Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Lavori deliberati che impediscono l'accesso all'appartamento


Gocu01
login
14 Febbraio 2019 ore 18:38 3
Buonasera,
a seguito di una assemblea condominiale sono stati deliberati a maggioranza (solo io ho votato NO) dei lavori di demolizione e ricostruzione della scala interna condominiale per poter poi avere spazio sufficiente per inserire un ascensore.
È necessaria la demolizione completa perché l'ingegnere della ditta che se ne occuperà ha comunicato ai condomini che un eventuale "taglio" parziale della scala attuale la renderebbe instabile.
L'ingegnere ha comunicato che a causa di ciò, l'accesso a tutti gli appartamenti sopraelevati compreso quindi il mio al primo piano, sarà interdetto per almeno 2 mesi.
Questo purtroppo mi causerà una perdita economica notevole poiché da anni affitto a studenti universitari (affitto annuale, da inizio settembre a fine agosto) e con tutta probabilità il prossimo anno accademico non riuscirò ad affittare (gli studenti preferiranno altre sistemazioni piuttosto che affrontare il disagio di dover traslocare per 2 mesi).
Consideri infatti che i lavori verranno realizzati durante il prossimo anno accademico.
Alla luce di questo volevo chiedere:
1) è possibile che il condominio voti a maggioranza lavori di questo genere (superamento barriere architettoniche) che comportino un totale mio impedimento a godere del bene di cui sono proprietario per ben 2 mesi?
2) Qualora la votazione ed i lavori siano leciti: posso richiedere un indennizzo al condominio pari all'importo del contratto annuale d'affitto stipulato negli ultimi anni con gli studenti?
Grazie mille
  • jovis
    Jovis Ricerca discussioni per utente
    Domenica 17 Febbraio 2019, alle ore 11:40 - ultima modifica: Domenica 17 Febbraio 2019, alle ore 11:43
    Ciao,

    l'argomento mi incuriosisce (anche se non sono un esperto), perché se il condominio dovrebbe rispondere qualcosa per l'eventuale danno, non sarebbe solo a Lei ma anche agli altri condomini, visto che la scala è di uso comune.

    Se la maggioranza in assemblea ha deciso di procedere x i lavori in tal modo, penso che vada rispettato il verbale.

    Cmq, questo è solo un mio punto di vista, poi magari un esperto ci può illuminare su una situazione come la sua.
    rispondi citando
  • lucag1979
    Lucag1979 Ricerca discussioni per utente
    Mercoledì 20 Febbraio 2019, alle ore 11:48
    Carissimo, ho letto il quesito.
    A me pare possibile che il condominio voti manutenzione e ricostruzione delle scale (art. 1124 c.c.) al massimo con le maggioranze previste dalla legge per le innovazioni (maggioranza intervenuti all'assemblea e 2/3 valore dell'edificio).
    Quando ai danni per mancato guadagno o comunque inutilizzabilità: in linea di massima concordo con Jovis, magari puoi chiedere una consulenza (servizio a pagamento) agli esperti del sito, qui: Consulenza Legale, Fiscale e Condominiale
    rispondi citando
  • gocu01
    Gocu01 Ricerca discussioni per utente
    Mercoledì 20 Febbraio 2019, alle ore 18:03
    Salve e grazie per essere intervenuti.

    Rimango però dell'idea che lavori così invasivi, seppur deliberati a maggioranza, non siano leciti.
    Ho cercato molto sul web in questi giorni e di tutti i contenziosi condominiali riguardo lavori invasivi non ce n'era uno che avesse per oggetto un disagio grande tanto quanto l'estromissione del proprietario dal proprio appartamento (di solito si tratta di disagi legati a rumori molesti, impalcature oppressive e, al massimo, al passaggio degli operai all'interno dell'appartamento).
    Oltretutto l'assemblea delibera lavori per i quali mi impone di abbandonare casa senza aver prima studiato in maniera approfondita altre soluzioni per superare le barriere architettoniche, come la possibilità di installare un ascensore esterno (soluzione cmq complicata perché un condomino dovrebbe cedere una porzione di giardino) oppure l'installazione di un montascale elettrico, perché anche questo permette di superare le barriere architettoniche e garantire l'accesso ad un disabile, ove ce ne sia uno.

    Riguardo un eventuale indennizzo, invece, immagino che questo dovrebbe spettare innanzitutto a chi ha votato contro tale delibera (solo io), perché presuppongo che chi ha votato a favore abbia fatto i propri conti e sia in grado di ammortizzare tale perdita... che ne pensate?
    rispondi citando
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img falwstaff
Ciao a tutti,io e mia moglie siamo disperati, dobbiamo abbatttere un abuso edilizio al 1° piano,abbiamo fatto la CIL protocollata correttamente al comune.La proprietaria del...
falwstaff 26 Marzo 2014 ore 09:24 1
Img stefaniamerlo
Buongiorno, ho bisogno di un parere. Nel condominio dove abito, siamo intenzionati a ristrutturare le facciate. I ponteggi dovranno essere montati su terrazzi di proprietà...
stefaniamerlo 24 Luglio 2018 ore 20:05 3
Img xf650xf
Buongiorno Ho il balcone sopra di me che ha dei calcinacci in "caduta libera", cosi come avevano quelli più sopra.Il vicino di sopra (a cui competono i lavori) intende...
xf650xf 12 Settembre 2014 ore 13:02 2
Notizie che trattano Lavori deliberati che impediscono l'accesso all'appartamento che potrebbero interessarti


Energia elettrica e gas: gli indennizzi automatici

Leggi e Normative Tecniche - Energia elettrica e gas: se non rispettano i livelli standard gli operatori devono corrispondere ai consumatori gli indennizzi automatici fissati dall'Autorità.

Articolo 42 Bis Testo Unico Espropri

Normative - L'articolo 42 bis nel Testo Unico sugli Espropri e' destinato a sollevare le attenzioni della Corte Costituzionale e della Corte Europea per i Diritti dell'Uomo.

Risarcimento danni quando la lite in condominio è troppo lunga

Liti tra condomini - Liti condominiali troppo lunghe, importante sentenza della Corte di Cassazione relativamente alle liti condominiali ed alla loro eccessiva durata.

Installazione dei ponteggi in condominio: come suddividere i costi?

Ripartizione spese - L'installazione dei ponteggi in condominio, per manutenzione di parti interne o esterne all'edificio, è spesso necessaria: chi ne paga i costi e in che misura?

Lavori in Quota

Ristrutturazione - I lavori in quota sono tra i più pericolosi in campo edilizio e oltre ai tecnici coinvolti anche il committente può verificare la validità delle misure di sicurezza.

Occupazione di suolo privato, diritto di accesso al fondo, necessità e indennità

Proprietà - Per eseguire lavori su proprietà privata si ha diritto all'occupazione di suolo privato se ricorre la necessità e salvo l'obbligo di corresponsione di indennità.

Appalto tra privati e diritto di recesso

Leggi e Normative Tecniche - Nell'appalto l'interesse giuridicamente rilevante alla realizzazione del progetto è solo del committente. Di conseguenza egli può sempre recedere, salvo indennizzo.

Mutui per ristrutturazione casa

Mutui e assicurazioni casa - Oltre che per l'acquisto, un mutuo può essere richiesto anche per finanziare lavori di ristrutturazione, manutenzione ordinaria e manutenzione straordinaria.

Ritardi nell'attivazione del servizio di telefonia e internet

Leggi e Normative Tecniche - Servizi di telefonia e internet: quali sono le tutele per l'utente nel caso di mancata o ritardata attivazione del servizio che egli ha richiesto? Vediamolo qui
REGISTRATI COME UTENTE
310.797 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE