Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
2009-01-20 23:29:33

Aiuto riscaldamento a pavimento bollette esagerate


Salve, vi chiedo una consulenza: ho un appartamento di 90mq diviso in due piani con riscaldamento a pavimento (caldaia a condensazione a GPL).
L'inverno scorso le bollette del GPL mi hanno letteralmente dissanguato nonostante i termostati siano stati regolati al minimo indispensabile per non battere i denti. Gli infissi della casa sono in alluminio con taglio termico, l'esposizione è a Nord-Est, l'isolamento del muro esterno non so di preciso ma mi pare sia presente del polistirene + sughero tra i forati (la ditta costruttrice mi ha dato molto da penare, non so se questo sia un isolamento sufficiente). Ho anche un termocamino in sala che riscalda l'aria convogliata alla cucina e alle camere al piano superiore, ma questa aria è secca e a lungo andare dà fastidio, ragion per cui si rende necessario un umidificatore. Ho le nicchie in sala e in camera per un condizionatore con motore esterno: questi hanno anche la funzione "umidificatore"?? Ho anche la predisposizione per i pannelli solari e per l'allaccio di una stufa a pellets in garage che potrebbe integrarmi la caldaia (?). Date queste informazioni, cosa mi consigliate di fare per risolvere il problema?
  • radiante
    Radiante Ricerca discussioni per utente
    Martedì 16 Settembre 2008, alle ore 00:28
    Prima di tutto andrebbe visto comè stato concepito l'impianto e che tipo di isolanti hanno usato in special modo al piano terra ,nel caso in cui non avessero messo dell'ottimo isolante e negli spessori giusti scaldi anche il sottosuolo,poi va visto se è stato messo l'isolante sui passaggi esterni esempio i terrazzi,se non viene isolato bene il massetto riscaldato con il massetto esterno del terrazzo esso si puppa tutto il calore del pavimento,appurate queste cose c'è bisogno di tarare tutto l'impianto ,di adattare la caldaia al reale fabbisogno energetico della casa ,se la casa è stata ben costruita per 90 mq che fanno circa 270mc dovrebbero essere sufficenti 10kw/h in pratica la caldaia deve lavorare a meno della meta della sua potenza,una volta raggiunta la temperatura di confort il consumo deve ridursi ulteriormente ,per far cio l'impianto deve rimanere acceso sempre e costantemente,quanti kg di gpl hai consumato lo scorso inverno?
    Per il camino ventilato quando non è in funzione assicurati che sia ben chiuso,se non lo fosse esso funge da aspiratore portando via il riscaldamento
    Se vuoi montare una caldaia a pallet c'è bisogni di adattare l'alta temperatura di lavoro della detta ad un impianto a bassa temperatura con ulteriori spese,quanto hai speso di gpl?

  • toplevel
    Toplevel Ricerca discussioni per utente
    Giovedì 18 Settembre 2008, alle ore 08:55
    Questo è il tipico caso, con le conseguenze immediate e che si pagano a caro prezzo, di malessere (fisico ed economico) quando non si progetta un isolamento adeguato.
    vuoi vedere che sotto l'impianto di riscaldamento a pavimento non è stato posto alcun isolante? e che i pannelli a parete sono dell'ordine di 3-4 cm?
    se così è, radiante ha ragione, tutte le calorie prodotte dalla moderna caldaia a condensazione vanno a dissiparsi tra pareti, soffitti e pavimenti.
    chiedo ad accaso: chi ha stabilito gli spessori degli isolamenti?
    dove erano progettista e DL quando è stato deciso ciò?
    in base a quali calcoli è stato dato l'assenso?
    credo che non ti restino che 2 possibili alternative: 1) chiamare in causa progettista, DL ed impresario e stabilire chi deve pagare i danni o risarcire il cattivo lavoro;
    2) smantellare tutto e procedere alla posa dei giusti isolamenti.
    se poi è stato emesso anche un certificato energetico...

    top-level

  • radiante
    Radiante Ricerca discussioni per utente
    Giovedì 18 Settembre 2008, alle ore 11:56
    Posso dirti che toplivel a quasi ragione,dico quasi perche la direzione lavori non ha nessuna responsabilita e nemmeno l'impresa edile e nemmeno il progettista,c'è un unico responsabile che è l'unico che firma la dichiarazione di conformità,è l'installatore chiamato idraulico

  • accaso
    Accaso Ricerca discussioni per utente
    Martedì 21 Ottobre 2008, alle ore 11:51
    In effetti cercando di ricordarmi ciò che ho visto all'epoca dei lavori edili, non mi sembra che l'isolamento sia stato fatto con scrupolo, anche perché l'unico scrupolo che ha la gente che ha lavorato in casa mia è solo uno: riscuotere e subito, e questa credo sia una tendenza abbastanza comune tra le imprese edili eccetera, quindi colgo l'occasione per consigliare a chi è in procinto di avviare la costruzione di una nuova casa di scegliersi bene chi ci metterà le mani e non esitare a chiedergli chiarimenti durante i lavori ogni qualvolta sorge un dubbio a costo di scassare i maroni. Ma tornando a noi, del resto non sono io il muratore o l'idraulico o l'elettricista, come faccio a sapere ciò a cui vado incontro?? Mi sembra anche improbabile dopo due anni e mezzo dalla fine dei lavori, impegolarsi in discussioni con i vari "professionisti" di cui sopra sul lavoro malriuscito, o mettermi a ri-smurare tutto, dato che l'affanno per riuscire a sistemarmi in questa benedetta casa ancora mi dà il fiatone. Quindi non so se esiste un rimedio più semplice per compensare un po' le carenze costruttive in merito all'isolamento...cosa dite?

  • cremo
    Cremo Ricerca discussioni per utente
    Martedì 21 Ottobre 2008, alle ore 15:21
    In effetti cercando di ricordarmi ciò che ho visto all'epoca dei lavori edili, non mi sembra che l'isolamento sia stato fatto con scrupolo, anche perché l'unico scrupolo che ha la gente che ha lavorato in casa mia è solo uno: riscuotere e subito, e questa credo sia una tendenza abbastanza comune tra le imprese edili eccetera, quindi colgo l'occasione per consigliare a chi è in procinto di avviare la costruzione di una nuova casa di scegliersi bene chi ci metterà le mani e non esitare a chiedergli chiarimenti durante i lavori ogni qualvolta sorge un dubbio a costo di scassare i maroni. Ma tornando a noi, del resto non sono io il muratore o l'idraulico o l'elettricista, come faccio a sapere ciò a cui vado incontro?? Mi sembra anche improbabile dopo due anni e mezzo dalla fine dei lavori, impegolarsi in discussioni con i vari "professionisti" di cui sopra sul lavoro malriuscito, o mettermi a ri-smurare tutto, dato che l'affanno per riuscire a sistemarmi in questa benedetta casa ancora mi dà il fiatone. Quindi non so se esiste un rimedio più semplice per compensare un po' le carenze costruttive in merito all'isolamento...cosa dite?

    Posso chiederti come hanno realizzato il tuo impianto di riscaldamento a pavimento? questo è un dubbio che avevo posto tempo fa sul forum, a me lo stanno per installare, è previsto un allegerito (cemento cellulare) di circa 5 cm. sopra agli impianti (elettrico e ACS), poi la posa dei pannelli bugnati in cui scorrerà il tubo dell'impianto (i pannelli sono di polistirene), e quindi un massetto di circa 6 cm. di cemento e sabbia con additivo speciale.

    Ovviamente ci sarà la fascia perimetrale che corre attorno al perimetro della casa ed un film di barriera all'umidità prima dei pannelli bugnati.
    Come vi sembra?

    Se non sono indiscreto posso chiederti "quanto" esagerate? questo post mi spaventa....

  • zdoura
    Zdoura Ricerca discussioni per utente
    Lunedì 24 Novembre 2008, alle ore 14:49
    Ciao, sono anch'io interessata ai consumi di un impianto di riscaldamento a pavimento, in quanto questo sarà il primo inverno che trascorrerò con questo tipo di impianto.
    La mia installazione è la seguente:
    -Caldaia a condensazione
    -Sonda esterna
    -Alimentazione a GPL
    -105mq calpestabili in soluzione bifagliare
    Al momento mi è arrivata solo la bolletta "estiva" da Maggio ad Ottobre, quindi solo uso di acqua sanitaria e cucina, ed il consumo è stato di 1000 litri di GPL!!!! 800?!!!! figuriamoci nei mesi invernali a cui si aggiungerà anche il riscaldamento.
    Leggendo nei vari forum, mi sono resa conto che con il GPL si spende un'esagerazione, nel periodo estivo ho già verificato, mi sai dire il tuo consumo annuale in modo da farmi un'idea del salasso?
    Ciao&grazie

  • robire
    Robire Ricerca discussioni per utente
    Lunedì 24 Novembre 2008, alle ore 16:31
    Da me con una casa più grande e un riscaldamento tradizionale d'inverno consumiamo 4 volte tanto che d'estate..
    ipotizzando che la tua casa sia isolata, che il riscaldamento renda bene ecc ecc... potrei sparare un 3000 litri per l'inverno... ma spero per te menoooooo.
    ps: se puoi converti a metano

  • zdoura
    Zdoura Ricerca discussioni per utente
    Lunedì 24 Novembre 2008, alle ore 18:43
    Ciao, purtroppo la mia zona non è raggiunta dalla rete del gas metano....ahimè, mi aspettano bollette salate!
    In questi giorni ho tenuto sotto controllo l'impianto, ho anche spento il riscaldamento al piano terra dove utilizzo una stufa a legna, e mi sono rimasti circa 65m2 da riscaldaree.
    Dopo un primo periodo di assestamento, sto verificando dei consumi di gpl complessivi (riscaldamento, acqua e cucina), di circa 5m3 al giorno, (costo al m3 di 3,03?+iva), quindi 15?+iva al giorno per scaldare 65m2, fare due doccie calde e cucinare....però!
    Mentre dalla bolletta "estiva" ho dedotto un consumo giornaliero di circa 1,5m3 di gpl solo per acqua sanitaria e cucina.
    Mi sembrano cifre elevate, qualcuno ha dei valori da confrontare con i miei?
    Da questi numeri rimpiango il mio precedente appartamento servito dal metano, che fino allo scorso anno mi faceva consumare 700? annui complessivi!
    Ciao

  • toplevel
    Toplevel Ricerca discussioni per utente
    Lunedì 24 Novembre 2008, alle ore 19:05
    E quest è niente, credo che il peggio deve ancora venire, visto il passo con cui stiamo procedendo sia con i prezzi che la scarsità di materie prime.

    consigliere di puntare su un ottimo isolamento di pareti, soffitti e pavimenti.
    fate come me, ho investito un pò di più in isolamento delle strutture, ed ora con 500? annui complessivamente me la cavo tutto compreso.

    top-level

  • zdoura
    Zdoura Ricerca discussioni per utente
    Lunedì 24 Novembre 2008, alle ore 21:30
    Ciao, sono sempre più sfiduciata... ho rivisto i mq calpestabili che sto riscaldando, e sono solo 50!!!
    Ho fatto un paio di conti sulla base dei consumi di questi ultimi giorni, con una situazione di riscaldamento stabilizzata, e mi viene fuori una spesa di 3500? di gpl annuali!!!
    Ho calcolato un consumo di 1mc/giorno per acqua sanitaria e cucina (365mc/anno), e 4mc/giorno per il riscaldamento (ripeto, di soli 50mq), per 150 giorni all'anno (600mc), il tutto si traduce in 965mc/anno di gpl!
    Mi sembra incredibile che si possa spendere così tanto, secondo voi sono sballati questi consumi, oppure sono nella norma? grazie

  • turbasso
    Turbasso Ricerca discussioni per utente
    Lunedì 24 Novembre 2008, alle ore 22:09
    Salve Zdoura.. è vero i consumi che riporti sono elevati... devi considerare anche le condizioni in cui è posto a lavorare l'impianto... Da 4 giorni a questa parte da me (Vicenza)ha soffiato una tramontana che ti pela... con temperature che nelle ore più calde del giorno di poco superavano i 5 gradi, con minime nella notte di -3 -4 gradi... se abiti in una zona particolarmente esposta alle correnti questo può influire molto... L'anno scorso in tutta dicembre non ha mai fatto così freddo.
    Ad ogni modo, ti consiglio di accertarti del tipo di isolamento della casa, in modo da capire dov'è la falla.... Gli interventi che puoi compiere sono un cappotto esterno (anche se su una casa nuova appena finita non dovrebbe esserci la necessità di farlo!!) oppure l'aggiunta di pannelli solari per sfruttare l'apporto del sole (visto che dici di essere già predisposta).
    Considera che i pannelli funzionano quando c'è sole.... in caso di nebbia nuvolosità ecc.. non rendono praticamente niente!
    Gli split in pompa di calore puoi farli lavorare con buoni rendimenti fino a 3 4 gradi sopra lo zero...
    Buona nootte

  • zdoura
    Zdoura Ricerca discussioni per utente
    Lunedì 24 Novembre 2008, alle ore 22:51
    Grazie Turbasso, anche dalle mie parti le temperature sono state quelle da te indicate....sicuramente influiranno, ma non pensavo così tanto!
    In fin dei conti sto tenendo gli ambienti che riscaldo ad una temperatura di soli 18°, sia di giorno che di notte, in modo da non far mai spegnere la cladaia, ed avere una situazione di solo mantenimento di temperatura.
    Mi sa che passato l'inverno mi informerò sul solare termico, parlano di un risparmio del 70% per l'acqua sanitaria e del 50% per il riscaldamento (a pavimento).
    ciao

  • robire
    Robire Ricerca discussioni per utente
    Martedì 25 Novembre 2008, alle ore 09:21
    Io sto monitorando i consumi di metano e, negli ultimi giorni con notti sotto zero e giornate che faticano ad arrivare a 6/7° consumo 12mc/g.
    2 e rotti sono quelli che consumo anche in estate quindi 10 per il riscaldamento vanno ... ma scaldo 120mq 12h a 19° e 12 a 16° non isolati (solo i serramenti sono recenti).
    non voglio infierire ma in effetti un'analisi della situazione andrebbe fatta.

  • zdoura
    Zdoura Ricerca discussioni per utente
    Martedì 25 Novembre 2008, alle ore 11:19
    Grazie per le informazioni.
    Ho intenzione di chiamare la ditta fornitrice del gpl chiedendogli un sopralluogo, tra l'altro nei pressi del contatore e fino ad una distanza di un paio di metri, si sente puzza di gas , l'ultima volta mi dissero che era normale, ma a me sembra eccessiva, inoltre mi sono accorta che l'apparecchio attaccato al contatore (dovrebbe chiamarsi polmone), ha un paio di viti svitate.....sarà sicuramente riciclato! ciao

  • robire
    Robire Ricerca discussioni per utente
    Martedì 25 Novembre 2008, alle ore 12:03
    Per fare meglio il paragone diciamo che ad occhio produciamo lo stesso calore per scaldare due ambienti molto differenti.

    10mc di metano dovrebbero fare circa 95kW
    4mc di gpl=16l dovrebbero farne circa 97kW

  • anonymous
    Anonymous Ricerca discussioni per utente
    Sabato 29 Novembre 2008, alle ore 23:17
    Ottimo, io non ho ancora utilizzato l'impianto a pannelli dato che ho rogitato da poco e sto sistemando casa per trasferirmi.

    però quello che leggo qui non mi è affato di conforto, il mio impianto è con caldaia a condensazione a metano, però come classe energetica l'appartamento s'è beccato una "lurida" E, quindi temo per le eventuali dissipazioni di calore... -__-'

    incrocio le dita.

  • zdoura
    Zdoura Ricerca discussioni per utente
    Domenica 30 Novembre 2008, alle ore 08:38
    Ciao, ti posto il mio ultimo aggiornamento fatto su di un altro forum in merito agli elevati consumi, dovrei aver trovato la causa dei miei consumi fuori dalla norma, che restano comunque elevati per via del gpl, ma più ragionevoli.
    Poi tu hai il metano, hai una classe energetica bassa, così come la resa, però lo pagherai molto meno.

    "Ho telefonato al fornitore, che mi ha detto di essere venuto a fare un paio di controlli quando ancora io non ci abitavo, e già allora aveva individuato una perdita affermando che era a valle del contatore.
    Ho chiamato l'installatore, il quale dice di aver fatto a suo tempo anche lui i controlli, affermando che la perdita era a monte del contatore.....ovviamente!
    Così stamane ho spento la caldaia, chiuso il generale del gas, aspettato qualche minuto, poi ho tenuto d'occhio il contatore.....eppur si muove!!!
    Quindi ho cronometrato quanto gas mi veniva conteggiato senza alcuna richiesta, ed ho visto che ho consumato 0,010mc di gpl in 11 minuti, che si traduce in un consumo di 1,31mc di gpl al giorno!!!
    Da questa prova, penso si possa affermare che la perdita è a valle del contatore (dal contatore all'abitazione), quindi il fornitore ha ragione, mentre l'installatore ha torto, perché se la perdita fosse a monte del contatore, il bombolone si svuoterebbe ma non mi verrebbe conteggiato alcun consumo, giusto??
    Se tutto è confermato, ho capito chi mi aiuterà a pagare le bollette..... , può essere la prova del nove, oppure ci sono altre variabili? grazie"

  • robire
    Robire Ricerca discussioni per utente
    Domenica 30 Novembre 2008, alle ore 09:59
    Ottimo, io non ho ancora utilizzato l'impianto a pannelli dato che ho rogitato da poco e sto sistemando casa per trasferirmi.

    però quello che leggo qui non mi è affato di conforto, il mio impianto è con caldaia a condensazione a metano, però come classe energetica l'appartamento s'è beccato una "lurida" E, quindi temo per le eventuali dissipazioni di calore... -__-'

    incrocio le dita.

    la casa non è nuova immagino..
    cmq anche se è in E di sicuro è meglio il tuo impianto (usato bene) che uno vecchio stile

  • anonymous
    Anonymous Ricerca discussioni per utente
    Domenica 30 Novembre 2008, alle ore 13:48
    Ottimo, io non ho ancora utilizzato l'impianto a pannelli dato che ho rogitato da poco e sto sistemando casa per trasferirmi.

    però quello che leggo qui non mi è affato di conforto, il mio impianto è con caldaia a condensazione a metano, però come classe energetica l'appartamento s'è beccato una "lurida" E, quindi temo per le eventuali dissipazioni di calore... -__-'

    incrocio le dita.

    la casa non è nuova immagino..
    cmq anche se è in E di sicuro è meglio il tuo impianto (usato bene) che uno vecchio stile


    'azz non è nuova, è nuovissima! 8D
    è una palazzina che han terminato più o meno a ottobre.

    la classe energetica E cmq è unica e si riferisce a tutta la palazzina, se non erro, infatti la certificazione mi pare che la tiene l'amministratore

  • robire
    Robire Ricerca discussioni per utente
    Domenica 30 Novembre 2008, alle ore 14:38
    Il complesso sarà anche in classe E ma ogni unità deve essere costruita comunque rispettando dei limiti di dispersione dei materiali e di fabbisogno energetico complessivo.

  • anonymous
    Anonymous Ricerca discussioni per utente
    Mercoledì 3 Dicembre 2008, alle ore 22:09
    Scusate se mi intrometto, ma sto per installare in una villetta bifamiliare l'impianto con pannelli radianti con pompa di calore (elettrica quindi) il tutto accompagnata da un impianto solare per l'ACS e integrazione al riscaldamento. visto che l'Enel l'energia non la regale e che il costo per KW è alto e visto che la mia zona non è fornita di metano.........arriverò anche io a pagare bollette salatissime ma dell'Enel????????
    dovrei essere ancora in tempo, cosa mi consigliate? proseguo per questa strada o opto per un altro combustibile?
    premetto che la casa è stata edificata tenendo conto della trasmittanza del 2010, quindi dovrebbe essere ben coibentata.

    grazie e speriamo in inverni caldi a questo punto

  • radiante
    Radiante Ricerca discussioni per utente
    Giovedì 4 Dicembre 2008, alle ore 10:50
    Avrai dei consumi elevati in quanto dovrai scaldarti l'acqua per lavarti e cucinare con l'energia eletrica,pagherai i consumi piu un fisso perche avrai bisogni di un contatore da 8kw il quale a costi fissi piu alti del 6 o il comune 3 kw,senti l'enel quanto sono le quote fisse per tali contatori cosi facciamo una differenza

  • anonymous
    Anonymous Ricerca discussioni per utente
    Martedì 20 Gennaio 2009, alle ore 23:29
    Non ho dati più aggiornati, e non mi è ancora arrivata la prima bolletta... cmq, ricordo di aver consumato a fine dicembre circa 50 numeri in una settimana, per un'appartamento mansardato di due piani (36MQ 1°+ 40 MQ mansarda).
    speriamo non sia tanto.

Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img albertozorzi
Ciao a tutti, avrei bisogno di un confronto con chi ha esperienza di riscaldamento a pavimento.Da una settimana sono entrato come affittuario in un bilocale (piano terra di un...
albertozorzi 26 Gennaio 2021 ore 12:25 3
Img pietromannino
Buongiorno a tutti, Ho acquistato da qualche anno una casa con riscaldamento a pavimento. I primi anni l'impianto funzionava correttamente, mentre quest'anno da quando ho riacceso...
pietromannino 25 Gennaio 2021 ore 11:45 1
Img wiegin
Buongiorno! Bellissimo Forum con ottime discussioni. Anch'io sono in procinto di ultimare/ristrutturare un appartamento duplex (primo piano più mansarda/sottotetto) di...
wiegin 10 Gennaio 2021 ore 20:03 7
Img chris0811
Ciao a tutti, sono nuovo nel forum. vi scrivo questo messaggio per chiedervi un parere per la mia situazione. sto ristrutturando un appartamento posto su 2 piani di circa 180 mq.
chris0811 30 Dicembre 2020 ore 09:51 4
Img antonino4591
Buongiorno a tutti. Chiedo notizie, opinioni, consigli su riscaldamento realizzati con pannelli radianti a soffitto. Ho un impianto a riscaldamento con termosifoni realizzato in...
antonino4591 22 Novembre 2020 ore 18:41 3
Notizie che trattano Aiuto riscaldamento a pavimento bollette esagerate che potrebbero interessarti


Novità per impianti radianti

Impianti - Gli impianti di riscaldamento a pannelli radianti si stanno sempre più diffondendo nelle nostre abitazioni, anche grazie agli incentivi fiscali per l'istallazione

Pavimenti radianti ribassati

Impianti - Il nuovo sistema di riscaldamento radiante a pavimento permette un piu' ampio utilizzo rispetto ai tradizionali impianti.

Strisce Radianti

Impianti - Tra i vari tipi di sistemi di riscaldamento ad irraggiamento, uno caratterizzato da coefficienti di emissione particolarmente elevati sono le strisce radianti.

Pannelli Radianti Freddi e Caldi

Impianti - I pannelli radianti possono essere installati sia a pavimento che a soffitto ed in entrambi i casi sono in grado di fornire energia termica calda o fredda.

Comfort radiante

Impianti di riscaldamento - L'aspetto che maggiormente condiziona il comfort all'interno di un ambiente è sicuramente la temperatura, i sistemi radianti la regolano e la controllano.

Riscaldamento a pavimento: caratteristiche e vantaggi

Impianti di riscaldamento - Caratteristiche, vantaggi e funzionalità dei moderni sistemi di riscaldamento a pavimento. Il controllo della climatizzazione non è mai stato così semplice.

Tecnologia del riscaldamento a pavimento e suoi vantaggi

Impianti - La scelta di utilizzare il pavimento radiante in sostituzione dei classici termosifoni può aiutare a distribuire meglio i vari ambienti in un appartamento.

Riscaldamento efficiente, pavimento radiante

Impianti di riscaldamento - Sistema ideale per riscaldare nelle stagioni fredde e raffrescare in quelle calde, garantendo il comfort termico in ogni periodo dell'anno a costi contenuti.

Trasmissione Calore

Impianti - Una caldaia trasmette il calore prodotto dalla combustione del gas all'acqua, che trasmette a sua volta il calore in ambiente a mezzo di terminali dell'impianto.
REGISTRATI COME UTENTE
328.177 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
//