Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
2017-09-24 12:13:57

Consiglio per rifacimento impianto di riscaldamento villetta di classe G


Ciao a tutti,
devo rifare l'impianto di riscaldamento della villetta appena acquistata.
La casa ha 22 anni, tutta esposta (villetta indipendente) ed è di classe G.
Attualmente c'è una vecchia caldaia a basamento, un boiler a metano, un "frigorifero" Aermec per raffreddare l'acqua per la climatizzazione e i fan coil (caldo e freddo).
Il boiler e la caldaia saranno sicuramente eliminati: sto valutando se installare una caldaia a condensazione.
Se possibile, vorrei partire da un mio punto fermo: la stufa a pellet, da installare in sala/soggiorno.
Secondo me è un ottimo comfort.
Nella casa attuale possiedo una stufa (caminetto) a legna ed in pieno inverno viaggio in casa comodo comodo in maglietta, con una temperatura di 22 °C.
In questa nuova casa scelgo il pellet per una questione di comodità con la programmazione degli orari, ma mi aspetto lo stesso risultato in termini di calore.
Per il resto sono molto confuso, non so se tenere i vecchi fan coil, comprarli nuovi o spaccare tutto ed installare i radiatori al loro posto.
Se metto i radiatori dovrò poi installare anche un impianto di climatizzazione tramite split.
Se rimango su un impianto a fan coil, posso utilizzare loro stessi per la climatizzazione.
Qual'è meglio?
Chiedendo in giro, anche a tecnici, trovo chi pende per una soluzione e chi per l'altra.
Inoltre vorrei valutare anche l'installazione di pannelli fotovoltaici: secondo voi conviene? (zona Milano)
Grazie.

  • claudiotermografia
    Claudiotermografia Ricerca discussioni per utenteRea Termografia
    Mercoledì 13 Settembre 2017, alle ore 11:06
    L'unico intervento sensato è isolare la casa, solo successivamente si può valutare una caldaia a condensazione ed ottenere un obbiettivo risparmio sia sul riscaldamento che raffrescamento e rivalutazione dell' immobile

  • bulldozer28
    Bulldozer28 Ricerca discussioni per utente
    Venerdì 15 Settembre 2017, alle ore 16:34
    Purtroppo è un intervento troppo costoso...dovrei prima rimuovere tutto il rivestimento di mattoni a vista, applicare il cappotto e reinvestire nuovi soldi per il nuovo rivestimento di mattoni a vista (per uniformarmi alle altre case del complesso)

    la caldaia a condensazione servirà ACS e riscaldamento ma verrà utilizzata per lo più in ACS in quanto per il riscaldamento il motore (quando saremo in casa) sarà la stufa (o caminetto come lo si voglia chiamare) a pellet. Ho una stufa/caminetto a legna nell'attuale casa e raggiungo, facendolo andare, serenamente i 22° in tutti e due i piani abitabili. Spero di raggiungere con il pellet lo stesso comfort.
    Ovvio che quando non saremo in casa partirà il riscaldamento classico via caldaia, ma mi interessa tenere i 20° standard nulla più.
    Poi ovviamente con la programmazione del pellet la stufa partirà a scaldare prima dell'arrivo in casa.

    Su questo ho idee abbastaza chiare...il grosso dubbio è sul resto, ossia sulla parte radiatori/fancoil.
    grazie

  • ghifpalvb
    Ghifpalvb Ricerca discussioni per utente
    Domenica 24 Settembre 2017, alle ore 12:13
    Buongiorno, concordo sul discorso isolazione, ritengo che sia il passo più importante per una successiva valutazione sugli impianti.
    Per isolare le murature esistono soluzioni innovative applicabli sulle superfici murarie interne senza ridurre spazzi o modificare la funzione delle stesse pareti. Lo stesso vale per i soffitti nel caso non si volesse intervenire sul pacchetto del manto di copertura. Tali soluzioni risultano ad altissima efficienza e sono in grado di regolare l'umidità per scambio termico.

    Distinti saluti
    Daniele



Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img foxred
Buona seraIl mio quesito è questo:Abito in un condominio ove gli impianti di riscaldamento sono tutti autonomi. Il palazzo è del 1999. Vorrei sapere se cambiando la...
foxred 27 Marzo 2022 ore 11:43 1
Img pasticcina
Ciao a tutti!Come da oggetto. Il termosione funziona (anche omogeneamente), ho controllato le valvole (sia sopra sia sotto) che sono apposto, ma se provo a farlo sfiatare l'acqua...
pasticcina 14 Marzo 2022 ore 21:16 2
Img nadia garbellini
Buongiorno a tutti, ho recentemente acquistato una baita di tre piani, circa 35 mq a piano, così composta: PT cucina e soggiorno con stufa e caminoP1 camera, bagno e...
nadia garbellini 02 Ottobre 2021 ore 12:43 2
Img attit
Ho acquistato un piccolo appartamento al mare in cui sono presenti gli attacchi per i termosifoni.Al momento c'è una caldaia da 25.5kW installata nel 2007.A noi ora...
attit 27 Settembre 2021 ore 23:30 1
Img betronparks
Salve a tutti,ho comprato questa casa qualche mese fa con riscaldamento elettrico e sapevo che il riscaldamento elettrico era dannoso, ma non avevo idea di quanto fosse dannoso.Le...
betronparks 16 Luglio 2021 ore 10:31 1
Notizie che trattano Consiglio per rifacimento impianto di riscaldamento villetta di classe G che potrebbero interessarti


Quali sono gli incentivi per la pavimentazione esterna?

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Che tipo di incentivi statali italiani possono essere richiesti nelle ipotesi di rinnovamento o di ristrutturazione della pavimentazione esterna di un immobile?

Novità per impianti radianti

Impianti - Gli impianti di riscaldamento a pannelli radianti si stanno sempre più diffondendo nelle nostre abitazioni, anche grazie agli incentivi fiscali per l'istallazione

Impianto di riscaldamento, uso e spese

Condominio - Con l?autunno, come d?abitudine, si ripropongono tutte le tematiche inerenti l?uso dell?impianto di riscaldamento ed i relativi costi.Vediamo le

Superbonus ed edifici collabenti: autocertificazione per l'impianto

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Per il Superbonus, gli edifici collabenti non devono presentare l'APE ma devono dimostrare la presenza di un impianto di riscaldamento, anche non funzionante

Espansione Acqua Riscaldamento

Impianti di riscaldamento - Considerati degli impianti di riscaldamento, sia centralizzati che autonomi, il generatore riscaldandone l'acqua ne fa incrmentare sia il volume che la pressione

Metano, GPL, Gasolio

Impianti - L'esigenza della sostituzione del combustibile di un impianto termico impone valutazioni attente sulle parti di impianto che andranno adattate di conseguenza.

Pavimenti radianti ribassati

Impianti - Il nuovo sistema di riscaldamento radiante a pavimento permette un piu' ampio utilizzo rispetto ai tradizionali impianti.

Controlli impianti termici

Impianti - Con la riaccensione degli impianti termici e delle relative centrali una questione, che spesso ricorre, è quella dei controlli necessari per l'esercizio.

Strisce Radianti

Impianti - Tra i vari tipi di sistemi di riscaldamento ad irraggiamento, uno caratterizzato da coefficienti di emissione particolarmente elevati sono le strisce radianti.
REGISTRATI COME UTENTE
339.528 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
//