Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
2006-11-02 15:53:16

Quale procedura?


Anonimo
login
25 Ottobre 2006 ore 09:43 9
Ciao a tutti,
devo ristrutturare un sottotetto di 15 mq circa a milano senza alzare tetto e senza cappuccine, devono essere creati i muri perimetrali, un piccolo lucernario, la coibentazione, il consolidamento del pavimento e il foro per la scala che scende al piano sottostante (dove c'è il mio appartamento). Ora il sottotetto non ha l'abitabilità.
Potreste dirmi quali pratiche devo fare, i tempi per poter ottenere il via libera ai lavori e i costi di tutta la parte burocratica? (eventualmente anche i costi della ristrutturazione vera e propria).
Grazie mille
Lucio
  • anonimo
    Anonimo Ricerca discussioni per utente
    Giovedì 26 Ottobre 2006, alle ore 16:13
    Un'ultima domanda: che obblighi ho verso il condominio? devo semplicemte avvisare che inizierò i lavori nel mio sottotetto oppure devo sottoporre la questione ad una votazione?
    Grazie

  • anonimo
    Anonimo Ricerca discussioni per utente
    Venerdì 27 Ottobre 2006, alle ore 11:00
    Non capisco perché ogni volta che scrivo a questo forum nessuno mi risponde.....ma sbaglio io qualcosa?....forse a porre le domande? non si capiscono? boh

  • nabor
    Nabor Ricerca discussioni per utente
    Venerdì 27 Ottobre 2006, alle ore 16:23
    Ciao, come probabilmente saprai il DDL Nicolais, in fase d'approvazione, ha demandato ai liberi professionisti (direttori dei lavori) la certificazione d'agibilità/abitabilità...ora bisogna passare dallo sportello unico comunale. Hai già chiesto a qualche tecnico?

  • anonimo
    Anonimo Ricerca discussioni per utente
    Venerdì 27 Ottobre 2006, alle ore 16:27
    No, non ho chiesto ancora a nessuno....ho chiesto solo in questo forum.....e non ho la più ,pallida idea di cosa sia il DDL Nicolais....per questo ho chiesto info qui, su questo forum....

  • nabor
    Nabor Ricerca discussioni per utente
    Venerdì 27 Ottobre 2006, alle ore 18:00
    Vado a memoria, la legge regionale 12 del 2005 ha fissato dei paletti per il recupero dei sottotetti, che può avvenire negli edifici esistenti al 31 marzo 2005, o che abbiano da almeno 3 anni il conseguimento dell'agibilità...sui costi chiederei ad un tecnico, architetto o geometra, te ne posso indicare qualcuno se serve. Il DDL Nicolais, che ho citato, in pratica affida al direttore dei lavori, o comunque ad un professionista, la certificazione d'abitabilità, prima esclusiva del Comune competente, il che significa un risparmio di tempo notevole

  • anonimo
    Anonimo Ricerca discussioni per utente
    Domenica 29 Ottobre 2006, alle ore 13:36
    Per quanto riguarda i miei doveri o obblighi verso il condominio?

  • nabor
    Nabor Ricerca discussioni per utente
    Lunedì 30 Ottobre 2006, alle ore 17:19
    Per quanto riguarda i miei doveri o obblighi verso il condominio?
    ciao, gli obblighi ce li avresti se dovessi appropriarti di parti comuni o altrui (io, ad esempio, ne ho cedute a condòmini), ma nel tuo caso è sufficiente avvertire gli altri coproprietari. Non vedo, infatti, come un sottotetto reso abitabile possa ledere il decoro architettonico dell'edificio...fatto salvo che le opere da realizzare non devono comprometterne la stabilità.

  • anonimo
    Anonimo Ricerca discussioni per utente
    Giovedì 2 Novembre 2006, alle ore 09:55
    Scusa, ma il tetto non è parte comune?

  • nabor
    Nabor Ricerca discussioni per utente
    Giovedì 2 Novembre 2006, alle ore 15:53
    Scusa, ma il tetto non è parte comune?
    Ciao,
    il sottotetto non è compreso tra le parti comuni di cui all'art. 1117 c.c.
    Casistica giurisprudenziale se ne trova a iosa, per essere sintetici direi:
    1) il sottotetto è escluso dalla comunione in quanto assolve la funzione d'isolare dal freddo e/o dal caldo e proteggere il piano più elevato, di cui costituisce una pertinenza, salvo si dimostri una destinazione diversa
    2) l'appartenenza del sottotetto dev'essere determinata in base al titolo (di proprietà o altro diritto), e, in mancanza di titolo, la presunzione di comunione si applica solo quando il sottotetto stesso risulti oggettivamente destinato all'uso comune o all'esercizio di uso comune
    Nel tuo caso, se manca quest'uso comune, è presumibile la pertinenzialità alla tua unità immobiliare.
    Spero di essere stato chiaro in merito

Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img studioidea
Salve. Abito in una casa indipendente e i condomini della palazzina che stà di fronte al mio immobile piazzano il loro bidone condominiale dell'organico davanti alla mia...
studioidea 21 Gennaio 2022 ore 19:02 2
Img gnudignome
Buongiorno.Nel 2021 ho ristrutturato un appartamento con regolare CILA aperta a maggio e chiusa a dicembre 2021.Ho letto l'articolo relativo al software aggiornato della AdE...
gnudignome 21 Gennaio 2022 ore 18:38 1
Img nancy39
Buongiorno, è da tempo che io e mio marito vorremmo mettere un camino in casa, al piano di sotto, in taverna. Finalmente ci siamo decisi a iniziare a valutare delle...
nancy39 21 Gennaio 2022 ore 13:07 1
Img ester fasciana
Buonasera,premesso che sto effettuando lavori di ristrutturazione in villetta unifamiliare con Ecobonus 110 e parte con detrazione al 50 con cessione del credito ad un General...
ester fasciana 21 Gennaio 2022 ore 12:42 3
Img mirtillamalcontenta
Gentili utenti,vi scrivo per chiedervi consiglio su un'annosa questione. Finalmente ho comprato casa, ho rifatto tutti gli impianti e tutta contenta sono andata a viverci..
mirtillamalcontenta 21 Gennaio 2022 ore 12:41 9
REGISTRATI COME UTENTE
335.273 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
//