Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
2015-06-04 11:56:27

Variante a progetto


Buongiorno,
sono titolare di un permesso a costruire, abbiamo iniziato la predisposizione del cantiere e ci siamo resi conto che le distanze dai confini previsti nel progetto allegato al permesso a costruire non sono esatte rispetto allo stato dei luoghi.
Per tale motivo si rende necessario spostare il fabbricato sulla medesima particella catastale senza modifica di sagoma e volumetria.
Per essere assentiti dal comune è sufficiente fare una variante al progetto mediante semplice CILA o SCIA oppure bisogna richiedere una nuova concessione?
Grazie
  • arch-ily
    Arch-ily Ricerca discussioni per utente
    Mercoledì 3 Giugno 2015, alle ore 09:06
    La questione è un po' più complessa di come lei la pone, quando entra in gioco la disciplina delle distanze.
    Le consiglio quindi di rispondere alle mie domande, così potrò essere più precisa al riguardo:

    1) parliamo di distanze dai confini del lotto oppure da altri edifici?
    2) avete scoperto che le distanze reali (cioè quelle diciamo errate) sono inferiori ai minimi prescritti?

    Grazie.

  • rodrimag
    Rodrimag Ricerca discussioni per utente
    Mercoledì 3 Giugno 2015, alle ore 17:45

    LE DISTANZE RIGUARDANO I CONFINI, SIAMO IN ZONA AGRICOLA E SONO INFERIORI AI 10 ML PREVISTI DAL REG. EDILIZIO.
    NEL CASO SPECIFICO CI TROVIAMO CON UNO STATO DI FATTO CHE DIFFERISCE DI CIRCA UN METRO DA QUELLO GRAFICO CATASTALE.
     

  • arch-ily
    Arch-ily Ricerca discussioni per utente
    Giovedì 4 Giugno 2015, alle ore 08:52
    Ah, questo è un problema in effetti.

    Mi spiego meglio: in genere (o meglio, in Emilia Romagna è così, non so nelle altre regioni in cui opero) per tutti gli interventi edilizi è prevista una tolleranza costruttiva del 2% rispetto alle misure indicate negli elaborati grafici di progetto. Queste difformità perciò non sono considerate "abusi edilizi".
    Tuttavia, purtroppo in molti regolamenti edilizi le tolleranze costruttive non si applicano alla disciplina delle distanze. Inoltre, nel vostro caso lo scostamento è molto maggiore del 2%.

    Ritengo quindi che l'unica strada percorribile sia quella di chiedere una variante in corso d'opera, che ritengo debba essere sostanziale in quanto riguarda l'area di sedime dell'edificio: per fortuna, ve ne siete accorti durante il tracciamento preliminare, e non a lavori iniziati.

    Però, la variante sostanziale deve essere approvata e quindi potrebbe causare un po' di ritardi nei lavori.

    Vi consiglio quindi di verificare con il regolamento edilizio (o meglio ancora con un colloquio di chiarimento con un tecnico del comune) se:
    1) questo caso rientra effettivamente nelle varianti sostanziali;
    2) la pratica edilizia da presentare (di solito una SCIA).

    Saluti.

  • arch-ily
    Arch-ily Ricerca discussioni per utente
    Giovedì 4 Giugno 2015, alle ore 08:58
    Un'altra strada percorribile tuttavia potrebbe essere la seguente:

    1) Chiedere un appuntamento in comune e spiegare l'esatta situazione al tecnico di zona, chiarendo che si tratta di un mero errore materiale e grafico nella stesura delle tavole di progetto, magari nemmeno imputabile a voi (penso ad esempio al caso di disegni dello stato legittimo molto imprecisi, anche se mi sembra strano che non sia stato fatto il rilievo completo del lotto).

    2) Verificare insieme al tecnico se sia possibile, anzichè presentare una variante in corso d'opera, presentare una comunicazione in cui si chieda semplicemente la "sostituzione" dell'elaborato grafico sbagliato appunto per la presenza di un errore grafico.
    Alla comunicazione andrebbero allegati a mio parere:
    - tavola grafica corretta (progetto + rosso e giallo);
    - relazione in cui si spieghi molto bene in cosa consiste l'errore;
    - disegno dimostrativo dell'errore grafico: per non creare confusione, sarebbe preferibile usare altri colori (ad esempio il blu e il verde) per indicare il disegno corretto e quello sbagliato.

    Certo, ovviamente il tecnico che ha commesso l'errore fa una brutta figura di fronte ai clienti, ma in questi casi si spera sempre nella loro comprensione, perché nessuno è infallibile (anche se ovviamente sarebbe meglio prendersi un po' di tempo in più e ricontrollare bene il lavoro, prima di consegnarlo).

    Saluti.

  • rodrimag
    Rodrimag Ricerca discussioni per utente Arch-ily
    Giovedì 4 Giugno 2015, alle ore 11:56
    Un'altra strada percorribile tuttavia potrebbe essere la seguente:

    1) Chiedere un appuntamento in comune e spiegare l'esatta situazione al tecnico di zona, chiarendo che si tratta di un mero errore materiale e grafico nella stesura delle tavole di progetto, magari nemmeno imputabile a voi (penso ad esempio al caso di disegni dello stato legittimo molto imprecisi, anche se mi sembra strano che non sia stato fatto il rilievo completo del lotto).

    2) Verificare insieme al tecnico se sia possibile, anzichè presentare una variante in corso d'opera, presentare una comunicazione in cui si chieda semplicemente la "sostituzione" dell'elaborato grafico sbagliato appunto per la presenza di un errore grafico.
    Alla comunicazione andrebbero allegati a mio parere:
    - tavola grafica corretta (progetto + rosso e giallo);
    - relazione in cui si spieghi molto bene in cosa consiste l'errore;
    - disegno dimostrativo dell'errore grafico: per non creare confusione, sarebbe preferibile usare altri colori (ad esempio il blu e il verde) per indicare il disegno corretto e quello sbagliato.

    Certo, ovviamente il tecnico che ha commesso l'errore fa una brutta figura di fronte ai clienti, ma in questi casi si spera sempre nella loro comprensione, perché nessuno è infallibile (anche se ovviamente sarebbe meglio prendersi un po' di tempo in più e ricontrollare bene il lavoro, prima di consegnarlo).

    Saluti.
    Grazie, molto gentile ed esauriente.
    il problema è dato proprio dai tempi, cmq se è possibile presentare una scia credo che possa essere risolvibile in tale modo.
    di nuovo grazie.

Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img quattromura80
Buonasera a tutti voi del forum,vi chiedo consiglio a proposito di una proposta immobiliare che ha lasciato perplessi sia mia moglie che me.Un'impresa edile ci ha portato a...
quattromura80 05 Maggio 2021 ore 17:16 3
Img mau.angeletti
Salve a tutti,avrei un quesito da porre agli esperti.Ho da 3 anni costruito la mia attuale abitazione (ecosostenibile, legno e acciaio, classe A+++) e sul tetto ho un impianto...
mau.angeletti 15 Aprile 2021 ore 19:52 3
Img jessy91
Buon pomeriggio a tutti,sto valutando l'acquisto di un immobile da ultimare.L'immobile è già accatastato come A2, ma verrà fornito di scia per il...
jessy91 09 Aprile 2021 ore 10:43 2
Img marcotreviso
Buobgiorno, stanno costruendo una casa di un solo piano confinante alla mia abitazione, vorrei sapere se devono rispettare la distanza di 10 metri dalla mia parete o dal mio...
marcotreviso 27 Gennaio 2021 ore 20:08 2
Img andrvici
Buongiorno, ho acquistato una villetta a schiera ultimata (pavimenti e rivestimenti, fine lavori 2013), ma priva di infissi e impianto di riscaldamento. Posso usufruire...
andrvici 12 Gennaio 2021 ore 11:51 2
Notizie che trattano Variante a progetto che potrebbero interessarti


Muro di recinzione e permesso di costruire: i chiarimenti della Cassazione

Leggi e Normative Tecniche - In caso di realizzazione di un muro di cinta la Cassazione precisa quando sia necessario richiedere il permesso di costruire e le autorizzazioni paesaggistiche.

Gazebo e porticati: quando ci vuole il permesso di costruire?

Leggi e Normative Tecniche - Quando è necessaria l'autorizzazione da parte del Comune per costruire gazebo e porticati. Ecco i chiarimenti sul punto del Tar della Toscana e della Calabria.

Quando decade il permesso di costruire?

Leggi e Normative Tecniche - Permesso di costruire e inizio dei lavori: quali sono i termini per evitare la decadenza del titolo abilitativo. Ecco i chiarimenti del Tar della Valle d'Aosta.

Abuso edilizio: secondo la Cassazione è responsabile anche il progettista

Leggi e Normative Tecniche - In caso di abuso edilizio per l'opera realizzata senza permesso di costruire è responsabile anche il progettista dei lavori. È quanto affermato dalla Cassazione

Termine per l'inizio lavori con Permesso di Costruire

Leggi e Normative Tecniche - Quando si ottiene un permesso di costruire i lavori devono cominciare entro un anno dal rilascio del titolo abilitativo, a meno che non si chieda proroga motivata.

Quali documenti bisogna consultare prima di acquistare all'asta un immobile in costruzione?

Comprare casa - Quando la casa all'asta è in corso di costruzione si rende necessaria qualche verifica in più, in particolare in merito alla validità del permesso di costruire.

Soppalco: quando è necessario il permesso di costruire?

Leggi e Normative Tecniche - Per realizzare un soppalco è necessario il permesso di costruire? Vediamo in quali casi, per i giudici, può considerarsi un'opera di ristrutturazione edilizia.

Permesso di costruire anche per chi non è in regola con le tasse

Leggi e Normative Tecniche - Secondo una sentenza del TAR della Campania, sezione di Salerno, il permesso di costruire deve essere rilasciato anche a chi non è in regola col pagamento tributi

Il direttore lavori è responsabile degli abusi edilizi

Leggi e Normative Tecniche - Una sentenza della Corte di Cassazione ha ribadito le responsabilità del direttore dei lavori in caso di opere eseguite in difformità dal permesso di costruire.
REGISTRATI COME UTENTE
328.967 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
//