Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Piante infestanti del vicino


Ippolita.sanzio
login
17 Febbraio 2015 ore 14:36 3
Ciao a tutti, vi pongo la mia questione.
Devo ristrutturare un immobile di mia proprietà ma un lato dell'abitazione (da piano terra al secondo piano) è interamente ricoperto da piante di edera che sono cresciute nel terreno adiacente di proprietà del mio vicino.
Non ho ancora parlato con lui e sono a digiuno di norme giuridiche...come viene regolamentata la questione?
Chi deve accollarsi gli oneri della ripultira dalle piante infestanti?
Grazie per le eventuali risposte.
  • arch-ily
    Arch-ily Ricerca discussioni per utente
    Martedì 17 Febbraio 2015, alle ore 22:22
    Il proprietario del fondo confinante ha l'obbligo di potare le piante in modo che non invadano le proprietà altrui (articolo 896 del Codice Civile).

    Le indico al riguardo alcuni articoli del Codice Civile:

    Art. 892.
    Distanze per gli alberi.
    Chi vuol piantare alberi presso il confine deve osservare le distanze stabilite dai regolamenti e, in mancanza, dagli usi locali. Se gli uni e gli altri non dispongono, devono essere osservate le seguenti distanze dal confine:1) tre metri per gli alberi di alto fusto. Rispetto alle distanze, si considerano alberi di alto fusto quelli il cui fusto, semplice o diviso in rami, sorge ad altezza notevole, come sono i noci, i castagni, le querce, i pini, i cipressi, gli olmi, i pioppi, i platani e simili;2) un metro e mezzo per gli alberi di non alto fusto. Sono reputati tali quelli il cui fusto, sorto ad altezza non superiore a tre metri, si diffonde in rami;3) mezzo metro per le viti, gli arbusti, le siepi vive, le piante da frutto di altezza non maggiore di due metri e mezzo.La distanza deve essere però di un metro, qualora le siepi siano di ontano, di castagno o di altre piante simili che si recidono periodicamente vicino al ceppo, e di due metri per le siepi di robinie.La distanza si misura dalla linea del confine alla base esterna del tronco dell'albero nel tempo della piantagione, o dalla linea stessa al luogo dove fu fatta la semina.Le distanze anzidette non si devono osservare se sul confine esiste un muro divisorio, proprio o comune, purché le piante siano tenute ad altezza che non ecceda la sommità del muro.

    Art. 894.
    Alberi a distanza non legale.
    Il vicino può esigere che si estirpino gli alberi e le siepi che sono piantati o nascono a distanza minore di quelle indicate dagli articoli precedenti.Art. 895.
    Divieto di ripiantare alberi a distanza non legale.
    Se si è acquistato il diritto di tenere alberi a distanza minore di quelle sopra indicate, e l'albero muore o viene reciso o abbattuto, il vicino non può sostituirlo, se non osservando la distanza legale.La disposizione non si applica quando gli alberi fanno parte di un filare situato lungo il confine.Art. 896.
    Recisione di rami protesi e di radici.
    Quegli sul cui fondo si protendono i rami degli alberi del vicino può in qualunque tempo costringerlo a tagliarli, e può egli stesso tagliare le radici che si addentrano nel suo fondo, salvi però in ambedue i casi i regolamenti e gli usi locali.Se gli usi locali non dispongono diversamente, i frutti naturalmente caduti dai rami protesi sul fondo del vicino appartengono al proprietario del fondo su cui sono caduti.Se a norma degli usi locali i frutti appartengono al proprietario dell'albero, per la raccolta di essi si applica il disposto dell'articolo 843.

    Art. 896.
    Recisione di rami protesi e di radici.
    Quegli sul cui fondo si protendono i rami degli alberi del vicino può in qualunque tempo costringerlo a tagliarli, e può egli stesso tagliare le radici che si addentrano nel suo fondo, salvi però in ambedue i casi i regolamenti e gli usi locali.Se gli usi locali non dispongono diversamente, i frutti naturalmente caduti dai rami protesi sul fondo del vicino appartengono al proprietario del fondo su cui sono caduti.Se a norma degli usi locali i frutti appartengono al proprietario dell'albero, per la raccolta di essi si applica il disposto dell'articolo 843.
    rispondi citando
  • arch-ily
    Arch-ily Ricerca discussioni per utente
    Martedì 17 Febbraio 2015, alle ore 22:22
    Tocca perciò al suo vicino rimuovere l'edera che ha infestato la sua proprietà.
    rispondi citando
  • ippolita.sanzio
    Ippolita.sanzio Ricerca discussioni per utente
    Giovedì 19 Febbraio 2015, alle ore 16:27
    Grazie tante per l'esauriente risposta.
    rispondi citando
Notizie che trattano Piante infestanti del vicino che potrebbero interessarti
Piante disinquinanti

Piante disinquinanti

Fai da te - Le piante disinquinanti sono in grado di purificare l'aria in casa, assorbendo e neutralizzando molte sostanze inquinanti nocive per il nostro organismo.
Piante infestanti sui muri in pietra

Piante infestanti sui muri in pietra

Sistemazione esterna - Tipologie di degrado causato dalla diffusione della vegetazione sui muri in pietra, valutazione dell'eventulae danno e trattamenti efficaci per risolvere il problema.
Terreno dell'orto e risparmio idrico

Terreno dell'orto e risparmio idrico

Giardino - Sarchiatura, scerbatura, pacciamatura e ombreggiamento per preservare gli ortaggi e risparmiare acqua di irrigazione.

Degrado da piante infestanti

Ristrutturazione - Il fenomeno delle piante infestanti provoca il degrado delle strutture murarie, sia se sono costituite in conci di pietra o in elementi lapidei scolpite a vista.

Alberi e distanze dal confine

Proprietà - Chi vuol piantare alberi presso il confine, deve osservare le distanze stabilite dai regolamenti e, in mancanza, dagli usi locali, in caso contrario, devono essere osservate le seguenti distanze dal confine...

Tessuto spugna che disseta le piante

Irrigazione giardino - Un disco realizzato in fibra sintetica è una riserva idrica in grado di trattenere acqua fino a 13 volte il proprio peso, idratando la pianta per molti giorni.

Piante ricadenti

Giardino - Esiste una tipologia di piante che riesce a donare un effetto scenografico anche all'arredamento più essenziale: esse sono dette ricadenti. Conosciamole meglio.

Lavori in giardino di Febbraio

Giardinaggio - A febbraio i lavori da fare in giardino sono influenzati dall'avvicinarsi della primavera, infatti bisogna preparare il risveglio della maggior parte delle piante.

Come creare un piccolo giardino in un contenitore di vetro

Fioriere e vasi - Il giardino in una bottiglia o un barattolo di vetro è un ottimo metodo per avere un piccolo ecosistema dentro casa, poggiato su di una mensola o su un mobile.
REGISTRATI COME UTENTE
306.727 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Cersaie