Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
2009-09-13 17:38:50

Minipiscina in taverna... problema di peso?


Steiba
login
23 Giugno 2009 ore 12:56 22
Ciao a tutti,
gradire un parere da chi si intende di edilizia riguardo il seguente problema.

Ho acquistato un appartamento in un edificio in costruzione. L'appartamento e' un primo piano rialzato + taverna seminterrata di circa 65 mq. Allego la pianta, per le proporzioni considerate che il muro lungo in alto e' di circa 11 metri.
Sotto il piano seminterrato della taverna c'e' il piano interrato dei box (non so di preciso cosa ci sia esattamente sotto la mia taverna).

Il pavimento della taverna ha riscaldamento radiante.

Nell'angolo in basso a sinistra vorremmo realizzare una minipiscina o spa di dimensione massima 2 x 2.5 m. (il modello non lo abbiamo ancora scelto). Conto ovviamente di metterla posata, non di incassata.
Queste bestie sono pesantissime una volta piene d'acqua e con 3 o 4 persone dentro. Ho visto un po' di modelli e il carico massimo a pavimento varia da 550 kg/m² a 660 kg/m² circa a seconda del modello.

Mi chiedevo se il pavimento reggerebbe un carico di questo genere o se sarebbero necessari lavori specifici di rinforzo.

Con gli elementi che vi ho fornito potete gia' darmi qualche indicazione o e' necessario che contatti in qualche modo l'architetto della cooperativa edificatrice?

Grazie anticipatamente a chi vorra' darmi una mano.
  • archibagno.it
    Archibagno.it Ricerca discussioni per utente
    Mercoledì 24 Giugno 2009, alle ore 17:05
    Ti sei risposto da solo visto che conosci il peso sopportato al MQ.

    L'intevento di un INGEGNERE è d'obbligo comunque, provvedere ad effettuare il calcolo per un eventuale rinforzo con putrelle od altro.

    Ne approfitto per spostarti nella sezione "PROGETTAZIONE", più consona alla tua richiesta.

  • steiba
    Steiba Ricerca discussioni per utente
    Mercoledì 24 Giugno 2009, alle ore 17:50
    No, il carico massimo che ho indicato non e' quello massimo sopportabile dal pavimento, ma quello massimo delle minipiscine (immagino considerandole piene d'acqua e di persone sovrappeso ) che ho visto in vari siti commerciali.

    Il carico massimo sopportabile dal pavimento mi e' attualmente ignoto. Potrei rompere le scatole alla signora della cooperativa per avere delucidazioni in meito, ma volavo avere prima qualche indicazione anche da eventuali esperti del forum.

    L'eventuale rinforzo con putrelle potrebbe essere anche un intervento successivo al completamento dello stabile? spero davvero che non sia necessaria una cosa del genere perche' gia' mi immagino cifre con parecchi zeri in gioco...

    Grazie per avere spostato la discussione in un luogo piu' consono e scusa per l'errore

  • archibagno.it
    Archibagno.it Ricerca discussioni per utente
    Mercoledì 24 Giugno 2009, alle ore 23:34
    MI pare che un pavimento non al piano terra per capirci, sopporta meno di quello che tu hai indicato, per cui...

    Non credo tu possa rinforzare in un secondo tempo, in quanto l'ingegnere è diretto responsabile della struttura.

    In questo link, puoi vedre una vasca idromassaggio di diametro 180 cm, rivestita da conci in marmo.

    Il pavimento è stato rinforzato con quattro putrelle, in quanto il pavimento essendo in centro stanza, non poteva sopportare un peso di queste dimensioni.

    VASCA IDRO IN CENTRO STANZA

  • steiba
    Steiba Ricerca discussioni per utente
    Giovedì 25 Giugno 2009, alle ore 10:25
    Ah, io speravo che trattandosi di un pavimento sottoterra e per giunta con il piano box sotto di lui avesse una struttura piu' solida del normale. A meno che non ci sia uno dei muri (o ancora meglio l'incrocio di 2 muri) dei box proprio nel centro della zona in cui voglio mettere la minipiscina (sarebbe una bella fortuna, no?).
    Nel primo post non ho specificato la posizione che avrei in mente per la minipiscina, allego una nuova pianta con evidenziata la posizione in azzurro.
    Mi sembra di capire che posizionarla all'angolo della stanza possa migliorare la situazione.
    Credo comunque che sia assolutamente necessario sentire la tizia della cooperativa per avere lumi...

  • steiba
    Steiba Ricerca discussioni per utente
    Venerdì 3 Luglio 2009, alle ore 17:43
    Ho contattato la cooperativa edificatrice, che ha risposto che "presenteremo la modifica richiesta quando verremo interpellati per le modifiche". Non mi ha quindi dato alcuna informazione sul peso massimo sopportabiel dal pavimento in quel punto e neanche se i corridoi dall'ingresso del palazzo alla porta d'ingresso della mia taverna permettono il passaggio di un oggetto di questo tipo.

    Dovrò quindi aspettare la convocazione per la richiesta delle modifiche murarie che ci interessano. Direi che non mi resta che incrociare le dita e sperare che sotto al punt oche mi interessa ci sia un bell'incrocio di muri potrtanti del piano box...

  • archibagno.it
    Archibagno.it Ricerca discussioni per utente
    Sabato 4 Luglio 2009, alle ore 12:49
    E' il progettista incaricato che deve provvedere al controllo, con l'ausilio di un ingegnere che ne verifica le caratteristiche di staticità.

  • steiba
    Steiba Ricerca discussioni per utente
    Sabato 4 Luglio 2009, alle ore 21:06
    Ok, il problema è che io non sono in contatto con nessuno dei due, trattandosi di un condominio (da 200 appartamenti) io sono in contatto solo con una signora della cooperativa, quella che ha seguito le nostre pratiche per il contratto di "acquisto", fideiussione, ecc...

    Le ho spiegato per email la nostra esigenza e la risposta è stata quella. Per carità, capisco che stare dietro a modifiche strutturali per ciascun condomino sarebbe un po' un casino.
    Mi chiedo solo quando verremo interpellati per le "modifiche murarie" personali a che punto sarà già la costruzione e su cosa sarà possibile intervenire. Sarà già bello che piazzato il pavimento? (mi viene da pensare di no, visto che dopo la modifiche murarie sarà il momento di quelle impiantistiche, che immagino necessitino di un pavimento non ancora fatto).
    Le putrelle di rinforzo si possono mettere agevolmente (leggi senza che mi chiedano cifre folli) se tutti i muri portanti sono già stati tirati su, pavimento escluso?

    Scusate se faccio domande al limite del ridicolo, ma io di edilizia ci capisco ben poco, per non dire zero.

  • steiba
    Steiba Ricerca discussioni per utente
    Sabato 15 Agosto 2009, alle ore 02:45
    Rispolvero la discussione per chiedere altre informazioni sulle minipiscine a chi ne ha esperienza professionale.

    Accantonando per un momento il discorso del peso (mi sono un po' informato nel frattempo e pare che ci siano buone possibilita' che non sia un problema), vorrei affrontare quello dell'umidita'.

    Premetto che la taverna in oggetto sara' arredata con ogni genere di cose abbastanza delicate: un divano, un biliardo, apparecchiature varie per home theater.

    Inizialmente la mia intenzione era quella di creare nell'angolo in basso a sinistra (delimitato dalla colonna), una minipiscina rialzata e incassata e "libera", ovvero senza barriere rispetto al resto della taverna.

    Ho pensato pero' che, anche se non verra' utilizzata a ciclo continuo (suppongo che l'utilizzo normale sara' di una seduta a settimane della durata di mezz'ora, piu' raramente una sessione di 1 ora o poco piu'), potrebbe creare problemi di umidita' a muri, soffitto, biliardo, ecc...

    Sono disposto a chiudere l'area della minipiscina (limitatamente a quella delimitata dal pilastro) con dei muri, o meglio sarei disposto ad affrontare la spesa di due pareti di vetro con una porta di accesso pur di non isolare visivamente la minipiscina dal resto della taverna.

    Immagino, correggetemi se sbaglio, che pero' questo avrebbe senso solo se potessi installare nel "locale piscina" cosi' creato un deumidificatore. Il problema e' che, se ho capito bene, per legge (e anche per buon senso) non si potrebbe installare il deumidificatore a meno di 2 metri dalla minipiscina.
    Confermate?

    Se cosi' e' mi chiedo allora quale delle seguenti opzioni sia la migliore:

    1) Lasciare la minipiscina libera (niente pareti di vetro) e installare un deumidificatore a distanza di sicurezza dalla minipiscina. Sarebbe sufficiente ad evitare danni da umidita'?
    2) Mettere un deumidificatore a distanza di sicurezza dalla minipiscina, ma mettere anche le pareti di vetro per isolare la minipiscina. Il deumidificatore rimarrebbe fuori dal "locale piscina", per cui mi chiedo se le pareti in vetro avrebbero davvero una qualche utilita' nel combattere l'umidita'.

    Altrimenti ho visto che esistono anche dei deumidificatori cosiddetti "ad incastro" che, a quanto ho capito, sono da installare fuori dal locale da deumidificare, collegandolo al locale da deumidificare tramite due condotti, forando una parete.
    In questo caso mi basterebbe fare una parte della parete in mattone invece che in vetro, forarla ed installare il deumidificatore nella taverna all'esterno del "locale piscina"? In questo caso non ci sono distanze minime da rispettare?
    Sarebbe una buona soluzione?
    Tenene presente che non potrei comunque installare questo genere di deumidificatori "ad incastro" all'esterno della taverna perche' i muri portanti nella piantina danno uno fuori dal palazzo e l'altro in un corridoio condominiale.

    Qualsiasi consiglio a riguardo e' molto ben accetto.

  • archibagno.it
    Archibagno.it Ricerca discussioni per utente
    Sabato 15 Agosto 2009, alle ore 07:53
    Posso intanto postarti una foto di un deumidificatore, per le normative ti rimetto ad un termotecnico.
    IL DEUMIDIFICATORE IN PISCINA

  • steiba
    Steiba Ricerca discussioni per utente
    Domenica 16 Agosto 2009, alle ore 14:54
    Grazie per la foto.
    Io un "coso" del genere non saprei proprio dove mettermelo in taverna... sto cercando di integrare in un ambiente living una minipiscina (e sottolineo il mini, si parla di massimo 2 metri x 2,5 m, con profondita' massimo 90 cm) che verra' rimpieta, usata 30 minuti e svuotata 1 volta alla settimana.
    Io non me ne intendo per cui potrei dire cavolate, ma quell'apparecchiatura mi sembra una cosa decisamente professionale e magari per specchi d'acuqa ben piu' grossi e sopratutto permanenti (nel senso che non vengono mai svuotati).
    Non ci sono soluzioni meno ingombranti da azionare solo per quella mezz'ora in cui uso la minipiscina e che mi permettano di evitare danni a pareti, soffitto e biliardo?
    Ripeto, non voglio certo insegnarti il tuo mestiere, ma a vederlo cosi' quello mi sembra un oggetto tutt'altro che pensato per installazioni casalinghe.
    Non ci sono proprio alternative? L'ingombro massimo che potrei accettare e' un parallelepipedo di 70 x 150 cm. e alto 230 cm., da cammuffare in qualche modo.
    Non ho la possibilita' di realizzare un locale tecnico.

  • schwarz
    Schwarz Ricerca discussioni per utente
    Lunedì 17 Agosto 2009, alle ore 11:08
    Noi abbiamo una minipiscina nel seminterrato da 2 anni in una stanza separata dal resto. La usiamo in inverno praticamente tutti i giorni per circa 20 min e la svuotiamo ogni 3 mesi circa.L'umidità è un problema solo per il tempo che la usi poi c'è una specie di "coperchio" per chiuderla. Avendo le finestre ti basta aprirle un po' quando hai finito. Noi abbiamo un impianto di ricambio dell'aria in tutta la casa quindi non ti so dire se esiste qualcosa di piccolo da mimetizzare e quali norme seguire. Calcola anche lo spazio che ti servirà quando toglierai il "coperchio" e dovrai appoggiarlo gocciolante al muro...

  • archibagno.it
    Archibagno.it Ricerca discussioni per utente
    Lunedì 17 Agosto 2009, alle ore 15:20
    E' indispensabile una unità di trattamento dell'aria, sempre, altrimenti da zona piscina si trasforma in zona bagno turco.

  • steiba
    Steiba Ricerca discussioni per utente
    Lunedì 17 Agosto 2009, alle ore 15:32
    Noi abbiamo una minipiscina nel seminterrato da 2 anni in una stanza separata dal resto. La usiamo in inverno praticamente tutti i giorni per circa 20 min e la svuotiamo ogni 3 mesi circa.L'umidità è un problema solo per il tempo che la usi poi c'è una specie di "coperchio" per chiuderla. Avendo le finestre ti basta aprirle un po' quando hai finito. Noi abbiamo un impianto di ricambio dell'aria in tutta la casa quindi non ti so dire se esiste qualcosa di piccolo da mimetizzare e quali norme seguire. Calcola anche lo spazio che ti servirà quando toglierai il "coperchio" e dovrai appoggiarlo gocciolante al muro...

    Grazie per il prezioso contributo
    Il "locale minipiscina" che io potrei "ritagliare" dalla taverna e' minuscolo, nel senso che sarebbe poche decine di centimetri piu' grande della minipiscina stessa. Ho a disposizione 3,2 x 2,4 metri, che e' delimitato da un pilastro.

    Ecco la pianta della taverna con segnato tutto:
    http://img11.imageshack.us/img11/4927/tavernaposizioneminipis.jpg

    tratteggio celeste = zona della minipiscina
    rosso = biliardo in legno laccato
    verde = divano
    violetto = cucina

    dipingero' muri e soffitto con vernici traspiranti (direi da esterni cosi' ha piu' certezze sulla qualita')

    Le finestre che vedi sono tutte alte 60 cm., suppongo che siano basculanti.

    Pensavo di mettere una minipiscina di 2 metri per 2.5 massimo, volendo mi accontento anche di 2 x 2.

    Posso chiudere la zona della minipiscina come voglio ma non posso spingermi oltre l'area che ho tratteggiato. Esteticamente preferirei con vetrate e porta scorrevole di vetro (sul lato destro).

    Se chiudo pero' diventa un problema la movimentazione della copertura (il soffitto e' alto 230, se ci togli 1 metro di altezza minipiscina ci resta 130, troppo poco per 2 metri di copertura), a meno che non ne esistano in due parti (sperando che chiudano altrettanto bene).

    Al di la' della copertura mi preoccupa comunque l'umidita' durante il funzionamento. Visto che sono ancora in tempo per far fare le predisposizioni del caso (il condominio e' ancora in costruzione), quale sarebbe una buona soluzione di trattamento dell'aria senza avere ingombri da centro sportivo? Ho si una taverna grossa, ma come vedete sto cercando di farci stare molte cose e se possibile non vorrei rinunciare a niente.

    Locali tecnici in cui mettere mostri da 1 metro quadro e oltre non ne ho. Subito a destra della minipiscina qualcosa potrebbe starci, massimo 1 metro per 60 cm o poco piu', sempre che si possa nascondere in un mobile.

    In sostanza, voi che fareste al posto mio?

  • schwarz
    Schwarz Ricerca discussioni per utente
    Lunedì 17 Agosto 2009, alle ore 17:58
    La copertura ha un taglio centrale che permette di ripiegarla il due. Anche da noi l'altezza è di 230 e la minipiscina è circa 212x212 e alta 100. Prima di ordinarla guarda bene le misure soprattutto se per farla passare devi metterla in verticale e poi raddrizzarla perché la diagonale diventa 234. Noi infatti l'abbiamo fatta entrare per la porta del garage in verticale e poi l'abbiamo girata. Ma allora l'altezza era di 250 e solo dopo abbiamo alzato il pavimento con 15cm di isolante e fatto la pavimentazione incassandone lo zoccolo (eravamo in fase di ristrutturazione e andava fatto in tutto il seminterrato).

  • steiba
    Steiba Ricerca discussioni per utente
    Lunedì 17 Agosto 2009, alle ore 18:20
    Bello, mi fa molto piacere leggere i tuoi consigli perche' le nostre situazioni sembrano molto simili.
    L'unica differenza e' che io la vorrei incastrare in uno spazio appena sufficciente a contenerla, mentre mi sembra di capire che tu le hai lasciato piu' spazio intorno.

    Hai ragione, per l'altezza dovro' fare molta attenzione a cosa compro. Acquistero' solo da un'azienda che venga a fare i rilievi per farla passare, o al limite da un'azienda che mi fornisca un imballaggio vuoto per fare da me le prove di trasporto. Sono troppo al limite coi centimetri per permettermi il lusso di sbagliare.

    La scala di accesso alla taverne e' troppo corta per calarci la minipiscina, per cui questo dovra' per forza passare dalla porta d'ingresso della taverna. Il breve tratto di corridoio condominiale che posso vedere nella piantina che ho al momento e' appena sufficiente per far girare una cosa lunga 250 cm e spessa circa 90 cm. Se non ci sono sorprese nel resto del percorso per arrivarci sono a posto, dovrei avere una buona scelta di modelli. La porta limita ovviamente l'altra dimensione a 200 cm. e poco piu'. Una volta dentro ho tutto lo spazio per girare, ma giustamente come fai notare i 230 cm. (e anche quelli andranno poi verificati quanti sono realmente) bastano solo se limito il lato corto a 200 cm o poco piu'. Gia' 212 cm., come dici tu, sono troppi se il soffitto e' realmente 230 cm.

    Un altro problema che poi avro' e' l'accesso per la manutenzione.
    Per prima cosa, mettendola nell'angolo avro' solo 2 lati accessibili per la manutenzione: sul lato in alto (quello verso il biliardo) faro' realizzare una pannellatura in legno fino al bordo della piscina, e poi da li' fin oal soffitto sara' vetro. sul lato destro l'angolo sara' ostruito dal pilastro, mentre il resto sara' porta a vetri scorrevole e un pezzo di vetro fisso o cartongesso, devo vedere. Quindi li' l'accesso sara' limitato ai circa 120 cm centrali del lato destro della minipiscina.

    Spero che sia sufficiente per manutenzione straordinaria i ncaso di guasti. Sicuramente dipendera' da modello a modello, ma trovero' qualcosa di adatto?

    Poi c'e' il discorso dell'accesso ai filtri, dipende dove saranno, spero che non finiscano nell'angolo del muro. Male che vada vi vi accedero' in costume, ma spero davvero che capitino dalla parte della porta, sulla destra.

    Molto bene per la copertura, un problema in meno. Mi basta tenere la parete che prosegue verso la porta libera e magari rivestirla di kerlite o altra finitura idrofuga, cosi' posso appoggiarci la copertura bagnata.

    Mi resta solo da capire come combattere l'umidita'. Tu schwarz che tipo di impianto hai messo?

    Gia' che ci sei, mi sapresti cortesemente dare anche qualche indicazione sul costo di gestione annuo tenendola semrpe piena (e suppongo riscaldata?) come fai tu?

  • schwarz
    Schwarz Ricerca discussioni per utente
    Sabato 22 Agosto 2009, alle ore 18:11
    Consuma circa 5-6kWh al giorno dopo che l'abbiamo isolata ulteriormente all'interno con della lana (di pecora). Non isolata dovrebbe consumare 3-4kWh in più al giorno.
    Per quanto riguarda i prodotti con circa 60-80 euro all'anno te la cavi.
    Inizia da subito a informarti sui prezzi. Lo stesso modello lo abbiamo trovato che variava da 8000 a 12000!. Buona ricerca...

  • steiba
    Steiba Ricerca discussioni per utente
    Domenica 23 Agosto 2009, alle ore 03:46
    Grazie per le informazioni

    Ho fatto qualche calcolo approssimativo sul costo per il consumo da te indicato.
    Un kWh puo' costare non meno di 0,2 euro, per salire fino a 0,5 euro.
    Con 0,2 euro e isolamento ottimale si spendono 330-396 euro all'anno
    Se si prende il costo di 0,5 euro a kWh si arriva a cifre decisamente importanti (che non potrei permettermi).

    Forse per me la via del riscaldamento continuo non e' praticabile.

    Quanto si potrebbe arrivare a spendere scaldando l'acqua solo quando ce n'e' bisogno? Posso accettare il compromesso di dover programmare con un pochino di anticipo il bagno.

    Quindi, se scaldo alla velocita' economicamente ottimale (suppongo significhi un'attesa di qualche decina di minuti), faccio mezz'ora di bagno e poi stacco tutto... quanti kWh potrei consumare per singolo utilizzo?

  • schwarz
    Schwarz Ricerca discussioni per utente
    Lunedì 24 Agosto 2009, alle ore 11:00
    Il problema dei consumi e' un po' complesso.
    Se ti limiti ad un bagno a settimana, allora puoi tenere la temperatura base dell'acqua bassa, sui 28-30 gradi e aumentarla solo il giorno dell'utilizzo, ma devi far partire il riscaldatore con molto anticipo (diverse ore, ma dipende dal modello e dalla potenza del riscaldatore).
    In USA hanno delle procedure standard per valutare i consumi delle SPA ed infatti i migliori modelli, quelli piu' efficienti energeticamente sono, strano ma vero, alcuni modelli americani.
    0,5 euro a kWh è un po' caro, il massimo che spendo io e' poco meno di 0,4. Noi utilizziamo la vasca soprattutto nei mesi invernali, d'estate e' spenta (e comunque consumerebbe meno, sia perche' fareti il bagno ad una temperatura inferiore, sia perche' la temperatura ambiente e' maggiore), quindi i dati che ti ho dato devi considerarli per 6-8 mesi.
    Un po' di altre informazioni le trovi qui, se ti arrangi con l'inglese:
    - LINK EDITATO DALLO STAFF -

  • steiba
    Steiba Ricerca discussioni per utente
    Mercoledì 26 Agosto 2009, alle ore 15:25
    Ancora grazie, informazioni utili e link interessante.

    Vero che probabilmente in estate la userei meno. Si, direi che l'utilizzo medio potrebbe essere di 1 volta alla settimana. Male che vada se capiamo che usarla di più ci costa troppo, ci autolimitiamo e ce la facciamo bastare. Mi piacerebbe, chessò, restare al di sotto dei 500 euro annui di costo d'esercizio e manutenzione ordinaria. Forse lasciandola sui 28° e programmando in anticipo il riscaldamento prima dell'uso ci potremmo rientrare. Un sistema domotico con SMS attivare il riscaldamento sarebbe ottimale.

  • danton
    Danton Ricerca discussioni per utente
    Domenica 13 Settembre 2009, alle ore 09:43
    Ragazzi, ho letto con attenzione la vostra discussione relativa alla minipiscina. Io ne ho una delle stesse dimensioni 2,12x2,12 messa in guardino, quindi la uso prettamente d'estate. Vi chiedo un suggerimento per chiuderla per chiuderla in previsione del fatto che per qualche mese non la potrò usare. Devo svuotarla, oppure mi consigliate di tenere l'acqua comunque ? se la svuoto (cosa che preferirei), non rischio che il calcare rimanda nei tubi e possa otturarli ? Per favore datemi qualche prezioso suggerimento. Grazie.

  • schwarz
    Schwarz Ricerca discussioni per utente
    Domenica 13 Settembre 2009, alle ore 16:20
    Io fossi in te la svuoterei così se ghiaccia non si spacca tutto. Oppure devi sempre tenerla accesa al minimo ma non so quanto conviene. Meglio ancora se fai mettere un gazebo con una stufetta per scaldare(come ha fatto una nostra amica) così la puoi usare tutto l'anno....
    Chiedi comunque consiglio all'assistenza.

  • danton
    Danton Ricerca discussioni per utente
    Domenica 13 Settembre 2009, alle ore 17:38
    Grazie per la risposta e sanz'altro sto pensando di svuotarla, anche perché non ho spazio per la copertura.
    Chiedevo consigli perché questa vasca l'ho presa ... in Cina e quindi non riesco a chiedere consigli al cotruttore.....
    La mia preoccupazione era solo relativa al calcare che può depositarsi nei tubi, ma non credo si possano mettere prodotti nelle tubature, quindi vedrò il prossimo anno se non ci saranno stati danni, come spero ...
    Saluti.

Notizie che trattano Minipiscina in taverna... problema di peso? che potrebbero interessarti


Minipiscine da interno: soluzioni per il benessere idroterapico

Soluzioni progettuali - Minipiscine da interno: soluzione progettuale per un'ampia vasca idromassaggio con pedana in legno e cuscini componibili, creando un salotto wellness nel living

In che modo creare una mini Spa in casa

Wellness - Per creare un'elegante area benessere in spazi molto ridotti, è necessario scegliere minipiscine e saune finlandesi dalle misure contenute e le linee esclusive.

Vasca idromassaggio esterna: una mini spa in casa

Wellness - Con le vasche idromassaggio outdoor si può godere di tutti i benefici dell'idromassaggio all'aperto, immersi in acqua calda, in giardino o nel terrazzo di casa.

Wellness: design e tecnologia

Wellness - Il Design raffinato, ed il concetto di fascinosa trasparenza sono alla base della ricerca tecnologica proposte dall'azienda Glass per i suoi prodotti
REGISTRATI COME UTENTE
325.685 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
//