAIL, obbligatoria, e il committente può chiedere di verificare i relativi versamenti, atteso che il DURC potrebbe certificare una situazione non attuale. Le garanzie assicurative strettamente contrattuali, sulla realizzazione a regola d'arte della fornitura in opera, devono essere fornite a margine del collaudo.

  • orazio12
    Orazio12 Ricerca discussioni per utente Nabor
    Martedì 10 Novembre 2020, alle ore 20:22
    Per i dipendenti dell'appaltatore, l'assicurazione è quella dell'INAIL, obbligatoria, e il committente può chiedere di verificare i relativi versamenti, atteso che il DURC potrebbe certificare una situazione non attuale. Le garanzie assicurative strettamente contrattuali, sulla realizzazione a regola d'arte della fornitura in opera, devono essere fornite a margine del collaudo.
    Però, a quanto capisco, il committente PUO' chiedere di vedere i versamenti INAIL, non è OBBLIGATO, partendo dal presupposto che forse il DURC non sia aggiornato.Altrimenti, finiremmo per mettere a carico del committente, che è un privato, dei compiti di controllo (mancato aggiornamento del DURC) che competono alle autorità pubbliche di vigilanza.Sbaglio ?Per quanto riguarda il collaudo, è richiesto un verbale di collaudo vero e proprio ?

  • nabor
    Nabor Ricerca discussioni per utente
    Lunedì 16 Novembre 2020, alle ore 12:46
    Il DURC viene emesso periodicamente, ma non può asseverare una situazione che, a volte, ha per oggetto lavori di pochi giorni. L'impresa può essere in regola al 2 novembre, e non esserlo al 16, per questo il committente ha facoltà di chiedere copia dei versamenti contributivi. Per il collaudo, s'intende (oltre a quanto depositato presso il Comune competente) un verbale, o dichiarazione formale, da consegnarsi al committente.

Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img phantom81
Ciao a tutti, circa 7 anni fa mi sono trasferito in una città, dove ho comprato un appartamento in condominio ed ho eseguito alcuni lavori di ristrutturazione presentando...
phantom81 13 Novembre 2022 ore 12:57 2
Img sara pezzica
Buongiorno, dobbiamo cambiare i serramenti (finestre e avvolgibili) e ci è stata suggerita la soluzione Miniblocco in pvc, completo di cassonetto coibentato ed avvolgibile...
sara pezzica 11 Novembre 2022 ore 14:01 1
Img giodeco
Buonasera, siccome nel mio condominio si sta valutando di fare il cappotto con il bonus 110% volevo sapere se posso agganciarmi a questo intervento per sostituire gli infissi e...
giodeco 22 Ottobre 2022 ore 12:12 3
Img gianpaolog
Buongiorno,mi trovo in una situazione assurda.Sto ristrutturando casa (singola) usufruendo del 110% con il General Contractor che ha effettuato il 1° Sal del 70% avendo...
gianpaolog 05 Agosto 2022 ore 14:37 2
Img maddy89
Salve, ho acquistato due porte esterne in pvc per casa in sostituzione delle vecchie in alluminio. Le porte hanno misure e trasmittanza diverse ma la fattura del fornitore è...
maddy89 17 Giugno 2022 ore 10:50 3
Notizie che trattano POS per sostituzione infissi? che potrebbero interessarti


Si può avere il Superbonus se cambia forma e dimensione degli infissi?

Infissi Esterni - La sostituzione degli infissi rientra tra gli interventi ammessi al Superbonus 110%. Ma è sempre possibile o ci sono particolari condizioni da rispettare?

Bonus ristrutturazione per sostituzione infissi: chiarimenti dall'Agenzia delle Entrate

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Novità dall'Agenzia delle Entrate: al contribuente viene riconosciuto il bonus ristrutturazione per la sostituzione di infissi rientrante nell'edilizia libera

Piano Operativo di Sicurezza, cos'è e chi lo redige

Leggi e Normative Tecniche - Piano Operativo di Sicurezza POS: cos'è, chi lo redige, contenuti minimi e quali sono le differenze con il Piano di Sicurezza e Coordinamento PSC

Norma salva infissi in arrivo per Superbonus 110%

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Il provvedimento della manovra finanziaria potrebbe prevedere l'introduzione della norma salva infissi per i lavori agevolabili con l'incentivo del Superbonus 110

Sostituzione degli infissi e decoro dell'edificio

Parti comuni - Gli infissi delle unità immobiliari di proprietà esclusiva in un edificio in condominio, la loro sostituzione e le questioni relative al decoro dello stabile.

Il bonus facciate esclude il bonus mobili

Detrazioni e agevolazioni fiscali - A fronte di lavori sula facciata di un edificio si godrà anche del bonus mobili solo se gli interventi si fanno rientrare tra quelli di recupero del patrimonio edilizio

Superbonus ed Ecobonus: come si calcola la superficie delle finestre?

Infissi Esterni - L'AdE chiarisce come va calcolata la superficie degli infissi ai fini di Ecobonus e Superbonus, e specifica inoltre se nel calcolo rientrano anche i cassonetti

Piano casa Puglia: proroga fino al 31 dicembre 2020

Piano casa - Il Piano casa Puglia in scadenza per il 31 dicembre prossimo, verrà prorogato ancora per un anno, in attesa della Legge sulla bellezza del territorio pugliese.

Piano Casa da ieri operativo

Normative - Firmato ieri l'ultimo decreto necessario per rendere operativo il Piano Casa, per la parte destinata all'edilizia sociale.
REGISTRATI COME UTENTE
341.023 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
//