Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
2010-11-26 11:42:55

Info recupero sottotetto


Baskabaska
login
08 Novembre 2010 ore 16:49 1
Salve, sto per ristrutturare la mia casa e nel progetto c'è il recupero di parte del sottotetto ad uso ripostiglio.
Attualmente il mio sottotetto penso possa essere considerato come volume tecnico dato che non è praticabile (altezza massima circa un metro). Ovviamente per recuperarlo dovrò alzarmi di una certa altezza e quindi con aumento della volumetria.
In base a diverse discussioni che ho letto in questo forum mi pare di aver capito che quando c'è ampliamento non posso usufruire dell'agevolazione del 55%. Ma poi ho letto la faq 49 dell'Enea che parla di recupero sottotetto.
"Domanda - Sto recuperando il sottotetto - attualmente non abitabile e non riscaldato - di un fabbricato per farne una mansarda. I lavori comprendono anche l'isolamento delle falde di copertura del tetto per rendere confortevole l'alloggio che ne ricaverò e che provvederò a dotare di adeguato impianto termico. Posso avere la detrazione del 55% per il lavoro di rifacimento della copertura?
Risposta - Per avvalersi della detrazione sulla coibentazione di un tetto è necessario, in linea generale, che il sottotetto sia abitabile e riscaldato. Se invece è non abitabile o addirittura non praticabile e di dimensioni tanto esigue da potersi considerare un'intercapedine o un volume tecnico facente tutt'uno con la copertura e con il solaio orizzontale che delimita una zona sottostante riscaldata, occorre che il tecnico asseveri questa circostanza ossia che il sottotetto forma un corpo unico con tetto e solaio in modo da considerare il rispetto della trasmittanza complessiva copertura-sottotetto-solaio per consentire la detrazione. Infine, se il sottotetto è praticabile ma non abitabile e non riscaldato, è agevolabile la coibentazione tra solaio e ambienti sottostanti riscaldati ma non tra falde della copertura e sottotetto non riscaldato: la normativa, infatti, si limita ad agevolare la protezione di ambienti riscaldati verso l'esterno o verso vani non riscaldati."
Ma secondo voi posso usufruire dell'agevolazione?

Grazie.
  • virtusi
    Virtusi Ricerca discussioni per utente
    Venerdì 26 Novembre 2010, alle ore 11:42
    Salve.
    Scusa baskabaska, ho visto che su questo argomento mi hai anche inviato due messaggi privati, ma non sono riuscito a risponderti prima.
    Vorrei farti presente, però, che è sempre meglio, come poi hai fatto appunto con questo argomento, evitare di scrivere messaggi privati con domande ad altri utenti, salvo casi in cui strettamente necessario, ed utilizzare invece il forum pubblico. Ciò perché, come minimo, hai maggiori possibilità di trovare qualcuno che ti dia una risposta, invece di attenderla da un solo utente che potrebbe, come è successo a me in questo caso, per un certo periodo, non avere il tempo o il modo di collegarsi al sito e rispondere al forum.

    Ma veniamo alla questione dell'argomento.
    La risposta che ho già dato nell'altro argomento simile che tu citi, se la rileggi meglio, puoi vedere che è in linea con quanto detto dall'ENEA nella faq.
    Sottotetto non utilizzabile, isolamento tetto detraibile;
    Sottotetto abitabile non riscaldato, isolamento tetto non detraibile;
    non vedo incongruennze.
    Il discorso è più sottile se c'è di mezzo anche l'ampliamento (alzamento) del tetto, poichè, oltre al fatto che i lavori di ampliamento non sono detraibili, per cui devi farti fare fatture distinte, fra i lavori detraibili e non, per quanto riguarda la detraibilità dell'isolamento tetto, bisogna giocare un po' con le date dei lavori (ovvero delle fatture e pagamenti).
    In pratica si può optare per due soluzioni.
    1. (meno praticabile ma possibile) fai prima l'isolamento del tetto, non abitabile e detraibile, e poi l'ampliamento.
    2. (più praticabile) fai prima l'ampliamento rendendolo abitabile, a quel punto ovviamente devi anche riscaldarlo, e poi fai l'isolamento del tetto su un sottotetto riscaldato, quindi detraibile.

    Vedi un po' Tu.

Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img vale75
Buongiorno chiedo consigli sulla disposizione living...siamo in fase di ristrutturazione zona primo piano l'idea è di creare open space cucina soggiorno,mantenendo una...
vale75 01 Dicembre 2021 ore 18:28 18
Img davidepriori
Buonasera, ho appena finito di trasformare un solaio in una mansarda. Tutto ok se non che in questi giorni con l'arrivo del freddo si sta formando la condensa in basso a una sola...
davidepriori 01 Dicembre 2021 ore 10:13 4
Img ester fasciana
Buonasera,chiedo un parere circa la posa degli infissi. Poichè sto eseguendo lavori 110 Ecobonus per la presenza di diverse teste e intenzioni che non sto qui a raccontarvi...
ester fasciana 01 Dicembre 2021 ore 09:19 2
Img marinajo
Salvela ditta che sta facendo l'isolamento termico della mia unifamiliare mi propone pannelli isolanti EPS (non estruso) spessore 10 cm.Mi pare di capire che questo materiale sia...
marinajo 01 Dicembre 2021 ore 09:15 1
Img liceka5861
Ciao a tutti,Per quanto riguarda l'arredo esistono delle aziende che oltre ad un preventivo gratuito fanno anche un disegno 3D della soluzione proposta? Mi consigliate qualche...
liceka5861 30 Novembre 2021 ore 20:23 2
REGISTRATI COME UTENTE
333.960 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
//