Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA

Requisiti per la richiesta bonus 50% sulle ristrutturazioni edilizie


Positano88
login
18 Novembre 2013 ore 15:23 7
Innanzitutto buongiorno a tutti, è la prima volta che partecipo al forum.

Questo è il mio quesito :
nell' ipotesi che la ristrutturazione, e la successiva vendita dell'immobile, che è stato oggetto di ristrutturazione, è avvenuta nel 2013, chi ha titolo per richiedere il bonus con la denuncia dei redditi che verrà effettuata nel 2014?
Il venditore dell'immobile che ha sostenuto le spese, o l' acquirente?
Il venditore, ha l' obbligo di richiedere il bonus?
L'acquirente, se il venditore non ha mai richiesto, o non ha intenzione di richiedere il bonus, ha diritto di pretendere fatture e ricevute dei bonifici effettuati dal venditore?
Qualora il venditore decidesse di trasferire all' acquirente detti documenti, è nel suo diritto pretendere una manleva da parte dell'acquirente, nel caso di sanzioni da parte dell' Agenzia delle Entrate, in caso di non corretta presentazione dei requisiti?
Scusate la lungaggine, spero possiate aiutarmi.

Grazie
Positano
  • pasquale
    Pasquale Ricerca discussioni per utente
    Venerdì 22 Novembre 2013, alle ore 16:52
    Salvo accordi diversi in cui chi ha sostenuto le spese mantiene i benefici fiscali per l'intera durata (dieci anni), le detrazioni seguono l'immobile ristrutturato.
    E' palese che, in caso di trasferimento dell'unità immobiliare, compreso le detrazioni, la documentanzione relativa va consegnata all'acquirente (persona fisica), che ne beneficierà al posto suo.
    Va da sè che in caso di accertamento da parte dell'Agenzia delle Entrate, ogni responsabilità cadrà sul richiedente le agevolazioni.
    Cordiali saluti.

  • positano88
    Positano88 Ricerca discussioni per utente
    Venerdì 22 Novembre 2013, alle ore 17:11
    Grazie per la risposta, quindi, se ho capito bene :

    se il venditore, decide di non utilizzare il bonus, in quanto non sicuro della correttezza della documentazione a corredo, non ha alcuna responsabilità se l'acquirente decide invece di utilizzare il bonus, attivando per primo la pratica.

    Immagino quindi che, il venditore, se non sicuro della documentazione, deve informare, e l'acquirente prenderne atto ed assumersi la piena responsabilità davanti all'Agenzia delle Entrate, che la documentazione potrebbe essere non corretta ed essere oggetto di accertamento.

    Per questo motivo parlavo di manleva, in quanto se per scrupolo io non attivo la pratica per il bonus, non vedo perché dovrei essere cornuto e mazziato (....non attivo il bonus, e subisco le sanzioni

    Il nodo della questione è questo: io come venditore decido di non richiedere il bonus, quindi ho venduto senza che il bonus venisse richiesto, e non ho intenzione di chiederlo

    Grazie
    Positano

  • positano88
    Positano88 Ricerca discussioni per utente
    Venerdì 22 Novembre 2013, alle ore 17:18
    Aggiungo un elemento ai miei dubbi sulla questione.
    L'argomento "ristrutturazione", non è mai entrato nella trattativa, e non è stato mai indicato nella proposta d'acquisto.
    Al di là del fatto che era visibile che l' appartamento aveva beneficaito di lavori di miglioria, com relative certificazioni di legge consegnate al rogito, che ne sa l' aquirente con quali modalità è stata pagata l'impresa?
    L' impresa potrebbe essere stata pagata con un assegno, o un bonifico ordinario.

    La parte acquirente ha il diritto di procedere a veriche, perché vuole assolutamente attivare il bonus di sua iniziativa?

    Grazie 
    Positano

  • pasquale
    Pasquale Ricerca discussioni per utente Positano88
    Domenica 24 Novembre 2013, alle ore 00:03
    Grazie per la risposta, quindi, se ho capito bene :

    se il venditore, decide di non utilizzare il bonus, in quanto non sicuro della correttezza della documentazione a corredo, non ha alcuna responsabilità se l'acquirente decide invece di utilizzare il bonus, attivando per primo la pratica.

    Immagino quindi che, il venditore, se non sicuro della documentazione, deve informare, e l'acquirente prenderne atto ed assumersi la piena responsabilità davanti all'Agenzia delle Entrate, che la documentazione potrebbe essere non corretta ed essere oggetto di accertamento.

    Per questo motivo parlavo di manleva, in quanto se per scrupolo io non attivo la pratica per il bonus, non vedo perché dovrei essere cornuto e mazziato (....non attivo il bonus, e subisco le sanzioni

    Il nodo della questione è questo: io come venditore decido di non richiedere il bonus, quindi ho venduto senza che il bonus venisse richiesto, e non ho intenzione di chiederlo

    Grazie
    Positano
    Due premesse importanti:
    - per richiedere il bonus fiscale (detrazioni dui lavori e bonus mobili) è necessario aver eseguito opere di ristrutturazione ed averne sostenuto le spese. 
    - indipendentemente se il venditore ha usufruito o meno delle agevolazioni fiscali, Lei ha facoltà di richiedere i benefici di legge, eseguendo ex-novo altra ristrutturazione.
    Per quanto riguarda i dubbi sulla legalità della pratica del venditore, questi o si assume l'onere finanziario nell'atto di compravendita in caso di ceditura dei benefici oppure se li tiene per sè.
    Cordiali saluti

  • pasquale
    Pasquale Ricerca discussioni per utente Positano88
    Domenica 24 Novembre 2013, alle ore 00:10
    Aggiungo un elemento ai miei dubbi sulla questione.
    L'argomento "ristrutturazione", non è mai entrato nella trattativa, e non è stato mai indicato nella proposta d'acquisto.
    Al di là del fatto che era visibile che l' appartamento aveva beneficaito di lavori di miglioria, com relative certificazioni di legge consegnate al rogito, che ne sa l' aquirente con quali modalità è stata pagata l'impresa?
    L' impresa potrebbe essere stata pagata con un assegno, o un bonifico ordinario.

    La parte acquirente ha il diritto di procedere a veriche, perché vuole assolutamente attivare il bonus di sua iniziativa?

    Grazie 
    Positano
    Lei può ignorare tutto quanto fatto dal venditore.
    Dopo l'acquisto dell'immobile ha la facoltà di eseguire, se lo ritiene opportuno, nuove opere di ristrutturazione e beneficiare delle detrazioni fiscali.
    Comunque per essere certi ed avere la regolarità storica dell'abitazione, un accertamento all'Ufficio Tecnico del comune non è da scartare.
    Cordiali saluti.

  • positano88
    Positano88 Ricerca discussioni per utente
    Domenica 24 Novembre 2013, alle ore 12:27
    Grazie Pasquale per le cortesi risposte.

    C'è comunque un piccolo equivoco. La parte venditrice sarei io.

    Mi aggancio ad una sua risposta che cito :

    Due premesse importanti:
    per richiedere il bonus fiscale (detrazioni dui lavori e bonus mobili) è necessario aver eseguito opere di ristrutturazione ed averne sostenuto le spese. 
    indipendentemente se il venditore ha usufruito o meno delle agevolazioni fiscali, Lei ha facoltà di richiedere i benefici di legge, eseguendo ex-novo altra ristrutturazione.

    Se capisco bene, chi comprerà la mia casa, se io non richiedo il bonus, in quanto io ho materialmente sostenuto le spese, non ha a sua volta la facoltà di richiedere detto bonus, nemmeno se io gli fornissi la documentazione relativa .

    La questione relativa alla correttezza della documentazione, è un mio mero scrupolo.
    Per questo mi domandavo se per "proteggermi" da una richiesta "forzata" dell' acquirente di acquisire la documentazione, e richiedere lui l'attivazione del bonus, su i lavori che io ho eseguito e pagato, non sarebbe stato meglio proteggermi con una manleva.

    La ringrazio per la cortesia e la pazienza.

    Positano

  • pasquale
    Pasquale Ricerca discussioni per utente Positano88
    Lunedì 25 Novembre 2013, alle ore 08:39
    Grazie Pasquale per le cortesi risposte.

    C'è comunque un piccolo equivoco. La parte venditrice sarei io.

    Mi aggancio ad una sua risposta che cito :

    Due premesse importanti:
    per richiedere il bonus fiscale (detrazioni dui lavori e bonus mobili) è necessario aver eseguito opere di ristrutturazione ed averne sostenuto le spese. 
    indipendentemente se il venditore ha usufruito o meno delle agevolazioni fiscali, Lei ha facoltà di richiedere i benefici di legge, eseguendo ex-novo altra ristrutturazione.

    Se capisco bene, chi comprerà la mia casa, se io non richiedo il bonus, in quanto io ho materialmente sostenuto le spese, non ha a sua volta la facoltà di richiedere detto bonus, nemmeno se io gli fornissi la documentazione relativa .

    La questione relativa alla correttezza della documentazione, è un mio mero scrupolo.
    Per questo mi domandavo se per "proteggermi" da una richiesta "forzata" dell' acquirente di acquisire la documentazione, e richiedere lui l'attivazione del bonus, su i lavori che io ho eseguito e pagato, non sarebbe stato meglio proteggermi con una manleva.

    La ringrazio per la cortesia e la pazienza.

    Positano
    Se Lei non intende cedere all'acquirente i benefici fiscali sulla casa ristrutturata, non è obbligato a farlo.
    Diversamente se concede questo Suo diritto, l'acquirente ha la facoltà anche di non usarlo, è una libera scelta.
    Sulla manleva Le conviene tenersi i benefici previsti dalla legge.
    Cordiali saluti.

Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img lucanicolis
Buonasera, il nostro condominio formato da 6 unità abitative intende effettuare cappotto termico. La vecchia porta del garage condominiale usate sia per entrata e uscita...
lucanicolis 25 Novembre 2020 ore 10:59 1
Img fabioanaclerio
Buonasera mi sono ritrovato ahimè in una situazione un po' ingarbugliata: In data 12/11/2020 l'ingegnere mi comunica che ha presentato la CILA al Comune e mi da il via...
fabioanaclerio 25 Novembre 2020 ore 10:37 3
Img serenabosco
Buongiorno, nel mio condominio sembra che riusciamo a fare il cappotto con la cessione del credito dell'ecobonus 110% con una impresa edile. Abbiamo però un dubbio: nel...
serenabosco 24 Novembre 2020 ore 13:45 2
Img serenabosco
Buongiorno, se il condominio decide di usufruire dell'ecobonus 110% con la cessione del credito ad una banca, considerando che questi fondi sono limitati, come facciamo ad avere...
serenabosco 23 Novembre 2020 ore 22:41 2
Img massimogiannini
Leggendo il Decreto Rilancio deduco che un intervento di rifacimento e isolamento termico delle superfici orizzontali come un tetto e dei balconi sono fattibili con detrazione...
massimogiannini 22 Novembre 2020 ore 22:36 39
Notizie che trattano Requisiti per la richiesta bonus 50% sulle ristrutturazioni edilizie che potrebbero interessarti


Via libera al Bonus verde anche per il 2020

Fisco casa - Prorogata anche per il prossimo anno la detrazione fiscale del 36% relativa al bonus verde per gli interventi di sistemazione a verde nelle unità immobiliari.

Sì alla proroga Bonus mobili e bonus verde ma con dei limiti

Leggi e Normative Tecniche - Bonus mobili e bonus verde sono i grandi assenti dalle previsioni del Decreto Rilancio in ambito di sconto in fattura e cessione del credito. Ammessa la detrazione.

Bonus casa: proroga con la Manovra 2021

Fisco casa - In attesa del testo definitivo della Legge di Bilancio, arriva la notizia della conferma, nel Documento programmatico di bilancio, dei bonus casa per il 2021.

Ristrutturazioni: previsto in Sardegna un bonus aggiuntivo

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Nella Regione Sardegna in caso di esecuzione di interventi di ristrutturazione è allo studio la previsione di un bonus aggiuntivo del 40%. Ecco di cosa si tratta

Bonus rubinetti: di cosa si tratta?

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Con emendamento alla Legge di Bilancio 2020 fa il suo ingresso il bonus rubinetti, la detrazione del 65% dei costi per acquisto di rubinetti che riducono i consumi

Bonus facciate 2020: le ultimissime novità

Fisco casa - Bonus facciate: la detrazione al 90% per le spese di rifacimento delle facciate degli edifici si estende a professionisti, imprese e lavoratori autonomi. Le novità

Il bonus facciate esclude il bonus mobili

Detrazioni e agevolazioni fiscali - A fronte di lavori sula facciata di un edificio si godrà anche del bonus mobili solo se gli interventi si fanno rientrare tra quelli di recupero del patrimonio edilizio

Recupero edilizio: detrazione fiscale per prosecuzione di lavori iniziati

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Quali sono i limiti della spesa detraibile in caso di prosecuzione di interventi di ristrutturazione già iniziati. Ecco cosa sostiene l'Agenzia delle Entrate.

Il bonus verde si estende all'arredo da giardino

Fisco casa - Al bonus verde si aggiunge il bonus per arredare il giardino: gazebi, tavoli, sedie e divanetti da esterno. È quanto previsto da un emendamento al Decreto Rilancio
REGISTRATI COME UTENTE
320.281 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
//