Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Aggrappante


Oberti
login
13 Febbraio 2006 ore 07:06 11
Buongiorno a tutti ,
vorrei cominciare a imbiancare la mia nuova casa e volevo chiedervi alcune domande riguardanti l'aggrappante:
In bagno e cucina le pareti e il soffitto sono in stabilitura mentre le altre stanze sono in gesso.
L'aggrappante va dato in tutte le stanze o solo in quelle in gesso ?
Se lo passo sulle pareti in stabilitura , potrebbe dare problemi di umidità ?
Va dato a rullo o pennello ?
Se passo oggi con l'aggrappante , posso imbiancare anche tra 1 settimana oppure l'imbiancatura va data a aggrappante asciutto ?

Grazie a tutti , magari a voi sembrano domande inutili , ma per me sono impoRTANTI

CIAO
  • jj
    Jj Ricerca discussioni per utente
    Lunedì 13 Febbraio 2006, alle ore 14:16
    Il compito di questi prodotti è quello di fissare diversi componenti in modo che diventino un corpo unico,in questo caso la pittura alla parete che sia di gesso o altro, infatti non vengono usati solo prima di pitturare ma anche in altri casi, i tempi di asciugatura non li so potresti leggerlo sulla confezione, comunque io ho sempre usato l'isolante fissativo e non ci ho mai badato, ti posso garantire che non mai avuto problemi.
    Visto che siamo in inverno però è bene che ti ricordi di tenere il locale ben arieggiato, di aspettare un pò fra una mano e l'altra di pittura prorio perché le pareti ci mettono più tempo ad asciugare e rischiresti dei rigonfiamenti.
    P.S l'solante meglio che lo dai a pennello, rispetta le dosi indicate sulla confezione altrimenti la parete si lucida (se ne metti troppo) e evita di dare pennellate sporadiche magari dopo l'intera stesura perché quelle potrebbero vedersi in controluce dopo che hai dato la pittura.
    Spero di esserti stata di aiuto ciao
    rispondi citando
  • giacuratolo
    Giacuratolo Ricerca discussioni per utente
    Martedì 14 Febbraio 2006, alle ore 17:30
    L'isolante o aggrappante in genere non serve. basta dare una bella mano di pittura che intendi usare diluita al 60% invece che al 40-50% come normalmente si fa (e richiede una buona pittura murale traspirante).

    se la pittura riporta una diluizione inferiore al 35-50% significa che non è granchè.
    saluti

    giacuratolo.
    rispondi citando
  • mariomornata
    Mariomornata Ricerca discussioni per utente
    Martedì 14 Febbraio 2006, alle ore 19:32
    Sopratutto se il muro è nuovo,è obbligatorio dal punto di vista della prestazione,eseguire il lavoro procedendo con una mano di fissativo
    e due mani di idropittura lavabile,il traspirante su muri nuovi,ha troppi micron di spessore,e con il tempo e le diverse sovrapposizioni tenderebbe al distacco determinato dallo spessore del prodotto secco.
    una idropittura con resina acrilica si diluisce con solo 30% di acqua
    ed è la migliore,poi ci sono le viniliche e le versatate si diluiscono al 40%
    poi arrivano le traspiranti e le tempere normali ,sempre idropitture ma non contengono nè resine nè titanio,ma solo biancone e resine povere.
    Se si vuole evitare il fissativo,è meglio usare pitture a base di calce naturale direttamente su muri anche umidi.

    Mario Mornata
    0362501388

    www.bigardicolori.com
    www.vernicinaturali.it
    rispondi citando
  • jj
    Jj Ricerca discussioni per utente
    Mercoledì 15 Febbraio 2006, alle ore 08:58
    Scusa giacuratolo però condivido quello che ha detto mariomornata, il fissativo è importante per evitare spiacevoli inconvenienti dopo, anche perché se si tratta di pareti nuove appena rasate e conseguentemente carteggiate sono piene di polvere e si sà che la polvere ostacola l'adesione e forma dei piccoli grumi appena si passa la pittura, questo viene evitato dal fissativo che la "brucia". In ultimo a passare il fissativo non ci vuole molto è come dare una mano di pittura.
    Ciao
    rispondi citando
  • giacuratolo
    Giacuratolo Ricerca discussioni per utente
    Giovedì 16 Febbraio 2006, alle ore 11:44
    Io porto la mia opinione data dall'esperienza e dai consigli ricevuti.
    forse ho sbagliato nel dire che non serve; serve, ma può essere sostituito da una mano più diluita di traspirante, ovviamente se si dà del traspirante. sul lavabile non sono molto d'accordo con mariomormata, nel senso che trovo dannoso dare una pittura che mi fa un effetto pellicola senza grande traspirabilità per il muro. nel tempo ho visto più distacchi e crepe di vernici lavabili che traspiranti.
    l'apertura alle esperienze e consigli e sempre massima! in queste pagine ho imparato a porre l'attenzione e a raffinarla su diversi cose.
    saluti, giacuratolo.
    rispondi citando
  • tartarugae
    Tartarugae Ricerca discussioni per utente
    Giovedì 16 Febbraio 2006, alle ore 11:52
    Domanda: è vero che con le lavabili il muro non respira e quindi può creare muffa più facilmente?
    rispondi citando
  • giacuratolo
    Giacuratolo Ricerca discussioni per utente
    Giovedì 16 Febbraio 2006, alle ore 12:10
    Si è vero.
    una corretta aerazione dei locali, resta comunque una buona soluzione.
    la sola presenza di una pittura lavabile invece di una traspirante da sola non basta a creare situazioni di questo genere.
    rispondi citando
  • jj
    Jj Ricerca discussioni per utente
    Giovedì 16 Febbraio 2006, alle ore 13:32
    Ciao
    io mi riferivo all'isolante fissativo e non al tipo di pittura, infatti quello che hai detto sulla lavabile purtroppo è vero, la mia cucina è piena di crepe e distacchi è da non crederci non mi era mai successo e non ricordo neanche la marca che ho usato per depennarla dai miei lavori, anche se non dipende totalmente da quella.Magari userò una traspirante visto che me lo hai detto.
    Sinceramente ho dato delle pitture senza fissativo ma avevo fatto un buon lavoro di preparazione delle superfici, non ho mai avuto problemi, fino a quando ultimamente bussando ad una parete mi sono accorta che bussa a vuoto, in una parte è avvenuto un distacco non visibile e spero che tenga perché la caduta causerebbe un rifacimento totale visto il tipo di pittura, se avessi usato anche lì il fissativo non sarebbe successo.
    Se quello che temo dovesse verificarsi mi costerebbe un mesetto di lavoro e una gran fatica per questo conviene spendere dieci minuti per il fissativo, in particolar modo quando si fanno pitture particolari.
    Ciao
    rispondi citando
  • mariomornata
    Mariomornata Ricerca discussioni per utente
    Giovedì 16 Febbraio 2006, alle ore 17:49
    Il termine " lavabile",viene usato dalle aziende produttrici,significa resistente a migliaia di colpi spazzola, metro di misura per valutarne la qualità ,perciò dai 5000 c.p. s. consideriamo una buona lavabile.
    Il concetto di" traspirabilità" è arrivato dopo, nel tempo, considerando proprio il luogo comune che rifiutava a priori,il termine "lavabile".
    Il/la lavabile è di per sè anche traspirante,per l'applicatore che conosce il prodotto,è la stessa cosa dare un labile o una traspirante,solitamente non insiste con il cliente, ricorrendo ad una traspirante che costa esattamente la metà di una lavabile. Per quanto riguarda il distacco dopo aver usato una lavabile,è il solito problema ben conosciuto,cioè una lavabile sopra un traspirante magari di bassa qualità ,causa sicuramente il distacco dal supporto,il contrario invece non causa distacco,per evitare tale problema,si ricorre all'uso di fissativo ,che non è altro che una verifica del prodotto sottostante,se c'è una tempera/traspirante il fissativo solleva dal supporto tale prodotto,ed evitiamo inutile lavoro,si procede quindi con la asportazione della parte distaccante ,si stucca a rasare ,quindi fissativo e due mani di idropittura lavabile.
    Non so se sono stato esauriente
    cordiali saluti

    www.bigardicolori.com
    rispondi citando
  • mariomornata
    Mariomornata Ricerca discussioni per utente
    Lunedì 20 Febbraio 2006, alle ore 17:14
    Il termine " lavabile",viene usato dalle aziende produttrici,significa resistente a migliaia di colpi spazzola, metro di misura per valutarne la qualità ,perciò dai 5000 c.p. s. consideriamo una buona lavabile.
    Il concetto di" traspirabilità" è arrivato dopo, nel tempo, considerando proprio il luogo comune che rifiutava a priori,il termine "lavabile".
    Il/la lavabile è di per sè anche traspirante,per l'applicatore che conosce il prodotto,è la stessa cosa dare un labile o una traspirante,solitamente non insiste con il cliente, ricorrendo ad una traspirante che costa esattamente la metà di una lavabile. Per quanto riguarda il distacco dopo aver usato una lavabile,è il solito problema ben conosciuto,cioè una lavabile sopra un traspirante magari di bassa qualità ,causa sicuramente il distacco dal supporto,il contrario invece non causa distacco,per evitare tale problema,si ricorre all'uso di fissativo ,che non è altro che una verifica del prodotto sottostante,se c'è una tempera/traspirante il fissativo solleva dal supporto tale prodotto,ed evitiamo inutile lavoro,si procede quindi con la asportazione della parte distaccante ,si stucca a rasare ,quindi fissativo e due mani di idropittura lavabile.
    Non so se sono stato esauriente
    cordiali saluti

    www.bigardicolori.com
    rispondi citando
  • mariomornata
    Mariomornata Ricerca discussioni per utente
    Giovedì 23 Febbraio 2006, alle ore 20:19
    Il termine " lavabile",viene usato dalle aziende produttrici,significa resistente a migliaia di colpi spazzola, metro di misura per valutarne la qualità ,perciò dai 5000 c.p. s. consideriamo una buona lavabile.
    Il concetto di" traspirabilità" è arrivato dopo, nel tempo, considerando proprio il luogo comune che rifiutava a priori,il termine "lavabile".
    Il/la lavabile è di per sè anche traspirante,per l'applicatore che conosce il prodotto,è la stessa cosa dare un labile o una traspirante,solitamente non insiste con il cliente, ricorrendo ad una traspirante che costa esattamente la metà di una lavabile. Per quanto riguarda il distacco dopo aver usato una lavabile,è il solito problema ben conosciuto,cioè una lavabile sopra un traspirante magari di bassa qualità ,causa sicuramente il distacco dal supporto,il contrario invece non causa distacco,per evitare tale problema,si ricorre all'uso di fissativo ,che non è altro che una verifica del prodotto sottostante,se c'è una tempera/traspirante il fissativo solleva dal supporto tale prodotto,ed evitiamo inutile lavoro,si procede quindi con la asportazione della parte distaccante ,si stucca a rasare ,quindi fissativo e due mani di idropittura lavabile.
    Non so se sono stato esauriente
    cordiali saluti

    www.bigardicolori.com
    rispondi citando
Notizie che trattano Aggrappante che potrebbero interessarti


Collanti per piastrelle e materiali per sottofondi

Progettazione - Il settore edilizio che riguarda la posa di piastrelle e di massetti sottopavimenti, si compone di prodotti in grado di soddisfare varie esigenze applicative.

Colorare i componenti di arredo: preparazione dei supporti e modalità di tinteggiatura

Decorazioni - Seguendo alcuni semplici accorgimenti, colorare le superfici di arredo può essere una soluzione efficace ed economica per rinnovare gli spazi della propria casa.

Riprese strutturali resistenti

Ristrutturazione - Come procedere per ampliare ed unire parti strutturali realizzate in tempi diversi.

Come usare collanti ed ancoranti

Fai da te - Criteri di scelta per effettuare incollaggi ed ancoraggi.

Come si esegue la posa dei coprimuro a regola d'arte

Fai da te Muratura - La posa dei coprimuro oltre a migliorare l'estetica della sommità dei muri, parapetti, balconi e pilastri, li protegge dalle infiltrazioni delle acque pluviali.

La zoccolatura di facciata dell'edificio

Facciate e pareti - La zoccolatura è la cornice posta alla base della facciata di un edificio a contatto col suolo. Oltre all'estetica, è necessaria come protezione della parete.

In che modo ristrutturare un bagno con piccoli lavori fai da te

Fai da te Muratura - Un bel progetto per gli amanti del bricolage con le illustrazioni passo dopo passo, per realizzare una ristrutturazione del bagno in fai da te, spendendo poco!
REGISTRATI COME UTENTE
311.067 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE