Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA

Catasto, IMU e classamento catastale


P.giannone@gmx.ch
login
04 Ottobre 2020 ore 15:58 1
Buona sera,
ho bisogno di un esperto, dovrei vendere una casa ereditata.
Questa casa ha un sottoterra, piano terra e primo piano, è stata accatastata:
- primo piano, superficie catastale 133 mq escluse aree scoperte A/2
- piano terra e una parte del sotto terra 182 mq escluse aree scoperte A/2
- l'altra parte del sottoterra 59 mq C/6
Sui 182 mq essendo prima casa non pago l'IMU e sul C/6 nemmeno, essendo pertinenza.
L'IMU viene pagata solo per il primo piano - perché seconda casa.
Devo precisare che le A/2 hanno le utenze separate: acqua, gas ed elettricità.
Al mio interessente è stato detto da un notaio che dopo la compera siccome la casa viene abitata da una famiglia si può accatastare come una prima abitazione e cioè come prima abitazione e non pagherebbe l'IMU.
Ho chiesto se è veramente così.
Sia un architetto che un ingegnere mi hanno detto che bisogna stare molto attenti perché ci si può tagliare le dita. dicendo che la casa sono due unità immobiliari con gas acqua e luce separate e entrate separate anche se hanno un numero solo - il 54. e che mettendo tutto insieme si può correre il rischio che la casa accatastata sola per risparmiare l'imu verrebbe eventualmente non accettato e se si potrebbe cambiare da A/2 a casa di lusso e dovrebbe pagare alla fine su tutto l'immobile l'IMU.
La casa è costruita su 420 mq di terreno.
Chi mi può dare delle informazioni sicure?
Grazie
  • pasquale
    Pasquale Ricerca discussioni per utente
    Lunedì 12 Ottobre 2020, alle ore 11:10
    Gent.ma P.Giannone, la casa è piuttosto grande ed il rischio di "incappare" nella categoria A/1 è alto. La fusione dei due immobili (circa mq. 315) supera abbondantemente i 240 mq. che rappresenta una delle prime condizioni per il salto di categoria. Segua le indicazioni dei tecnici consultati che, a differenza del notaio, hanno la percezione reale del problema. Cordiali saluti.

Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img darksider
Salve, noi siamo partiti da una casa singola composta da due piani e l'abbiamo divisa praticamente in 2 appartamenti (sopra e sotto).Questi appartamenti risulteranno al catasto...
darksider 12 Aprile 2017 ore 15:11 2
REGISTRATI COME UTENTE
320.719 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
//