Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
2020-10-05 08:16:10

Bonus ristrutturazione villino con stanza non in regola


Miller
login
22 Settembre 2020 ore 23:26 4
Buonasera,
15 anni fa ho acquistato un villino in campagna di 100mq del quale ero consapevole che possedesse una stanza (la quarta) abusiva in un contesto comunque in cui era stata integrata con gusto e senso estetico, tanto da farla sembrare quasi facente parte del progetto originario.
Adesso il villino ha bisogno di interventi sia nella facciata esterna sia all'interno, in particolare all'impianto elettrico ed idraulico.
Consultando un professionista mi è stato detto che la stanza non può essere messa in alcun modo in regola in quanto non esiste allo stato attuale alcuna legge che consenta una domanda di condono.
Il che vuol dire che non può essere effettuata alcuna pratica di rimborso fiscale finché non viene regolarizzata.
Che tradotto vuol dire MAI, a meno che uscissero ulteriori sanatorie poiché le commissioni edilizie di fatto non esistono più.
Ci sarebbe soltanto una possibilità, non tanto ortodossa per la verità, consistente nel presentare al comune un progetto di risanamento dell'edificio indicando le quattro stanze.
Progetto che con le giuste "strade" potrebbe essere approvato, chiudendo per così dire un occhio sulla stanza non regolare.
Ma ciò comporterebbe anche una discordanza tra il progetto e la planimetria catastale.
Sbloccando comunque la possibilità di avviare i lavori di ristrutturazione.
A questo punto si pone una questione fatidica.
Avviando tale iter, con tutte le correlate comunicazioni da effettuare all'Agenzia delle Entrate per la detrazione fiscale (50%, 36% o addirittura al 90% se la zona ricadesse nelle aree A o B previste per il bonus facciata), esisterà sicuramente la possibilità concreta che il fisco faccia degli accertamenti sulla regolarità della documentazione presentata per tale tipologia di agevolazioni.
È chiaro che se il fisco mi chiedesse le planimetrie e gli estratti di mappa originali nonché i certificati catastali si evincerebbe una palese discordanza tra la superficie dichiarata nel progetto di ristrutturazione e quella effettiva dell'appartamento con le conseguenze che tutti immaginiamo sul piano sanzionatorio.
Quello che chiedo in questo forum è con quale frequenza tali controlli vengano effettuati.
Perché se si trattasse di uno su diecimila ne varrebbe la pena forse rischiare.
In fin dei conti qui stiamo parlando di una misera stanza non regolare che esteticamente (e questo mi è stato detto da professionisti) non deturpa minimamente l'ambiente in quanto integrato perfettamente in esso.
È veramente una beffa vedere attorno a casa mia costruzioni abusive, sanate 17 anni fa (governo Berlusconi) e che sono dei reali obbrobri (peraltro affittati con buone rendite) rispetto alla mia, costruita come una classica casa di campagna con i tetti spioventi e i materiali da costruzione utilizzati secondo regola.
Beffa ancor più cocente visto che qualche vicino si vanta pure di poter recuperare fiscalmente buona parte delle spese di ristrutturazione che sta sostenendo su una casa che per decoro estetico andrebbe soltanto rasa al suolo.
Saluti
Modificato il 22 Settembre 2020 ore 23:31
  • pasquale
    Pasquale Ricerca discussioni per utente
    Sabato 26 Settembre 2020, alle ore 17:59
    Gent.mo Miller, il controllo esiste anche se in percentuale estremamente bassa da parte dell'AdE. Più facile, invece, il controllo del comune (5%), con conseguenze amministrative (restituzione delle somme indebitamente detratte con le maggiorazioni del caso) e penali oltre alla demolizione a Suo danno della parte abusiva. Inoltre, in caso di vendita, donazione, mutuo, ecc. verrà fuori l'illecito dalla mancata produzione della conformità urbanistica e catastale dell'immobile. Cordiali saluti.

  • nabor
    Nabor Ricerca discussioni per utente
    Domenica 27 Settembre 2020, alle ore 10:12
    Gent.mo Miller, buongiorno. Le verifiche sull'abusivismo edilizio sono saltuarie, ma non assenti. Il problema, come giustamente rilevato anche da Pasquale, è che la circolazione dell'immobile, dopo la L. 122/2010, in queste condizioni è pressocchè impossibile.

  • miller
    Miller Ricerca discussioni per utente
    Domenica 4 Ottobre 2020, alle ore 09:12
    Grazie tante, Pasquale e Nabor per le vostre competenti risposte.Documentandomi sia di presenza con professionisti sia sul web sembrerebbe che ci sia unico spiraglio costituito dalla cosiddetta edilizia libera per la quale l'Agenzia delle Entrate si è espressa circa la possibilità di ottenere le detrazioni fiscali senza l'obbligo di effettuare la CILA. Basterebbe una semplice autocertificazione in cui si specifica l'inizio dei lavori.Nelll'edilizia libera rientrerebbero i lavori di rifacimento dell'impianto elettrico obsoleto nonché di quello idraulico.Speriamo sia la giusta strada.Saluti

  • pasquale
    Pasquale Ricerca discussioni per utente
    Lunedì 5 Ottobre 2020, alle ore 08:16
    Gent.mo Miller, è una strada percorribile. La rifazione completa del bagno/i e di tutti gli impianti (compreso le opere conseguenziali), sono lavori fiscalmente detraibili e senza alcun provvedimento autorizzativo. È di fondamentale importanza, però, la redazione dell'autocertificazione al completamento delle opere. Cordiali saluti.

Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img fabiana vinzi
Buonasera ho aperto uno scia per restauro risanamento conservativo (leggero) e ho alcuni dubbi.Per acquisti fatti direttamente da me per materiale elettrico ed edile quale iva mi...
fabiana vinzi 30 Giugno 2022 ore 09:08 2
Img tzero 25
Buonasera a tutti,sto per iniziare i lavori del superbonus nella mia unifamiliare, cedo il credito all'impresa e da computo metrico ho un accollo di 7.000.Questa somma rientra con...
tzero 25 08 Giugno 2022 ore 19:48 2
Img braccobaldoshow
Salve,sono il proprietario di una villetta unifamiliare di cui dovrei fare delle opere interne e il mio geometra ha già presentato una CILA al comune il quale...
braccobaldoshow 28 Maggio 2022 ore 11:14 5
Img claudia leurini
Buongiorno,nell'ambito del bonus ristrutturazione 50% è indispensabile conferire l'incarico a una impresa "chiavi in mano" che si occupi di tutto oppure è...
claudia leurini 12 Maggio 2022 ore 17:56 2
Img fristy
Buonasera a tutti,ho comprato una stufa a pellet come integrazione di un impianto a metano esistente, auspicando alla detrazione 50%. Ho varie domande a riguardo. Per poter...
fristy 09 Maggio 2022 ore 11:09 2
Notizie che trattano Bonus ristrutturazione villino con stanza non in regola che potrebbero interessarti


Ristrutturazioni: previsto in Sardegna un bonus aggiuntivo

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Nella Regione Sardegna in caso di esecuzione di interventi di ristrutturazione è allo studio la previsione di un bonus aggiuntivo del 40%. Ecco di cosa si tratta

Quando e come richiedere il Bonus camino 2021

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Per quali lavori edilizi può essere richiesto il Bonus camino 2021 optando tra le due alternative dello sconto in fattura o della cessione del credito di imposta

Sì alla proroga Bonus mobili e bonus verde ma con dei limiti

Leggi e Normative Tecniche - Bonus mobili e bonus verde sono i grandi assenti dalle previsioni del Decreto Rilancio in ambito di sconto in fattura e cessione del credito. Ammessa la detrazione.

Recupero edilizio: detrazione fiscale per prosecuzione di lavori iniziati

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Quali sono i limiti della spesa detraibile in caso di prosecuzione di interventi di ristrutturazione già iniziati. Ecco cosa sostiene l'Agenzia delle Entrate.

Bonus condizionatori 2022: come funziona?

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Il bonus condizionatori 2022 consente di ottenere una detrazione fiscale che va dal 50% al 65% per l'acquisto di un nuovo impianto almeno di classe energetica A+

No al bonus ristrutturazione se l'edificio è di nuova costruzione

Detrazioni e agevolazioni fiscali - La Corte di Cassazione, con una recente ordinanza chiarisce quali sono i requisiti per poter beneficiare del bonus ristrutturazioni. Vediamo i punti salienti.

In arrivo il bonus per ristrutturare gli impianti elettrici in condominio

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Dal 1° gennaio 2020 i condomini che intendono ristrutturare vecchi impianti elettrici potranno fruire di un contributo fino a 1200 euro. È quanto previsto da Arera

Proroga Bonus mobili: tutte le novità per il 2022

Detrazioni e agevolazioni fiscali - La Legge di Bilancio 2022 ha prorogato il Bonus mobili fino al 31 dicembre 2024 con delle novità tra le quali emerge la riduzione del limite di spesa massimo

Quali sono gli incentivi per la pavimentazione esterna?

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Che tipo di incentivi statali italiani possono essere richiesti nelle ipotesi di rinnovamento o di ristrutturazione della pavimentazione esterna di un immobile?
REGISTRATI COME UTENTE
339.482 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
//