Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA

Stufa a pellets


Kerosene
login
29 Novembre 2006 ore 19:44 18
Volevo sapere da qualcuno che ne sa più di me se per i fumi di scarico di una stufa a pellet è necessaria la canna fumaria o può essere sufficiente il tubo di scarico orizzontale che butta fuori i fumi ? Praticamente un tubo di max 75 cm. 1 metro.
  • stiezza
    Stiezza Ricerca discussioni per utente
    Mercoledì 29 Novembre 2006, all or 21:37
    La normativa x le stufe a pellet e' la solita x le caldaie a gas
    con l'aggiunta che i tubi devono essere specifici
    tubi d'acciaio con guarnizione che normalmente si utilizza x caldaie normali non vanno bene
    le guarnizioni raggiungono al max 220 accidenti mi sono scordato la t. maxx di esercizio
    comunque molto ++ bassa della temperatura che raggiungono i fumi di scarico della stufa
    rispondi citando
  • kerosene
    Kerosene Ricerca discussioni per utente
    Mercoledì 29 Novembre 2006, all or 23:05
    Ti ringrazio per questa tua precisazione, ma il mio dubbio è se devo fare una canna fumaria verticale di tot metri o è sufficiente solo uscire fuori in orizzontale senza poi dover andare in verticale. Non so se sono stato chiaro.
    Grazie
    rispondi citando
  • odino_1970
    Odino_1970 Ricerca discussioni per utente
    Venerdì 8 Dicembre 2006, all or 18:32
    Ciao, devi andare 1'5 metri in altezza con tubi in acciaio inox da 8 cm di diametro minimo, diciamo 8 è lo standard e va bene. Se vuoi uscire direttamente, quando sei fuori con il tubo devi salire 1'5 mt. Se i tubi li tieni interni, sali subito 1'5 mt ed esci orizzontalmente con cappelletto a griglia tipo caldaia. Se esci subito fuori devi risalire 1'5 mt e cappelletto classico. Spero di essermi spiegato bene, comunque chi ti vende la stufa lo sà ed ogni stufa ha il suo manuale d'uso con lo schema dei tubi.
    Ps ricordati il raccordo a T
    rispondi citando
  • odino_1970
    Odino_1970 Ricerca discussioni per utente
    Venerdì 8 Dicembre 2006, all or 18:34
    Oggi sono rincretinito. Intendevo 1,5 mt.
    rispondi citando
  • stiezza
    Stiezza Ricerca discussioni per utente
    Venerdì 8 Dicembre 2006, all or 20:07
    Ciao, devi andare 1'5 metri in altezza con tubi in acciaio inox da 8 cm di diametro minimo, diciamo 8 è lo standard e va bene. Se vuoi uscire direttamente, quando sei fuori con il tubo devi salire 1'5 mt. Se i tubi li tieni interni, sali subito 1'5 mt ed esci orizzontalmente con cappelletto a griglia tipo caldaia. Se esci subito fuori devi risalire 1'5 mt e cappelletto classico. Spero di essermi spiegato bene, comunque chi ti vende la stufa lo sà ed ogni stufa ha il suo manuale d'uso con lo schema dei tubi.
    Ps ricordati il raccordo a T
    dubito fortemente tu possa fare quello che dici
    come da me specificato sopra la normativa e' identica alle caldaie a gas
    quindi devi scaricare a TETTO ed il diametro DEVE essere almeno il diametro d'uscita della caldaia
    poi se e' esterna deve essere coibentata perdere al max 1°c al metro
    COME DA CANNA FUMARIA X CALDAIE
    LE CANNE FUMARIE CAMINI E CALDAIE A PELLETT; LEGNA; MAIS; CIPPATO O QUELLO CHE TI PARE
    SONO NORMATE DALLA SOLITA NORMATIVA
    rispondi citando
  • radiante
    Radiante Ricerca discussioni per utente
    Venerdì 8 Dicembre 2006, all or 21:44
    Ma chi è sta Norma sempre nel mezzo a da noia
    rispondi citando
  • odino_1970
    Odino_1970 Ricerca discussioni per utente
    Sabato 9 Dicembre 2006, all or 17:23
    Ciao Stiezza, non capisco cosa ci sia da dubitare. Non ho scritto nulla che non possa essere confermato dal manuale d'uso e di installazione Palazzetti. Possiedo da 4 anni una Palazzetti modello Ecofire Gaia 11 kw ed una delle due soluzioni d'installazione è proprio quella effettuata per la mia stufa, da tecnici qualificati della Palazzetti, azienda seria che non effettua installazioni fuorilegge. Ti confermo gli 8 cm di diametro per i tubi, che puoi trovare in commercio presso qualunque rivenditore autorizzato. L'imposizione dell'uscita fumi delle stufe a pellet attraverso canna fumaria a tetto, esiste solo in alcuni comuni e Roma non è tra quelli. Per lo scarico orizzontale a parete esterna bisogna mantenere 30 cm di distanza dalla parete stessa e mettere il terminale, generalmente in dotazione alla stufa. Per quello verticale è obbligatorio installare un terminale antipioggia ed antivento e tenersi 50 cm sotto all'eventuale terrazzo soprastante. L'unica controindicazione sullo scarico a parete esterna, potrebbe essere un regolamento condominiale e quindi privato, che la vieti per motivi estetici. Prova ne è che Roma è piena anche di caldaie a metano che scaricano esternamente senza canna fumaria condominiale a tetto. Per le sufe a pellet, ripeto, esiste un manuale d'uso ed installazione con tanto di normativa vigente, che ti può fugare ogni dubbio.
    rispondi citando
  • odino_1970
    Odino_1970 Ricerca discussioni per utente
    Sabato 9 Dicembre 2006, all or 17:33
    Riguardo le installazioni con percorso esterno è obbligatorio utilizzare tubi in acciaio inox a doppia parete, resistente alle intemperie e agli agenti atmosferici, senza bisogno quindi di coibentarli. Saluti
    rispondi citando
  • stiezza
    Stiezza Ricerca discussioni per utente
    Sabato 9 Dicembre 2006, all or 18:15
    Capisco che dall'ARNO in giu' tutto e' concesso
    e' te sei la prova
    ma esistono delle normative alle quali evidentemente voi non fate riferimento

    e come privati e questo e' normale
    o peggio ancora come installatori poco attenti
    questo e' quanto
    poi come dicono dalle mie parti
    chi puote puote e chi non puote se lo squote hahahahaahah
    rispondi citando
  • odino_1970
    Odino_1970 Ricerca discussioni per utente
    Sabato 9 Dicembre 2006, all or 18:35
    Meno male che ridi da solo. In realtà non sai una sega e fai il capiscione, porello.
    Per la cronaca Palazzetti è un marchio concepito abbastanza più a nord di dove, mediocremente, tenti di fare l'installatore tu, con scarsi risultati. Dalle parti mie invece si dice "non te la pià così, piatela 'n der............", hahahhahahahahahahaha.
    rispondi citando
  • radiante
    Radiante Ricerca discussioni per utente
    Sabato 9 Dicembre 2006, all or 18:36
    Non capisco perche non si debbano rispettare regole e normative che esistono da 33 anni o forse piu si perche la 46/90 è stata pubblicata nel 1973 e all'atto pratico faceva riferimento.
    Che dire poi se qualcuno muore intossicato da monossido di carbonio pazienza anche le pompe funebri hanno da sfamassi.
    rispondi citando
  • odino_1970
    Odino_1970 Ricerca discussioni per utente
    Sabato 9 Dicembre 2006, all or 18:45
    Quindi Palazzetti, a quanto leggo, non rispetta la 46/90 a livello d'installazione e promulga un manuale d'uso fuorilegge. Ho capito bene? Se è così mettimelo nero su bianco, così da cliente e non da installatore che non sono, come crede l'amico Stiezza, stampo e vado a sottoporre il tutto al loro ufficio legale. Se avete ragione li denuncio, se non è così è diffamazione, vogliamo provare? Io sono quì e vi seguo sempre volentieri.
    rispondi citando
  • kerosene
    Kerosene Ricerca discussioni per utente
    Sabato 9 Dicembre 2006, all or 19:19
    Avrei optato per una canna fumaria interna e poi uscire in orizzontale con un tubo da 50 cm in acciaio e mettere un cappelletto a griglia tipo stufa a metano, volevo chiederti in una delle tue risposte mi parli di una T che sarebbe ? a cosa servirebbe.
    Per fare la canna fumaria avrei intezione di prendere un gomito 90° da attaccare alla stufa un tubo da 1 metro + 1 tubo da 1 metro + un altro gomito a 90° + un tubo da 50 cm per uscire fuori e cappellotto. Non capisco cosa sia la T. Se puoi darmi un chiarimento te ne sarei grato.
    rispondi citando
  • stiezza
    Stiezza Ricerca discussioni per utente
    Sabato 9 Dicembre 2006, all or 19:24
    Ciao, devi andare 1'5 metri in altezza con tubi in acciaio inox da 8 cm di diametro minimo, diciamo 8 è lo standard e va bene. Se vuoi uscire direttamente, quando sei fuori con il tubo devi salire 1'5 mt. Se i tubi li tieni interni, sali subito 1'5 mt ed esci orizzontalmente con cappelletto a griglia tipo caldaia. Se esci subito fuori devi risalire 1'5 mt e cappelletto classico. Spero di essermi spiegato bene, comunque chi ti vende la stufa lo sà ed ogni stufa ha il suo manuale d'uso con lo schema dei tubi.
    Ps ricordati il raccordo a T
    ODINOOOOOO STAI A DI DELLE FREGNACCE
    MA IL BRUTTO E' CHE NUN NE SEI CONSAPEVOLE
    A QUESTO PUNTO CREDO CHE STO FORUMME NUN SERVA + DI TANTO
    PURTROPPO A VOLTE SUCCEDE COME IN QUESTO CASO CHE LE PERSONE DIANO DELLE INDICAZIONE SBAGLIATE E DELETERIE PER
    GLI SPROVVEDUTI COME TE
    NUMMENEVOLE' MA UNTEPOSSO FA PASSA' STA FREGNACCIA
    SE SEMO CAPITI????
    rispondi citando
  • radiante
    Radiante Ricerca discussioni per utente
    Sabato 9 Dicembre 2006, all or 19:24
    Mi faccio mandare il manuale d'uso ma dubito che Palazzetti si faccia trovare con il fianco scoperto,infatti dal sito non parla assolutamente di scarichi a parete ma solo ed esclusivamente di canne fumarie a tetto sia per i camini che per le stufe a pallets come la tua.
    Cmq prima di andare avanti farmi informare
    rispondi citando
  • stiezza
    Stiezza Ricerca discussioni per utente
    Sabato 9 Dicembre 2006, all or 20:37
    CIAO RADIANTEEEEEE
    hai fatto caso che in alcuni modi d'instqllazione di termocamini e termostufe non viene mensionato lo scambiatore a piastra che interponi tra il generatore primario e secondario?
    eppure sono ditte conosciutissime
    ma il bello e' che come dici tu il responsabile finale e' l'installatore regolarmente iscritto e lui DEVE sapere cosa fare
    altrimenti il fai da te come in questo caso puo' portare a problematiche ben + gravi

    LA PISTOLA VIENE VENDUTA MA NON E' SCRITTO CHE SERVE ANCHE AD UCCIDERE
    EPPURE VIENE VENDUTA UGUALMENTE
    BOOO NON SO SE E' LA SOLITA COSA MA CON IL MONTALCINO CHE MI SONO BEVUTO S'AMMARITA NIENTE MALE HAHAHAHAAHAHAH
    rispondi citando
  • odino_1970
    Odino_1970 Ricerca discussioni per utente
    Domenica 10 Dicembre 2006, all or 09:50
    Stiezza, un me ne volere, ma a te è inutile che rispondo perché non capiresti.
    Radiante, puoi trovare le modalità di installazione a parete, sul manuale d'uso e manutenzione Palazzetti, ed esempio nel mio caso Ecofire Gaia 11 kw, al capitolo 5.3.3.1, se non lo riesci a trovare, solo se interessasse, mi dai un fax e te lo mando. Dubito che Palazzetti metta nero su bianco modalità d'installazione illegali, non trovi?
    Ad ogni modo, le stufe a pellet non ricadono nelle definizione di "impianto termico" a cui si riferisce la legge DPR 26/08/1993, N. 412 (RETTIFICATO IN BASE AL CONTENUTO DEL DPR 21/12/1999, N. 551) E RELATIVO TESTO UNICO PER L'EDILIZIA DPR 380/01.
    Per cui ci si deve attenere alla norma UNI 7129, dove è specificato chiaramente il posizionamento esterno dei terminali, con tanto di distanze minime da rispettare, secondo la tabella che nel manuale Palazzetti è fedelmente riportata alla tabella 5.3.1.
    SOTTO FINESTRA - 50 CM
    SOTTO BALCONE - 30 CM
    DA FINESTRA ADIACENTE - 40 CM, e via dicendo tutti gli altri parametri, che fedelmente seguono la suddetta NORMA UNI 7129. Come già avevo scritto sopra, le uniche limitazioni in tal senso, possono venire dal comune o dalla Asl d'appartenenza, ma sono casi molto rari. Oltretutto le installano a parete anche in Austria, non credo che possiamo insegnargli molto, vero?
    Riguardo potenziali morti per esalazioni da monossido di carbonio, ricordo che le stufe a pellet non ne hanno, non solo, ma addirittura immettono nell'atmosfera anidride carbonica, a differenza di quelle a legna.
    Comunque, amico Kerosene, il mio consiglio è quello di far fare un sopralluogo tecnico a del personale qualificato, direttamente in loco, così da prendere la decisione più idonea al tuo caso ed alle tue esigenze.
    L'unica cosa che condivido di Stiezza, è che queste cose non si devono fare da soli, ma bisogna affidarsi a personale qualificato, specifico di quel ramo. Anche perché in futuro avrai bisogno del servizio d'assistenza, che è fondamentale per la durata e l'efficacia di queste stufe. Saluti a tutti
    rispondi citando
  • kerosene
    Kerosene Ricerca discussioni per utente
    Domenica 10 Dicembre 2006, all or 19:11
    Perché avrebbe detto una fregnaccia ? non mi sembra il tuo un modo garbato per intervenire in una discussione. Anche perché hai sparato su odino senza spiegare dove avrebbe detto pansane.
    rispondi citando
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img danielec1968
Buongiorno a tutti, vi scrivo perché ho un grosso dubbio. Ho una casa singola di circa 120 mq attualmente scaldata da una caldaia a metano a camera aperta e sto cercando la...
danielec1968 17 Dicembre 2018 ore 10:16 3
Img ispanico.78
Nella palazzina in cui vivo, costituita da 3 piani, c’è un condomino del piano terra che possiede una stufa a pellet, attualmente dotata di scarico a parete (nel suo...
ispanico.78 04 Agosto 2018 ore 17:31 1
Img stefanosoi
Buongiorno. Sto comprando di fine anni 70, in buone condizioni, ma che necessità di alcuni lavori di ristrutturazione.In primis, i bagni con relativi impianti idrici e...
stefanosoi 23 Aprile 2018 ore 09:59 3
Img dobrio
Ciao a tutti,visto la mia prima bolletta di gas ed ho perso gli ultimi tre capelli rimasti per avere un appartamento neanche riscaldato ottimamente (neanche 20 gradi) volevo...
dobrio 30 Gennaio 2018 ore 20:17 13
Img fabbiiius
Salve a tutti, nella casa appena acquistata, dopo aver aperto una CILA, sto facendo vari lavori di ristrutturazione. In seguito a ciò avrò diritto alle detrazioni...
fabbiiius 11 Settembre 2017 ore 17:13 1
Notizie che trattano Stufa a pellets che potrebbero interessarti


Stufe, termostufe e caldaie a pellet: la tecnologia del calore per risparmiare sui costi di riscaldamento

Impianti di riscaldamento - Stufe, termostufe e caldaie a pellet Ariel Energia: delle soluzioni in grado di garantire calore e benessere in casa, per avere ambienti sani e confortevoli.

Scelta alimentazione di una stufa: a legna o a pellet?

Impianti di riscaldamento - Acquistare ora una stufa o un termocamino, necessita attenzione su molti aspetti, tra i quali uno dei primi è la scelta dell'alimentazione: a legna o a pellet?

Differenze fra stufe, caldaie e termostufe a pellet

Impianti di riscaldamento - Gli impianti a pellet possono essere dotati di vari tipi di generatori, come le stufe, le caldaie e le termostufe, che hanno diverse modalità di funzionamento.

IVA per stufe a pellet

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Come si applica l'aliquota IVA in caso di installazione di stufe a pellet all'interno di fabbricati ad uso abitativo di nuova costruzione o già esistenti.

Riscaldare in modo sostenibile con stufe, termostufe e caldaie a pellet

Impianti di riscaldamento - Ariel Energia, propone diversi tipi di stufe, termostufe e caldaie a pellet, modelli belli e funzionali per riscaldare le proprie case rispettando l'ambiente.

Stufe a pellet Ariel Energia: come risparmiare rispettando l'ambiente

Impianti di riscaldamento - Risparmiare scegliendo di utilizzare le stufe a pellet: Ariel Energia propone tanti modelli diversi di stufe e caldaie proprio per accontentare tutte le esigenze

Stufe a pellet come installarle

Impianti di riscaldamento - Come installare correttamente una stufa a pellet rispettando le norme in materia di evacuazione fumi, ottimizzandone la resa in termini economici ed energetici.

Novità a Progetto Fuoco 2012

Arredamento - A circa una settimana dalla chiusura di Progetto Fuoco 2012, le novità proposte fanno ancora parlare per originalità, design, innovazione.

Stufe a pellet ridisegnate

Impianti - Come inserire una stufa a pellet in un arredamento riducendone visivamente l'ingombro attraverso un intervento di allestimento semplice e rispettoso della sicurezza.
REGISTRATI COME UTENTE
317.079 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
//