Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Umidita' di risalita o di condensa?


S.piccio
login
29 Gennaio 2004 ore 08:40 16
Salve ho appena chiuso una loggia.fino ad adesso nessun problema , ora con il freddo sta iniziando a venire fuori un'alone nero nell'angolo alto.
Premetto che sopra la loggia c'e' una terra aperta,con un muretto di recinzionee la grondaia esterna al muro che passa lungo tutta la terrazza esterna e cala lateralmente alla chiusura di questa loggia.

Come faccio a sapere se quest'umidità è di condensa o di risalita?

E che consigli pratici puo' darmi per annientarla questa macchia d'umidità?

Il muratore mi ha gia' impermeabilizzato la terrazza ripiastrellandola, ora ha deciso che bisogna distruggere il muretto di recinzione e impermeabilizzare anche quello e mi ha chiesto tipo 25000? c'e' un modo piu' economico per eliminare il mio problema alla fonte definitivamente?
  • m_pensie
    M_pensie Ricerca discussioni per utente
    Mercoledì 17 Marzo 2004, alle ore 17:52
    Salve ho appena chiuso una loggia.fino ad adesso nessun problema , ora con il freddo sta iniziando a venire fuori un'alone nero nell'angolo alto.
    Premetto che sopra la loggia c'e' una terra aperta,con un muretto di recinzionee la grondaia esterna al muro che passa lungo tutta la terrazza esterna e cala lateralmente alla chiusura di questa loggia.

    Come faccio a sapere se quest'umidità è di condensa o di risalita?

    E che consigli pratici puo' darmi per annientarla questa macchia d'umidità?

    Il muratore mi ha gia' impermeabilizzato la terrazza ripiastrellandola, ora ha deciso che bisogna distruggere il muretto di recinzione e impermeabilizzare anche quello e mi ha chiesto tipo 25000? c'e' un modo piu' economico per eliminare il mio problema alla fonte definitivamente?

    Ho anch'io un problema del genere. Molto probabilmente hai dei pilastri di cemento armato che passano in quell'angolo ed è quindi la coibentazione che ti manca che ti provoca della condensa e quindi la macchia nera di muffa. Secondo il mio modesto parere ti conviene provare a rivestire in qualche modo il pilastro in modo che non ci sia troppa differenza di calore tra l'esterno e l'interno della casa. Io ho risolto con del cartongesso nella camera di mia figlia mentre, per la parte della cucina sottostante, che era una loggia, sto aspettando perchè dovrei rifare l'intelaiatura delle finestre che ho creato nel chiudere la loggia. in bocca al lupo
    rispondi citando
  • lucio.pasi
    Lucio.pasi Ricerca discussioni per utente
    Sabato 3 Aprile 2004, alle ore 12:01
    Da esperto di umidità Le posso dire che sicuramente si tratta di umidità di condensa, per cui l'unica soluzione è, come già consigliato, quella di coibentare meglio la parete che si annerisce e di utilizzare specifici prodotti antimuffa.
    A questo proposito vorrei sottolineare che non bastano prodotti che eliminino la parte superficiale delle muffe (le cosiddette spore) ma successivamente occorrono prodotti che eliminino anche le "radici".
    Se interessati posso indicare dove trovare tali prodotti.
    saluti
    rispondi citando
  • m_pensie
    M_pensie Ricerca discussioni per utente
    Lunedì 5 Aprile 2004, alle ore 14:27
    Si grazie!! sono molto interessata alla questione finora avevo provato con la candeggina o prodotti simili che hanno un risultato momentaneo ma visto che ci sono sempre dei punti dove si formano le muffe (es. bagno, cucina e poi la classica finestra delle scale, quella in alto in alto dove non arrivi mai ....) sarebbe ottimo avere dei prodotti che eliminano il problema alla "radice"...
    rispondi citando
  • lucio.pasi
    Lucio.pasi Ricerca discussioni per utente
    Lunedì 5 Aprile 2004, alle ore 19:50
    La ditta Risanamento Muri di Parma forniche un sistema completo, composto da 3 prodotti, per la rimozione delle muffe in ogni parte. Naturalmente queste applicazioni non hanno garanzia poichè la loro efficacia è troppo legata al modo di utilizzo dell'ambiente trattato. Per esperienza però posso dire che, con un utilizzo normale dei locali, il problema non si presenta per diversi anni.
    Sperao di essere stato utile.
    Saluti
    rispondi citando
  • m_pensie
    M_pensie Ricerca discussioni per utente
    Giovedì 8 Aprile 2004, alle ore 13:40
    Grazie.....
    ma la Ditta per il contatto si chiama "Ditta risanamento muri" di Parma? è l'unico modo per contattarli? Ci sono dei numeri oppure C'è la possibilità di avere il nome del prodotto?
    Grazie di nuovo e BUONA PASQUA !!
    rispondi citando
  • lucio.pasi
    Lucio.pasi Ricerca discussioni per utente
    Giovedì 8 Aprile 2004, alle ore 13:49
    Cusa la poca chiarezza. La ditta è la

    Risanamentu Muri srl
    Via Emilia Est 123/1
    43100 Parma

    tel 0521-247678

    www.risanamentomuri.it

    Non ricordo il nome del prodotto, ma è un kit antimuffa completo di tutto l'occorrente se vuoi fare da solo, altrimenti, per superfici abbastanza grandi, vengono loro a far tutto.

    Ciao
    rispondi citando
  • ing.minozzi
    Ing.minozzi Ricerca discussioni per utente
    Giovedì 1 Dicembre 2005, alle ore 08:43
    Se può interessare un'altra ditta altamente specializzata nella deumidificazione, soprattutto mediante elettroosmosi è la "ELO srl" di Fiorano Modenese.

    Il sito è: www.elosystem.it
    rispondi citando
  • speleosax
    Speleosax Ricerca discussioni per utente
    Giovedì 1 Dicembre 2005, alle ore 19:21
    Ho avuto anch'io lo stesso problema: loggia di mt 6,50 X 2,50 con muffa nell' angolo alto a sx; ho risolto con pulizia dei muri con prodotti antimuffa, cambio degli infissi con serramenti a taglio termico con vetrocamera ed apertura ad anta-ribalta, applicazione sui 3 lati esterni, rivolti peraltro a nord, nord est, di uno strato di 3mm di sughero decorativo. Risultato: a parità di riscaldamento una media di 3° superiore di temperatura e nessuna condensa sugli infissi e sul soffitto che comunque tratterò con grassello di calce.
    rispondi citando
  • natale97
    Natale97 Ricerca discussioni per utente
    Giovedì 25 Dicembre 2008, alle ore 20:39
    Scusate se mi inserisco ma io ho un problema con il muro della camera da letto che dando su una legnaia dove non batte il sole e sempre molto fredda e a tratti molto umida, posso usare i pannelli in cartongesso che vendono nei negozi di fai da ' o devo fare altro?
    rispondi citando
  • zanel
    Zanel Ricerca discussioni per utente
    Venerdì 26 Dicembre 2008, alle ore 16:29
    I prodotti funghicidi e le varie pitture antimuffa ed anticondensa non risolvono il problema della muffa!
    Sono ottimi prodotti ma servono solo ad eliminare la muffa presente e ritardarne la comparsa.

    Per RISOLVERE DEFINITIVAMENTE vanno eseguiti degli interventi mirati di risanamento e coibentazione dell'edificio!

    E ricordarsi di ventilare i locali!
    Puoi metterci quello che vuoi, ma una casa che resta chiusa tutto il giorno . . . farà sempre muffa.
    rispondi citando
  • natale97
    Natale97 Ricerca discussioni per utente
    Sabato 27 Dicembre 2008, alle ore 09:21
    Coibentare il muro con pannelli di cartongesso puo andare bene?
    rispondi citando
  • archibagno.it
    Archibagno.it Ricerca discussioni per utente
    Sabato 27 Dicembre 2008, alle ore 09:30
    Coibentare il muro con pannelli di cartongesso puo andare bene?


    Non credo proprio...

    Esistono prodotti specifici, tendenzialmente il gesso già come caratteristica propria assorbe umidità.
    rispondi citando
  • natale97
    Natale97 Ricerca discussioni per utente
    Sabato 27 Dicembre 2008, alle ore 10:08
    Quali specifiche devono avere e quali sono allora i materiali da usare
    rispondi citando
  • humidity
    Humidity Ricerca discussioni per utenteSpeedy Di Nervo
    Lunedì 31 Ottobre 2011, alle ore 23:25
    INFILTRAZIONI DI PRODOTTI CHIMICI:
    Si praticano dei fori del diametro di 10 - 12 mm per quasi tutto lo spessore del muro. In questi fori viene poi iniettato del silicone mescolato a solvente: tale sostanza dovrebbe quindi impregnare tutto il muro.

    Controindicazioni:

    non tutti i materiali assorbono alla stesso modo;
    le murature, al loro interno, presentano delle cavità che, dovendosi riempire del prodotto iniettato, causano un enorme spreco del prodotto stesso;
    per diversi anni si sente in casa l'odore di solvente;
    l'umidità di risalita si concentra in altre parti dell'edificio.



    APPARECCHIATURE ELETTRICHE CHE INVERTONO LA POLARITA' DELL'ACQUA:
    Alcune si presentano come scatolette di piccola dimensione che si fissano al muro, al centro dell'edificio con presenza di umidità, altre sono simili a lampadari che si appendono al soffitto di cantine e tavernette. Si dice che abbiano entrambe un raggio d'azione di 15 - 20 metri.

    Controindicazioni:

    il costo, che è di MIGLIAIA di euro;
    se davvero funzionassero, anche noi essere umani, dovremmo avere dei problemi, in quanto il nostro corpo è composto per il 70% di acqua.



    TAGLIO DEL MURO:
    Con enormi seghe circolari diamantate, si taglia il muro a 10 - 12 cm dal pavimento. In questo taglio viene inserita una lamina di resina.

    Controindicazioni:

    non è utilizzabile in zone sismiche;
    non si può applicare ai muri contro terra;
    l'edificio non è più a massa con il terreno.



    INTONACI OSMOTICI - DEUMIDIFICANTI - TRASPIRANTI:

    Controindicazioni:

    efficacia limitata nel tempo (uno o due anni, dipende dal materiale di costruzione del muro);
    nell'80% dei casi, l'umidità rischia di risalire sopra l'intonaco;
    se l'umidità risale, fa emergere in superficie il SALNITRO (calcare dell'acqua, causa di chiazze ed aloni biancastri sui muri)


    IL SISTEMA SPEEDY:

    In natura i terreni, siano pure argillosi o sabbiosi, sono umidi, ed ogni manufatto che vi appoggi sopra (muri, fondazioni, pavimenti), contrasta la naturale evaporazione del suolo.
    l'umidità di risalita o capillare, è formata da particelle d'acqua (vapore) che, per differenza di temperatura tendono a risalire nel muro fino ad un'altezza di 100 -150 cm dal piano del terreno (a seconda de l materiale di costruzione e dello spessore del muro).
    Per uscire dal muro, il vapore esercita una pressione che gonfia la tinteggiatura e, di conseguenza, deteriora l'intonaco. Da qui,muffe e cattivi odori.

    Si evince quanto sia inutile entare di coprire l'umidità con l'intonaco, o di fermarla, o di invertire la polarità dell'acqua ecc...

    ma semplicemente FARLA SFOGARE



    Il Forum è uno spazio aperto a tutti sulle varie argomentazioni del settore edilizia.
    Per chi desidera promuovere dei propri prodotti vi sono delle sezioni poste all'interno della Testata Giornalistica che fanno al loro caso.

    Inoltre, non reputo produttivo riprendere una discussione di qualche anno (2008) in quanto si ingenera solamente confusione tra gli utenti, e senza dimenticare che sicuramente la problematica iniziale sarà stata risolta.

    La parte riguardante il nominativo del prodotto, con l'indicazione del sito, è stato eliminato in quanto considerato come forma pubblicitaria.

    Consulente
    rispondi citando
  • ilmedicodellacasa
    Ilmedicodellacasa Ricerca discussioni per utente
    Martedì 1 Novembre 2011, alle ore 17:39
    Ma cos'era una pubblicità o la sigla?
    rispondi citando
  • consulente
    Consulente Ricerca discussioni per utente
    Mercoledì 2 Novembre 2011, alle ore 08:16
    Il Forum è uno spazio aperto a tutti sulle varie argomentazioni del settore edilizia.
    Per chi desidera promuovere dei propri prodotti vi sono delle sezioni poste all'interno della Testata Giornalistica che fanno al loro caso.

    Inoltre, non reputo produttivo riprendere una discussione di qualche anno (2008) in quanto si ingenera solamente confusione tra gli utenti, e senza dimenticare che sicuramente la problematica iniziale sarà stata risolta.
    rispondi citando
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img francoli
Salve avrei bisogno di sapere se dopo la prima scadenza di un contratto di locazione (4+4) con rinnovo automatico per i 4 anni a seguire, ad un anno circa dalla scadenza dello...
francoli 05 Gennaio 2007 ore 08:07 3
Img anonymous
Salve a tutti, sono nuovo del forum e volevo esporvi un quesito...sto valutando di comprare un appartamento al 1° piano in un condominio composto dal "mio" appartamento...
anonymous 02 Marzo 2007 ore 12:30 14
Img lmontuschi
Ciao!ho comprato un appartamento in un condominio composto da :6 appartamenti ... i proprietari sono 5.sotto ci sono 2 negozi di un altro proprietario ...è obbligatorio...
lmontuschi 04 Luglio 2006 ore 13:12 1
Img anonymous
Vivo in un condominio da 3 appartamenti.Nell'interrato sono situati i tre garage.L'area di manovra NON è proprietà comune ma PRIVATA (divisa in tre, con ovvie...
anonymous 03 Maggio 2007 ore 10:05 4
Img kito
Salve a tutti,qualcuno sa come si ripartisce correttamente la bolletta dei consumiidrici?C'è qualche software o foglio di calcolo in Excel?Grazie.So che è compito...
kito 12 Giugno 2006 ore 07:41 9
REGISTRATI COME UTENTE
305.714 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Cersaie
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Velux
  • Claber
  • Vimec
  • Marazzi
  • Kone
MERCATINO DELL'USATO
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI