Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
2009-09-18 16:04:40

Termoconvettore a convezione naturale


Brunobrazil
login
13 Giugno 2006 ore 11:45 19
Buongiorno a tutti,

sarei interessato, per il riscaldamento dell'abitazione che sto ristrutturando, ad utilizzare al posto dei radiatori tradizionali dei termoconvettori a parete.
Il modello che mi interessa è un modello a convenzione naturale, senza bruciatore autonomo, alimentato da una caldaia centrale a condensazione;
per esempio il thermofon della Sierra.
Sulla carta questo prodotto sembrerebbe particolarmente efficace per lavorare a bassa temperatura abbinato ad una caldaia a condensazione, ma mi piacerebbe avere dei riscontri reali da chi eventualmente l'abbia già utilizzato o lo conosca in qualche modo per esperienza diretta.
Il mio installatore, non avendo mai visto in funzione prodotti di questo tipo, non si sbilancia più di tanto

Qualcuno ne sa qualcosa di più?

Grazie per l'attenzione.
  • aastaril
    Aastaril Ricerca discussioni per utente
    Giovedì 20 Luglio 2006, alle ore 10:39
    Lo sto valutando anche io, ma purtroppo non ho riscontri né positivi né negativi.

  • montyfranc
    Montyfranc Ricerca discussioni per utente
    Giovedì 20 Luglio 2006, alle ore 12:31
    Sono a conoscenza di questo prodotto, dalla letteratura sembra interessante però non vorrei sbilanciarmi troppo.
    Certamente un sistema a convezione forzata ha dimensioni minori a parità di potenza, per contro il sierra non ha emissioni sonore, sfrutta gli attacchi dei radiatori e non ha bisogno di alimentazione elettrica.
    Certamente con un sistema a bassa temperatura abinato ad una caldaia a condensazione hai dei forti risparmi energetici e di conseguenza economici.
    Tieni in considerazione, se hai la possibilità, l?ipotesi di adottare pannello radianti prefabbricati (tipo planterm) che conferiscono un ottimo confort ambientale, superiore alla convezione, e possono essere istallati a parete o a soffitto. I costi sono modesti e non hai bisogno di fare dei rilevanti interventi per la loro istallazione.
    In base alla superficie di pannello installata puoi utilizzare acqua in un intervallo compreso tra 30 e 60 °C e volendo può essere utilizzato anche per il raffrescamento estivo

  • aastaril
    Aastaril Ricerca discussioni per utente
    Giovedì 20 Luglio 2006, alle ore 12:58
    Mi sono appena letto la documentazione sul PLATERM.
    Effettivamente, dal punto di vista delle rese sembra essere molto interessante, e sicuramente anche da un punto di vista del confort ambientale ha dei notvoli vantaggi.
    Purtroppo, però, a casa mia sarebbe impensabile. Il plaform montato all'interno porta via spazio abitabile, seppur poco, e io ho praticamente la totalità del mobilio fatto su misura. In un paio di stanze potrebbe anche andare bene, ma nel resto della casa la vedo difficile.
    In effetti il mio piano completo era di cambiare i vecchi radiatori con il THERMOPON per sfruttare la possibilità delle medie temperature, e sostituire il metano con una sonda geotermica. Infine a completare il tutto un bel cappotto esterno per tagliare i ponti termici.
    Un progettino faraonico lo ammetto, soprattutto visto che mia moglie non é molto contenta, ma spendo veramente troppo di riscaldamento e la cosa non può continuare in eterno visti anche la dinamica in crescita dei prezzi.

  • montyfranc
    Montyfranc Ricerca discussioni per utente
    Giovedì 20 Luglio 2006, alle ore 14:28
    Hai pensato di poter applicare i pannelli a soffitto? Sono spessi, al finito, poco più di 4cm.
    Se poi hai dei dubi con il sistema sierra puoi montare sempre dei fancoil (a convezione forzata e non naturale) che lavorano sempre a temperatura di 40-45°C.
    Per la tua situazione è applicabile il sistema a collettori solari? ci potrebbero essere molte applicazioni interessanti....

  • aastaril
    Aastaril Ricerca discussioni per utente
    Giovedì 20 Luglio 2006, alle ore 14:51
    L'applicazione al soffitto non mi esalta come principio. Il rischio é di avere la testa calda ed il resto del corpo freddo piedi inclusi. Inoltre alcuni soffitti sono decorati con sbalzi di gesso e piccoli affreschi. Tradotto vuol dire che mia moglie mi ammazza.
    I fancoil li avevo considerati sono esteticamente non bellissimi ed inoltre tendono a seccare parecchio l'ambiente. Il principio di funzionamento poi mi sembra abbastanza simile al SIERRA e quindi mi sono concentrato più su quello.
    Intendiamoci, non ho dubbi spaventosi, ma vorrei avere l'opinione di qualcuno che l'ha usato prima dell'acquisto.
    Per i collettori solari lo spazio c'é, ma mi é stata consigliata la sonda geotermica x le migliori rese durante l'inverno.

  • montyfranc
    Montyfranc Ricerca discussioni per utente
    Giovedì 20 Luglio 2006, alle ore 15:06
    Tutti i sistemi a convezione per loro natura tendono a seccare l'aria. Anche il sierra è a convezione e crea quindi gli stessi problemi.
    Una convezione forzata ha come vantaggio un minor tempo di funzionamento per portare l'ambiente a temperatura di benessere, ed in più unito ad una piccala macchina frigorifera (mini chiller) risolve anche il raffrescamento estivo.
    Se poi vuoi rimanere sui sistemi a convezione e utilizzare la caldaia a condensazione... prendi come interessante sistema anche quello ad espansione diretta che a conti alla mano fa spendere meno soldi per il riscaldamento e ti da anche il vantaggio del raffrescamento estivo

    Comunque per il confort massimo devi utilizzare pannelli radianti a bassa temperatura... non c'è nulla che, per impianti semplici e ad uso familiare, che li eguaglia

  • aastaril
    Aastaril Ricerca discussioni per utente
    Giovedì 20 Luglio 2006, alle ore 15:57
    Vero che l'aria tende a seccare. E' un inconveniente risolvibile solo con il riscaldamente a pavimento.
    Il raffrescamento, al momento, non mi serve dato che ho dei buoni condizionatori che consumano molto poco.
    Ad ogni modo i tuoi consigli sono stati preziosi e mi daranno da pensare.
    Quando avrò preso delle decisioni e fatto delle prove pratiche metterò la mia esperienza sul sito in modo che altri ne possano godere.

  • montyfranc
    Montyfranc Ricerca discussioni per utente
    Giovedì 20 Luglio 2006, alle ore 16:28
    Ti ringrazio del complimento...
    Comunque il sistema ad espansione diretta, citato nella precedente, mi confermi che già lo hai istallato (condizionatore). Se è a pompa di calore fatti due conti considerando il costo a kWh dell'energia elettrica e quello del gas a mc. Considerando la medesima potenza impiegata vedrai che solo per il riscaldamento andrai a risparmiare circa 200-300 euro a stagione o forse anche più dipende... Questi sono i conti che avevo fatto qualche tempo fà.
    Verifica e facci sapere se sei d'accordo

  • hydro-check
    Hydro-check Ricerca discussioni per utente
    Venerdì 21 Luglio 2006, alle ore 15:56
    Hai pensato di poter applicare i pannelli a soffitto? Sono spessi, al finito, poco più di 4cm.
    Se poi hai dei dubi con il sistema sierra puoi montare sempre dei fancoil (a convezione forzata e non naturale) che lavorano sempre a temperatura di 40-45°C.
    Per la tua situazione è applicabile il sistema a collettori solari? ci potrebbero essere molte applicazioni interessanti....

    Come Vede leggo anch'io i Suoi post Ingegnere....Con la differenza che Io poi scrivo, non lascio niente trà le righe come ha fatto LEI....

    E colgo l'occasione per chiederle è certo della possibilità di far funzionare i fancoil con temperature in mandata sotto i 50°C ????

    E' mai stato in un ambiente dove viene utilizzato detto sistema, da Lei citato ???? Nell'eventualità può sempre provarne il disagio....

    Sà che in genere vengono posizionati dei termostati a pasticca sul tubo di mandata per far funzionare la ventola solo sopra i 50°C ????

    Le basse temperature possono essere utilizzate solo con convezione naturale....

    Saluti

  • montyfranc
    Montyfranc Ricerca discussioni per utente
    Venerdì 21 Luglio 2006, alle ore 16:06
    A me risulta che la sopensione della ventola avviene alla soglia dei 40°C.
    E poi a me non piacciono questi scontri...
    Se vogliamo discutere e rendere il forum costruttivo poniamoci in maniera diversa altrimenti mi asterro in futuro di fare commenti a Sue inserzioni!

    La saluto
    Cortesemente vorrei un Suo riscontro

  • hydro-check
    Hydro-check Ricerca discussioni per utente
    Venerdì 21 Luglio 2006, alle ore 16:40
    A me risulta che la sopensione della ventola avviene alla soglia dei 40°C.
    E poi a me non piacciono questi scontri...
    Se vogliamo discutere e rendere il forum costruttivo poniamoci in maniera diversa altrimenti mi asterro in futuro di fare commenti a Sue inserzioni!

    La saluto
    Cortesemente vorrei un Suo riscontro


    Non c'era bisogno di digitare " cortesemente un suo riscontro " l'avrei fatto comunque, non tema...

    Come devo pormi ???
    Le ho sempre dato del "LEI"
    Non l'ho Mai "OFFESA"
    Anche se LEI ha avuto da ridire su di ME scrivendo, dandomi del TU:

    "Sicuramente non ti poni bene... ho letto altri tuoi interventi e ...."

    Lasciando tra i puntini qualcosa da dire e non si sà bene cosa....
    e anche questo non è un bel gesto.

    Se Lei si è offeso per il PROFANO, ingnorandone l'effettivo significato, questo non è certo colpa mia, anche perché quello che LEI sà dalle scritture, Io lo sò anche realizzare e verificare sul campo.

    Io Ho solo e sempre parlato degli effettivi casi, rispondendo solo hai post.

    Lei prende tutto come scontro personale, mentre Io sto citando solo tecniche, ci stiamo solo confrontando, discutendo...o no ????

    Io ho fatto delle affermazioni provenienti dalle mie esperienze PRATICHE, oltre che alle conoscenze TECNICHE, delle legittime domande sulla effettiva possibilità di funzionamento di alcuni sistemi che LEI CONSIGLIAVA e mi volevo sincerare sè ciò che affermava era stato dà LEI verificato, per quanto Mi ha risposto vedo proprio che non LE può compravare...

    Ora vedo che continua a non voler essere contraddetto, ma questo non mi è possibile perché andrebbe solo a discapito degli iscritti al FORUM...

    SALUTI

  • montyfranc
    Montyfranc Ricerca discussioni per utente
    Venerdì 21 Luglio 2006, alle ore 16:53
    Assolutamente Lei non mi ha offeso!
    Le davo del Tu pechè mi sembra che questo forum sia una grande famiglia dove si scambiano idee e si danno consigli...
    Ma visto che Lei ci tiene ad avere un distacco per me va benissimo.
    Dai toni vedo, con sommo rammarico, che l'ascia di guerra non è ancora sepolta. Ed inoltre vedo che stiano scrivendo ancora botta e risposta non su cose costruttive ma su discorsi a due.
    Comunque Le ripeto se vogliamo sarei felice di creare un rapporto sereno di mutuo scambio di idee dandoci anche del Tu. Altrimenti non vedo l'utilità di mantenere un simile rapporto.

    Saluti

    Ps ovviamente se vedo che i messaggi continuano ad essere tesi il presente sarà il mio ultimo

  • brunobrazil
    Brunobrazil Ricerca discussioni per utente
    Venerdì 21 Luglio 2006, alle ore 18:45
    Vedo solo ora che il mio messaggio ha avuto delle risposte,
    ringrazio sentitamente tutto coloro che hanno espresso un parere sull'argomento. Credo che fra qualche tempo potrò tornare su questo argomento con dei riscontri "sul campo".
    Saluti a tutti.

  • aastaril
    Aastaril Ricerca discussioni per utente
    Lunedì 3 Marzo 2008, alle ore 08:06
    Chiedo scusa e mi inserisco anche io nella diatriba.

    Al di là delle polemiche sui metodi la domanda, alla quale nessuno ha dato risposta sino ad ora, rimane sempre la stessa ...

    Il sitema Thermofon (Sierra) o Climafon (Aermec) é un sistema valido o no ???

    Permette di avere un elevato grado di benessere riducendo i consumi ???

    Il resto é ininfluente ... se qualcuno ha la risposta sarei felice di conoscere la sua opinione / esperienza ...

    Saluti.

  • claudik
    Claudik Ricerca discussioni per utente
    Lunedì 3 Marzo 2008, alle ore 17:41
    Io in casa ho i ventil della galletti per così dire... FORZATI...

    non danno fastidio perché ognuno ha un comando elettronico... cioè appena accesi partono con la ventola al massimo... per scaldare subito.. ma raggiunta la temperatura la ventola si mette da sola al minimo... e quasi non li senti più....


    PERO'...

    Ora la galletti ne ha realizzato un tipo a convenzione ma con ventola... escludibile a piacere

    Se l'utente vuole scaldare velocemente... usa la ventola... sennò la spegne... e il ventilconvettore è dimensionato per funzionare come convettore naturale! A parte essere prodotti in italia... mi sembra una buona idea.... (i vantaggi della ventola con quelli della convezione naturale...)

  • claudik
    Claudik Ricerca discussioni per utente
    Lunedì 3 Marzo 2008, alle ore 17:48
    Vorrei aggiungere che per locali magari non usati costantemente.. nei quali quindi per risparmiare NON si tiene la normale temperatura della casa... ma una temperatura un poco più bassa... è utile avere un sistema che scaldi velocemente...

    in questo caso un ventilconvettore è il massimo. raggiunta la temperatura il poter SPEGNERE la ventola ed usare il convettore come convettore naturale.,... è un notevole vantaggio

    forse la differenza vera è che i VENTIL hanno bisogno di corrente.. mentre i convettori thermofon di cui parlate vengono dati come sostiuibili in toto ai caloriferi....perché non hanno bisogno di una presa elettrica (i ventil poi vogliono, più che altro per raffreddare, tubi più grandi di quelli presenti per i caloriferi tradizionali...)

  • cybercook
    Cybercook Ricerca discussioni per utente
    Mercoledì 5 Marzo 2008, alle ore 00:50
    Premetto che sono una povera capra ignorante e per questo mi rivolgo a chiunque ne capisca e soprattutto ai mostri sacri del forum che sono dei veri pozzi di scienza
    il sistema a bassa temperatura con caldaia a condensazione deve essere associato al famoso sistema di irraggiamento a pavimento,soffitto e pareti se si vogliono fare le cose perbene.
    ora mi dite che si può fare pure con apparecchi per dimensioni simili ai caloriferi,chiamati thermofon o climafon, ma sono validi? le superfici sono molto differenti,tutto il pavimento contro un aggieggio grande si e no come un calorifero è davvero un bel raffronto. Davide contro Golia.

  • claudik
    Claudik Ricerca discussioni per utente
    Mercoledì 5 Marzo 2008, alle ore 21:25
    Non è proprio la stessa cosa.

    nel termoconvettori gira acqua sui 40 45 gradi.
    nel pavimento a 30.

    quindi per risparmiare meglio il pavimento. ma se non ce lo hai... puoi fare una via di mezzo (di risparmio) tra un impianto tradizionale e uno a pavimento. utilizzando una condesazione.

  • el_sierra
    El_sierra Ricerca discussioni per utente
    Venerdì 18 Settembre 2009, alle ore 16:04
    Buonasera a tutti,
    se qualche utente, scorrendo i messaggi di questo forum, fosse interessato ad approfondire la conoscenza di questi termoconvettori, può visitare il sito di Sierra S.p.A. http://www.thermofon.it o contattare il numero verde gratuito 800-046699.

Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img p.giannone@gmx.ch
Buongiorno! Mia madre passa molto tempo in una stanza sotto l'appartamento nella quale ha messo una cucina. Purtroppo questa stanza non ha riscaldamento in più ha anche...
p.giannone@gmx.ch 21 Ottobre 2019 ore 11:44 1
Img zikiziki
Buonasera a tutti, vorrei sapere se l'incentivo per installazione caldaia a condensazione spetti anche laddove l'impianto esistente e che viene sostituito sia costituito da...
zikiziki 03 Dicembre 2018 ore 18:25 5
Img lelelinux
Ciao a tutti ,ho fatto montare quest'anno un termoconvettore Emmeti mv20 nella sala dove avevo un termosifone sottodimensionato per i mq.Fin qui tutto ok.Ho messo in funzione il...
lelelinux 10 Dicembre 2012 ore 14:58 1
Img m4ever
Ciao a tutti, qualcuno mi sa' spiegare cos'è un termoconvettore e come funziona?È alimentato a gas o con elettricità?Grazie.
m4ever 21 Settembre 2007 ore 09:26 5
Notizie che trattano Termoconvettore a convezione naturale che potrebbero interessarti


Termoventilatori e stufe: marche e modelli per riscaldare casa in inverno

Impianti di riscaldamento - Nel periodo invernale, le stufe e i termoventilatori sono di grande aiuto nel riscaldare la casa e assicurano allo stesso tempo comfort e risparmio energetico.

Contabilizzazione del riscaldamento domestico

Impianti - Ottenere una riduzione della spesa energetica, sulla base dell'effettivo consumo, grazie a sistemi di controllo integrabili, che favoriscono la gestione del riscaldamento domestico.

Ventilconvettore e termoconvettore: bassi consumi e minimo impatto estetico

Impianti di climatizzazione - Ventilconvettori e termoconvettori, due soluzioni per il riscaldamento dalle ridotte dimensioni, in grado di inserirsi con discrezione negli ambienti della casa

Radiatori alternativi

Impianti di riscaldamento - Come migliorare il confort abitativo, attraverso un semplice intervento di potenziamento dell'impianto di riscaldamento esistente, impiegando i ventilconvettori.

Risparmio Energia Elettrica

Impianti - Il risparmiare energia è l'imperativo dominante di questi tempi, sia per gli edifici che per gli impianti in essi contenuti, attegiamenti smart possono aiutarci.

Scegliere il sistema giusto per il riscaldamento del bagno

Impianti di riscaldamento - Il riscaldamento del bagno va personalizzato rispetto alle altre camere poiché trattasi di uno spazio di wellness e relax, dove essere avvolti di più dal calore

Fancoil o ventilconvettori

Impianti di riscaldamento - I fancoil o ventilconvettori, climatizzano in estate e riscaldano d'inverno utilizzando una tecnologia semplice ed affidabile basata sull'acqua come fluido termovettore.

Riscaldare la casa con i fancoil al posto dei radiatori

Impianti di riscaldamento - Fancoil al posto dei radiatori è una scelta ottima per soddisfare a pieno i bisogni delle case contemporanee e dei consumatori odierni con stili di vita diversi

Termoventilatori novità

Impianti di climatizzazione - Leggeri, pratici, maneggevoli e dalle forme curate: sono i nuovi termoventilatori, adatti per difenderci dai primi freddi autunnali. Eccovi le ultime novità.
REGISTRATI COME UTENTE
327.821 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
//