Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
2022-02-07 21:04:22

Detrazioni ecobonus 110% su sostituzione caldaia già oggetto di precedenti agevolazioni


Buongiorno,
vorrei sostituire la mia caldaia con una pompa di calore, probabilmente ibrida, utilizzando le agevolazioni proposte dal decreto "Superbonus 110%". Vorrei sapere se il nuovo intervento andrà in conflitto con le agevolazioni già godute negli anni precedenti.
Nel mio caso: sostituzione caldaia nell'anno 2012 utilizzando l'agevolazione del 50% quale intervento di "Ristrutturazione edilizia " (non detrazione per migliroamento energetico che in quegli anni era al 55%).
La spesa è stata quindi imputata nell'anno 2012 con detrazione per 10 anni.
Grazie.
  • pasquale
    Pasquale Ricerca discussioni per utente
    Domenica 25 Ottobre 2020, alle ore 15:34
    Gent.mo Graziano, non c'è nessun conflitto tra la vecchia detrazione fiscale del 50% e del Superbonus 110. Ovviamente l'una va ad escludere l'altra, quindi le prossime rate in scadenza non potrà detrarle, ma porterà quelle più "pesanti". Cordiali saluti.

  • michelebarbazza
    Michelebarbazza Ricerca discussioni per utente Pasquale
    Sabato 23 Gennaio 2021, alle ore 11:31
    Gent.mo Graziano, non c'è nessun conflitto tra la vecchia detrazione fiscale del 50% e del Superbonus 110. Ovviamente l'una va ad escludere l'altra, quindi le prossime rate in scadenza non potrà detrarle, ma porterà quelle più "pesanti". Cordiali saluti.
    Buongiorno,Potrebbe gentilmente indicare dove si trova questa indicazione slnei vari decreti?Grazie in anticipo.

  • pasquale
    Pasquale Ricerca discussioni per utente
    Martedì 26 Gennaio 2021, alle ore 16:07
    Gent.mo sig. Barbazza, il caso di specie, riportato nel Post, va ad inquadrarsi come nuovo intervento in quanto nel 2012 la detrazione fiscale (50%) ha riguardato la semplice ristrutturazione. Il Superbonus del 110% ha uno scopo totalmente diverso, votato esclusivamente al miglioramento del fabbisogno energetico del fabbricato o dell'unità immobiliare con una o più tipologie lavorative . La norma in questo senso scrive: "L’intervento per essere considerato autonomamente detraibile, rispetto a quelli eseguiti in anni precedenti sulla medesima unità immobiliare, deve essere anche autonomamente certificato dalla documentazione richiesta dalla normativa edilizia vigente (Circolare 24.04.2015 n. 17, risposta 3.2)" richiamata anche dall'AdE nei vari interpelli tra cui la risposta n. 258/2020 a pag. 3. (In pratica va certificata attraverso una Cila, una Scia, ecc. Il Superbonus prevede la richiesta di provvedimenti autorizzativi). Cordiali saluti.

  • drumbag
    Drumbag Ricerca discussioni per utente Pasquale
    Sabato 30 Gennaio 2021, alle ore 16:56
    Gent.mo Graziano, non c'è nessun conflitto tra la vecchia detrazione fiscale del 50% e del Superbonus 110. Ovviamente l'una va ad escludere l'altra, quindi le prossime rate in scadenza non potrà detrarle, ma porterà quelle più "pesanti". Cordiali saluti.
    Gent.mo Sig. Pasquale, sono anch'io nella situazione del Sig. Graziano, ovvero, Nel 2013 ho svolto lavori di ristrutturazione usufruendo del bonus casa 50% e quindi fino al 2023 avrò rimborso completo nel mio tetto irpef. Adesso vorrei fare altri lavori usufruendo del ecobonus 110% , il tetto cappotto pannelli fotovoltaici con pompa di calore e relativa caldaia a condensazione ( il tutto con cessione del credito), la mia domanda è: quindi posso sostituire nuovamente la caldaia, ma perderò solo la parte in detrazione della stessa caldaia o tutto quello che erano l'interi lavori portati in detrazione della ristrtturazione? un grazie in anticipo. saluti


  • waltergallo
    Waltergallo Ricerca discussioni per utente Pasquale
    Sabato 30 Gennaio 2021, alle ore 23:14 - ultima modifica: Sabato 30 Gennaio 2021, all or 23:17
    Gent.mo sig. Barbazza, il caso di specie, riportato nel Post, va ad inquadrarsi come nuovo intervento in quanto nel 2012 la detrazione fiscale (50%) ha riguardato la semplice ristrutturazione. Il Superbonus del 110% ha uno scopo totalmente diverso, votato esclusivamente al miglioramento del fabbisogno energetico del fabbricato o dell'unità immobiliare con una o più tipologie lavorative . La norma in questo senso scrive: "L’intervento per essere considerato autonomamente detraibile, rispetto a quelli eseguiti in anni precedenti sulla medesima unità immobiliare, deve essere anche autonomamente certificato dalla documentazione richiesta dalla normativa edilizia vigente (Circolare 24.04.2015 n. 17, risposta 3.2)" richiamata anche dall'AdE nei vari interpelli tra cui la risposta n. 258/2020 a pag. 3. (In pratica va certificata attraverso una Cila, una Scia, ecc. Il Superbonus prevede la richiesta di provvedimenti autorizzativi). Cordiali saluti.
    Salve: nella mia fattispecie noi siamo due cugini con un palazzo di due piani.
    Piano terra: una pertinenza intestata ad ognuno di noi cat. C/2. Un androne comune. una terza C/2 cointestata.
    Vorremmo fare cappotto, pannelli, dividere impianto idrico (perchè abbiamo unico contatore) e mio cugino fare al suo secondo piano interventi inrerni (riscaldamento ed infisso).
    Io invece nel 2013 ho usufruito del 65%, riscaldamento e infissi, e non credo dobbiamo fare altro nel mio primo piano. Però ho intenzione di convertire un mio C/2 (accesso autonomo ma acqua e luce su contatore condominiale) in A/3 chiedendo al comune la concessione.
    Non crea ostacoli il mio intervento del 65% del 2013? Posso però attivarmi per la mia pertinenza C/2 da modificare in A/3?
    Ho letto che l'importante sia, alla fine dei lavori, trasformare l'unità da C/2 in A/3 e di avere l'atto amministrativo, ma bisogna chiedere concessione edilizia, aprire SCIA e poi avviare il 110% con conseguente apertura di seconda SCIA? GraziePS: nell'immobile oggetto del 65% del 2013 non abbiamo cambiato, in qualche finestra, l'avvolgibile in persiana. Essendo schermatura solare, si può chiedere qualche intervento 110% su questo immobile o rimuovere avvolgibili e sostituirli con persiane (come il resto delle finestre) senza tangere le ultime rate residue del 65%?

  • pasquale
    Pasquale Ricerca discussioni per utente Drumbag
    Lunedì 1 Febbraio 2021, alle ore 13:06 - ultima modifica: Lunedì 1 Febbraio 2021, all or 13:20
    Gent.mo Sig. Pasquale, sono anch'io nella situazione del Sig. Graziano, ovvero, Nel 2013 ho svolto lavori di ristrutturazione usufruendo del bonus casa 50% e quindi fino al 2023 avrò rimborso completo nel mio tetto irpef. Adesso vorrei fare altri lavori usufruendo del ecobonus 110% , il tetto cappotto pannelli fotovoltaici con pompa di calore e relativa caldaia a condensazione ( il tutto con cessione del credito), la mia domanda è: quindi posso sostituire nuovamente la caldaia, ma perderò solo la parte in detrazione della stessa caldaia o tutto quello che erano l'interi lavori portati in detrazione della ristrtturazione? un grazie in anticipo. saluti

    Gent.mo Drumbag, ne ha facoltà in quanto aderire al Superbonus del 110% Le obbliga a richiedere un nuovo provvedimento autorizzativo, quindi una nuova pratica rispetto alla precedente datata 2013. Sulle detrazioni beneficiate negli anni passati non deve restituire nulla, le successive non sarà possibile. Cordiali saluti.

  • pasquale
    Pasquale Ricerca discussioni per utente Waltergallo
    Lunedì 1 Febbraio 2021, alle ore 13:18
    Salve: nella mia fattispecie noi siamo due cugini con un palazzo di due piani.
    Piano terra: una pertinenza intestata ad ognuno di noi cat. C/2. Un androne comune. una terza C/2 cointestata.
    Vorremmo fare cappotto, pannelli, dividere impianto idrico (perchè abbiamo unico contatore) e mio cugino fare al suo secondo piano interventi inrerni (riscaldamento ed infisso).
    Io invece nel 2013 ho usufruito del 65%, riscaldamento e infissi, e non credo dobbiamo fare altro nel mio primo piano. Però ho intenzione di convertire un mio C/2 (accesso autonomo ma acqua e luce su contatore condominiale) in A/3 chiedendo al comune la concessione.
    Non crea ostacoli il mio intervento del 65% del 2013? Posso però attivarmi per la mia pertinenza C/2 da modificare in A/3?
    Ho letto che l'importante sia, alla fine dei lavori, trasformare l'unità da C/2 in A/3 e di avere l'atto amministrativo, ma bisogna chiedere concessione edilizia, aprire SCIA e poi avviare il 110% con conseguente apertura di seconda SCIA? GraziePS: nell'immobile oggetto del 65% del 2013 non abbiamo cambiato, in qualche finestra, l'avvolgibile in persiana. Essendo schermatura solare, si può chiedere qualche intervento 110% su questo immobile o rimuovere avvolgibili e sostituirli con persiane (come il resto delle finestre) senza tangere le ultime rate residue del 65%?
    Gent.mo sig.Walter, sono due pratiche diverse e non in conflitte tra loro. Il cambio di destinazione d'uso segue un iter burocratico legato al regolamento edilizio comunale e, inoltre, può beneficiare anche della detrazione fiscale del 50% sui relativi lavori. Riguardo all'adesione al Superbonus non c'è incompatibilità con i lavori privati interni eseguiti nel 2013. Cordiali saluti.

  • daniela cipriani
    Daniela cipriani Ricerca discussioni per utente Pasquale
    Mercoledì 12 Maggio 2021, alle ore 19:02
    Gent.mo sig. Barbazza, il caso di specie, riportato nel Post, va ad inquadrarsi come nuovo intervento in quanto nel 2012 la detrazione fiscale (50%) ha riguardato la semplice ristrutturazione. Il Superbonus del 110% ha uno scopo totalmente diverso, votato esclusivamente al miglioramento del fabbisogno energetico del fabbricato o dell'unità immobiliare con una o più tipologie lavorative . La norma in questo senso scrive: "L’intervento per essere considerato autonomamente detraibile, rispetto a quelli eseguiti in anni precedenti sulla medesima unità immobiliare, deve essere anche autonomamente certificato dalla documentazione richiesta dalla normativa edilizia vigente (Circolare 24.04.2015 n. 17, risposta 3.2)" richiamata anche dall'AdE nei vari interpelli tra cui la risposta n. 258/2020 a pag. 3. (In pratica va certificata attraverso una Cila, una Scia, ecc. Il Superbonus prevede la richiesta di provvedimenti autorizzativi). Cordiali saluti.
    Salve, sarei interessata anche io a questa tipologia di discussione, ma ho provato a guardare la risposta all'interpello 258/2020 e parla di tutt'altra cosa (tassazione estera). Potrebbe gentilmente ricontrollare a quale interpello si riferisce?? Grazie

  • pasquale
    Pasquale Ricerca discussioni per utente
    Giovedì 13 Maggio 2021, alle ore 17:07 - ultima modifica: Giovedì 13 Maggio 2021, all or 17:13
    Gent.ma sig.ra Cipriani, ha pienamente ragione. Nel dare un parere tecnico, argomentandolo il più possibile, ho digitalizzato erroneamente il numero della risposta dell'AdE: anziché 285 del 28/08/2020 ho riportato 258/2020. La ringrazio per aver evidenziato l'incongruenza. Cordiali saluti.

  • daniela cipriani
    Daniela cipriani Ricerca discussioni per utente Pasquale
    Venerdì 14 Maggio 2021, alle ore 17:03
    Gent.ma sig.ra Cipriani, ha pienamente ragione. Nel dare un parere tecnico, argomentandolo il più possibile, ho digitalizzato erroneamente il numero della risposta dell'AdE: anziché 285 del 28/08/2020 ho riportato 258/2020. La ringrazio per aver evidenziato l'incongruenza. Cordiali saluti.
    Mi scusi non volevo riprenderla, ero solo interessata all'argomento e volevo leggermi l'interpello di cui parlava. Grazie molte del chiarimento. Gentilissimo!!

  • fralgada
    Fralgada Ricerca discussioni per utente Pasquale
    Venerdì 14 Maggio 2021, alle ore 17:33 - ultima modifica: Venerdì 14 Maggio 2021, all or 17:34
    Gent.mo Graziano, non c'è nessun conflitto tra la vecchia detrazione fiscale del 50% e del Superbonus 110. Ovviamente l'una va ad escludere l'altra, quindi le prossime rate in scadenza non potrà detrarle, ma porterà quelle più "pesanti". Cordiali saluti.
    La mia situazione è simile a quella del sig. Graziano. Lo scorso anno ho installato una caldaia a condensazione ed ho ceduto il credito al fornitore. Ora sto per commissionare ad un General Contrattor una serie di interventi che ricadono nel superbonus 110%. Il GC mi ha proposto la sostituzione della caldaia con una pompa di calore. Secondo lui non è in conflitto con il precedente intervento, perchè si tratta di due interventi separati ed in più non devo restituire niente prechè il credito è stato ceduto a terzi. L'interpretazione è corretta? Grazie Daniele

  • pasquale
    Pasquale Ricerca discussioni per utente
    Sabato 15 Maggio 2021, alle ore 12:27
    Gent.ma sig. Cipriani, il Suo intervento è stato importante, soprattutto per tanti nostri utenti che sono interessati all'argomento per avere informazioni il più possibile chiare in un contesto legislativo complesso. Grazie ancora e cordiali saluti.

  • pasquale
    Pasquale Ricerca discussioni per utente
    Sabato 15 Maggio 2021, alle ore 17:40
    Gent.mo Fralgada, non ho dubbi sul tipo di lavorazione e sulla giusta collocazione tra gli interventi previsti dal Superbonus del 110%. È opportuno, invece, che interpelli il Suo commercialista per la parte legata alle detrazioni e cessione del credito. Cordiali saluti.

  • gabriele p
    Gabriele p Ricerca discussioni per utente
    Martedì 15 Giugno 2021, alle ore 00:26
    Gent.mo Sig.Pasquale,mi trovo in una situazione simile; nel 2019 ho sostituito al caldaia con una a condensazione, però sto detraendo il 65%.Se sostituissi l'impianto con pompa di calore (impianto ibrido), ammesso che guadagnassi le due classi, avrei comunque diritto al superbonus , anche se sto detraendo il 65% ?grazie

  • pasquale
    Pasquale Ricerca discussioni per utente
    Mercoledì 16 Giugno 2021, alle ore 18:32
    Gent.mo sig. Gabriele p, la legge non lo vieta. A supporto della tesi è riportata nelle FAQ del Sottosegretario al Ministero dell'Economia e delle Finanze, Alessio Villarosa che a tal proposito scrive: "Anche se il soggetto che sostiene le spese già fruisce della detrazione del 50% o del 65% per un intervento effettuato in anni precedenti, è possibile, in caso di nuovo intervento e in presenza di tutte le condizioni di legge (in particolare miglioramento di due classi energetiche fra "trainanti" e "trainati"), fruire del Superbonus del 110% in relazione a interventi eseguiti sullo stesso immobile oggetto di precedente intervento". Il consiglio: valuti attentamente i costi soprattutto delle pratiche edilizie. Cordiali saluti.

  • fapaolo65
    Fapaolo65 Ricerca discussioni per utente
    Martedì 7 Settembre 2021, alle ore 22:12
    Salve sig. Pasquale, devo sostituire anch'io la caldaia con una a pompa di calore.Premetto che l'ho sostituita 2 anni fa godendo della detrazione al 50% ma ora per accedere al superbonus devo ricambiarla con una factory made. La mia domanda è: visto che la caldaia da sostituire è ancora in ottimo stato e funziona benissimo la posso mettere in vendita come usato?

  • fapaolo65
    Fapaolo65 Ricerca discussioni per utente Pasquale
    Mercoledì 8 Settembre 2021, alle ore 17:03
    Gent.mo sig. Gabriele p, la legge non lo vieta. A supporto della tesi è riportata nelle FAQ del Sottosegretario al Ministero dell'Economia e delle Finanze, Alessio Villarosa che a tal proposito scrive: "Anche se il soggetto che sostiene le spese già fruisce della detrazione del 50% o del 65% per un intervento effettuato in anni precedenti, è possibile, in caso di nuovo intervento e in presenza di tutte le condizioni di legge (in particolare miglioramento di due classi energetiche fra "trainanti" e "trainati"), fruire del Superbonus del 110% in relazione a interventi eseguiti sullo stesso immobile oggetto di precedente intervento". Il consiglio: valuti attentamente i costi soprattutto delle pratiche edilizie. Cordiali saluti.
    Salve sig. Pasquale, devo sostituire anch'io la caldaia con una a pompa di calore.Premetto che l'ho sostituita 2 anni fa godendo della detrazione al 50% ma ora per accedere al superbonus devo ricambiarla con una factory made. La mia domanda è: visto che la caldaia da sostituire è ancora in ottimo stato e funziona benissimo la posso mettere in vendita come usato?

  • pasquale
    Pasquale Ricerca discussioni per utente Fapaolo65
    Giovedì 9 Settembre 2021, alle ore 19:12 - ultima modifica: Giovedì 9 Settembre 2021, all or 19:17
    Salve sig. Pasquale, devo sostituire anch'io la caldaia con una a pompa di calore.Premetto che l'ho sostituita 2 anni fa godendo della detrazione al 50% ma ora per accedere al superbonus devo ricambiarla con una factory made. La mia domanda è: visto che la caldaia da sostituire è ancora in ottimo stato e funziona benissimo la posso mettere in vendita come usato?
    Gent.mo Fapaolo65, la norma Uni 7129-15 parte 2, al punto 4.1 dispone che: “Non è consentito installare apparecchi a gas non integri; inoltre non è consentito installare apparecchi, montati in modo fisso, rimossi e dismessi da altri impianti, se non preventivamente "rimessi a nuovo. In pratica rende il "mercato dell’usato" inesistente in quanto le operazioni di rimessa a nuovo comportano responsabilità penali pesanti che vanno a carico di chi ha fornito la caldaia (idraulico o proprietario che sia). L’installatore o il manutentore che dovesse intervenire su un impianto nel quale è stata collocata una caldaia "usata" non rimessa a nuovo, deve segnalare nelle prescrizioni la fattispecie, invitando il responsabile o il proprietario a richiedere la sostituzione della caldaia con una nuova. Come può capire, anche se è nuova e perfettamente funzionante, la caldaia va rottamata. Cordiali saluti.

  • pasquale
    Pasquale Ricerca discussioni per utente Fapaolo65
    Giovedì 9 Settembre 2021, alle ore 19:14 - ultima modifica: Giovedì 9 Settembre 2021, all or 19:18
    Salve sig. Pasquale, devo sostituire anch'io la caldaia con una a pompa di calore.Premetto che l'ho sostituita 2 anni fa godendo della detrazione al 50% ma ora per accedere al superbonus devo ricambiarla con una factory made. La mia domanda è: visto che la caldaia da sostituire è ancora in ottimo stato e funziona benissimo la posso mettere in vendita come usato?
    Gent.mo Fapaolo65, non è possibile la vendita. Le motivazioni dettagliate Le trova nella risposta precedente. Cordiali saluti.

  • fapaolo65
    Fapaolo65 Ricerca discussioni per utente Pasquale
    Giovedì 9 Settembre 2021, alle ore 21:02
    Gent.mo Fapaolo65, la norma Uni 7129-15 parte 2, al punto 4.1 dispone che: “Non è consentito installare apparecchi a gas non integri; inoltre non è consentito installare apparecchi, montati in modo fisso, rimossi e dismessi da altri impianti, se non preventivamente "rimessi a nuovo. In pratica rende il "mercato dell’usato" inesistente in quanto le operazioni di rimessa a nuovo comportano responsabilità penali pesanti che vanno a carico di chi ha fornito la caldaia (idraulico o proprietario che sia). L’installatore o il manutentore che dovesse intervenire su un impianto nel quale è stata collocata una caldaia "usata" non rimessa a nuovo, deve segnalare nelle prescrizioni la fattispecie, invitando il responsabile o il proprietario a richiedere la sostituzione della caldaia con una nuova. Come può capire, anche se è nuova e perfettamente funzionante, la caldaia va rottamata. Cordiali saluti.
    Gentilissimo sig. Pasquale, finalmente ho ricevuto una risposta precisa e la ringrazio tantissimo.??

  • marcomiz
    Marcomiz Ricerca discussioni per utente Pasquale
    Venerdì 28 Gennaio 2022, alle ore 13:24
    Gent.mo Graziano, non c'è nessun conflitto tra la vecchia detrazione fiscale del 50% e del Superbonus 110. Ovviamente l'una va ad escludere l'altra, quindi le prossime rate in scadenza non potrà detrarle, ma porterà quelle più "pesanti". Cordiali saluti.
    Buongiorno sig. Pasquale, ho una situazione simile.
    Ho un condominio composto da 3 unità abitative, 2 di un proprietario e la terza di un altro proprietario.
    Su due unità abitative è stato installato nel 2017 un cappotto termico e sono stati sostituiti gli infissi su uno dei due appartamenti.
    Per tali interventi l'avente diritto sta usufruendo dei relativi bonus (65% efficentamento energetico) e ne sta recuperando annualmente la quota parte sulla propria dichiarazione dei redditi.
    La terza unità abitativa invece ha un cappotto e infissi risalenti a 12 anni fa.In fase di prevalutazione effettuata da un tecnico mi viene detto che vi sono i requisiti per usufruire del superbonus su tutto l'immobile effettuando una serie di interventi tra cui in particolare:
    1.la rimozione del cappotto esistente su tutto l'immobile e l'installazione di un nuovo cappotto più performante a livello energetico - intervento trainante
    2.la sostituzione di tutti gli infissi, anche di quelli installati nel 2017 con altri con migliori caratteristiche energetiche e altri lavori di efficentamento energetico (installazione pannelli solari, installazione pompe di calore ecc...) interventi trainati
    Premesso che alla fine dell'intervento di superbonus l'immobile effettuerà il salto di due classi come da normativa, posso procedere alla rimozione e rifacimento del cappotto e, per un appartamento, alla sostituzione degli infissi nonostante che, sia per il cappotto che per gli infissi, si stia già usufruendo di una detrazione (65% efficenza energetica)?
    Da come dice dovre rinunciare alle restanti rate della detrazione sul cappotto?

  • pasquale
    Pasquale Ricerca discussioni per utente Marcomiz
    Lunedì 31 Gennaio 2022, alle ore 10:29
    Buongiorno sig. Pasquale, ho una situazione simile.
    Ho un condominio composto da 3 unità abitative, 2 di un proprietario e la terza di un altro proprietario.
    Su due unità abitative è stato installato nel 2017 un cappotto termico e sono stati sostituiti gli infissi su uno dei due appartamenti.
    Per tali interventi l'avente diritto sta usufruendo dei relativi bonus (65% efficentamento energetico) e ne sta recuperando annualmente la quota parte sulla propria dichiarazione dei redditi.
    La terza unità abitativa invece ha un cappotto e infissi risalenti a 12 anni fa.In fase di prevalutazione effettuata da un tecnico mi viene detto che vi sono i requisiti per usufruire del superbonus su tutto l'immobile effettuando una serie di interventi tra cui in particolare:
    1.la rimozione del cappotto esistente su tutto l'immobile e l'installazione di un nuovo cappotto più performante a livello energetico - intervento trainante
    2.la sostituzione di tutti gli infissi, anche di quelli installati nel 2017 con altri con migliori caratteristiche energetiche e altri lavori di efficentamento energetico (installazione pannelli solari, installazione pompe di calore ecc...) interventi trainati
    Premesso che alla fine dell'intervento di superbonus l'immobile effettuerà il salto di due classi come da normativa, posso procedere alla rimozione e rifacimento del cappotto e, per un appartamento, alla sostituzione degli infissi nonostante che, sia per il cappotto che per gli infissi, si stia già usufruendo di una detrazione (65% efficenza energetica)?
    Da come dice dovre rinunciare alle restanti rate della detrazione sul cappotto?
    Gent.mo Marcomiz, Le riporto quanto chiarito dall'Agenzia delle Entrante nella Circolare n. 30/E del 22 dicembre 2020, successiva al mio post del 25 ottobre 2020, che rende fattibile la Sua possibilità di mantenere le restanti rate del precedente intervento a patto che non vi sia "un utilizzo distorto della agevolazione in esame".Ecco cosa scrive l'AdE:4.5.3 Domanda: Si chiede se in presenza di una precedente sostituzione della caldaia, intervento per il quale si è beneficiato dell’ecobonus, sia possibile effettuare un nuovo intervento rientrante fra quelli ammessi al Superbonus e all’ecobonus.Risposta:In assenza di specifiche preclusioni, si ritiene che sia possibile fruire del Superbonus o dell’ecobonus nel caso prospettato, nel rispetto di ogni limite e condizione previsto dalla normativa agevolativa di riferimento. Resta fermo l’eventuale accertamento, in concreto, di un utilizzo distorto della agevolazione in esame.Cordiali saluti.

  • lu.benvenuti@tiscali.it
    Lu.benvenuti@tiscali.it Ricerca discussioni per utente Pasquale
    Giovedì 3 Febbraio 2022, alle ore 14:29
    Gent.mo Fapaolo65, la norma Uni 7129-15 parte 2, al punto 4.1 dispone che: “Non è consentito installare apparecchi a gas non integri; inoltre non è consentito installare apparecchi, montati in modo fisso, rimossi e dismessi da altri impianti, se non preventivamente "rimessi a nuovo. In pratica rende il "mercato dell’usato" inesistente in quanto le operazioni di rimessa a nuovo comportano responsabilità penali pesanti che vanno a carico di chi ha fornito la caldaia (idraulico o proprietario che sia). L’installatore o il manutentore che dovesse intervenire su un impianto nel quale è stata collocata una caldaia "usata" non rimessa a nuovo, deve segnalare nelle prescrizioni la fattispecie, invitando il responsabile o il proprietario a richiedere la sostituzione della caldaia con una nuova. Come può capire, anche se è nuova e perfettamente funzionante, la caldaia va rottamata. Cordiali saluti.
    Buongiorno, nel caso io volessi utilizzarla in un altro mio appartamento è possibile ? La caldaia che andrei a sostituire con il 110 % è del 2019 a condensazione e tra la più perfomanti in termini di efficienza energiica

  • pasquale
    Pasquale Ricerca discussioni per utente
    Venerdì 4 Febbraio 2022, alle ore 14:09
    Gent.mo Lu.benvenuti@tiscali.it, per montare una caldaia usata (anche se di recentissima installazione) deve essere sottoposta a revisione da parte della ditta costruttrice, diversamente non è possibile. Cordiali saluti.

  • lu.benvenuti@tiscali.it
    Lu.benvenuti@tiscali.it Ricerca discussioni per utente Pasquale
    Domenica 6 Febbraio 2022, alle ore 11:37
    Gent.mo Lu.benvenuti@tiscali.it, per montare una caldaia usata (anche se di recentissima installazione) deve essere sottoposta a revisione da parte della ditta costruttrice, diversamente non è possibile. Cordiali saluti.
    Sig.Pasquale grazie prima di tutto della chiara e veloce risposta.Come ditta costruttice si intende solo il costruttore o anche chi fa manutenzione e installazione?

  • pasquale
    Pasquale Ricerca discussioni per utente
    Lunedì 7 Febbraio 2022, alle ore 21:04
    Gent.mo Lu.benvenuti@tiscali.it, è solo il costruttore che può revisionare la caldaia. Cordiali saluti.

Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img polpe
Buongiorno a tutti, volevo sottoporvi una domanda.Sto per acquistare prima casa nuova, i lavori sono praticamente terminati e vorremmo fare il rogito d'acquisto il prima possibile...
polpe 21 Maggio 2022 ore 10:37 6
Img giosue78
Buongiorno, vorrei sapere se fosse possibile anticipare le operazioni di cessione del credito con le Poste Italiane prima della fine lavori e quindi durante i lavori di...
giosue78 18 Maggio 2022 ore 16:26 1
Img lella.
Buongiorno a tutti. Lo studio che abbiamo scelto per il bonus 110, sta chiedendo, secondo me, documenti un pò particolari. Nell'ultima mail, chiede l'ultima fattura pagata...
lella. 11 Maggio 2022 ore 10:18 4
Img baiardo
Buona sera. Vi espongo un problema che sto incontrando con la cessione del credito da superbonus 110.Mia moglie e mia suocera sono rispettivamente nuda proprietario e...
baiardo 09 Maggio 2022 ore 14:02 3
Img lookingfor
Buonasera a tutti,sono alla ricerca di una prima casa. I miei hanno sempre vissuto in affitto quindi per me è una cosa totalmente nuova e in cui non ho esperienza.Ho visto...
lookingfor 09 Maggio 2022 ore 11:15 1
Notizie che trattano Detrazioni ecobonus 110% su sostituzione caldaia già oggetto di precedenti agevolazioni che potrebbero interessarti


Detrazione 65% per sistemi di riscaldamento integrati caldaia+pompa di calore

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Pubblicata sul sito dell'Enea una faq che chiarisce la detraibilità al 65% di sistemi di riscaldamento integrati costituiti da caldaia a condensazione e pompa di calore.

Il sistema ibrido caldaia a condensazione con pompa di calore ad aria

Impianti di riscaldamento - Con il nuovo sistema ibrido caldaia a condensazione con pompa di calore ad aria, riscaldare la casa e produrre l'acqua calda sanitaria costa meno e conviene!

Nuovo sistema ibrido con pompa di calore e condensazione

Impianti di climatizzazione - La nuova pompa di calore combinata a un generatore a condensazione che raffresca e riscalda gli ambienti, produce acqua calda e aumenta l'efficienza energetica.

Pompa calore, caldaia, solare termico

Impianti - Le pompe di calore aria/acqua possono essere utilizzate anche in combinazione con altri generatori o sistemi termici, producendo i cosiddetti sistemi integrati.

Sistemi integrati di climatizzazione

Impianti - Sistemi intelligenti che coordinano il funzionamento di pannelli solari termici, pompe di calore e caldaie a condensazione, al fine di ottenere alti livelli di efficienza complessiva dell'impianto.

Si può avere il Superbonus se cambia forma e dimensione degli infissi?

Infissi Esterni - La sostituzione degli infissi rientra tra gli interventi ammessi al Superbonus 110%. Ma è sempre possibile o ci sono particolari condizioni da rispettare?

Bonus caldaia 2021: di cosa si tratta?

Detrazioni e agevolazioni fiscali - In cosa consiste il bonus caldaia 2021, chi può beneficiarne e quali sono le detrazioni previste dalla legge per le spese di sostituzione della vecchia caldaia.

Gestore Impianto Caldaia e Pompa di calore

Impianti di riscaldamento - Un gestore elettronico di impianto permette di scegliere il generatore più vanataggioso nei sistemi di climatizzazione, integrati, con pompe di calore e caldaie.

Niente Superbonus 110% per la sostituzione delle vetrate

Fisco casa - Gli interventi sulle vetrate degli immobili non rientrano nel superbonus 110%. L'Agenzia delle Entrate non ammette deroghe poiché non costituiscono superfici opache.
REGISTRATI COME UTENTE
338.254 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
//