Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Riscaldamento a battiscopa: quando e se è consigliabile?


Dopo aver fatto buona nota delle discussioni sulla utilità, convenienza o meno della caldaia a condensazione (vedi precedenti interventi di Radiante, The manager, Pacammu ed altri) ho letto che nel nord europa e anche nel settentrione d'Italia comincia a fare presa il riscaldamento a battiscopa.
Una serie di tubi in rame che corrono lungo il perimetro delle stanze e sporgono solo di alcuni centimetri.
A favore di questa soluzione sembra esserci:
- un consumo abbastanza contenuto di gas metano;
- un consumo molto minore di acqua rispetto ai termosifoni;
- pochi lavori murari perché il percorso è a vista e i tubi sono coperti da appositi profili;
- il calore parte dal basso e in maniera uniforme lungo il perimetro;
- le caldaie a condensazione sono più idonee per il risparmio perché l'impianto funziona a bassa temperatura.
A sfavore:
- forse ne perde l'estetica;
- l'impianto deve essere eseguito da specialisti che non si trovano sempre sul territorio?
Oppure: i costi sono in linea con quelli degli impianti tradizionali?
Gli impianti sono affidabili nel tempo?
Ecc. ecc.
Ultimamente non ho trovato dibattiti sul forum relativi a questo tipo di impianto.
Leggerei volentieri i pro e i contro degli installatori e degli specialisti; magari anche di chi ha nella propria abitazione un impianto di questo tipo e può portare le sue esperienze.
Grazie dei vostri contributi.
  • the manager
    The manager Ricerca discussioni per utente
    Venerdì 16 Febbraio 2007, alle ore 08:08
    Io credo che il problema piu' grande di questa tipologia di riscaldamento, sia l'integrazione con l'arredamento di casa: per esempio nel caso della cucina lo scambiatore deve essere inglobato nello zoccolino dei mobili e non nel muro; idem nel salotto etc.
    Infatti se l'impianto lo fai nel muro (nel battiscopa), e ci metti i mobili davanti.....................
    Anche iol 'avevo valutato ma poi l'ho scartato per questo motivo.
    Cosi' come il riscaldamento apavimento: il problema e' nella sua enorme inerzia termica: per andare a regime ci vogliono ore.
    Oppure lo devi tnere sempre acceso a temperature diverse: una di "stand by" e una "operativa".
    Se vuoi risparmiare, ti consiglio, per esperienza personale un impianto idronico: caldaia e ventilconvettori o fan coil che dir si voglia.
    Hai una bassa temperatura dell'acqua e un enorme rapidita' di riscaldamento della casa, e in piu' non hai la stratificazione dell'aria che invece si distribuisce uniformemente nell' ambiente, evitando i punti freddi e fenomeni di condensa etc.
    rispondi citando
  • claudik
    Claudik Ricerca discussioni per utente
    Venerdì 16 Febbraio 2007, alle ore 10:37
    Io ho scelto i ventilconvettori proprio per la rapidità nel portare a temepratura gli ambienti...

    ma che vuol dire IDRONICO? che cosa ha un impianto idronico in più ai miei ventil (oltre da come intuisco ad essere, i ventil, surdimensionati, per lavorare a BASSA temperatura)?
    rispondi citando
  • the manager
    The manager Ricerca discussioni per utente
    Venerdì 16 Febbraio 2007, alle ore 11:02
    Un impianto idronico e proprio quello che hai tu.
    E' un bel termine vero?
    Ti fa sentire impostante.
    rispondi citando
  • anonymous
    Anonymous Ricerca discussioni per utente
    Sabato 17 Febbraio 2007, alle ore 17:30
    Io credo che il problema piu' grande di questa tipologia di riscaldamento, sia l'integrazione con l'arredamento di casa: per esempio nel caso della cucina lo scambiatore deve essere inglobato nello zoccolino dei mobili e non nel muro; idem nel salotto etc.
    Infatti se l'impianto lo fai nel muro (nel battiscopa), e ci metti i mobili davanti.....................
    Anche iol 'avevo valutato ma poi l'ho scartato per questo motivo.
    Cosi' come il riscaldamento apavimento: il problema e' nella sua enorme inerzia termica: per andare a regime ci vogliono ore.
    Oppure lo devi tnere sempre acceso a temperature diverse: una di "stand by" e una "operativa".
    Se vuoi risparmiare, ti consiglio, per esperienza personale un impianto idronico: caldaia e ventilconvettori o fan coil che dir si voglia.
    Hai una bassa temperatura dell'acqua e un enorme rapidita' di riscaldamento della casa, e in piu' non hai la stratificazione dell'aria che invece si distribuisce uniformemente nell' ambiente, evitando i punti freddi e fenomeni di condensa etc.
    Per portare a regime un pavimento radiante ci vuole una giornata intera.
    Non bisogna confondere il portare a regime con l'esercizio.
    Data l'elevata inerzia termica occorre molto tempo prima che raggiunga la temperatura "operativa" di esercizio, ma analogamente ci mette tanto tempo a perdere la temperatura "operativa" di esercizio.
    Ed ecco perchè la soluzione ottimale è proprio quella dello stand-by.

    Il sistema di distribuzione di calore a pavimento è in assoluto il migliore dal punto di vista del benessere termoigrometrico, perchè il calore come dice il nome viene irradiato per irraggiamento e non distribuito per convezione, come nei ventilconvettori, da cui il nome.
    Per avvertire una sensazione di benessere nei sistemi con aria in movimento occorre che questa sia decisamente più calda dell'ambiente, mentre con un sistema di riscaldamento a pavimento una temperatura di soli 21° a pavimento garantisce un efficace senso di calore.
    Provare per credere.
    Un saluto
    rispondi citando
  • claudik
    Claudik Ricerca discussioni per utente
    Sabato 17 Febbraio 2007, alle ore 22:39
    Dotting...
    ma in una casa in sasso, non isolata..
    quindi con notevoli e rapide dispersioni....
    come lo vedi un impianto a pavimento?
    rispondi citando
  • anonymous
    Anonymous Ricerca discussioni per utente
    Domenica 18 Febbraio 2007, alle ore 07:59
    Dotting...
    ma in una casa in sasso, non isolata..
    quindi con notevoli e rapide dispersioni....
    come lo vedi un impianto a pavimento?
    Male! Poi Forlì, temperatura di progetto -5°C. Brrrrrr..

    Prima di fare qualunque intervento sul sistema di riscaldamento (generazione e/o distribuzione), ti conviene intervenire sull'isolamento dell'edificio.
    Il comma 345 della finanziaria prevede la detrazione del 55% per interventi su pareti, pavimenti, tetti ed infissi tesi a conseguire dei valori di trasmittanza termica bassa, previsti nella Tabella 3 Allegata.

    Se la tua casa non è isolata, stai solo buttando soldi in combustibile.
    Un saluto
    rispondi citando
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img clemirek
Ciao a tutti,avrei bisogno di un parere su un problema di malfunzionamento di un termosifone (quello in bagno) dell'appartamento, un monolocale, in cui vivo in affitto a Milano. ...
clemirek 27 Novembre 2014 ore 23:42 3
Img faror
Buonasera,abito in un appartamento con riscaldamento a pavimento con impianto condominiale centralizzato.Il mio contabilizzatore della Siemens contabilizza il consumo in KWH.Quale...
faror 13 Aprile 2014 ore 20:38 1
Img robigra
Buon giorno,vorrei comprare un appartamento in condominio al secondo piano più una mansarda ristrutturata.Il problema è che al piano sotto c'è il...
robigra 03 Giugno 2014 ore 15:27 1
Img vergine70
Salve a tutti,volevo porre una nuova discussione:Un appartamento di classe b con riscaldamento a pavimento in provincia di Treviso, volevo sapere quanto all'incirca corrispondono...
vergine70 16 Ottobre 2014 ore 09:24 6
Img paologiulio.dabbene@yahoo.it
Ho una casa in montagna in condominio e recentemente hanno sostituito le valvole dei termosifoni con regolazione e contabilizzazione.Adesso quando raggiungo la montagna al...
paologiulio.dabbene@yahoo.it 06 Gennaio 2014 ore 02:02 1
Notizie che trattano Riscaldamento a battiscopa: quando e se è consigliabile? che potrebbero interessarti
Battiscopa termico

Battiscopa termico

Impianti di riscaldamento - Il sistema di riscaldamento a battiscopa è un metodo semplice e poco invasivo, ideale per rendere confortevole ambienti articolati e dalle piccole dimensioni.
Riscaldamento a battiscopa: le varie tipologie

Riscaldamento a battiscopa: le varie tipologie

Impianti di riscaldamento - Valida alternativa al riscaldamento tradizionale a radiatore è sicuramente il riscaldamento a battiscopa, soprattutto dal punto di vista estetico ed economico.
Scelta del battiscopa

Scelta del battiscopa

Pavimenti e rivestimenti - Tra le cose da tenere presenti nella ristrutturazione di un alloggio c'è anche la scelta del battiscopa: le possibilità sono tante come i prodotti in commercio.

Battiscopa luminosi

Arredamento - La tecnologia led applicata ai battiscopa.

Impianti di riscaldamento, quale scegliere?

Impianti di riscaldamento - Scegliere il tipo di impianto di riscaldamento più adatto alle proprie esigenze non è facile. Bisogna individuare la migliore scelta possibile e farla propria.

Impianto di riscaldamento, uso e spese

Condominio - Con l?autunno, come d?abitudine, si ripropongono tutte le tematiche inerenti l?uso dell?impianto di riscaldamento ed i relativi costi.Vediamo le

Eleganza e design nei nuovi battiscopa decorativi

Materiali edili - Gli attuali battiscopa decorativi presenti in commercio, oltre a congiungere parete e pavimento, sono capaci di arredare l'ambiente con un tocco di creatività!

Consigli per risparmiare energia termica

Impianti - Durante la stagione invernale accorgimenti semplici e piccole ristrutturazioni contribuiscono sensibilmente al risparmio energetico.

Riscaldamento: autonomo o centralizzato?

Ripartizione spese - L'impianto autonomo consente di impostare le temperature in base alle esigenze individuali, tuttavia non è detto che questo tipo di impianto porti sempre a dei consumi inferiori rispetto a quello centralizzato.
REGISTRATI COME UTENTE
305.777 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Cersaie