Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Corte comune aiuto


Dagosto
login
16 Novembre 2007 ore 18:10 5
Sono proprietario di un immobile che si trova in un fabbricato composto da più unità immobiliari.
Al catasto risulta avere un certo numero comune a tutti 133...e ogni proprietario ha un suo sub.
il cortile è costituito da un quadrato di una ventina di metri quadri che risulta graffato al fabbricato 133.
La domanda è questa:l'area del cortile è comune a tutti oppure bisogna vedere bene sui titoli di proprietà?
inoltre il propblema è di questo tipo:alcuni condomini hanno concesso il permesso di passare su detta area comune che collega due strae comunali,a èpersone che hanno l'abitazione su di una strada e l'attività sull'altra...ma non sono proprietari di nessun immobile nel condominio.
Inoltre scavalcano una recinzione Comunale per accedere prima ai terreni privati di alcuni condomini(che li hanno autorizzati verbalmente)per poi giungere nel cortile che sembra essere comune.
Nel caso qualcuno volesse dare autorizzazione non dovrebbe informare tutti i condomini ed avere l'unanimità dei consensi?

grazie
  • condominiale
    Condominiale Ricerca discussioni per utente
    Venerdì 16 Novembre 2007, alle ore 18:50
    Se non diversamente rilevabile dal "regolamento contrattuale" allegato ai rogiti di ogni proprietario, il cortile in oggetto si presume "parte comune condominiale".

    La situazione da te descritta è caotica.

    Vi consiglio di far convocare un'assemblea condominiale con all'ordine del giorno la regolamentazione dell'uso del cortile in oggetto.

    Una simile deliberazione deve essere presa con la maggioranza prevista per le norme "regolamentari", qui trovi la tabella:

    http://www.condomini.altervista.org/Mag ... emblee.htm
    rispondi citando
  • dagosto
    Dagosto Ricerca discussioni per utente
    Venerdì 16 Novembre 2007, alle ore 20:59
    Il punto è che non esiste nessun regolamento scritto....il condominio non è costituito....è una situazione che va avnti da anni in questo modo e credo che sia ora di regolamentarla...potrei sapere come fare per fare tutto ciò?

    grazie intanto anche per la celere risposta.
    rispondi citando
  • condominiale
    Condominiale Ricerca discussioni per utente
    Sabato 17 Novembre 2007, alle ore 07:54
    Ripeto, il condominio essite di fatto quando vi siano almeno due proprietari, lo afferma il Codice.

    Qualsiasi proprietario può prendere l'iniziativa di convocare un'assemblea dei proprietari, le modalità sono indicate sempre dal Codice, bastano due proprietari che rappresentino almeno 1/6 del valore del valore dell'edificio per rendere valida la convocazione dell'assemblea.
    Bisogna avvisare "tutti" e comunicare loro l'ordine del giorno.

    Le maggioranze per deliberare sui lavori da te indicati le ho indicate nel link sopra.

    Per tutte le incombenze relative alle procedure, trovi tutto scritto qui:

    http://www.condomini.altervista.org/
    rispondi citando
  • dagosto
    Dagosto Ricerca discussioni per utente
    Lunedì 19 Novembre 2007, alle ore 15:03
    Scusami se non ti ho risposto subito...
    volevo chiederti a proposito dell'autorizzazione al passaggio su corte comune,ci vuoloe la maggioranza o l'unanimità...parlo di persone che non so0no condomini.
    Poi chi fa il presidente nella prima assemblea?non è obbligatorio l'amministratore?
    Inoltre per sapere di preciso quanti sono i proprietari è sufficiente andare in conservatoria?
    grazie
    rispondi citando
  • condominiale
    Condominiale Ricerca discussioni per utente
    Lunedì 19 Novembre 2007, alle ore 18:53
    L?art. 1108 del codice civile dice che è necessario il consenso di tutti i partecipanti alla comunione per gli atti di alienazione o di costituzione di diritti reali sul fondo comune e per le locazioni di durata superiore a nove anni.

    Ne vostro caso la concessione di un diritto "reale" sul bene comune (il cortile) necessiterà dell'unanimità dei consensi.

    Il presidente viene nominato dall'assemblea prima ancora di cominciare i lavori indicati nell'ordine del giorno.
    L'amministratore è obbligatorio quando i condómini sono più di quattro.

    In conservatoria (ufficio del territorio) si possono conoscere i proprietari di ogni unità immobiliare.

    Qui trovi tutto ciò che ti serve:

    http://www.condomini.altervista.org/
    rispondi citando
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img lmontuschi
Ciao!ho comprato un appartamento in un condominio composto da :6 appartamenti ... i proprietari sono 5.sotto ci sono 2 negozi di un altro proprietario ...è obbligatorio...
lmontuschi 04 Luglio 2006 ore 13:12 1
Img kito
Salve a tutti,qualcuno sa come si ripartisce correttamente la bolletta dei consumiidrici?C'è qualche software o foglio di calcolo in Excel?Grazie.So che è compito...
kito 12 Giugno 2006 ore 07:41 9
Img anonymous
Vivo in un condominio da 3 appartamenti.Nell'interrato sono situati i tre garage.L'area di manovra NON è proprietà comune ma PRIVATA (divisa in tre, con ovvie...
anonymous 03 Maggio 2007 ore 10:05 4
Img anonymous
Salve a tutti, sono nuovo del forum e volevo esporvi un quesito...sto valutando di comprare un appartamento al 1° piano in un condominio composto dal "mio" appartamento...
anonymous 02 Marzo 2007 ore 12:30 14
Img francoli
Salve avrei bisogno di sapere se dopo la prima scadenza di un contratto di locazione (4+4) con rinnovo automatico per i 4 anni a seguire, ad un anno circa dalla scadenza dello...
francoli 05 Gennaio 2007 ore 08:07 3
REGISTRATI COME UTENTE
311.985 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE