Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Detrazione 50% per rifacimento facciata mini condominio


Buongiorno a tutti,
innanzitutto un grazie anticipato per il servizio che offrite, è veramente un forum ben fatto e che riesce nel compito di farci districare nella selva giuridica della nostra Italia.
Vorrei porvi un quesito perché, nonostante abbia provato a trovare certezze, ci sono ancora lacune.
La situazione è questa:
sono comproprietario (assieme a miei due fratelli) di una palazzina costituita da tre appartamenti (ciascuno chiaramente di proprietà del singolo).
Sino ad oggi non si è posto il problema del "condominio" ma, vista la necessità di restauro di parti comuni, sono arrivati i "problemi".
Dopo aver letto quanto più possibile ho fatto i seguenti passi:
1) Assemblea tra noi tre e costituzione di un condominio nonchè nomina di me come amministratore.
2) Attribuzione di un Codice Fiscale per il condominio appena istituito, regolarmente rilasciatomi dall'Agenzia delle Entrate.
3) Nuova Assemblea tra i condomini per verbalizzare gli interventi sulle parti comuni da eseguire e l'autorizzazione ad utilizzare il mio Conto Corrente per eseguire i pagamenti (mi sembra ridicolo aprirne uno nuovo solamente per questo scopo).
Ora vengono i dubbi:
1) i lavori sono cominciati e l'impresa ha rilasciato una prima fattura di "acconto" regolarmente intestata al condominio (ove è riportato il codice fiscale del solo condominio. E' corretto, oppure deve riportare i CF di tutti i condomini?
2) Nel proseguo dei lavori l'impresa rilascerà altre fatture (ad avanzamento di lavoro) e infine il saldo: dovranno sempre essere intestate al condominio senza riportare i nomi e i CF dei tre condomini?
3) Nell'effettuare i pagamenti (tramite il mio CC appositamente delegato) che Codici Fiscali devo riportare? Ovvero oltre a quello del condominio devo "sempre" riportare i CF di tutti i condomini oppure devo far ripartire le fatture (in base ai millesimi) su ciascun condomino (e quindi nella singola fattura ci deve essere il CF del condominio e il CF del Condomino che la porterà in detrazione?)?
4) Nel caso le Fatture siano intestate esclusivamente al condominio (come credo) come farà ciascun condomino a portare in detrazione la "sua" parte?
5) Per ultimo, se a detrarre deve essere un familiare del proprietario (per es. la moglie) che CF va riportato in fattura e nel bonifico?
P.S. Che documentazione occorrerà conservare obbligatoriamente?
Ancora un grazie di cuore a tutti Voi e a chi riesce a chiarirmi un po' le idee
Enrico
Modificato il 18 Marzo 2015 ore 18:54
  • minerva.
    Minerva. Ricerca discussioni per utente
    Mercoledì 18 Marzo 2015, all or 23:42
    I passi per la costituzione del condominio sono tutti corretti.
    Sulle fatture andrà indicato solo il codice fiscale del condominio, come anche sui bonifici.
    Una volta effettuati tutti i pagamenti, tu - in qualità di amministratore - dovrai redigere un documento da consegnare a tutti i condòmini in cui specifcherai la spesa riferita ad ogni singolo condòmino, sulla quale andrà poi calcolata la detrazione.
    Ogni condòmino dovrà consegnare questo documento al proprio commercialista, caf, ecc, che inserirà l'importo nella dichiarazione dei redditi.
    Come amministratore dovrai conservare le fatture e le ricevute dei bonifici e renderli disponibili qualora ci sia un controllo da parte dell'agenzia delle entrate.
    Per il familiare convivente non è necessario altro documento. E' sufficiente avere la ripartizione di cui parlavo prima con l'importo riferito al proprietario effettivo. In caso di controlli sarà semplice per l'agenzia delle entrate ricostruire la parentela e la convivenza tra i due.
    rispondi citando
  • siberio
    Siberio Ricerca discussioni per utente
    Giovedì 19 Marzo 2015, all or 08:39
    Grazie Minerva per la risposta. Mi hai chiarito sufficientemente le cose.
    Piuttosto, da altre fonti mi era sembrato di capire che nei bonifici andava indicato, oltre che il CF del condominio, anche quello di chi effettua il pagamento (l'amministratore, cioè io in questo caso). Tu confermi che è sufficiente quello del condominio?
    Per quanto concerne la questione del familiare mi sembra di capire che nella certificazione sia sufficiente il codice fiscale dell'effettivo proprietario che in questo caso non coincide con il soggetto che paga (la moglie o chi per lei). Dalle istruzioni dell'Agenzia delle Entrate mi sembra di dedurre che deve comparire il CF dell'effettivo pagatore, o mi sbaglio?
    Per ultimo sai mica dove posso reperire un fac-simile di certificazione che dovrò consegnare ai condomini?

    Un grazie anticipato

    Enrico
    rispondi citando
  • minerva.
    Minerva. Ricerca discussioni per utente
    Giovedì 19 Marzo 2015, all or 23:53
    Chiedo scusa, sulla fattura va indicato il codice fiscale del condominio, mentre sul bonifico il codice fiscale del condominio più quello dell'amministratore o del condòmino che effettua il pagamento.
    Per quanto riguarda il familiare convivente, è sufficiente che sul documento di ripartizione sia indicato solo il proprietario. Il familiare convivente dovrà però effettuare personalmente il pagamento della sa parte sul tuo conto corrente. In pratica bisogna dimostrare che il familiare convivente ha sostenuto le spese al posto del proprietario.
    Qui trovi degli esempi per l dichiarazione darilasciare ai condòmini:
    http://www.anaciroma.it/documenti-condominio/moduli-contratti.html
    rispondi citando
  • siberio
    Siberio Ricerca discussioni per utente
    Venerdì 20 Marzo 2015, all or 09:11
    Grazie Minerva della tua disponibilità.
    Quindi il pagatore dovrò sempre essere io (tramite il mio cc). poi nella dichiarazione io riporto il nome del proprietario con la quota millesimale spettante, dopo di che sarà il proprietario a decidere a chi far detrarre l'importo. In parole povere io non devo riportare il codice fiscale di colui che dovrà detrarre (il convivente o chi per lui) ne sui bonifici ne sulla dichiarazione. Però colui che fara la detrazione dovra dimostrare (con un bonifico?) che ha pagato la somma. Ho capito bene?
    Grazie
    Enrico
    rispondi citando
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img buzz71
Ciao a tutti cerco infromazioni,poiché devo sostituire tutte le tubazioni di acqua calda/fredda e scarico del mio bagno che hanno dato sempre problemi.I metri quadri da...
buzz71 22 Gennaio 2014 ore 18:45 4
Img estermaria
Buona sera,sono a chiedere gentilmente una precisazione, se possibile avere.L'appartamento è intestato al 50% fra me e mio marito.Sono state eseguite spese di...
estermaria 03 Febbraio 2016 ore 21:58 6
Img maryquant
Buonasera.Vorrei cortesemente sapere se, in caso di inerzia dell'amministratore nel consentire la visione della documentazione fiscale, sia possibile chiedere direttamente...
maryquant 27 Settembre 2015 ore 23:32 2
Img nonnamary
L'appartamento che dovremo abitare si trova all'11 piano ed è circondato su tre lati da ampie verande in parte coperte da solaio.Per ripararci dal troppo vento, vorremmo in...
nonnamary 31 Gennaio 2015 ore 20:39 1
Img tura
Buonasera, sto acquistando una casa dei primi anni 90. Stavo cercando di farmi un'idea sui lavori che dovrò affrontare, per ristrutturare l'immobile.Ovviamente, il tutto...
tura 03 Marzo 2020 ore 20:38 8
Notizie che trattano Detrazione 50% per rifacimento facciata mini condominio che potrebbero interessarti


Colonnine ricarica elettrica in condominio: detrazione del 50% in caso di installazione

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Sono possibili detrazioni fiscali pari al 50% per chi a partire da marzo 2019 acquista e installa colonnine ricarica elettrica. La misura riguarda anche condomini

Bonus ristrutturazioni per il condominio minimo: i chiarimenti dell'Agenzia delle Entrate

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Possibile per i condomini di un condominio minimo portare in detrazione le spese per lavori di ristrutturazione su parti comuni. Cosa dice l'Agenzia delle Entrate

Detrazioni 50% e 65% per condomini minimi

Detrazioni e agevolazioni fiscali - La circolare del 2 marzo 2016 ha modificato la prassi per le detrazioni fiscali sui condomini minimi, ora non più obbligati alla dotazione del codice fiscale.

Bonus ristrutturazioni al proprietario unico di edificio per lavori su parti comuni

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Detrazioni fiscali a favore dell'unico proprietario di un edificio per i lavori di ristrutturazione eseguiti sulle parti comuni delle varie unità immobiliari.

Detrazioni fiscali portoncino d'ingresso

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Alcune informazioni utili per chi è intenzionato a sostituire il portoncino di ingresso di un'abitazione esistente e desidera beneficiare delle detrazioni fiscali.

Tagli alle detrazioni fiscali

Normative - Approvata alla Camera la legge di conversione della Manovra Finanziaria che introduce una serie di tagli a tutte le agevolazioni fiscali, comprese quelle per la casa.

Detrazioni fiscali per lavori sulle facciate

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Una carrellata di esempi di lavori eseguibili su facciate di edifici esistenti e per i quali si può beneficiare della detrazione fiscale sulle ristrutturazioni.

Bonus per lavori condominiali

Condominio - Una risoluzione dell'Agenzia delle Entrate chiarisce che è possibile usufruire del bonus 36% per i lavori eseguiti su tutte le parti comuni del condominio.

Ecobonus 2018: è attivo il portale online di Enea per la trasmissione dati

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Il portale online dell'Enea è attivo. Possibile effettuare la trasmissione dei dati per fruire dei benefici fiscali per interventi di riqualificazione energetica
REGISTRATI COME UTENTE
317.610 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
//