Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
2019-10-02 18:41:13

Consiglio riscaldamento - 4359


Paoletta75
login
04 Gennaio 2006 ore 22:44 14
Ciao a tutti!!
ho un problema, devo riscaldare senza spendere una fortuna una casa di 4 piani da 80m2 a piano e con una scala interna ruba calore...
attualmente sono istallati termosifoni in alluminio funzionanti medianti 2 cadaie a gas...
in fondo alle scale ci sono 2 grossi termosifoni che però aimè non riescono a scaldare adeguatamente la tromba delle scale...
ovviamente consumando 1000 litri a settimana la casa sarebbe molto calda ma la spesa sarebbe insostenibile...
pensavo di montare un termoconvettore nella tromba delle scale(al posto dei 2 termosifoni) in modo da scaldarla maggiormente(?) e evitare questa dispersione di calore...
cosa mi consigliate?
vi ringrazio
  • radiante
    Radiante Ricerca discussioni per utente
    Giovedì 5 Gennaio 2006, alle ore 00:10
    Per tenere caldo il vano scala dovresti mettere un bel radiatore in cima alla tromba della detta,scaldando l'aria in alto eviti che l'aria calda in basso salga.
    I radiatori in alluminio rendono bene,mi sa che il problema è che la casa è troppo grande per scldarla bene spendendo poco.
    Per evitare le dispersioni di calore devi isolare la casa,unico sistema valido per risparmiare energia.

  • paoletta75
    Paoletta75 Ricerca discussioni per utente
    Giovedì 5 Gennaio 2006, alle ore 10:53
    Per tenere caldo il vano scala dovresti mettere un bel radiatore in cima alla tromba della detta,scaldando l'aria in alto eviti che l'aria calda in basso salga.
    I radiatori in alluminio rendono bene,mi sa che il problema è che la casa è troppo grande per scldarla bene spendendo poco.
    Per evitare le dispersioni di calore devi isolare la casa,unico sistema valido per risparmiare energia.
    ti ringrazio per la risposta!!
    la casa è abbastanza isolata con l'esterno e la temperatura a termosifoni spenti si aggira sui 14/15°...
    il piano maggiormenre usato è il 2° e serve quasi un'ora solo per portarlo sui 18°... seguendo il tuo consiglio mi conviene mettere un termoconvettore a gas vicino la scala di questo piano in modo da evitare la fuga del calore su per le scale...giusto?

  • radiante
    Radiante Ricerca discussioni per utente
    Giovedì 5 Gennaio 2006, alle ore 11:22
    Basta un normale termosifone collegato all'impianto esistente rigorosamente in cima alle scale,meglio ancora se ne metti uno ogni pianerottolo ,se il collegamento all'impianto esistente è problematico puo andare bene anche un termo a gas

  • dendro
    Dendro Ricerca discussioni per utente
    Giovedì 5 Gennaio 2006, alle ore 13:49
    Ciao a tutti!!
    ho un problema, devo riscaldare senza spendere una fortuna una casa di 4 piani da 80m2 a piano
    Visti i costi attuali dei combustibili (e la tendenza futura) spendere poco è molto relativo: è comunque SEMPRE troppo
    Sulla base di questa considerazione il mio consiglio è, se possibile, trovare un combustibile che costi poco. Con "poco" intendo la metà del gas e a queste condizioni ho trovato solo il legno !
    Il problema era utilizzarlo con la stessa comodità del gas; la soluzione che sto sperimentando è il cippato (o anche pellet) in caldaie ad hoc.
    Tanto per capirci queste http://www.oekofen.com/index_it.htm
    La sostituzione è diretta: stacchi i tubi dalla vecchia e attacchi i tubi alla nuova.
    Occorre un luogo in cui accumulare un minimo di pellet e incominci a spendere la metà: subito.
    Per la scala sconsiglio il termoconvettore: non fa altro che aumentare il flusso di aria calda che sale.
    Il radiatore in cima alla tromba può essere una soluzione, un'altra può essere quella di metterne uno per pianerottolo, aumentare la superficie di quelli che hai e abbassare la temperatura dell'acqua in questi: in questo modo "crei" meno aria calda che sale e aumenti il calore radiante.
    Inoltre, visto che usi di più il 2° piano, hai già pensato di dividere la casa in zone per scaldare solo dove serve ?
    saluti

  • paoletta75
    Paoletta75 Ricerca discussioni per utente
    Giovedì 5 Gennaio 2006, alle ore 15:14
    Ciao a tutti!!
    ho un problema, devo riscaldare senza spendere una fortuna una casa di 4 piani da 80m2 a piano
    Visti i costi attuali dei combustibili (e la tendenza futura) spendere poco è molto relativo: è comunque SEMPRE troppo
    Sulla base di questa considerazione il mio consiglio è, se possibile, trovare un combustibile che costi poco. Con "poco" intendo la metà del gas e a queste condizioni ho trovato solo il legno !
    Il problema era utilizzarlo con la stessa comodità del gas; la soluzione che sto sperimentando è il cippato (o anche pellet) in caldaie ad hoc.
    Tanto per capirci queste http://www.oekofen.com/index_it.htm
    La sostituzione è diretta: stacchi i tubi dalla vecchia e attacchi i tubi alla nuova.
    Occorre un luogo in cui accumulare un minimo di pellet e incominci a spendere la metà: subito.
    Per la scala sconsiglio il termoconvettore: non fa altro che aumentare il flusso di aria calda che sale.
    Il radiatore in cima alla tromba può essere una soluzione, un'altra può essere quella di metterne uno per pianerottolo, aumentare la superficie di quelli che hai e abbassare la temperatura dell'acqua in questi: in questo modo "crei" meno aria calda che sale e aumenti il calore radiante.
    Inoltre, visto che usi di più il 2° piano, hai già pensato di dividere la casa in zone per scaldare solo dove serve ?
    saluti

    i piani sono così divisi:
    1° cantina e garage
    2° piano giorno
    3° piano notte
    4° mansarda

    per ora ho 2 caldaie indipendenti che scaldano:
    -1° e 2° piano
    -3° e 4° piano

    nel 1° piano ci sono 2 grsossi termosifoni da qausi 50 elementi in totale(!) che abbiamo messo per scaldare la tromba delle scale troppo fredda...
    mi consigliate qauidni di spegnerli?

    nel 4° piano visto che ci vado solo a stirare ho messo un termoconvettore a corrente da 2000w in modo da poterlo accendere indipendentemente dal 3° piano solo quando serve...(ovviamnete ho chiuso i termosifoni del 4° piano...)


    è possibile usare l'energia geotermica per risparmiare sul gas e ridurre anche i consumi inquinanti?
    vi ringrazio per io consigli.
    baci

  • dendro
    Dendro Ricerca discussioni per utente
    Giovedì 5 Gennaio 2006, alle ore 16:20
    ... come mai due caldaie ? Vabbè ...

    Se ho capito bene hai una casa indipendente quindi puoi intervenire abbastanza liberamente.
    Se punti ad un risparmio netto ti suggerisco:
    - biomassa: una sola caldaia a pellet/cippato (in poche parole legno): devi avere un pò di spazio per l'acccumulo del combustibile (piò o meno un 3 o 4 mc);
    - energia geotermica: pompa di calore elettrica, o a gas, del tipo acqua-acqua: devi avere un pezzo di terreno in cui "sotterrare" ad almeno 1,5 m una serpentina di tubi in materiale plastico per "scaldare" l'acqua; in alternativa alle serpentine è possibile realizzare un "foro" da una decina di cm profondo 60-70 m;
    quanto sopra ti consente risparmi notevoli (usando inoltre energie rinnovabili: meno inquinamento) senza stravolgere la distribuzione interna.
    Se dovessi ristrutturare sarebbe consigliabile realizzare anche un riscaldamento a pavimento.

    La questione del termoconvettore elettrico: se hai l'esigenza di scaldare saltuariamente il locale stireria (e lo vuoi fare in fretta) al posto del termoconvettore elettrico (che consumerà l'ira di Dio oltre che farti magare saltare il contatore con i suoi 2 kW più il ferro da stiro !) metti un ventilconvettore ad acqua collegato all'impianto di riscaldamento.

    saluti
    P.S. come saprai esiste la detrazione d'imposta del 41% per gli interventi suggeriti

  • peisioss
    Peisioss Ricerca discussioni per utente
    Giovedì 5 Gennaio 2006, alle ore 17:27
    Ciao a tutti!!
    ho un problema, devo riscaldare senza spendere una fortuna una casa di 4 piani da 80m2 a piano
    Visti i costi attuali dei combustibili (e la tendenza futura) spendere poco è molto relativo: è comunque SEMPRE troppo
    Sulla base di questa considerazione il mio consiglio è, se possibile, trovare un combustibile che costi poco. Con "poco" intendo la metà del gas e a queste condizioni ho trovato solo il legno !
    Il problema era utilizzarlo con la stessa comodità del gas; la soluzione che sto sperimentando è il cippato (o anche pellet) in caldaie ad hoc.
    Tanto per capirci queste http://www.oekofen.com/index_it.htm
    La sostituzione è diretta: stacchi i tubi dalla vecchia e attacchi i tubi alla nuova.
    Occorre un luogo in cui accumulare un minimo di pellet e incominci a spendere la metà: subito.
    Per la scala sconsiglio il termoconvettore: non fa altro che aumentare il flusso di aria calda che sale.
    Il radiatore in cima alla tromba può essere una soluzione, un'altra può essere quella di metterne uno per pianerottolo, aumentare la superficie di quelli che hai e abbassare la temperatura dell'acqua in questi: in questo modo "crei" meno aria calda che sale e aumenti il calore radiante.
    Inoltre, visto che usi di più il 2° piano, hai già pensato di dividere la casa in zone per scaldare solo dove serve ?
    saluti

    i piani sono così divisi:
    1° cantina e garage
    2° piano giorno
    3° piano notte
    4° mansarda

    per ora ho 2 caldaie indipendenti che scaldano:
    -1° e 2° piano
    -3° e 4° piano

    nel 1° piano ci sono 2 grsossi termosifoni da qausi 50 elementi in totale(!) che abbiamo messo per scaldare la tromba delle scale troppo fredda...
    mi consigliate qauidni di spegnerli?

    nel 4° piano visto che ci vado solo a stirare ho messo un termoconvettore a corrente da 2000w in modo da poterlo accendere indipendentemente dal 3° piano solo quando serve...(ovviamnete ho chiuso i termosifoni del 4° piano...)


    è possibile usare l'energia geotermica per risparmiare sul gas e ridurre anche i consumi inquinanti?
    vi ringrazio per io consigli.
    baci Hai un bel casotto d'impianto l'energia geotermica è ottima ma su costruzioni nuove e isolate molto bene nel tuo caso mi pare che la tua abitazione non sia nuova ti consiglio di accantonare la geotermia è molto costosa io se fossi in te cercherei di avere infissi a doppio vetro anche triplo cimbentare bene la casa con ubn cappotto e istallare un'impianto a soffitto a bassa temperatura ciao Paolo e.mail peisioss@hotmail.com

  • paoletta75
    Paoletta75 Ricerca discussioni per utente
    Giovedì 5 Gennaio 2006, alle ore 18:29
    ... come mai due caldaie ? Vabbè ...
    non chiederlo a me...hai presente i tecnici :"capisco tutto io?!"


    Se ho capito bene hai una casa indipendente quindi puoi intervenire abbastanza liberamente.
    Se punti ad un risparmio netto ti suggerisco:
    - biomassa: una sola caldaia a pellet/cippato (in poche parole legno): devi avere un pò di spazio per l'acccumulo del combustibile (piò o meno un 3 o 4 mc);

    potrebbe essere una idea ma avendo 2 caldaie dovrei far un bel casotto per collegare tutto ad una...mentre sostituendo solo quella che scalda i primi 2 piani dovrei rifornirmi sia di gas che di pellet...oltre a trovare un vano...


    - energia geotermica: pompa di calore elettrica, o a gas, del tipo acqua-acqua: devi avere un pezzo di terreno in cui "sotterrare" ad almeno 1,5 m una serpentina di tubi in materiale plastico per "scaldare" l'acqua; in alternativa alle serpentine è possibile realizzare un "foro" da una decina di cm profondo 60-70 m;
    quanto sopra ti consente risparmi notevoli (usando inoltre energie rinnovabili: meno inquinamento) senza stravolgere la distribuzione interna.

    non ho ben capito in cosa consiste...potresti indicarmi delle letture in proposito per avere maggiori informazioni sul funzionamentoistallazione?
    Se dovessi ristrutturare sarebbe consigliabile realizzare anche un riscaldamento a pavimento.

    per ora non è in programma...

    La questione del termoconvettore elettrico: se hai l'esigenza di scaldare saltuariamente il locale stireria (e lo vuoi fare in fretta) al posto del termoconvettore elettrico (che consumerà l'ira di Dio oltre che farti magare saltare il contatore con i suoi 2 kW più il ferro da stiro !) metti un ventilconvettore ad acqua collegato all'impianto di riscaldamento.

    ci avevo pensato ma scalderei inutilmente anche il piano sottostante...


    P.S. come saprai esiste la detrazione d'imposta del 41% per gli interventi suggeriti
    questa è molto interessante!!
    ciao

  • paoletta75
    Paoletta75 Ricerca discussioni per utente
    Giovedì 5 Gennaio 2006, alle ore 18:32
    Hai un bel casotto d'impianto l'energia geotermica è ottima ma su costruzioni nuove e isolate molto bene nel tuo caso mi pare che la tua abitazione non sia nuova ti consiglio di accantonare la geotermia è molto costosa io se fossi in te cercherei di avere infissi a doppio vetro anche triplo cimbentare bene la casa con ubn cappotto e istallare un'impianto a soffitto a bassa temperatura ciao Paolo e.mail peisioss@hotmail.com
    la casa è bene isolata con l'esterno...cosa intendi per un'impianto a soffitto a bassa temperatura?

  • radiante
    Radiante Ricerca discussioni per utente
    Giovedì 5 Gennaio 2006, alle ore 22:06
    Dal mio punto di vista credo che la casa vada scaldata tutta perche lasciando parti fredde esse tolgono riscaldamento a quelle riscaldate,nel caso tu avessi delle caldaie nuove c'è la possibilita che tu possa metere i suoi cronotermostati con sonda esterna i quali gestiscono il fabbisogno energetico mandando in modulazione la caldaia ,perfetto installare i vetri doppi come gia detto poi non puoi pretendere miracoli hai una casetta di 320mq circa 900mc nelle migliori ipotesi di isolamento hai bisogno di 24.000kcal/h ,ci puoi fare un bread end breckfst(non so se ho scritto bene).

  • peisioss
    Peisioss Ricerca discussioni per utente
    Giovedì 5 Gennaio 2006, alle ore 22:22
    Hai un bel casotto d'impianto l'energia geotermica è ottima ma su costruzioni nuove e isolate molto bene nel tuo caso mi pare che la tua abitazione non sia nuova ti consiglio di accantonare la geotermia è molto costosa io se fossi in te cercherei di avere infissi a doppio vetro anche triplo cimbentare bene la casa con ubn cappotto e istallare un'impianto a soffitto a bassa temperatura ciao Paolo e.mail peisioss@hotmail.com
    la casa è bene isolata con l'esterno...cosa intendi per un'impianto a soffitto a bassa temperatura? Paoletta ti ho scritto im privato ciao Paolo di Rimini ciao

  • dendro
    Dendro Ricerca discussioni per utente
    Venerdì 6 Gennaio 2006, alle ore 09:15
    Non chiederlo a me...hai presente i tecnici :"capisco tutto io?!" ho presente

    potrebbe essere una idea ma avendo 2 caldaie dovrei far un bel casotto per collegare tutto ad una...corretto: occorre trovare un posto in cui far salire 2 tubi dal 2° al 3° piano per unire gli impianti: generalmente questo è possibile (ti cito due esempi: in un caso abbiamo utilizzato una canna fumaria pre-esistente inserendo lo scarico fumi in acciaio e i due tubi per collegare i piani, il tutto isolato; in un altro è stato "creato" un finto pilastro con i due tubi inseriti;...)
    Sul vano per l'accumulo puoi derogare installandolo a bordo caldaia: alcune caldaie tipo quelli di KWB (il sito è solo in tedeso) hanno un serbatoio già integrato di 400/1000 litri
    non ho ben capito in cosa consiste...

    geotermia: fai un giro sul sito del LEEE http://www.leee.supsi.ch/ alla voce "Pompe di calore"
    ci avevo pensato ma scalderei inutilmente anche il piano sottostante...
    beh, il problema è risolvibile in diversi modi:
    - manualmente, come fai adesso, chiudendo le valvole dei radiatori al piano 3°;
    - in modo automatico, con due elettrovalvole di zona che intercettano i radiatori del 3° piano (comandate da un termostato, o cronotermostato, o anche un semplice interruttore);

    questa è molto interessante!!
    ciao
    puoi dirlo ! in sostanza se spendi 1000 ? per interventi sulla tua abitazione lo Stato di consente di recuperarne il 41% (pari a 410 ?). Sembra incredibile ma è così
    Per informazioni ti consiglio la guida dell'Agenzia delle Entrate http://www.agenziaentrate.it/ilwwcm/res ... ilizie.pdf (è del 2004 ma le novità principali per il 2006 sono che dal 36% di recupero si passa al 41% e, in alcuni casi, l'aliquota IVA dal 10% passa al 20%).

    E' chiaro che le soluzioni possibili sono molte: generalmente se si vuole risparmiare in modo consistente sui costi di combustibile, quelle che ti ho prospettato (aggiungendo collettori solari termici se hai impianti a bassa temperatura) sono sempre praticabili: occorre solo verificare costi-risparmi e la soluzione tecnica migliore (con questo spezzo una lancia in favore di chi ti fece installare le due caldaie: è possibile che ci fosse un motivo valido )

    ciao

  • radiante
    Radiante Ricerca discussioni per utente
    Domenica 8 Gennaio 2006, alle ore 20:49
    A mio avviso credo che due caldaie siano stete messe in due posizioni molto distanti fra loro per non creare una centrale termica ,e magari gia predisposto il tutto per dividere la casa di due appartamentini di 160mq ogniuno,questa scelta a fatto risparmiare qualcosa la Paoletta.

  • marcellofioravanti
    Marcellofioravanti Ricerca discussioni per utente
    Mercoledì 2 Ottobre 2019, alle ore 18:41
    Ciao Paoletta, avrei un problema simile al tuo e avevo pensato anche io ad un <a href="http://www.termoconvettore.net/termoconvettori-elettrici-prezzi-recensioni/">termoconvettore elettrico</a>da mettere nell'androne, tu come hai risolto? Avresti dei consigli? Grazie

Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img fasolonicola
Buonasera a tutti,da circa 7 mesi in seguito ad una ristrutturazione della casa ho fatto eseguire su consiglio dell'impresa edile un cappotto termico in eps 100 lastre da cm...
fasolonicola 09 Aprile 2021 ore 17:41 8
Img cigliano
Salve a tutti,mi chiamo Maria e da poco ho comprato casa pertanto avrei bisogno di un vostro aiuto data la mia totale inesperienza.Di seguito la foto della planimetria con...
cigliano 09 Aprile 2021 ore 11:46 42
Img 64brunica
Buon giorno, il registro della contabilità deve essere presente nel luogo dove viene svolta l'assemblea? Il mandato è obbligato a portarlo? C'è una norma o...
64brunica 06 Aprile 2021 ore 15:48 3
Img lorenzola monica
Salve, desideravo sapere se è incentivabile al 110% (ecobonus) la costruzione di un sottotetto non abitabile. Nella concessione edilizia si legge:si autorizza la...
lorenzola monica 06 Aprile 2021 ore 15:20 5
Img numbor
Ciao a tutti, vi sottopongo una questione che, purtroppo, mi sta rovinando il fegato. Nel 2008 ho acquistato una casetta. Questo immobile: 1) è stato costruito inizio anni...
numbor 04 Aprile 2021 ore 07:46 15
REGISTRATI COME UTENTE
327.814 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
//