Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA

Diritti di veduta terrazzi confinanti


Salva83
login
26 Aprile 2017 ore 17:08 2
Buon pomeriggio a tutti,
Vi ringrazio preventivamente dell'attenzione che dedicherete a questo mio topic, che spero di postare nella sezione appropriata, nel caso contrario chiedo venia agli admin.
Cercherò di essere il più chiaro possibile.
Da qualche mese ho preso in fitto un appartamento collocato al primo piano di uno stabile sito in una strada secondaria sottoposta alla strada principale, dalla quale è separata da un muro di cinta in grezzo tufo.
Il mio appartamento ha un terrazzino di circa 22/24mq che affaccia fronte strada sul lato nord (con amena vista frontale sul muro di cinta di cui sopra), il lato ovest affaccia sullo spiazzo antistante l’ingresso dello stabile offrendo una “panoramicissima” vista delle due officine meccaniche che sono situate nei box dello stabile fronte strada. La visuale su questo lato è inoltre praticamente oscurata dalla presenza di un nespolo che sorge nell'aiuola sottostante il mio terrazzo e che si erge ad una altezza superiore i 2m rispetto al livello del mio terrazzo.
Il lato est del terrazzino in questione confina con il lato ovest del terrazzino della vicina di casa che, come nel mio caso, affaccia frontalmente sul già citato muro di cinta, mentre ad est il suo terrazzo è delimitato da una facciata dello stabile, che su quel lato termina con due box auto fronte strada sottoposti ai nostri due terrazzi. I due terrazzini in questione risultano separati da una ringhiera alta circa 1.5m rispetto ad un massetto divisorio di circa 5cm di altezza (nessuna privacy derivante da tale separazione).
Veniamo dunque al sodo. In questi giorni con l’avvento del caldo mi sono deciso a dare una sistemata al terrazzino per renderlo “vivibile” per il periodo estivo (un minimo di privacy, tavolino sedie ed ombrellone nulla di strano credo).
Per garantirmi un minimo di privacy nei confronti della vicina (per nulla cordiale e discreta) ho chiesto preventivamente il permesso al mio proprietario, nonché amministratore del condominio, la possibilità di installare un divisorio costituito da un reticolo in bamboo (struttura reticolare amovibile) da rivestire con la classica rete ombreggiante (per lasciare passare aira e luce senza voler arrecare troppo “fastidio” alla vicina e risultare troppo “invasivo”, ma soprattutto per mantenere rapporti di cordiale vita condominiale!), la sua risposta è stata: “Faccia come meglio crede, cerchi solo di limitarsi in altezza dal lato della vicina magari senza superare troppo il limite della ringhiera, per quietovivere”.
In effetti, sul lato confinante con la vicina, ho installato il reticolato in bamboo limitandomi esattamente all'altezza della ringhiera di separazione (cosa che già non mi soddisfa in quanto comunque la mia privacy non risulta garantita!), prima di installare la rete ombreggiante su tale lato ho proceduto con i restanti tre.
Sul lato nord a fronte strada ho installato il reticolato in bamboo ad altezza della ringhiera (75cm dal basamento su cui poggia) e l’ho rivestito con uno strato di rete ombreggiante.
Sul lato ovest (quello che affaccia sullo spiazzo antistante l’ingresso dello stabile e sulle officine meccaniche, nonché lato del nespolo) ho installato il reticolato in bamboo fino ad un'altezza di circa 150cm (70/75 cm) oltre il limite della ringhiera.
Questo per garantirmi un minimo di privacy rispetto alla strada, per limitare l'invasione del nespolo (quindi fogliame e frutti marci) nel mio terrazzo e per impedire ai gatti randagi (piuttosto numerosi nella zona) di accedere al mio terrazzo tramite il suddetto nespolo.
Ebbene quanto installato su questo ultimo lato è diventato il motivo del contendere con la mia vicina.
Dapprima la signora ha lamentato che la rete ombreggiante non consentirebbe il passaggio di aria e luce, poi, una volta messa di fronte alla realtà dei fatti (lei stessa aveva in passato utilizzato lo stesso tipo di rete sul suo terrazzo), ha iniziato a vantare presunti diritti di veduta e di panorama (in quanto proprietaria del suo immobile!) che la mia installazione le stava precludendo, senza addurre nessuna documentazione “legale” che sancirebbe questo suo presunto diritto.
Stando alle premesse fatte in descrizione, e aggiungendo che il lato non confinante con la vicina dista oltre 4.5m dalla ringhiera di divisione dei due terrazzini (e che dunque per lei risulta improbabile vedere oltre il mio terrazzo se non sporgendosi ed invadendo di fatto la mia privacy, senza considerare inoltre la presenza del nespolo, piantato, tra l’altro, dal suo defunto marito, ex portiere dello stabile!) le mie domande sono le seguenti:
1- Può la vicina impedirmi ed “intimarmi” (con offese varie) di rimuovere il reticolo in bamboo e la rete ombreggiante?
2- Può la vicina vantare un presunto diritto di veduta o panorama?
Diritto mai giustificato, al momento, da atti ufficiali o regolamento del condominio?
3- Posso installare la rete ombreggiante anche sul lato comune?
Posso inoltre eccedere l'altezza imposta dalla preesistente ringhiera di separazione (per motivi di privacy)?
4- Può essermi addirittura vietato di potare il nespolo dei rami in altezza e larghezza che invadono il mio terrazzo?
Sembrano domande ridicole a mio avviso.
Ho spulciato diverso materiale tra articoli del c.c., sentenze di corte di cassazione su casi simili, regolamentazioni comunali su diritti di veduta/panorama e di edificabilità sui terrazzi (sebbene si stia parlando di strutture amovibili!), e nessuna informazione sembra giustificare i millantati diritti della vicina. Anzi, salvo regolamenti condominiali, potrei addirittura innalzare la limitazione (a mie spese) fino ai 2m sul lato di confine.
Voi cosa ne pensate?Avete avuto esperienze simili, e nel caso come si sono risolte?
Vi ringrazio dell'attenzione, e mi scuso della verbosità del topic.
Cordiali saluti.
  • svevavolo
    Svevavolo Ricerca discussioni per utente
    Giovedì 27 Aprile 2017, all or 19:22
    Ti consiglio di rivolgerti ad un legale (e di mostargli qualche foto dello stato dei luoghi).
    rispondi citando
  • salva83
    Salva83 Ricerca discussioni per utente Svevavolo
    Giovedì 27 Aprile 2017, all or 19:36
    Ti consiglio di rivolgerti ad un legale (e di mostargli qualche foto dello stato dei luoghi).
    Grazie della risposta, in effetti ci avevo gia pensato, ma proprio ieri ho discusso dell'accaduto col mio proprietario/amministratore che mi ha rassicurato che sul fatto che dal lato del mio terrezzo non confinante posso tranquillamente lasciare quanto già installato, mentre (sempre per ragioni di quietovivere) sul lato confinante con la vicina è meglio limitarmi alla soglia della ringhiera esistente.
    Quindi procederò con serenità anche ad installare la rete ombreggiante su tale lato e se la vicina dovesse ancora presentare delle lamentele non esiterò a procedere per vie legali per tutelare i miei diritti.
    Ancora grazie, vi terrò aggiornati sugli sviluppi della vicenda(se dovessero essercene) così magari la mia esperienza potrà servire anche a quanti come me dovessero incappare in situazioni simili.
    Cordiali saluti.
    rispondi citando
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img sherazade33
Buongiorno. Da circa tre mesi io e la mia vicina abbiamo diviso le proprietà con una rete. Questa rete è posizionata a circa 1 metro dalla mia finestra al piano...
sherazade33 05 Aprile 2020 ore 16:28 6
Img giuseppina.russomanno
Ho acquistato una villetta con un terrazzo confinante su un lato sul fondo del vicino. Nel contratto di acquisto mi impegnavo a realizzare sul lato confinante un'opera "in...
giuseppina.russomanno 11 Marzo 2019 ore 18:23 1
Img marco_castoldi@libero.it
Buon pomeriggio, il diritto di panorama ha una valenza oggettiva? Chi può certificare che un determinato panorama debba essere tutelato? Esempio pratico: se dalla finestra...
marco_castoldi@libero.it 12 Giugno 2018 ore 19:04 1
Img anonimo
Buongiorno a tutti,ho una casa su un blocco fatto tipo villette a schiera... sul piano superiore risiede una persona e sull'inferiore un'altra.Ora vorrei domandare... se il mio...
anonimo 26 Settembre 2016 ore 18:28 2
Img lux71
Salvevorrei trasformare 2 luci in vedute, esse si affacciano sul giardino del mio vicino xo' tra il suo giardino e le mie luci c'e' un pezzo di terra largo 1.50 mt di mia...
lux71 29 Giugno 2015 ore 20:50 4
Notizie che trattano Diritti di veduta terrazzi confinanti che potrebbero interessarti


Costruzioni e rispetto delle distanze dalle vedute

Normative - Il diritto di affacciarsi sul fondo del vicino, se legalmente esistente, impone al proprietario del fondo gravato l'obbligo di rispettare le distanze dalle vedute.

Servitù di veduta mediante costruzione di un balcone, è lecito?

Leggi e Normative Tecniche - Non sempre è possibile la costruzione di un balcone per l'esercizio di una servitù di veduta, astrattamente possibile se si tratta solo di apertura di finestra.

Diritto di veduta e panorama: cosa dice la legge

Affittare casa - Quali sono le differenze tra diritto di veduta e panorama; in cosa consiste la servitù di panorama e come si costituisce. Vediamo cosa dice la legge in materia.

Pianerottoli e diritto di veduta

Normative - La costruzione di un pianerottolo, con annessa scala a chiocciola, può portare alla violazione delle norme dettate in materia di distanze nelle aperture di vedute.

Limitazioni ai diritti dei condomini

Condominio - In un articolo pubblicato recentemente su questo blog  ci siamo occupati delle conseguenze pratiche e giuridiche legate alla realizzazione di una veranda.Lo

Se la veranda viola le distanze va demolita

Assemblea di condominio - È cosa ricorrente che i condomini trasformino il loro balcone in veranda, a determinate condizioni (leggasi presenza di autorizzazioni comunali e assenza di divieti regolamentari).

Luci e vedute

Leggi e Normative Tecniche - La disciplina codicistica in materia di luci e vedute definisce questi concetti e delinea come e quando il proprietario di un fondo possa aprirle su quello del vicino.

Distanze tra fabbricati

Leggi e Normative Tecniche - Una delle cause più frequenti di lite tra vicini è costituita dalle distanze tra le proprietà o dai muri di confine, regolamentate dal c.c. e dalle norme locali.

Servitù prediali: cosa sono e caratteristiche

Leggi e Normative Tecniche - Che cosa sono le servitù prediali? Vediamo quali sono i requisiti e le caratteristiche, spieghiamo come funzionano e le regole relative alle modalità di esercizio
REGISTRATI COME UTENTE
318.590 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
//