Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Danni subiti ai panni stesi


Marlow
login
18 Maggio 2008 ore 20:37 5
Salve,
Girando sul web per capire se il mio problema è condiviso da altri, ho scoperto questo forum, per cui sono al mio primo post.

Immagino che l'argomento in oggetto possa far ridere, ma vi garantisco che ora che vi racconterò la situazione converrete che non è piacevole:

più di una volta abbiamo ritrovato i panni stesi macchiati da prodotti corrosivi (sicuramente detergenti alla candeggina o amoniaca). L'ultimo episodio risale a due giorni fa, e le macchie, anzi le zone decolorate, erano su dei vestiti appena acquistati, mai messi e al primo lavaggio. Peraltro vestiti di un certo pregio.

C'è anche da dire che quasi sempre copriamo i panni con un telo di plastica, ma sistematicamente questi episodi capitano quando non c'è. Non voglio pensare alla premeditazione, per cui è probabile che le sostanze in oggetto vengano utilizzate con frequenza per la pulizia dei balconi.

Noi sappiamo benissimo chi sia il colpevole, ma non possiamo muovere alcuna accusa in quanto mai colta in fragrante.
In altre occasioni abbiamo bonariamente chiesto più attenzione (anche durante assemblee condominiali), ma stavolta si è andati fuori misura perché la vicina in questione ci ha anche volutamente presi in giro conversando con un'altra vicina di balcone, facendolo con un tono di sfida, in modo che sentissimo, quasi a voler dire: tanto non potete far nulla!

A questo punto, visto che mi reputo una persona civile e anche se meriterebbe una bella lezione fisica, non faccio uso della violenza, ho preso carta e penna e ho scritto all'amministratore sostenendo che in futuro considererò il condominio responsabile sulla base del fatto che se tutti i condomini dei piani superiori affermano di non essere i colpevoli, la sostanza chimica non può che provenire dalla struttura del palazzo (tetto, balconi, tubi, ...).

Volevo sapere se pensate che abbia affermato una sciocchezza e, se per caso, qualcuno conosce qualche sentenza che ha già trattato casi simili.

Grazie a tutti (sicuramente solidali, vero?)
  • condominiale
    Condominiale Ricerca discussioni per utente
    Domenica 18 Maggio 2008, alle ore 20:48
    Come hai detto tu stesso, hai affermato una sciocchezza.

    L'amministratore non ha competenza su problemi personali riguardanti i singoli proprietari, oltretutto se riferiti a parti private e non condominiali dell'edificio (balconi).

    Dovrai trovare il modo di accertare l'origine del dolo e comprovarlo con foto e testimonianze.

    La competenza per questo genere di controversie è del Giudice di Pace.

    (troppo comodo scaricare la "patata bollente" sull'amministratore che non ha nessuna competenza per questa particolare materia)
    rispondi citando
  • sweetorc
    Sweetorc Ricerca discussioni per utente Condominiale
    Venerdì 15 Dicembre 2017, alle ore 18:23
    Come hai detto tu stesso, hai affermato una sciocchezza.

    L'amministratore non ha competenza su problemi personali riguardanti i singoli proprietari, oltretutto se riferiti a parti private e non condominiali dell'edificio (balconi).

    Dovrai trovare il modo di accertare l'origine del dolo e comprovarlo con foto e testimonianze.

    La competenza per questo genere di controversie è del Giudice di Pace.

    (troppo comodo scaricare la "patata bollente" sull'amministratore che non ha nessuna competenza per questa particolare materia)
    Comprovarlo con foto e testimonianze?
    E come?
    Visto che per fare foto oggi bisogna chiedere una liberatoria al soggetto fotografato?
    Cosi la legge protegge i delinquenti!!!
    Penso che la legge debba prevedere che chi fa cose sbagliate possa essere fotografato o filmato senza alcun permesso e la prova debba essere amessa difronte al giudice di qualunque tipo esso sia

    Ma la legge italiana ormai non gli interessa trovare la verita, gli interessa tutelare chi si comporta male e danneggia gli altri sia in piccole che grandi cose.
    rispondi citando
  • decot
    Decot Ricerca discussioni per utente
    Martedì 19 Dicembre 2017, alle ore 10:26
    Sfortunatamente, è così ... proteggi il criminale ...

    rispondi citando
  • svevavolo
    Svevavolo Ricerca discussioni per utente Decot
    Martedì 19 Dicembre 2017, alle ore 14:12
    Sfortunatamente, è così ... proteggi il criminale ...

    Il diavolo fa le pentole, ma non i coperchi...non la si passa sempre sempre liscia..qualche volta arriva la flagranza.. fino ad allora eviterei di continuare a stendere i panni fuori.. perlomeno quelli a cui tieni di più, anche perchè, condivido, il condomnio e l'amministratore non c'entrano nulla
    rispondi citando
  • manuelamargilio
    Manuelamargilio Ricerca discussioni per utente
    Domenica 8 Aprile 2018, alle ore 18:21
    Nei rapporti tra i condomini liti furibonde spesso sono dovute proprio ai panni stesi. Qualora non ci si possa appellare a regolamenti comunali o condominiali che disciplinino le parti comuni dell’edificio e le regole di convivenza tra condomini, ci si può appellare, a mio avviso, all’articolo 909 del codice civile che disciplina lo stillicidio. "il proprietario deve costruire i tetti in maniera che le acque piovane scolino sul suo terreno e non può farle cadere nel fondo del vicino". Secondo la cassazione infatti essa si può applicare sia in caso di scolo di acque piovane che in caso di acque provenienti dall’esercizio di attività umana come nel caso esaminato. Quando il vicino di casapersiste nel proprio comportamento arrecando danni alle cose altrui, è possibile citarlo in giudizio per ordinare l’interruzione del fatto lesivo.
    Saluti
    rispondi citando
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img francoli
Salve avrei bisogno di sapere se dopo la prima scadenza di un contratto di locazione (4+4) con rinnovo automatico per i 4 anni a seguire, ad un anno circa dalla scadenza dello...
francoli 05 Gennaio 2007 ore 08:07 3
Img kito
Salve a tutti,qualcuno sa come si ripartisce correttamente la bolletta dei consumiidrici?C'è qualche software o foglio di calcolo in Excel?Grazie.So che è compito...
kito 12 Giugno 2006 ore 07:41 9
Img anonymous
Vivo in un condominio da 3 appartamenti.Nell'interrato sono situati i tre garage.L'area di manovra NON è proprietà comune ma PRIVATA (divisa in tre, con ovvie...
anonymous 03 Maggio 2007 ore 10:05 4
Img anonymous
Salve a tutti, sono nuovo del forum e volevo esporvi un quesito...sto valutando di comprare un appartamento al 1° piano in un condominio composto dal "mio" appartamento...
anonymous 02 Marzo 2007 ore 12:30 14
Img lmontuschi
Ciao!ho comprato un appartamento in un condominio composto da :6 appartamenti ... i proprietari sono 5.sotto ci sono 2 negozi di un altro proprietario ...è obbligatorio...
lmontuschi 04 Luglio 2006 ore 13:12 1
REGISTRATI COME UTENTE
306.754 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Cersaie