Verniciatura a spruzzo


Devo verniciare dei mobili e cercando su internet ho trovato queste pistole elettrice " PAINT ZOOM PISTOLA A SPRUZZO PROFESSIONALE PER VERNICE VERNICIATURA"
E' un prodotto valido?
Può essere usato con qualsiasi tipo di smalto?
  • previatoantonio
    Previatoantonio Ricerca discussioni per utente
    Mercoledì 29 Ottobre 2014, alle ore 19:18 - ultima modifica: Mercoledì 29 Ottobre 2014, alle ore 19:33
    Buonasera,
    il modello che lei cita, a mio parere è sì abbastanza economico, e può essere pratico in modalità fai da te, dopo aver fatto un po' di prove, ma non è proprio professionale.
    E' indicato solo per vernici ad acqua, o tempere (purché molto diluite); ma non per vernici sintetiche, o da diluire con acquaragia o nitro, perché potrebbero danneggiare la plastica di cui è costituito l'apparecchio, e soprattutto otturare l'ugello.

    Il vantaggio è sicuramente che in pochi minuti si può portare a termine il lavoro di pitturazione, però non essendoci un'alta precisione dello spruzzo, si spreca prodotto, e non si riesce ad avere uniformità di colore.

    Io personalmente, preferisco il classico rullo o pennello, per avere una buona resa.
    Altrimenti, orientarsi su modelli professionali di pistole a spruzzo.
    Interessanti informazioni dal seguente articolo:
    lavorincasa.it/vernice-spray
    Saluti e a presto.
    rispondi citando
  • vincenzodl11
    Vincenzodl11 Ricerca discussioni per utente
    Giovedì 30 Ottobre 2014, alle ore 07:11
    Per avere una verniciatura omogenea che tipo di rullo mi consigli?
    per ottenere una laccatura lucita come questa http://www.outletarredamento.it/images/outlet/7852010430/cassettiera-laccata-bianca-lucida-a-5-cassetti.jpg?ODAweDA6OmF1dG86MzI4NTk2ODUyMmMzMzgxODhmZjFiODI0OGQ1MTc1Mzk%3D che procedimento devo seguire? il maderiale di cui è fatto questo mobile è MDF.

    rispondi citando
  • previatoantonio
    Previatoantonio Ricerca discussioni per utente
    Giovedì 30 Ottobre 2014, alle ore 19:08 - ultima modifica: Giovedì 30 Ottobre 2014, alle ore 19:24
    Buonasera,
    le consiglio:
    -leggera carteggiatura, qualora vi fossero impurità, per rendere uniforme la superficie dell'MDF
    -base aggrappante per far meglio aderire la vernice

    -quindi almeno 3 mani di vernice con rullo (scegliere un tipo di rullo adatto allo smalto ad acqua, e al legno); la 1° mano più diluita, in modo che penetri più rapidamente, e poi tra una mano e l'altra, far asciugare bene per almeno 12 ore, arieggiando, e poi carteggiando...
    -per alcune finiture, può essere necessario anche un pennello, in setola sintetica

    -per ottenere un effetto laccato lucido: due mani di resina vetrificante di finitura epossidica bicomponente trasparente ( può cercare letteralmente così in rete).

    Informazioni utili anche dai seguenti articoli:
    colorare-i-compontenti-di-arredo-preparazione-dei-supporti-e-modalita-di-tinteggiatura/
    lavorincasa.it/rulli-per-pittura/
    tinteggiare-con-il-rullo/
    Saluti e a presto.
    rispondi citando
  • vincenzodl11
    Vincenzodl11 Ricerca discussioni per utente
    Giovedì 30 Ottobre 2014, alle ore 21:25
    Mi consigli di usare vernice ad acqua o lo smalto classico?
    rispondi citando
  • previatoantonio
    Previatoantonio Ricerca discussioni per utente
    Giovedì 30 Ottobre 2014, alle ore 23:57 - ultima modifica: Venerdì 31 Ottobre 2014, alle ore 00:02
    Io personalmente preferisco il cosiddetto smalto ad acqua, cioè acrilico diluibile con acqua, perché è inodore, atossico, e quindi ecologico.
    Anche se per avere una buona copertura ne servono almeno 3 mani, e il risultato non sarà brillante (come con il classico smalto a solvente); ma poi con la resina vetrificante passata successivamente, si può ottenere l'effetto laccatura. 
    Ci faccia sapere.
    rispondi citando
  • vincenzodl11
    Vincenzodl11 Ricerca discussioni per utente
    Venerdì 31 Ottobre 2014, alle ore 07:12
    Mentre se uso lo smalto a solvente non ho bisogno di passare il vetrificante?
    rispondi citando
  • previatoantonio
    Previatoantonio Ricerca discussioni per utente
    Venerdì 31 Ottobre 2014, alle ore 17:43 - ultima modifica: Venerdì 31 Ottobre 2014, alle ore 17:58
    Diciamo che siamo abituati a pensare, che lo smalto a solvente dia un effetto più brillante, se paragonato a quello ad acqua. Ma ormai in commercio ci sono tanti prodotti evoluti, che danno un risultato brillante, pur essendo in fase acquosa.

    Cito ad esempio la seguente vernice effetto laccato a base di resine in fase acquosa:
    http://www.syntilor.it/produit/prodotti-interni,vernici,vernice-effetto-laccato-aquarethane,110,111,83.html
    Oppure il vetrificante che le avevo consigliato:
    http://www.sottosopra.eu/Lagamma/Vetrificante.aspx
    In ogni caso, vanno seguite alla lettera le istruzioni d'uso di ciascun prodotto, che si basano su test specifici già eseguiti dall'azienda.

    Quindi, a mio parere, non è necessario usare per forza uno smalto a solvente, per ottenere l'effetto brillante, perché con prodotti ad acqua si ottengono comunque superfici lucide, senza inquinare l'ambiente.
    Una lettura molto interessante:
    lavorincasa.it/smalti-ad-acqua
    Saluti e  a presto
    rispondi citando
  • vincenzodl11
    Vincenzodl11 Ricerca discussioni per utente
    Venerdì 31 Ottobre 2014, alle ore 21:39
    Oggi sono passato in ferramenta e mi hanno consigliato di utilizzare vernice ad acqua e poi passare un vetrificante a acqua me lo consigli questo tipo di vetrificante a acqua?

    posso direttamente passare lo smalto sul MDF dopo averlo carteggiato?
    rispondi citando
  • previatoantonio
    Previatoantonio Ricerca discussioni per utente
    Sabato 1 Novembre 2014, alle ore 18:24 - ultima modifica: Sabato 1 Novembre 2014, alle ore 18:27
    Concordo con l'abbinamento smalto a acqua + vetrificante a acqua, che è solitamente una resina acrilica in emulsione acquosa.

    Io personalmente darei almeno 2 mani di primer acrilico a acqua, sull'MDF, sempre carteggiando..., in modo da ottenere una superficie liscia.
    E poi procederei con smalto a acqua...
    Saluti e alla prossima.
    rispondi citando
  • vincenzodl11
    Vincenzodl11 Ricerca discussioni per utente
    Domenica 2 Novembre 2014, alle ore 07:53 - ultima modifica: Domenica 2 Novembre 2014, alle ore 07:55
    Utilizzare una cementite all'acqua al posto del primer è meglio?
    rispondi citando
  • previatoantonio
    Previatoantonio Ricerca discussioni per utente
    Domenica 2 Novembre 2014, alle ore 18:04 - ultima modifica: Domenica 2 Novembre 2014, alle ore 18:18
    In effetti il termine "primer" si usa anche in senso lato. In commercio ci sono primer acrilici a base acqua, specifici per MDF, e di varie marche, per sigillare la superficie prima della verniciatura.
    Ma anche la classica cementite a acqua (che sempre rientra fra i primer, cioè fondo aggrappante...), va bene sull'MDF, perché crea un velo isolante, che protegge l'MDF dall'umidità e liscia bene le imperfezioni. 

    Se non si usasse nessun tipo di fondo, l'MDF assorbirebbe gran parte dello smalto che poi si va ad applicare.
    Quindi un fondo è sempre necessario, la scelta tra primer acrilico a acqua o cementite a acqua (anche se esistono cementiti acriliche a acqua, quindi la distinzione non è poi tanto netta), potrà dipendere anche dal prezzo; e il risultato, anche dalla manualità personale.
    Ci faccia sapere come andrà il suo lavoro di verniciatura!

    rispondi citando
  • vincenzodl11
    Vincenzodl11 Ricerca discussioni per utente Previatoantonio
    Domenica 16 Novembre 2014, alle ore 18:14
    In effetti il termine "primer" si usa anche in senso lato. In commercio ci sono primer acrilici a base acqua, specifici per MDF, e di varie marche, per sigillare la superficie prima della verniciatura.
    Ma anche la classica cementite a acqua (che sempre rientra fra i primer, cioè fondo aggrappante...), va bene sull'MDF, perché crea un velo isolante, che protegge l'MDF dall'umidità e liscia bene le imperfezioni. 

    Se non si usasse nessun tipo di fondo, l'MDF assorbirebbe gran parte dello smalto che poi si va ad applicare.
    Quindi un fondo è sempre necessario, la scelta tra primer acrilico a acqua o cementite a acqua (anche se esistono cementiti acriliche a acqua, quindi la distinzione non è poi tanto netta), potrà dipendere anche dal prezzo; e il risultato, anche dalla manualità personale.
    Ci faccia sapere come andrà il suo lavoro di verniciatura!

    Finalmente ho iniziato a tintegiare il mio mobile in MDF. Mi è stato consigliato di utilizzare il turapori al posto della cementite e mi hanno dato Acrivel della Veleca.

    Prima di inziare la superfice risultava parecchio liscia dopo la prima mano di turapori la superfice risulta più ruvida è normale?

    la stesura la sto effettuando con un piccolo rullo.

    Grazie
    rispondi citando
  • previatoantonio
    Previatoantonio Ricerca discussioni per utente
    Lunedì 17 Novembre 2014, alle ore 11:40 - ultima modifica: Lunedì 17 Novembre 2014, alle ore 11:42
    Buongiorno,
    il turapori che lei cita è indicato per legno in generale (seppur non specifico per MDF); comunque secondo me le risulta ruvido al tatto forse perché non ha carteggiato adeguatamente.
    Infatti dalla scheda tecnica del prodotto, si legge:
    Dopo 12 ore dall'ultima mano di turapori, carteggiare accuratamente con abrasivo fine grana 320, e poi si potrà verniciare...
    Provi quindi a carteggiare delicamente e ci faccia sapere.

    rispondi citando
  • vincenzodl11
    Vincenzodl11 Ricerca discussioni per utente
    Lunedì 17 Novembre 2014, alle ore 20:09
    La superfice prima della stesura era liscia dopo la stesura del turapori è diventata ruvida dopo più di 24 ore oggi ho carteggiato è data una seconda mano di turapori. nella confezione dice di eseguire 3 passaggi di turapori se la superfice non è stata mai tratta ma secondo me trattandosi di MDF già due basterebbero, condivide il mio pensiero?

    Probabilmente come vernice a acqua utilizzerò quella della Boero come vetrificante quel mi consiglia?

    Grazie
    rispondi citando
  • previatoantonio
    Previatoantonio Ricerca discussioni per utente
    Martedì 18 Novembre 2014, alle ore 00:27
    Sì, penso bastino due mani di turapori, ma dipende anche dalla sua manualità e pazienza, facendo sempre attenzione a carteggiare con delicatezza e pulire poi con un panno morbido, per togliere le ultime impurità di polvere, lasciando così liscia la base.
    Dopo la vernice, le conviene applicare un vetrificante sempre della stessa marca, all'acqua brillante trasparente a base di resine acriliche; in tal modo può avere una maggiore compatibilità tra i prodotti che vengono applicati in successione.
    Saluti e buon lavoro allora!
    rispondi citando
  • vincenzodl11
    Vincenzodl11 Ricerca discussioni per utente
    Martedì 18 Novembre 2014, alle ore 07:05
    Della boero ho trovato questo prodotto Altura acqua brillante ma non mi sembra che sia un vetrificante, sbaglio?
    rispondi citando
  • previatoantonio
    Previatoantonio Ricerca discussioni per utente
    Martedì 18 Novembre 2014, alle ore 09:45 - ultima modifica: Martedì 18 Novembre 2014, alle ore 09:46
    Infatti mi correggo, intendevo dire vernice trasparente lucida dall'effetto vetrificante
    rispondi citando
  • vincenzodl11
    Vincenzodl11 Ricerca discussioni per utente
    Martedì 18 Novembre 2014, alle ore 13:41
    Va bene lo stesso o il vetrificante è migliore? 
    rispondi citando
  • previatoantonio
    Previatoantonio Ricerca discussioni per utente
    Martedì 18 Novembre 2014, alle ore 19:06 - ultima modifica: Martedì 18 Novembre 2014, alle ore 19:15
    Buionasera,
    diciamo che in commercio c'è un'ampia scelta di vetrificanti a acqua, di vari marchi. E trattasi di finiture all'acqua trasparenti a base di resine acriliche in emulsione acquosa; anche la finitura all'acqua dell'azienda da lei citata è sempre a base di resine acriliche, solo che nella descrizione tecnica del prodotto, manca il termine vetrificante, ma è pur sempre una finitura che conferisce l'effetto brillante.
    A mio parere solo un'analisi chimica comparativa tra i prodotti, ci darebbe la sottile differenza che può esserci tra una vernice e l'altra. Ma la sua scelta dipenderà anche dal vetrificante che avrà a disposizione il suo ferramenta; basta che gli chieda "un buon vetrificante acrilico ad acqua".
    Saluti e buon completamento dell'opera!
    rispondi citando
  • vincenzodl11
    Vincenzodl11 Ricerca discussioni per utente
    Martedì 18 Novembre 2014, alle ore 21:52
    Ho dato la prima mano di smalto ad acqua sto utilizzando il Magnum Brillante della boero ma non mi sembra molto coprente... speriamo bene
    rispondi citando
  • previatoantonio
    Previatoantonio Ricerca discussioni per utente
    Mercoledì 19 Novembre 2014, alle ore 23:34
    Penso che la copertura non possa essere adeguata già alla prima mano. Il risultato cambierà già con la seconda mano o con la terza, a seconda dei casi. E' importante anche che l'ambiente sia ben asciutto e ventilato in modo che si asciughi bene tra una mano e l'altra
    Buon proseguimento!
    rispondi citando
  • vincenzodl11
    Vincenzodl11 Ricerca discussioni per utente
    Giovedì 20 Novembre 2014, alle ore 07:05 - ultima modifica: Giovedì 20 Novembre 2014, alle ore 07:55
    Tra una mano e l'altra passa circa 24 ore e prima di stendere la seconda o ternza mano passo della carta abrasiva. La vernice viene applicata mediante rullino a spugna. Nella confezione dello smalto c'è scritto pronto all'uso, mi chiedevo se diluento lo smalto con un pò d'acqua riesco ad  ottenere una superfice liscia e omogenea molto simile ai mobili laccati che si acquistano.
    rispondi citando
  • previatoantonio
    Previatoantonio Ricerca discussioni per utente
    Giovedì 20 Novembre 2014, alle ore 22:40
    Le consiglio sempre di attenersi alla scheda tecnica del prodotto. Se dice "pronto all'uso", secondo me perderebbe l'effetto qualora fosse diluito.
    Saluti.
    rispondi citando
  • vincenzodl11
    Vincenzodl11 Ricerca discussioni per utente
    Giovedì 20 Novembre 2014, alle ore 22:55
    E per eliminare l'effetto buccia d'arancio cosa mi consiglia
    rispondi citando
  • previatoantonio
    Previatoantonio Ricerca discussioni per utente
    Venerdì 21 Novembre 2014, alle ore 12:00
    Buongiorno,
    le consiglio (come già detto in precedenza), di procedere con una carta abrasiva molto fine, una volta finito spolverare  pulire con panno morbido vellutato.
    Saluti
    rispondi citando
  • vincenzodl11
    Vincenzodl11 Ricerca discussioni per utente
    Sabato 22 Novembre 2014, alle ore 16:23 - ultima modifica: Sabato 22 Novembre 2014, alle ore 16:25
    Tra ogni mano passo la carta abrasiva, ho sostituito pure il rullino da quello a spuga a quello con pelo corto e ottengo questo effetto.


    rispondi citando
  • previatoantonio
    Previatoantonio Ricerca discussioni per utente
    Domenica 23 Novembre 2014, alle ore 11:45 - ultima modifica: Domenica 23 Novembre 2014, alle ore 11:50
    Buongiorno,
    posso ipotizzare (guardando la foto), non avendo seguito da vicino i vari passaggi, che qualcosa nelle precedenti operazioni non sia stato eseguito a regola d'arte.

    Potrebbe dipendere dal turapori, oppure il non aver scartavetrato, carteggiato bene.
    Non dimenticando che spesso la vernice se non mescolata a dovere, potrebbe dare superficialmente quell'effetto di grumi, o buccia d'arancia.

    Saluti e nel caso dovesse ripetere le operazioni ci faccia sapere.
    rispondi citando
  • vincenzodl11
    Vincenzodl11 Ricerca discussioni per utente
    Domenica 23 Novembre 2014, alle ore 17:16
    Penso che non sia un problema di superfice o turapori perchè ho provato a pennello e la veniciatura viene liscia
    rispondi citando
  • previatoantonio
    Previatoantonio Ricerca discussioni per utente
    Domenica 23 Novembre 2014, alle ore 18:37 - ultima modifica: Domenica 23 Novembre 2014, alle ore 18:38
    Ecco un articolo interessante e ben dettagliato, che fa al caso suo:
    lavorincasa.it/tinteggiare-pareti-e-soffitto
    ove può trovare preziosi consigli pratici per l'uso di rulli e/o pennelli adatti alle varie operazioni di pittura.
    Saluti.
    rispondi citando
  • vincenzodl11
    Vincenzodl11 Ricerca discussioni per utente
    Domenica 23 Novembre 2014, alle ore 21:37
    In questo momento sto utilizzando prorpio un rullo medio mohair a pelo corto
    rispondi citando
Notizie che trattano Verniciatura a spruzzo che potrebbero interessarti
Verniciatura a spruzzo

Verniciatura a spruzzo

Pittura e decorazioni - La verniciatura a spruzzo è una tecnica pratica e veloce per colorare le pareti della casa e può essere eseguita facilmente anche attraverso il fai da te.
Compressore e pistola a spruzzo

Compressore e pistola a spruzzo

Idee fai da te - Il compressore e gli elettrouteinsili maggiori, tali per dimensioni e costo, permettono di svolgere lavori complessi, avvicinando alla lavorazione professionale.
Rinnovare vecchi mobili

Rinnovare vecchi mobili

Fai da te - Alcuni interventi fai-da-te per rimettere in sesto vecchi mobili.

Tecniche di pitturazione, passi base e alcuni consigli

Fai da te - Basta davvero poco per far cambiare aspetto ad una stanza o ad un oggetto, un colore diverso o un diverso tipo di pittura, riescono a creare effetti particolari

Vernice spray

Decorazioni - Un modo semplice per dipingere fai da te è quello di utilizzare la bomboletta spray, dai suoi mille colori e adatta a qualsiasi supporto. Ecco alcune informazioni.

Riparazione bordo tavolo

Fai da te - Incollare è una delle attività più frequentemente realizzate in casa per la riparazione di oggetti di svariata natura in plastica,legno, vetro, metallo etc.

Restaurare una porta in ferro

Idee fai da te - La ruggine è il principale nemico delle porte in ferro: ecco come sconfiggerla passo per passo e come restituire alla porta tutto il suo originale fascino e splendore.

Poliuretano espanso a spruzzo

Isolamento termico - Il poliuretano espanso a spruzzo è un materiale utilizzato per la coibentazione e l'impermeabilizzazione delle strutture edilizie e presenta numerosi vantaggi.

Verniciare le recinzioni esterne: tecniche fai da te

Sistemazione esterna - Verniciare in fai da te le recinzioni esterne: manutenzione dei recinti in legno e in ferro, per donare un nuovo look, in sintonia con lo stile della residenza.
REGISTRATI COME UTENTE
303.520 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Velux
  • Marazzi
  • Kone
  • Claber
  • Internorm
MERCATINO DELL'USATO
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.