Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Terreni in comune adiacenti casa ultracentenaria: i diritti si mantengono anche se non si vive più nella casa?


Ho ristrutturato una parte di una casa ultracentenaria che nel dopoguerra era abitata da 5 famiglie. 
Nel tempo l'abitazione è stata abbandonata e abbattuta parzialmente. 
Un quinto è stato abbattuto, un'altro è pericolante e breve chiederò al proprietario di abbatterlo con le buone o con le cattive e altri due quinti sono ancora in piedi ma non sono abitati. 
Ora, vorrei capire chi è che può ancora esercitare i diritti sulla strada che circonda la casa e sui terreni che sono in comune. 
Vorrei capire soprattutto se la strada è in comune per i soli proprietari dell'immobile o anche per chi ha possedimenti di terreni agricoli circostanti. 
In sostanza vorrei capire se, essendo che solo io vivo in un quinto di questa vecchia casa, se posso esercitare esclusivamente io i diritti sulla strada che la circonda. 
Inoltre, nel caso in cui i diritti siano esercitabili da tutti (pur non abitando più e pur non esistendo più la struttura) c'è modo per rendere la strada privata? 
Nel caso in cui acquistassi le restanti parti dell'immobile, divento di conseguenza proprietario unico della strada?

  • arch-ily
    Arch-ily Ricerca discussioni per utente
    Lunedì 23 Marzo 2015, alle ore 23:15
    Io ritengo (ma sono un architetto e non un avvocato) che ciascuno dei proprietari originari mantiene ovviamente il terreno di sua proprietà anche se la corrispondente porzione di casa è stata demolita o abbandonata.
    A meno che lei ovviamente non possa dimostrarne l'usucapione, ma dalle sue parole mi pare che non sia così.
    Qualora invece lei acquistasse l'intero terreno dagli altri attuali proprietari, potrebbe far diventare lastrada privata.
    Il codice civile stabilisce comunque che chi ha un fondo intercluso ha la servitù sul fondo finitimo, per poter entrare nel proprio: non so se è il suo caso.
    Le ricordo comunque che questa è una mia interpretazione personale, non essendo avvocato.
    Saluti.
    rispondi citando
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img dantino
Ho la piena proprietà di una palazzina costituita da 5 piccoli appartamenti di cui uno da me abitato; circonda lo stabile una piccola striscia di terreno adibita a giardino...
dantino 07 Febbraio 2015 ore 17:38 1
Img patrunofrancesco
Gentilissimi,ho un problema: sto per aquistare un appartamento in un edificio sito al secondo piano, questo edificio ha 4 piani.I costruttori hanno realizzato un pozzo luce ove si...
patrunofrancesco 09 Marzo 2014 ore 08:53 1
Img lulu57
Buongiorno e vi ringrazio per l'aiuto.Ho un appartamento all'ultimo piano (attico) sopra al mio tetto c'è una stanza condominiale 3x5 altezza 2,40 inutilizzata e usata solo...
lulu57 14 Febbraio 2015 ore 15:41 3
Img mark_busik
Buongiorno,l'immobile oggetto della domanda è una palazzina composta in origine da due appartamenti, circondata da corte comune, box, locale termico e lavatoio, tutto...
mark_busik 28 Ottobre 2014 ore 12:22 3
Img ftripic
Ciao a tutti,vorrei sapere qual'è la maggioranza qualificata in una assemblea condominiale per deliberare sulla attribuzione di spazi comuni (parcheggi).grazief.
ftripic 04 Gennaio 2014 ore 22:59 1
Notizie che trattano Terreni in comune adiacenti casa ultracentenaria: i diritti si mantengono anche se non si vive più nella casa? che potrebbero interessarti


Strada condominiale e ripartizione delle spese

Condominio - Quando s?affronta il tema della ripartizione delle spese condominiali bisogna sempre tenere presenti due elementi fondamentali:a) in primo luogo, l?accordo

Strade condominiali, danni e spese di manutenzione

Manutenzione condominiale - Le aree accessorie, come parcheggi e strade, dovranno essere considerate di proprietà comune, le spese di manutenzione andranno ripartite con i millesimi.

Distanze legali tra edifici: non valgono in presenza di strada pubblica

Leggi e Normative Tecniche - Le norme sulle distanze legali previste dal codice civile prevalgono su regolamenti edilizi locali. Non valgono però se tra gli edifici c'è una strada pubblica.

Individuazione delle parti comuni del condominio

Parti comuni - Le parti comuni del condominio sono quelle che servono al godimento delle unità immobiliari di proprietà esclusiva secondo legge o per contratto.

Assemblea di condominio e proprietà esclusiva

Assemblea di condominio - L'assemblea di condominio non può decidere su questioni attinenti le proprietà esclusive o sul diritto di proprietà dei condomini sulle cose comuni.

Bonus ristrutturazioni al proprietario unico di edificio per lavori su parti comuni

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Detrazioni fiscali a favore dell'unico proprietario di un edificio per i lavori di ristrutturazione eseguiti sulle parti comuni delle varie unità immobiliari.

Bonus per lavori condominiali

Condominio - Una risoluzione dell'Agenzia delle Entrate chiarisce che è possibile usufruire del bonus 36% per i lavori eseguiti su tutte le parti comuni del condominio.

Passo carrabile: come richiederlo e quali sono i costi

Leggi e Normative Tecniche - Quali i requisiti per poter richiedere un passo carrabile, quanto costa avere la concessione e quali sono le modalità per esporlo correttamente. Ecco le risposte

Condominio e parti comuni

Ripartizione spese - In tema di condominio negli edifici, se alcuni beni servono solamente un gruppo di condòmini, solo questi partecipano alle spese e devono essere considerati proprietari.
REGISTRATI COME UTENTE
311.067 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE