Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
2016-01-14 09:48:50

Azienda poco seria


Per chi ha un pò di tempo da perdere, (è un pò lunga in effetti ), vorrei raccontare la mia esperienza tutt'ora non conclusa, e in attesa di soluzione.
Se qualcuno può dirmi come fare, e come uscirne, gliene sarei grato.
Questa è la raccomandata che ho dovuto mandare a codesta "grande" azienda:
Spett.le Xxxxxxxx
Raccomandata AR Oggetto: Contestazione di vendita e funzionamento caldaia a condensazione, per l’impianto esistente.

Con la presente mi vedo costretta, mio malgrado, a contestarVi la vostra scelta e successiva vendita con installazione della nuova caldaia a condensazione, dal momento che il lavoro da Voi eseguito non ha tenuto conto, non ha preso in considerazione, o ha sottovalutato lo stato dell’impianto esistente, funzionante con la vecchia caldaia.
Cio premesso, vengo all’esposizione di quanto avvenuto.

Il 17 Novembre, in seguito alla mia decisione di sostituzione della vecchia caldaia, perfettamente funzionante, con una di ultima generazione dal ridotto consumo energetico ( 30/35% come da voi pubblicizzato ), ho contattato ***** energia nella persona della Sig.ra ***** vostra rappresentante che mi ha proposto l’acquisto di una caldaia a condensazione per un importo di € 3.400 “chiavi in mano”, cioè, senza che mi dovessi preoccupare di alcunché, come da lei puntualizzato, ovvero, installazione della suddetta caldaia, smontaggio della vecchia, lavaggio dell’impianto esistente, ecc. il tutto in una giornata.
Dopo aver conteggiato il numero dei caloriferi, ( una decina ), scattate alcune foto alla caldaia esistente, versatoLe un assegno di € 1000 quale acconto, ci siamo lasciati rassicurati dal fatto che da lì ad un paio di settimane al massimo, saremmo stati contattati per l'installazione. Tengo a precisare, che durante il colloquio, alla sig.ra ***** è stato fatto presente che l’acqua calda arrivava ai rubinetti con minore pressione rispetto alla fredda, al chè, ci ha risposto, che con la sostituzione della caldaia, il problema sarebbe stato risolto, poiché, la causa risiedeva nello scambiatore.
Dopo circa un mese, invece delle due settimane, primo problema, dal quale emerge, a mio avviso, la scarsa serietà.
Sono contattata dal responsabile organizzativo delle installazioni col quale concordiamo il giorno 18, Venerdi Dicembre, per l’installazione, e quindi chiedo alla mia ditta questo giorno.
Il giorno seguente mi viene chiesto di anticipare al Giovedì 17, chiedo sempre alla mia ditta di questo cambiamento, e a fatica mi viene concesso. Con mio grande stupore, sempre il vostro responsabile, mi ritelefona il giorno dopo chiedendomi di ritornare al giorno 18 inizialmente concordato, rispondo che i pagliacci sono al circo… quelli rimasti.
Comunque sia, rimane Giovedi 17 Dicembreil giorno dell’installazione.
Arriva un ragazzo, da solo per l’installazione, e appare subito evidente che senza l'aiuto di qualcuno ci sarebbero state difficoltà.
Infatti, mio marito l’ha accompagnato alla ricerca di un negozio di idraulico, in quanto, gli mancava del materiale, inoltre, nello smontaggio della vecchia caldaia murale del peso di più di un quintale, se non fosse stato aiutato, oltre a non riuscirci, avrebbe potuto farsi male. Infine, sempre mio marito ha dovuto salire sul tetto per installare il terminale dello scarico dei fumi, pulire l'acqua fuoriuscita dalla vecchia caldaia ecc. ecc.
Quindi, quanto affermato dalla Sig.ra *****, “ chiavi in mano” senza preoccuparsi di niente, è assolutamente falso.
Nel tardo pomeriggio la caldaia è stata installata, i caloriferi scaldano, ma contrariamente a quanto assicurato dalla *****, che sostituendo la caldaia il problema della poca pressione si sarebbe risolto, si è rivelato del tutto sbagliato.
Dal rubinetto dell'acqua calda scende tutt'ora la stessa quantità d'acqua come con la vecchia caldaia.
Lo facciamo presente al tecnico, il quale pulisce i filtri prima del miscelatore, ma il risultato non cambia, anzi, ci viene detto che ci dev’essere qualche ostruzione lungo il tubo dove scorre l'acqua calda, e che in sostanza la colpa è dell’impianto, per cui, in fretta e furia, ci fa compilare un questionario dicendo che facevamo un favore a lui nel compilarlo, e prende e se ne và.
Dopo poco tempo, verso le 19,30, utilizzando il bagno, ci accorgiamo che anche dopo qualche minuto dall'apertura del miscelatore,( manca una pompa “di spinta “ per questo occorre aspettare un po’ ), NON ARRIVA L'ACQUA CALDA, esce come con la vecchia caldaia, minore quantità d'acqua, MA SEMPRE FREDDA.
Immediatamente, chiamo prima il Call Center, poi il tecnico dell’installazione, che però ormai è parecchio lontano, e mi viene assicurato da entrambi che sarà informata l’assistenza sul da farsi.
A tutt'oggi, dal 17 Dicembre non ho l'acqua calda in casa, in pieno inverno.
CONCLUSIONI e RICHIESTE
Ilproblema unico e principale stà nel fatto che con questo tipo di caldaia, se al rubinetto dell’acqua calda non vi è un certo livello di pressione, la caldaia non si avvia, e pertanto non può produrre acqua calda.
Con la caldaia precedente avevo sia il riscaldamento che l’acqua calda, anche se aveva meno pressione, ma c’era, senza problemi, invece ora no.
In questi giorni, ho consultato due diversi idraulici, i quali mi hanno detto come si sarebbe dovuto procedere col lavoro: fondamentale la visita preliminare di un tecnico competente che si accertava della situazione dell’impianto, nonché, la pressione per l’acqua calda, che è sufficiente con la nostra vecchia caldaia, ma del tutto Insufficiente con la vostra.
Un esperto se ne sarebbe reso conto immediatamente all’apertura del miscelatore.
A questo punto, il tecnico competente e soprattutto onesto, avrebbe sicuramente consigliato se non obbligato a risolvere prima il problema della poca pressione, e successivamente procedere con l’installazione della nuova caldaia, onde evitare così, il problema che poi invece, si è puntualmente verificato.
Ci troviamo così a dover “subire” una situazione a dir poco paradossale, ovvero spendere una cospicua cifra di denaro per avere problemi che prima non esistevano.
SICURAMENTE ANDAVAMO AVANTI CON LA NOSTRA CARA VECCHIA CALDAIA!
In considerazione di quanto espresso, ai sensi degli artt. 2226 e 1668 del Codice Civile, a mezzo della presente Vi richiedo l'immediata eliminazione a Vostra cura e spese del problema relativo alla poca pressione all’acqua calda, oppure una riduzione almeno del 50% del prezzo pattuito, o in ultimo la rimozione della vostra caldaia con la reinstallazione della nostra preesistente e la risoluzione del contratto.
In mancanza mi vedrò costretto a far eseguire da altri i lavori necessari, addebitandovene il relativo costo.
Con riserva di ogni diritto, anche il relativo risarcimento del danno.
Resto in attesa di un Suo/Vostro riscontro entro 10 giorni dal ricevimento della presente.
Distinti saluti.
Firma ______________________________
  • arch-ily
    Arch-ily Ricerca discussioni per utente
    Giovedì 14 Gennaio 2016, alle ore 09:48
    Buongiorno,
    immagino abbia provato più volte a telefonare alla ditta, senza ottenere risposta.
    Dunque, non sono un idraulico, ma un'architetta, ma cercherò lo stesso di provare a fornirle qualche suggerimento diciamo operativo.

    A mio parere il problema non è nel malfunzionamento della caldaia, ma nell'installazione condotta da personale del tutto impreparato: è possibile - ripeto, possibile, non certo - che l'azienda abbia subappaltato l'installazione a imprese poco serie. Perciò, alla base di tutto potrebbe essere una cattiva comunicazione tra impresa che vende le caldaie e impresa a cui è stata appaltata l'installazione.
    Ma questo fatto ovviamente non cancella le responsabilità della "casa madre".
    Mi sembra che la sua raccomandata vada più che bene: se non riceverà risposta, le consiglio sicuramente di rivolgersi a un'associazione di consumatori, che dispone di avvocati specializzati proprio in questo tipo di problemi. Al solo costo dell'iscrizione (poche decine di euro) riceverà quindi una consulenza legale preliminare su come procedere.

    In bocca al lupo, e mi faccia sapere come evolvela situazione.

    Saluti.

Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img marilenaottavi
Buongiorno a tutti, spero mi possiate aiutare. Ho ristrutturato casa mia e ho voluto provare un pavimento in cemento (non resina, proprio cemento). L'effetto finale è bello...
marilenaottavi 03 Giugno 2018 ore 13:58 4
Img andreabrighi
Buona sera a tutti, vorrei sapere chi può darmi informazioni legislative sulle raccomandate per disdire il contratto di locazione. grazie...
andreabrighi 15 Maggio 2017 ore 16:02 1
Img 64brunica
Buona sera,è corretto che l'amministratore imputa al singolo condomino le spese per una raccomandata A/R a seguito di richiesta documenti trattenuta illogicamente dall'ex...
64brunica 05 Febbraio 2016 ore 11:34 1
Img albert81
Buonasera a tutti,vi scrivo perché avrei bisogno di un chiarimento.Abbiamo acquistato delle piastrelle gres porcellanato lucide.Oggi sono arrivate ma abbiamo riscontrato...
albert81 05 Agosto 2014 ore 17:31 7
Notizie che trattano Azienda poco seria che potrebbero interessarti


Contestazione della ripartizione delle spese condominiali

Ripartizione spese - La ripartizione delle spese condominiali dev'essere contestata attravero l'impugnazione della delibera. L'importante è saper scegliere quale contestare.

È legittimo convocare l'assemblea con email se c'è accordo?

Assemblea di condominio - È legittimo inviare la convocazione dell'assemblea condominiale con posta ordinaria? Secondo la Corte d'Appello di Brescia, se c'è accordo con il condòmino, sì.

Come fare un ricorso al Catasto

Catasto - Se arriva un avviso di accertamento da parte del Catasto, con l'indicazione di una rendita più elevata e di sanzioni da pagare, è possibile presentare un ricorso.

Contestazione bollette luce e gas

Burocrazia e utenze - Che cosa può fare il proprietario di un'abitazione che intenda contestare una bolletta dell'energia elettrica o del gas ritenuta solo in parte o totalamente errata?

Cosa succede quando avviene la disdetta del contratto di locazione?

Proprietà - Il contratto di locazione ha una durata determinata. Tuttavia, può essere disdettato dal proprietario o dal conduttore alle condizioni disciplinate dalla legge.

Lavori condominiali e contestazione delle deliberazioni

Condominio - Per l'impugnazione di deliberazioni che concernono interventi su cose comuni è necessario contestare la deliberazione con la quale si decide e non quella di spesa.

Mancata indicazione dei gravi motivi di recesso dalla locazione e sanatoria

Affittare casa - Il conduttore di un appartamento può sempre recedere dal contratto di locazione se vi sono gravi motivi, ma nella lettera di recesso è tenuto ad indicare i motivi.

Caso Aiazzone: come difendersi

Normative - I consigli delle associazioni dei consumatori per i clienti raggirati dal mobilificio Aiazzone e per evitare l'insorgere di altri casi simili.

Verbale d'assemblea condominiale e contestazione dei vizi

Assemblea di condominio - Impugnare il verbale dell'assemblea, anche se formalmente viziato, non sempre può essere la soluzione migliore per evitare l'adozione di soluzioni non gradite.
REGISTRATI COME UTENTE
327.939 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
//